mercoledì 24 marzo 2010

Le Setteveli dello Ziopiero



"A Pie', me devi da fa' a setteveli"

"Ahooo, ma me ce vo 'na vida! Scusa, ma poi te non vai tutti i mesi a Palermo?"

"Si, pero' io mo vojo da prova' a tua"

Quando un carissimo amico con cui hai passato tutti i pomeriggi dell'adolescenza ti fa una richiesta del genere, non ti puoi tirare indietro!!!

E' vero che da quel giorno per tenermelo buono gli ho propinato Cannoli, Diplomatici, Frappe, Panettoni, gelati a tutti i gusti (a proposito, tra un po' si riprende eh?) .... pero' è anche vero che la Setteveli non gliel'avevo ancora fatta.

La Setteveli più che un dolce è una maratona; più che una maratona è una sfida, più che una sfida è una tesi di laurea, che racchiude tante di quelle tecniche e capacità che ogni volta che penso di prepararla mi viene l'affanno!

E allora? Allora...sapete come si fa con un problema enorme e difficile? Lo si scompone in tanti problemi piccoli e di facile soluzione!

E infatti così va affrontata la Setteveli: un po' per volta, senza fretta, e vedrete che alla fine arriverete al traguardo senza neanche avere l'affanno e il Rettore vi conferirà la laurea a pieni voti e la vostra Sfida sarà vinta!

Cerchiamo prima di tutto di capire come è fatta:

E' una torta a strati, ed ogni strato richiede una sua preparazione separata.
Poi gli strati vanno messi uno sopra l'altro e la torta messa nel congelatore.
Infine si deve coprire il tutto con una glassa a specchio, di cioccolata.

Ingredienti e dosi ve li dico piano piano, altrimenti leggendo la lunga lista di sicuro molti di voi desisterebbero (come ho fatto io per tanto tempo!)

Vediamo allora come è composta questa Setteveli, partendo dal basso:

Disco di cioccolato
Disco di pan di spagna al cioccolato
Sottile strato crema di base per le bavaresi e panna
Altro disco di pan di spagna al cioccolato
Bavarese alla nocciola
Ultimo disco di pan di spagna al cioccolato
Bavarese al cioccolato
Glassa di cioccolato

Vi sembra più semplice? Tutto sommato si tratta di fare un Pandispagna al cioccolato e dividerlo per 3 (o per due, come ho fatto io questa volta). Dai, per il pandispagna vi ho anche fatto un filmatino...è sufficiente che voi aggiungiate del cacao all'impasto togliendo un po' di farina.

Ci siamo? Fate il Pan di Spagna in un momento qualsiasi della vostra vita e congelatelo. ;-) Fuori UNO!


A Zzzipie', ma cchede' sto disco de cioccolato?


Il disco di cioccolato è una libidine che è meglio che non proviate mai ad assaggiare. E' scientificamente provato che da assuefazione. Per disintossicarsi bisognerebbe mangiare almeno 4 cannoli al giorno per 3 settimane. Io infatti nella setteveli lo metto ma non lo mangio mai (seeeeeeeeeeeee, ahahahahah)

Per altro è semplicissimo da fare!!! Io lo faccio così, per un diametro di 24 cm:

120 gr cioccolato fondete
60 gr fiocchi di mais integrali
50 gr mandorle pralinate
Un po’ di burro


Scaldate i cereali con del burro (poco), quindi tritateli grossolanamente insieme alle mandorle pralinate. Unite il cioccolato fondente fuso e aiutandovi con una spatola appiattite il disco sulla carta da forno (dove precedentemente avrete disegnato la circonferenza); in breve il cioccolato si solidificherà. Sistematelo quindi nel congelatore.
Fuori DUE!!!

Apro una parentesi:
una volta provato questo disco, vedrete che lo userete anche per altre preparazioni ;-)
Chiudo la parentesi


Allora? Contenti? Non abbiate fretta, sappiate che siamo arrivati più o meno a questo punto:



Stanchi? Ma no. In fondo vi siete suddiviso il lavoro, no?

Terza Fase: la base delle bavaresi e la pasta di nocciole

BASE PER LE BAVARESI:
250 gr latte
100 gr zucchero
35 gr amido di mais
2 tuorli
essenza di vaniglia


Preparate la base come preparereste una qualsiasi crema.

La pasta di nocciole la potete ottenere semplicemente tritando in un mixer 75 gr di nocciole tostate e spellate. Il risultato deve risultare un composto molto denso e cremoso, possibilmente privo di bricioline.

Mettete entrambi i preparati in frigorifero, ma non aspettate più di 24 ore per la fase successiva, per cui regolatevi voi con i tempi e gli impegni.

In ogni caso possiamo urlare: FUORI TRE!!!


Fase quattro:
Questa è la fase che vi richiederà più tempo, un'oretta e mezzo circa!

Ammollate 8 gr di colla di pesce, strizzateli per bene e uniteli ad una parte della base di bavarese, precedentemente scaldata. Quindi unite la parte rimanente della base di bavarese. Questo composto vi servirà a fare le tre bavaresi successive:


BAVARESE AL CIOCCOLATO:
125 gr base bavarese
120 gr cioccolato fondente 70%
250 gr panna montata


Fate sciogliere a bagno maria il cioccolato ed aggiungerlo alla bavarese di base.
Quando il composto si sarà freddato, incorporate la panna montata.



BAVARESE ALLA NOCCIOLA:
150 gr base bavarese
75 gr pasta nocciole
250 gr panna montata


Aggiungete alla bavarese di base la pasta di nocciole; se la bavarese è troppo solida, potete frullarla con le lame di un mixer. Incorporate anche qui la panna montata.



BAVARESE SEMPLICE
Il rimanente della base bavarese
130 gr panna montata



In pratica, come nella foto che segue, siete partiti dalle 3 ciotole in alto per arrivare poi alle 3 ciotole in basso, giusto?



Finite le bavaresi, inizia la fase costruttiva vera e propria, quindi, prima di urlare "Fuori QUATTRO!" dobbiamo tirar su il palazzo, glassatura esclusa!

Vi ricordate la sequenza? Ve la riassumo, partendo dal basso:

Disco di cioccolato
Disco di Pandispagna al Cioccolato
Sottile strato crema di base per le bavaresi e panna
Altro disco di pan di spagna al cioccolato
Bavarese alla nocciola
Ultimo disco di pan di spagna al cioccolato
Bavarese al cioccolato

solo che, giusto per far le cose difficili, la torta ora va montata all'incontrario!!! ahahahah

Vediamo un po'....Prima di tutto un consiglio sull'attrezzatura:
personalmente uso dei fogli di acetato e un cerchio di alluminio a dimensione variabile. Sistemo il foglio come nella foto che segue, fissato con due attaches che dopo toglierò. Poi parto con la bavarese al cioccolato (ora andrà in basso, dopo sarà in alto, ricordate?).
Per far le cose per bene adopero la sac a poche:



Poi disco di pan dispagna (questa volta l'ho omesso), quindi
Bavarese alla nocciola
Altro disco di pan di spagna al cioccolato
Sottile strato crema di base per le bavaresi e panna
Disco di Pandispagna al Cioccolato
e per ultimo il disco di cioccolato

Livellate per bene ogni strato cremoso ;-)



Ecco, adesso si puo' dire: "Fuori QUATTRO!"

Mettete tutto nel congelatore. Il grosso del lavoro è fatto.

Il giorno che vorrete gustare la vostra setteveli va stabilito in anticipo.

Infatti i tempi a questo punto diventano importanti. La glassatura vi potrebbe portar via anche un paio d'ore, non tutte di lavoro, eh?
Dopodiché la torta ha bisogno di un riposo in frigo di almeno 6-12 ore, anche se per essere gustata al meglio ho scoperto che 24 ore sono l'ideale. Regolatevi voi.

Adesso passiamo alla parte a mio avviso più delicata di tutto il processo: la glassatura.

La ricetta di glassa che va per la maggiore e che io preferisco è quella comunemente nota con il nome di "Glassa Fagiotto", che qui riporto:

175 gr acqua
150 gr panna
225 gr zucchero
75 gr cacao amaro
8 gr colla di pesce ammollata in acqua fredda


Mescolate per bene polveri e liquidi e portate ad una temperatura intorno ai 103/104°.
Fate raffreddare fino ad una temperatura di 50° . Unite la colla di pesce, precedentemente ammorbidita in acqua fredda e strizzata per bene.

Nel frattempo preparatevi un ciotolone, una griglia e un coppa pasta (o qualcosa di simile).

Non appena la temperatura della glassa arriva a 35°, togliete dal congelatore la torta, posizionatela come nella foto che segue e iniziate a versare la glassa; fate in modo che coli per bene lungo i lati.



Per vedere meglio come versare la glassa a specchio su una torta guardatevi questo filmato.

Finita questa operazione la torta è finita anche se, come abbiamo detto, non è pronta per esser mangiata. La glassa che è colata nella ciotola mettetela in frigorifero. Attenzione, anche questa da assuefazione!!!!

Potete anche farcire il bordo della setteveli con delle foglie di cioccolato o altro; io preferisco non metterci nulla, anche se spesso questo comporta la visione di piccoli inestetismi dovuti ad una colatura non perfetta....ma avevamo detto che era una sfida, no?

Avanti, adesso tocca a VOI!!!

Ah, a proposito, ne è rimasta una fetta, chi la vuole?



Questa volta è stata lunga, comunque grazie per avermi seguito e alla prossima!

Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:

211 commenti:

  1. Altro che sfida...è una impresa titanica!!
    bravo comunque.

    RispondiElimina
  2. bisogna essere in vena prima di cimentarsi...ma il risultato ripaga! Bellissima!
    la glassa mi sembra come la "glassa a specchio" o glacage miroir chocolat (che in francese è tutto più bello!).
    Complimenti!
    Francesca

    RispondiElimina
  3. Bellissima! Sul mio blog ho postato la tua ricetta della Sette veli pochi giorni fa!
    Ovviamente la tua originale è molto + bella e precisa... la mia era un pò tutta storta!! :PPP
    Grazie mille per la ricetta e per la spiegazione (io l'avevo presa da Gennarino) senza il quale avrei fatto sicuramente grandi disastri!!! :PPP

    RispondiElimina
  4. Mannia zio Piero, che pazienza ma anche che soddisfazione! Chissà come è stato contento il tuo amico! Per me sarebbe la morte!!!! Però una forchettatina l'avrei assaggiata volentieri. Buna giornata deny

    RispondiElimina
  5. Ce la posso fare, ce la posso fare.. ce la posso fare.
    L'o ripetuto ad ogni passaggio.
    Tutta insieme è praticamente un mostro di torta!!

    Ma se vado nella pasticceria siciliana sotto casa, che dici??? pensa fa anche il gelato setteveli!

    A proposito di gelato, allora inizieranno ad arrivare i video e le ricettine???

    RispondiElimina
  6. è stata lunga ma ne è valsa la pena....questa torta è pazzesca....prima o poi la provo, giuro!! complimenti, sei stato esaustivo e soprattutto bravissimo!! posso un pezzo???

    RispondiElimina
  7. madòòò ho l'acquolina in bocca!

    RispondiElimina
  8. E' una maratona farla e ci vuole poi una maratona vera e propria per smaltirla! Bravo Zi'Pie'!
    Nannibis

    RispondiElimina
  9. quella fetta è MIAAAAAAAAA!
    Pieo, sei stato favoloso, come deve essere questa torta!
    ho due domande:
    1-i fiocchi di mais integrali si trovano facilmente a giro? eventualmente con cosa li potrei sostituire
    2- la base della bavarese, si prende gia' fatta o è una preparazione che mi sono persa?

    baci cioccolatosi e grazie!!

    RispondiElimina
  10. complimenti davvero perchè la torta è spettacolare!! immagino anche che sia deliziosa!!
    le spiegazioni cme sempre sono accuratissime..e il tuo impegno porta sempre al successo!
    Elena

    RispondiElimina
  11. E' da un po' che ti tengo d'occhio :-) e devo dire che sei simpaticissimo e molto bravo.
    Questa ricetta mi fa impazzire e onestamente mi sembra la meglio riuscita tra quelle che girano nei vari blog.

    COMPLIMENTI!

    Tra un mesetto mia mamma compie 60 anni ... e forse 60 anni valgono una sette veli! Posso disturbarti in caso di necessità?

    Buonagiornata,
    Cristina

    RispondiElimina
  12. Bravissimo! Io non ce la posso fare, ho ancora tanta strada prima della laurea... Ho sudato sette camicie solo leggendo il procedimento! Ad assaggiarla però sì, ce la farei di sicuro!

    RispondiElimina
  13. 'mmazza che mission impossible! Cmq quella fetta la gradirei io!!!! T'è venuta bella come quella che ho mangiato a Palemmo!! Bravo zì!

    RispondiElimina
  14. La setteveli è diventata il mio dolce preferito in assoluta dalla nostra gita a Palermo, uno spettacolo!
    Quando vieni a facefood, preparane un paio, così poi la vasta giuria che sarà qui presente ti dice come ti è venuta...

    Giuseppe

    RispondiElimina
  15. Mamma mia è perfetta!! ma come fai? a me i semifreddi vengono sempre storti :)
    Non è che ne è rimasta una fetta? sai dopo la corsa mattutina ho sempre una certa fame. La sveglia alle 6 fa venire appetito :)

    PS: il disco di ciocco mi ha conquistato. Credo che ne diventerò dipendente!

    RispondiElimina
  16. Gulp!!!!LA voglio taaanto fare!! Che dici, me la regalo per il compleanno?????
    Una domanda tecnica: perchè il disco di cioccolato lo metti sul fondo? Io ho sempre visto prima il pan di spagna e poi il disco! Non si rompe il disco in questione, quando sposti la torta?

    Caris

    RispondiElimina
  17. Che Sfida, ma che soddisfazione dopo!! Io mi offro volontaria per mangiare l'ultima fetta...

    RispondiElimina
  18. Piero ti dico solo 6 parole:

    MI HAI CONVINTO.. IO LA FACCIO!

    La conosco bene la setteveli..
    Ne apprezzo la bontà.. e so quanto lavoro c'è dietro..
    Ma se mi hai insegnato una cosa in questi tuoi post è che il bello inizia quando il compito è difficile... e io ci sto... sarà una bella prova visto che il mio livello di PASTICCIONERIA (perchè pasticceria non si può chiamarla) è bassino rispetto a quello di cucina vera e propria..
    Ma ce la farò... Mal che vada ti tartasserò di domande...
    Grande Piero...
    Buona cucina..
    Matteo

    RispondiElimina
  19. Mamma mia quanti bei commenti!!!!
    :)))

    Provo a rispondervi, un po' di corsa, ringraziandovi cmq tutti.

    @Tery: appena posso passo a vederla;-)

    @Alem: ce la puoi fare, ce la puoi fare, ce la puoi fare. Ti prego non comprarla ;-)

    @Gaia:
    1.va bene pure se non sono integrali
    2.leggi meglio la fase tre ;-)

    @Cristina: chiedimi tranquillamente, sarà un piacere risponderti :)

    @Angela: no, Angela, quella di Palermo era più bella, pero' la mia era più bbbona ;-)
    ahahahahah (tooogggiuro!!!)

    @Giuseppe: non è facile trasportarla, arriverebbe spatasciata!!! Ve tocca proprio farla!!! ahahahahah
    (ma hai visto quanto è alta? E' un gusto addentarla tutta insieme e sentire tutti i sappori ben distinti!!!!)

    @Caris: ...e tu con tutta quella glassa hai parua che ti si rompa il disco rigido di cioccolata? Penas piuttosto a come fare per non lasciarci le ditate!!!
    Cmq il disco sul fondo è meglio, fidati ;-)

    ....continua...

    RispondiElimina
  20. Piero..abbi pazienza non ho capito!!Che c'entra il disco con la glassa? Se metti il disco sotto mica quello viene a contatto con la glassa! Io mi chiedevo perchè non fai pds-disco-etc....Ma per curiosità. Io avrei messo il pds sotto d'istinto!
    Caris

    RispondiElimina
  21. @Cuoco: tu domanda e io rispondo!

    @Caris: scusa ma mi sono espresso male. Se la tua paura è che ti si rompa il disco (che invece è bello solido) quando sposti la torta, mi chiedevo come mai non ti preoccupavi della glassa (per me il vero rischio di quando si sposta la torta).

    Il disco è la cosa più rigida della struttura, per cui l'ho messo come base. Inoltre quando tagli le fette e non lo trovi come ultimo strato rischi di spiaccicare quello che c'è sotto.

    Come potete vedere dalla foto i miei strati sono belli spessi, disco compreso. Volendo si puo' fare tutto più sottile...ma ne vale la pena? ....NNNNNOOOOOO!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  22. Il bravo va tutto a te!
    Per la pazienza, per la bravura, per la scelta di condividere trucchetti e dritte, e per aver scritto questo post che mi sono 'bevuto' come quelle cioccolate calde in pieno inverno...prima a piccoli sorsi e poi con maggiore foga per gustarmi fino in fondo il gusto del cioccolato. Ecco. Non so se mai mi cimenterò in una impresa similare...ma se decidessi in merito sappi che userò il tuo post come canovaccio UNICO ;)
    Buonissima giornata e veramente complimenti!

    RispondiElimina
  23. Mamma mia che lavoraccio!!!!.....ma sicuramente ne vale la pena, dev'essere sublime!!!!!
    Magari prima assaggio quella bella fetta nel piatto ;)

    RispondiElimina
  24. wow...wow...wow...è stupendaaaaaaaaaaa...kissà se un giorno ci riuscirò...visto che mi riprometto sempre di fare una ricetta e poi si accavallano tante ch eal momento che devo decidere non so mai cosa fare ^___^complimentiiiiiiii

    RispondiElimina
  25. metti in macchina anche questa...grazie...
    Reggì

    RispondiElimina
  26. A zi' pie', ma sei veramente un grandissimo...too ggiuro, me volevo getta' dentro ar video...ci ho dato pure un par de capocciate ma nun c'entro, me la magnarei pure co 'a farina.....ma quanto sei bbravo...!!
    e ppoi vo sape' 'na cosa, a parte il pan di spagna che pero viene bene anche con le farine gluten free, questa opera titanica della pasticceria e' tutta glutenfri...Er probblema so' le manine sante..

    RispondiElimina
  27. Questa è la volta che la faccio, non posso tirarmi indietro dopo una spiegazione come questa, sono anni che la vedo nei blog ma raccontata da te sembra un altra ricetta!!!!!!!!!!!! Complimenti :)))
    Rosy

    RispondiElimina
  28. La voglio io l'ultima fetta perchè non so se avrò mai il coraggio di farla! Bravissimo!!!!!

    RispondiElimina
  29. Fuori uno..
    Pan di spagna al cioccolato fatto... :-)
    Ti avevo detto che mi sarei messo all'opera :-)
    Comunque se passi da ma Piero nel frattempo c'è una millefoglie di colomba che ti aspetta ;-)

    Matteo

    RispondiElimina
  30. oddio premetto che amo fare i dolci ma non tanto mangiarli, questa torta non l'ho mai assaggiata ma mi fa una golaaaaaaa....sabato è il compleanno della mia bambina troppo poco tempo per organizzarsi ma visto che lo festeggeremo sabato 3 aprile sai che ti dico???quasi quasi ce provo!!comunque bravissimo!!!!!!!:-))))

    RispondiElimina
  31. aaahhhhhhhhh, la setteveli!!!!!!!!!! ne ho mangiate diverse, una anche proveniente da palermo, ma quella che mi è piaciuta più in assoluto è stata fatta in una pasticceria qui di catania..... goduria!!!!!!
    mi sono sempre detta che non ci avrei mai provato nella vita a farla ma quasi quasi mi hai fatto venire voglia.....

    p.s.: è da poco che ho scoperto il tuo blog, mi piace un sacco e questo è il primo commento che lascio quindi.... piacere di conoscerti!!!!!! :)

    RispondiElimina
  32. Come sempre grazie a tutti voi che avete la pazienza di leggere i miei "poemi".

    @Matteo: GRANDEEEEEEE!!! Manco ho pubblicato e già ti sei messo al lavoro. Nun te lo vojo dì, ma il fuori due di solito io lo faccio mentre cuoce il Pan di Spanga... ;-)

    @Glu: mannaggia a te e quanto stai lontano!!!
    ahahahah

    @Désirée: benvenuta. Spero di non farti salire troppo il colesterolo! :))

    @Reggy: e no, mia cara. Questa te la devi venire a mangiare da me ;-)

    Baci a tutti ;-)

    RispondiElimina
  33. un gâteau magnifique digne d'un chef bravo
    bonne journée

    RispondiElimina
  34. La mia dolce metà sbava perchè gliela faccia... so che è una impresa che potrei fare anche a occhi chiusi... è il tempo (mannaggia) che mi manca... e soprattutto il mio amore è a dieta sanitaria forzata!
    Sarà per inaugurare la ripresa della alimentazione più varia ehehehehe.

    RispondiElimina
  35. nonostante ami i dolci nonostante ami questa torat nn mi sono mai cimentata la vedo davvero dura e tu l'hai realizzata magnificamente!!!wow un capolavoro...baci imma

    p.s. è partito il mio nuovo contest di primavera :cheesecake dal dolce al salato ed avrei piacere che partecipassi, passa sul mio blog per tutte le informazioni,mi raccomando nn mancare!!!!

    RispondiElimina
  36. Aggiudicata, facciamo questa!
    Cat

    RispondiElimina
  37. meravigliosa, magistrale! Chapeau

    Lory

    RispondiElimina
  38. mi lasci sempre a bocca aperta! baci

    RispondiElimina
  39. Complimenti zioPiero, è bellissima e golosissima.......ma stavolta non ti seguo...l'ultima volta che l'ho fatta avevo cioccolato anche nei capelli:)))

    RispondiElimina
  40. @Fimère: merci beaucoup!

    @Cat: e certo, quale altra se no? Mi raccomando, voglio vedere le foto!!!!

    @Fatina: :))

    @Dony: e no! Ora tu la rifai e non ti devi sporcare!!! Segui le istruzioni e non sporcherai nulla ;-)

    (o forse a me nei capelli non è andata perché non li ho? ahahahaah)

    RispondiElimina
  41. Ahahah Piero.. il fuori due lo volevo fare pure io mentre cuoceva il pan di spagna ma non avevo il materiale.. ora ho recuperato tutto e dopo cena mi metto all'opera... ;-)

    RispondiElimina
  42. Piero a che misura hai portato il cerchio?io vorrei fare gli strati più sottili però non mi va di cambiare le dosi della ricetta,quindi la farei un pò più larga.che ne pensi?un bacio dalla tua amica pasticciona.
    antonia

    RispondiElimina
  43. Ma che meraviglia, bravissimo!!! E' una delizia!

    RispondiElimina
  44. E due Piero... disco fatto...
    E mi sono pure pralinato le mandorle...
    Ora procedo a farmi la pasta di nocciole e poi la base per le bavaresi :-)

    RispondiElimina
  45. @Antonia pasticciona: il cerchio è da 22cm, ma penso che debba essere alta ;-)

    @GRANDE MATTEO!!!!! Ma vacci piano, anche il percorso fa parte dell'opera e va gustato, piano piano ;-)

    RispondiElimina
  46. Sto salivando come uno perso nel deserto che finalmente avvista un'oasi...
    Ma quante calorie ha una fetta di questo capolavoro?
    P.S. Zio Piero, sai che mi è già partito mezzo barattolino di Ziopierella? Tengo a precisare che il merito dell'impresa è solo ed esclusivamente mio.

    RispondiElimina
  47. Sei unico, non solo per questa torta strepitosa (ci stai sfidando? ;-)) ma anche per come la presenti. Non avendola mai assaggiata (ahimé) e stando parecchio lontana da Palermo ;-) non mi resta che buttarmi.
    Grazie per il post didattico e goloso!

    RispondiElimina
  48. Pierooooooooo... macchè piano piano...
    Io ce l'ho già in congelatore... e domani mattina la glasso...
    Ok ok.. dovevo gustare i vari passaggi... ma come facevo Piero? Cerca di capirmi... io la conosco la setteveli.. l'ho mangiata quella originale.. come potevo prolungare l'attesa dei vari passaggi allontanando così l'imminente piacere???
    Tu puoi capirmi... :-)

    RispondiElimina
  49. Una maratona in cucina! Bravo, anche per la dovizia di spiegazioni, tutte accurate. E divertenti: il che non guasta affatto...
    A presto!

    Sabrine

    RispondiElimina
  50. @Matteo: allora sai che ti dico: HAI FATTO PROPRIO BENE!!!!!

    Ora siamo tutti qui, in trepidante attesa!!!
    Sei 'na forza!!!!

    @perla perle (!) calorie non ti saprei dire...10, 15 ahahahahahah (mila, eh?)

    @edda: senza nulla togliere alle pasticcerie, ma quella fatta in casa ha sempre qualcosa in più ;-)

    @sabrine: :))

    RispondiElimina
  51. stupenda...sono senza parole....complimenti.Paoli'

    RispondiElimina
  52. Grazie, Paoli'. Sapevo che avresti apprezzato ;-)

    RispondiElimina
  53. Ciao Piero..
    C'è... c'è... è li che mi aspetta in frigorifero.. tutta glassata... alta almeno 6 o 7 cm... tutta tempestata di veli...
    Sarai il primo a cui arriverà la foto di una sua fetta... sempre se riesco a farla arrivare incolume sulla soffete... ;-)
    Matteo

    RispondiElimina
  54. ehmm... Ziooooo!!!!!!!!!!!!!!! ma questa setteveli è un'opera! un capolavoro!! Non so se mi cimenterò mai in questa impresa titanica, però .. però stimo la tua bravura, davvero, sei grandioso. Mi piacciono i tuoi cnsigli, le tue proproste sempre impeccabili, la scelta di una glassa ad esempio anziché un'altra, mica una glassa qualunque dici tu, e nemmeno una che ti sembra sia migliore rispetto a tante altre... il punto è che tu ne avrai sicuramente provate un'infinità! ed è per questo che hai tratto la tua conclusione sulla preferenza :) insomma, apprezzo tutto davvero. Sei grande.


    p.s. è vero!!! tra poco torna Il tempo delle mel... ops, no, volevo dire.. il tempo dei gelati!! evvai :D

    p.s2: avevo visto negli aggiornamenti il post sull'iso ecc.. dov'è finito?? è blogger che impazzisce o tu che l'hai tolto ? :D

    RispondiElimina
  55. ah, cosa non meno importante dei complimenti sulla torta: che foto stupende. ma non credo che qua tu abbia usato la soffete :D a meno che tu non abbia trasformato la tua casa in una macro-soffete:DD

    bellissime tutte, la torta finale poi non ne parliamo.. un ottimo bianco, un po' troppo chiaro/illuminato, però va beh, so' gusti! Bella, tanto bella :)

    RispondiElimina
  56. @Matteo: aho, e che aspetti? Scatta e manda (anche in privato) hihiihihih

    @FiOre: grazie per tutte le belle parole.
    Ho costruito una mega sòffete con cui ho impacchettato tutta la cucina! ahahahaha

    /Sai-sapete cosa mi è successo? Stavo scrivendo l'articolo Food...dografando quando, a seguito di una strana combinazione dei tasti, me lo sono trovato pubblicato!!!ahahahaah
    L'ho dovuto togliere di corsa, anche se forse qualche traccia è rimasta.

    Mi spiace per l'inconveniente.

    RispondiElimina
  57. immaginavo c'avessi ilt rucco :D
    mica hai finito la carta da forno per caso?
    :D

    RispondiElimina
  58. Senti...io quasi quasi faccio solo il disco di cioccolato e me lo magno tout court! :))))
    Questa torta non la conoscevo, ma è una cosa paradisiaca.
    Complimenti sei veramente bravissimo!

    RispondiElimina
  59. @Eli: grazie e salutami Puffly e Flaffy :))

    @Lizzy: t'aspetto sempre a Roma, eh?

    RispondiElimina
  60. Fantastica questa Sette Veli. E fantastica anche la spiegazione! Grazie mille!

    RispondiElimina
  61. Casoita! La glassa ti è venuta perfetta...

    RispondiElimina
  62. Mannaggia sono stat fuori casa e mi sono persa un sacco di bellezze che hai fatto...Auguri un pò in ritardo comunque...e questa setteveli è buonissimaaa garantito, visto che l'ho fatta con le tue indicazioni. Però l'idea di mettere la bavarese con la sacca è spettacolaree te la rubo subito!!!

    RispondiElimina
  63. @Farfalina: be', i post mica scappano! Grazie per gli auguri e....vai a recuperare il tempo perduto! Marsh! ahahaahhaahah :))))

    @Mae': Casoita? Chi era costei? La sorella, forse, di "Cassiopea"? (o era semplicemente un "caspita" uscito male?) :))))

    RispondiElimina
  64. Mitica la sette veli! avrei delle domande:
    1)posso usare la carta forno anzichè il foglio di acetato (non saprei dove trovarlo)
    2) per queste dosi va bene uno stampo da 24 cm?
    3) la glassa posso farla senza termometro? lo devo comprare e al momento ne sono sprovvista, non posso aspettare di trovarlo per fare questa meraviglia!
    Grazie per le risposte in anticipo!

    RispondiElimina
  65. Mammamia quante domande! :)

    1) l'acetato lo trovi nelle cartolerie fornite; lavalo bene prima di usarlo. Con la carta da forno potrebbero uscir fuori delle imperfezioni, tipo pieghette.
    2) Meglio uno stampo da 22, altrimenti per 24cm riproporziona il tutto moltiplicando per 1,2
    3) certo che la glassa puoi farla senza termometro..ma per capire se stai intorno a 35° non è facilissimo. Prova ad immergere un dito (temperatura stimata 36°); se è ancora troppo calda o un po' più calda dovresti accorgertene. ;-)

    Facci poi sapere come è andata ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso dovresti aumentare tutte le dosi del 60% ;)

      Elimina
  66. Certo che ti farò sapere com'è andata!!!
    Sai una cosa? ho sempre ammirato questa torta, ho letto varie ricette in rete ma la tua è quella che mi sembra più valida! è solo dopo avere letto la tua che ho deciso di cimentarmi!

    A proposito, per stabilire se la temperatura della glassa è 35/36° posso usare il termometro per misurare la febbre no? ^___^ (ben lavato giustamente!)

    Grazie per tute le risposte, sei molto gentile!

    RispondiElimina
  67. @Angela: Be', questo è un'onore!

    Ottima l'idea del termometro della febbre! Effettivamente ha un range di misura corrispondente a quanto interessa a noi; attenta pero' a non metterlo quando è troppo calda la glassa... ;-)

    RispondiElimina
  68. A Pasqua ho fatto la tua "sette veli", è riuscita molto bene, ad eccezione della glassa che è venuta poco densa, "scivolava" troppo.
    Cosa posso aver sbagliato?
    Comunque grazie mille per la ricetta e per le tue spiegazioni molto precise.
    Grazie ancora.
    Piera

    RispondiElimina
  69. @Piera: forse si è freddata troppo? Se ti sei attenuta alle dosi non saprei a cosa altro attribuirlo se non alla temperatura. E' una glassa supercollaudata ormai da tutta la rete... Riprova, magari solo glassa e in quantità ridotte
    ;-)

    RispondiElimina
  70. Grazie mille, riproverò.
    Comunque è venuta buonissima!!!!!
    Grazie ancora.
    Piera

    RispondiElimina
  71. @Piera: se è venuta buona il merito è tuo! Adesso ti manca solo di migliorare la glassa.
    Facci sapere ;-)

    RispondiElimina
  72. E' cominciato il tour de force!
    Ieri sera ho fatto il pandispagna al cacao (anch'io lo faccio senza lievito;-)!
    Oggi farò le mandorle pralinate e quindi il disco al cioccolato.
    Vorrei dirvi come farò quast'ultimo, magari a qualcuno tornerà utile il procedimento: incastrerò un foglio di carta da forno nello stampo a cerchio apribile, lo riempirò col composto preparato, quindi dopo il raffreddamento lo avvolgerò nella pellicola e via nel congelatore.
    Così facendo sarà perfettamente tondo senza bisogno di campasso!
    Dimenticavo: giustamente lo farò nella stessa teglia che utilizzerò per montare la torta!

    Piero una cosa: il pandispagna è già congelato, gli strati devono essere sottli vero? ma tu hai qualche trucco per tagliarli perfettamente?

    RispondiElimina
  73. @angela: son contento tu stia provando la setteveli: vedrai che soddisfazione :))

    Per il disco al cioccolato: se vuoi usare il tuo sistema, è inutile che la carta da forno la incastri nello stampo, ma è sufficiente stia semplicemente sotto, per due motivi: primo rischieresti grinze e pieghe che ti farebbero "alzare" un po' il disco; secondo: lasciando la carta da forno sotto lo stampo ottieni cmq lo stesso il risultato voluto, ma senza grinze. Tieni pero' presente che con il tuo sistema quello che ti risulterà meno facile sarà stendere per bene il disco avendo i bordi dello stampo che ti impediscono il tipico movimento che va eseguito, possibilmente, con la spatola e a livello del disco ;-)

    Gli strati del pandispagna devono essere sottili.
    Per tagliarlo ci sono svariati trucchi. Da congelato si taglia piuttosto facilmente con un coltello del pane, ma se vuoi lavorar di fino puoi usare un filo avvolto intorno al bordo e iniziare a tirare i due estremi facendoli incrociare tra loro. Questa operazione con il pds congelato non viene pero' bene. Spero di essermi spiegato in maniera chiaro.
    Alternativa: cuocerlo direttamente sottile, ma se non hai modo di usare più ripiani contemporaneamente nel forno, allora è inutile sprecare il doppio o il triplo del tempo.

    Ciao

    RispondiElimina
  74. E' vero! incastrando il foglio si rischiano le grinze! lo metterò sotto come dici tu........
    Per quanto riguarda il livellamento del disco, che ne dici se uso un batticarne anzichè le classiche spatole o palette varie? ;-)

    RispondiElimina
  75. Dimenticavo con un coltello per il pane si taglia bene? perchè io stamattina l'ho toccato e mi è sembrato ancora piuttosto morbido.......

    RispondiElimina
  76. @Angela: ok per il batticarne, purché usato a mo' di spatola, cioè con movimenti dolci e circolari, non "a mo' di batticarne"!
    Il PdS surgelato si taglia bene con un coltello del pane. Se fosse morbido potrebbe invece sbriciolarsi, in questo caso o "metodo filo" o un coltello lungo a lama ben affilata e non a seghetta.

    RispondiElimina
  77. Finalmente ho tirato su il palazzo, ora non devo fare altro che decidere il momento giusto per glassare e aspettare per gustare!!! grazie Piero!
    Ti farò sapere la bontà!

    Vorrei dare un suggerimento: io non ho usato la sac à poche per fare gli strati, mi seccava lavarla ogni volta che cambivo bavarese! quindi ho riempito dei saccheti per congelare, ho tagliato la punta e il gioco è fatto!

    RispondiElimina
  78. Bene, Angela. Adesso il più è fatto. Sei soddisfatta?

    Quanto alla sac a poche, correttissimo l'uso dei sacchetti per congelare; il lavaggio della sacca lo detesto anche io. Infatti utilizzo i sacchetti da sac a poche usa e getta; con 9€ compri un pacco da 100 pezzi giganti e risolvi al meglio ;-)

    RispondiElimina
  79. Se sono soddisfatta???? ma che domanda è? hhahahaha
    Ora spero solo di fare un buon lavoro con la glassa!! incrocia le dita per me!

    RispondiElimina
  80. ...ok, ma avvertimi qualche minuto prima di glassare.. non posso stare con le dite incrociate già da adesso!!! :)))))

    RispondiElimina
  81. Ah senti, una curiosità: io la torta non l'ho montata al contrario, mi dici perchè tu l'hai fatto? dalla foto mi sembra di vedere che il disco di cioccolato sta sotto, allora perchè qusto montaggio al rovescio?

    RispondiElimina
  82. Montando la torta al rovescio, il primo strato che sta sotto è una bavarese, giusto? Ora congelandosi e con il peso sopra del resto della torta la sua superficie rimane bella liscia...e quindi quando rovesci e versi la glassa non rischi bozzi o altri inestetismi. Diversamente, lasciando la bavarese in alto nel montaggio, se non livelli a perfezione questa ti si congela con piccolissime imperfezioni che durante la glassatura potrebbero darti fastidio.

    RispondiElimina
  83. ahi ahi! hai ragione.... e ora come risolvo?

    RispondiElimina
  84. ....prova a fare un po' di bavarese uguale a quella dell'ultimo strato, togli la torta, metti la bavarese sotto, gira la torta, rimetti tutto in freezer e spera ;-)

    RispondiElimina
  85. Lo farò grazie!!!

    RispondiElimina
  86. aspetta, aspetta!!!! E SE FACESSI UN ALTRO DISCO DI CIOCCOLATO?
    Giustamente lo monterei sopra la torta al contrario, in modo che la parte liscia venga sopra, secondo te s'incolerebbe sulla bavarese?

    RispondiElimina
  87. Stamattina mi sono alzata con un pensiero: sistemare la setteveli!
    Ho montato la panna, fuso del cioccolato che ho fatto raffreddare, ho unito i due coposti e ho preso la torta.
    L'ho livellata per bene con il composto, vi ho posto sopra un foglio di carta da forno e l'ho girata al rovescio.
    Direi che è tutto a posto, solo che forse ho perso tempo e il disco di cioccolato si è rotto Che sfiga!!!! (mica tanto, ho avuto la scusa per assaggiarlo!!hihihihi), l'ho riparato con del ciccolato fuso e anche lì carta da forno.
    Ho chiuso tutto con dei fogli di alluminio e speriamo bene!!!!!

    RispondiElimina
  88. Bene!
    La prossima volta sotto mettici un foglio di acetato, invece della carta da forno ;-)

    Piuttosto dimmi: com'era il sopra prima di fare tutta l'operazione? Intendo dire: era giusto intervenire, si?

    Ciao

    RispondiElimina
  89. il sopra? l'acetato si era leggermente arricciato e quindi le sponde laterali della torta erano diventate "ondose", non so se mi spiego........
    Io le ho allargate e ho riempito anche i lateriali....
    Per qunto riguarda l'acetato sopra.........mannaggia non ci avevo pensato! ti farò sapere com'è ventuta con la carta forno.
    Ancora una volta grazie di tutto, dopo tanta fatica voglio la laurea però!;-)

    RispondiElimina
  90. ciao, seguo sempre il tuo blog ricco di ricette ma soprattutto di amore e passione per quello che crei!
    ti faccio i miei complimenti!! è da qualche tempo che vogio farla.. e oggi mi sono messa all'opera..già fatto il pan di spagna e il disco di cioccolato..domani faccio il resto..speriamo bene!! poi ti aggiornerò! ciao Elena

    RispondiElimina
  91. @Elena: Grazie per i complimenti e in bocca al lupo per l'avventura! Fammi sapere, poi la verrò a vedere. Intanto ho visto che la pasta di nocciole è bella che pronta! ;-)

    RispondiElimina
  92. ieri sera ho portato la torta ad una cena..che dire è MERAVIGLIOSA!! UNA GODURIA UNICA!! che bontà davvero.. grazie x la ricetta!
    l'unica cosa è che l'ultimo strato cioè il disco di cioccolato mi è vento un pò duro..quasi difficile da tagliare..anche se in bocca si scioglieva!!
    al più presto metto le foto e poi ti avviso così mi dai un parere! Elena

    RispondiElimina
  93. @Elena: Bene. Son contento :)
    Il disco di cioccolato è duro e anche un po' difficile da tagliare, per questo lo metto in fondo e non in mezzo. Volendo si puo' fare più tenenro...ma a che pro? :)))

    RispondiElimina
  94. hihihi pensavo di aver sbagliato qualcosa io..no no non lo cambierei x niente perchè è buonissimo così!

    RispondiElimina
  95. eccomi.. l'ho postata!mi farebbe piacere un tuo parere! grazie
    http://ledolcidelizie.blogspot.com/2010/05/setteveli-di-bonta_18.html

    RispondiElimina
  96. Vista e commentata!

    Te lo dico pure qua: Bravissima!!! :)))

    RispondiElimina
  97. che spettacolo, peccato non averla trovata prima la ricetta, avrei preso spunto anche da questa per quella che ho fatto! ciao!

    RispondiElimina
  98. @FairySkull: Grazie. Puoi sempre rifarla ;-)

    RispondiElimina
  99. ciao Piero, questa torta è sempre stata il mio pallino, ma non mi sono mai sentita all'altezza della situazione. Frequento il tuo blog e dal momento che l'ho gustata passo passo ho finalmente deciso di cimentarmi. So già che neanche lontanamente verra come la tua, ma questa sfida voglio iniziarla. Col regalo che ci hai fatto a condividere mi sento, come dire, protetta. E' un dolce difficile, da esperti, ma io sto avendo l'ardire a provare
    (in un orecchio ti dico che non partecipo piu al forum dove ti ho conosciuto per incomprensione con la admin. Ma qui verrò sempre per imparare)

    RispondiElimina
  100. AH, DIMENTICAVO, il pan di spagna non lo bagni?

    RispondiElimina
  101. @Mariafatima: Ciao e bentrovata.
    La Setteveli è secondo me una sorta di tesi di laurea.
    Suddividiti il lavoro in 3-4 giorni, alla fine ti sembrerà meno impegnativo.
    Il pan di spagna non lo bagno...ma nulla vieta ;-)
    Aspetto resoconto dettagliato :))

    RispondiElimina
  102. ciao Zio, dopo diversi mesi ci siamo decisi ad eseguire la tua ricetta.
    PDS fatto, disco al cioccolato fatto e congelato immediatamente per non essere tentati di assaggiarlo, pasta di nocciola fatto.
    Poi un piccolo dubbio, nella base per la bavarese usi l'amido di mais, perchè?
    quando avremo eseguito la glassatura ti faremo sapere.
    ciao a presto
    Adry&Roby

    RispondiElimina
  103. @Adry&Roby: Bene. Sono felice. Vedrete che bella avventura. Poi mi direte e documenterete.
    Amido si mais? Maggiore cremosità ;-)

    RispondiElimina
  104. ciao Zio, avevi ragione Tu è stata proprio una bella avventura. Ci è piaciuto ed è piaciuto, è stato emozionante vedere il risultato finale soprattutto al taglio della prima fetta.
    Una domanda, ieri sera dopo avere eseguito la glassatura abbiamo sistemato la torta in frigo.
    A pranzo la torta era perfetta; riposta nuovamente in frigo nel tardo pomeriggio abbiamo notato che le bavaresi di cioccolato e nocciola non presentavano la stessa consistenza iniziale.
    Vista la tua esperienza è normale oppure no?
    P.S.
    abbiamo fatto e assaggiato "la ZioPierella", non amo la nutella ma era fantastica
    ciao
    Adry&Roby

    RispondiElimina
  105. @Adry&Roby: Ciao! Son contento vi sia venuta bene e che siate rimasti soddisfatti.
    Quanto alle bavaresi: non ho mai notato differenze di consistenza, ma non ho mai tenuto la torta troppo tempo fuori dal frigo. Inevitabilmente queste differenze di temperature prolungate per tempi non brevivissimi creano delle mini condense che potrebbero alterare la consistenza delle creme. Potrebbe esser accaduto questo.

    Fatta anche la Ziopierella? GRANDI!!!!

    RispondiElimina
  106. Ciao, come ti avevo già scritto, quando ho fatto la tua sette veli a Pasqua, non mi era venuta bene la glassa. Ho provato a rifarla ed è venuta benissimo (come avevi detto tu probabilmente non avevo curato bene la temperatura)Comunque sia questa volta è venuta benissimo ed è tutto merito tuo. Grazie, grazie, grazie.
    Piera

    RispondiElimina
  107. @Piera: Be', tutto tutto mio? Dai, il merito è tuo, soprattutto perché hai riprovato. Queste preparazioni necessitano di diversi tentativi prima di diventare "familiari". Anche io con la glassa ci ho combattutto non poco. Poi quando capisci quelle due o tre cosette, la fai ad occhi chiusi ;-)

    Son contento del tuo entusiasmo. Vuol dire che ti è venuta benissimo!!!
    :))

    RispondiElimina
  108. zioooo! sto facendo la sette veli!!! ho gia' preso un paio di chili ad assaggiare le varie creme...
    ovviamente sto apportando piccole varianti e sto cercando di mettere tutti e tre i dischi di pds...ma...mi sta venendo altissima!!!
    ti faro' sapere! si preannuncia un successo comunque!!!

    RispondiElimina
  109. @Shade: GRANDE!!!! Bravissima!!!!
    Deve essere altissima!!!! Hai visto pure la mia su in foto quanto è alta?
    Dopo tutto quel lavoro mica pretendi di mangiarti una sottiletta?!?!?!?

    Aspetto tuoi resoconti ;-)

    RispondiElimina
  110. Zio Pie'
    sto carezzando da un po' l'idea di fare questo dolce e sto raccogliendo info... gira che ti rigira ho trovato questo blog
    http://pannacioccolatoefantasia.blogspot.com/2010/10/torta-sette-veli.html
    con le parole identicissime a quelle che hai usato tu, ma senza accenno al tuo mitico blog!
    Lungi da me fare la rufiana, ma l'etica del foodblogger (tu mi insegni) impone di citare la fonte di ispirazione, che sia un libro o un altro blog! Valuta tu se dare una tiratina di orecchi (un'altra! dopo la mia!!! ahahaha)
    Sciau!

    RispondiElimina
  111. @Cle: ...e lo so, prima di farla la prima volta occorre almeno un anno sabbatico di riflessioni. :)))
    Se hai bisogno di chiarimenti chiedi pure ;-)

    RispondiElimina
  112. Zio Piero,
    per il mio 25° anniversario mi sono cimentata nella tua sette veli, era buonissima, la glassa ottima, anche se io non sono stata così brava da farla venire liscissima, mi devo esercitare.
    Unico appunto il disco di cioccolato troppo duro e difficile da tagliare, come fare per renderlo più morbido?
    Grazie, Carmelina
    Auguri di buon anno

    RispondiElimina
  113. @Carmelina: Ma che brava! Ogni volta che qualcuno mi dice che ha fatto la setteveli rimango in ammirazione.
    La glassa è sicuramente la parte più difficile, ma vedrai che ti verrà semore meglio.
    Il disco troppo duro? Prova a stenderlo più sottile. ;-)
    Buon Anno anche a te.
    :))

    RispondiElimina
  114. Eccoci qui!
    7 veli in arrivo per domani
    wish me good luck!
    :O

    RispondiElimina
  115. @Cle: Ma brava!!!!! Aspetto con tanta curiosità!!!! Aggiornami appena la fai, mi raccomando!

    p.s. dopo tutto è passato meno di un anno!!!!

    :)))))

    RispondiElimina
  116. Ziooooooooooooooooooooo!!!!
    l'hai già vista nelle mail
    cmq ti lascio il link al post
    ho preso in prestito oltre che la ricetta anche una foto (quella della glassatura)
    naturalmente citando la fonte (oltretutto visibile in sovraimpressione!!!)
    Grazie del filo diretto e dell'incoraggiamento!
    è buonissima
    oggi quando l'ho assaggiata a fine giornata di lavoro con lo stomaco vuoto lo era mooooolto di più, ieri quasi non ne sentivo ils apore, sazia com'ero!!!
    Evviva!!!
    http://crocedelizia.wordpress.com/2011/03/14/la-sette-veli-di-cle/

    RispondiElimina
  117. @Cle: Che soddisfazione, eh?
    Ma lo sai che lo è anche per me?
    Sapere che molte di voi, a seguito di questo mio post, sono riuscite nell'impresa mi ha sempre fatto molto piacere.

    :))))

    p.s. gli assaggi delle torte fatti a fine pasto non rendono loro il giusto merito ;-)

    RispondiElimina
  118. Spettacolare!!!!! I dolci sono buoni accompagnati solo da un caffè amaro alla fine della degustazione. Detesto il dolce a fine pasto, non riesco a gustarlo come meriterebbe.
    :-)

    RispondiElimina
  119. spiegazione chiara e per niente noiosa, amo le sfide, ci proverò sicuramente. grazie :))

    RispondiElimina
  120. @monica: A patto che mi farai sapere, eh?
    :)))

    RispondiElimina
  121. Ciao zio pie', mi permetto di darti del tu perche' sei troppo simpatico. Gironzolando tra i blog mia sorella ha scoperto il tuo e mentre ero intenta a preparare alcune fasi del mio nuovo dolce, mi ha chiamata perche' dovevo assolutamente vederlo: complimenti davvero. Anch io ho un blog da poco ,se vorrai visitarlo i tuoi consigli mi saranno utili...ah!!!! ti ho rubato la ricetta dei sette veli, a presto .

    RispondiElimina
  122. @Maria: Bene! Fammi sapere poi come ti è venuta! Ciao e a presto :)

    RispondiElimina
  123. La Setteveli è in assoluto la mia torta preferita! Per il mio compleanno i miei figli me ne hanno comprata una che era buona, ma secondo me...non era una Setteveli! Prevaleva decisamente il gusto della nocciola. Invece a me piace più cioccolatosa. Devo decidermi a farmela da me. Salvo la tua ricetta e prima o poi ci provo!
    Grazieeee!
    Rosa

    RispondiElimina
  124. @Rosa: Si, prima o poi la devi provare... anche io ci ho messo parecchio prima di decidermi a farla!!! ;)

    RispondiElimina
  125. Fatta! per il mio quarantesimo compleanno.... ma era tra le ricette che prima o poi avrei fatto: ho omesso il disco di cioccolato... Avendola fatta da 30 cm l'ho mangiata anche il giorno dopo equello dopo ancora e confermo che "maturata è ancora meglio: grazie zio... i prossimi sono i fichetti zola e pere. Te farò sapè

    Gloria

    RispondiElimina
  126. @Gloria: 30 cm?!?!?!!!
    Ma di diametro o di altezza?!?!!? :D :D :D

    Bravissima e ...auguri, anche se in ritardo!

    :))

    RispondiElimina
  127. 30 cm in larghezza.... a altezza proporzionale!!!

    ...già che ci si è, tanto vale annegare nel mare!

    RispondiElimina
  128. @Gloria (se sei Gloria): :D :D :D

    RispondiElimina
  129. è superlativa! l'unica torta , credo, che ancora non mi azzardo a fare. Non tanto per la difficoltà (la saint honoré è peggio!) ma per l'eccessiva lunghezza. Quindi chapeau! la glassa è perfetta. buona serata :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Sonia: Effetivamente la preparazione è lunga assai..e la glassa non è proprio una passeggiata, se non azzecchi temperatura e modo di distribuirla in maniera uniforme ti sei giocato il 50% dell'effetto! ;)

      Elimina
    2. Fatta! è favolosa! tu non lo sai, ma te lo dico ora: sei tu che incosapevolmente mi hai dato il via :-) grazie :-D

      Elimina
    3. ...ehehehe, ci credo, ci credo! :)
      Vista e commentata! Brava, davvero. ;)

      Elimina
  130. Potrei chiudere gli occhi e riscrivere la ricetta senza guardarla...un blog splendido scritto in maniera chiara e fenomenale, il quotidiano da leggere ogni mattina!Ho tampinato Nanni , tartassandolo di domande, credo proprio che adotterò anche te come "zio"...complimenti davvero...una fonte inesauribile di classe e capacità.
    E un'ispirazione per il mio blog :)
    Un abbraccio, Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Paola, e benvenuta.
      Tampina pure, tanto ci sono abituato! :D :D :D

      Elimina
  131. Caro Ziopiero, mi sono imbattuta nel tuo blog e in questa ricetta e l'ho fatta!!!!!!!!!
    Ho fatto qualche modifica a causa della mancanza di ingredienti...ad esempio, invece della bavarese alla nocciola l'ho fatta ai pistacchi, e il dicsoc di cioccolato l'ho fato col Mousli (avevo solo quello!)....è venuta STREPITOSA !!!!!!!!!!!!! Grazie per i consigli e per la condivisione !!!!!!! Ti citero' nel mio blog! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma brava!!!! Fammi poi sapere quando pubblichi, che ti vengo a trovare!!!
      :)))

      Elimina
  132. Eccola: http://veradelizia.wordpress.com/2012/04/11/7-veli-di-scioglivolezza/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vista e commentata! Bella impresa, eh?
      :))

      Elimina
  133. Ciao Ziopiero! Sono una spia che ha copiato la tua ricetta, riadattandola però al sapore gluten-free visto che io e mia madre siamo celiache :)
    Non ho ben chiara una cosa, dopo aver messo la glassa, la torta va fatta riposare per circa 24 ore in frigo o nel freezer?
    la mia adesso è già nel freezer, domani glassatura!
    Spero di avere una risposta, ho paura di combinare un pasticcio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao. La torta va messo nel frigo, non nel freezer.

      Non ho mai provato a congelarla e dal punto di vista della resa in termini di sapore non credo ci siano problemi; certo è che l'effetto specchio della glassa potrebbe perdersi...

      Elimina
  134. Grazie mille per l'imminente risposta! La metterò in frigo subito dopo la glassatura :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene! Fami sapere poi come ti è venuta! :))

      Elimina
  135. Ottima! Una vera delizia :)
    Ho fatto un figurone XD agli ospiti è sembrato fosse stata presa in pasticceria :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ma sicuramente il sapore era migliore di qualsiasi pasticceria! ;)
      Bene, son contento di come sia andata! :))

      Elimina
  136. zio Piero ho deciso di fare la setteveli!! La tua ricetta è quella più semplice da seguire...ma andando avanti con la lettura... ho pensato non ce la farò mai! Il compleanno da festeggiare è il 30 luglio, quanto tempo prima devo iniziare? Incoraggiami, ti prego! un abbraccio marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forza Mary! Hai tutto il tempo per farla. Si puo' fare pure in un giorno, ma il mio consiglio è di suddividere il lavoro in 3 fasi, che non necessariamente devi fare per 3 giorni consecutivi.
      Dai, inizia a fare i dischi di pan di spagna e surgelali!

      :))

      Elimina
  137. Ancora una cosa! ma il pan di spagna non va bagnato??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito non lo bagno, ma nessuno ti impedisce di farlo ;)

      Elimina
  138. no, non ho (ancora) fatto la setteveli, ma la tua glassa lucida sì. ed è venuta meravigliosamente, veramente bella e squisita.
    te lo volevo dire.
    grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che meraviglia 'sta glassa?
      ...però non è "mia", bensì di Fagiotto! Io l'ho solo riproposta! ;)
      Bacioni!!!

      Elimina
  139. ne ho fatte due la scorsa settimana ,ma la cosa strana che il pralinato mi e' venuto troppo duro ,non ho fatto la tua ricetta ,ma ciocco fondente ciocco bianco piu' pasta di nocciole
    non ho potuto mettere i cereali perche' al momento di usarli ho visto che erano scaduti ,sara' stata questa la causa?
    la tua setteveli e' super straordinaria
    ciao ziopiero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accipicchia! Ben 2 setteveli. Il pralinato va steso molto sottile, altrimenti è come una tavoletta di cioccolata, cioè abbastanza consistente e quindi duro.
      A quando la terza? :))

      Elimina
    2. penso molto presto ....non sono brava come sei tu ma i dolci elaborati mi intrigano molto ,mi piace pasticciare..........................se ti fa piacere mi puoi venire a trovare sul mio blog "dolci follie e poesie "
      ciao mariarosa
      p.s. sei molto bravo complimenti per tutti i tuoi lavori

      Elimina
    3. Dai, che sei brava! Ho visto le tue torte ;)
      Grazie per i complimenti :)))

      Elimina
  140. In onore a questa splendida torta, e sopratutto alle ricette infallibili dello ZioPiero! Grazie :)
    http://www.lovelycooking.com/semifreddo-cioccolato-fondente-e-pere/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita che meraviglia di torta che hai fatto!!!
      Son contento di averti dato l'ispirazione! :)))

      Elimina
  141. Desidero ringraziare Ziopiero. Seguendo i suoi suggerimenti ho realizzato la mia prima setteveli. Sono di Palermo e avevo a riferimento la setteveli di Cappello. La mia è stata un mix. Da Cappello ho preso la sequenza degli strati (quindi il croccante come secondo e non primo), da Ziopiero tutto il resto. Segnalo alcune situazioni:
    1) Ho trasportato la torta in aereo, dentro un contenitore di polistirolo con dentro uno di quegli affari sottili che si mettono dentro i secchielli per tenere fredde le bottiglie di vino. Controlli di polizia passati senza problemi.
    2) la glassa è stata preparata la sera prima della partenza e messa in frigo; l'indomani è stata glassata la torta congelata, previo riscaldamento della glassa a 35 gradi
    3) la glassa è risultata un po' troppo densa; forse una prossima volta varrà la pena salire a 40 gradi. Ziopiero che ne dici?
    4) momento di crisi: la torta congelata mi si era attaccata al piatto di base. Non avendo acetato avevo messo alla base la carta pellicola. Coltelli, spatole, nessun mezzo meccanico ha risolto il problema, superato solo con un rapido passaggio sulla fiamma del gas. L'acetato avrebbe evitato questo problema?
    Il risultato finale, a giudicare dai commenti soddisfatti degli amici è stato ottimo e di questo ringrazio Ziopiero.
    Saluti
    Nicola

    RispondiElimina
  142. Ecco qualche foto

    http://db.tt/UuJQcEYe

    http://db.tt/7QtU9Xzv

    http://db.tt/6jEKmeXK

    Nicola

    RispondiElimina
  143. Grazie a te, Nicola. Son contento ti sia paiciuta. :))

    La glassa normalmente tende al denso, per cui se ne versi uno strato sottile è meglio. Più che salire a 40 gradi scenderei ancora fino a 32, minimo 30. Oppure controllerei il termometro.
    Dove hai sistemato la torta per di congelarla? Se usi alluminio o simili non c'è neanche bisogno di acetato, anche perché poi la vai a ricoprire. Se invece l'hai poggiata su un piatto di ceramica, allora è normale he ti si sia attaccata.

    P.S. i link che mi hai mandato non funzionano. :(
    Se vuoi mandami le foto via mail, mi farà piacere vedere la tua meraviglia! :))

    RispondiElimina
  144. Grazie per la cortese risposta. Ti ho spedito le foto (non di grande qualità per la verità via e.mail).

    Per il congelamento avevo sistemato la torta su un piatto di vetro (credo pyrex), l'unico che avevo a disposizione della dimensione giusta. E' lui il responsabile?

    Non so se possa aver contribuito a questo problema il fatto che un po' della bavarese al cioccolato (primo strato nel montaggio al contrario) mi è un po' uscita, alla base, dall'anello, durante il montaggio.

    Per quanto riguarda la faccenda della glassa, se capisco bene, il tuo suggerimento di scendere ancor di più fino a 32 o addirittura a 30 è dato allo scopo di "preservare" il più possibile la torta congelata sottostante, mentre per fronteggiare la densità della glassa che nel mio caso ha fatto sì che non "scivolasse" bene, suggerisci di versarne uno strato sottile (in effetti forse ne ho fatta cadere troppa sulla torta). Ho capito bene?

    Comunque, ieri e oggi, in una insolitamente (mi dicono) ventosissima Roma, ho fatto felice la coppia di amici e i loro due figli, destinatari della mia creazione.

    infinitamente grazie,
    Nicola

    RispondiElimina
  145. Pirex: potrebbe essere lui il responsabile, non la bavarese fuoriuscita.

    La temepratura della glassa è più importante di quanto sembri per tutta una serie di motivi. Diciamo che 30-32 gradi è la temperatura migliore. Lo strato deve essere sottile e la colata unica, senza ripassarci sopra una seconda volta, altrimenti perdi l'effetto specchio: il primo strato tende a freddarsi molto rapidamente e una seconda colata sopra rischia di farti perdere pure l'effeto vellutato (la glassa che avanza la metti in una ciotola e diventa un ottimo budino!)

    Infinitamente grazie a te, per la fiducia e per i risultati. Prossima salita a Roma fammi un fischio! ;)

    ah, ho visto le foto! Complimenti! (alla torta, non alle foto! :D :D :D)

    RispondiElimina
  146. Ciao Zio! Era tanto che rimiravo la tua mitica Setteveli ed alla fine....ecco qui la mia versione, ovviamente ispirata alla tua!! :)
    http://ominodizenzero.blogspot.it/2012/12/torta-setteveli.html
    ciaoo e buona giornata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ginger, mi sono letto tutto il post: sono semplicemente commosso... Bravissima! :))

      Elimina
  147. Ziopiero,perché l'amido nella bavarese e poi la colla di pesce?

    RispondiElimina
  148. L'amido di mais serve per la cremosità.
    La colla di pesce per rassodare meglio le creme, altrimenti ti si spatasciano.

    Guarda bene l'intero della fetta (ultima foto): vedi come le tre bavaresi rimangono compatte anche dopo il taglio? Se togli la colla di pesce non avresti lo stesso effetto. ;)

    RispondiElimina
  149. Ti ho trovato citato qui (cercavo su google notizie sulla surgelazione delle ciliegie):
    http://www.gustoblog.it/post/59631/torta-setteveli-ecco-la-foto-ricetta-spiegata-passo-per-passo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa un po': dalle ciliegie alla setteveli ce ne vole! :)))
      Grazie!
      ;)

      Elimina
  150. Ciao ebbene si ad un anno di distanza dalle prime informazioni richieste adesso mi sto cimentando, ti avevo chiesto di quanto dovevo aumentare le dosi per uno stampo da 27/28 e mi dicesti di aumentarle del 60% fatto, ho appena completato il disco di ciollolato e volevo sapere è giusto che sia alto non più di 3 mm o deve essere più spesso perchè dalla fono non lo capisco.

    grazie mille
    Pina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va bene di 3 mm!
      In bocca al lupo e ....aspetto news! :)))

      Elimina
    2. fatta!!!! un successone l'unica cosa che secondo me devo modificare è lo spessore del cerchio di cioccolata, si faticava nel taglio della fetta però è veramente buonissimo.
      Grazie per la ricetta.
      mi piacerebbe farti vedere un paio di foto ma non so dove allegarle.
      p.s. mio cognato è di Palermo e mi ha promesso quanto prima di portarmi l'originale, a quel punto potrò assaggiarla e magari sezionarla per capire meglio.
      ciao e grazie ancora

      Elimina
    3. Bene! Son contento! :)))
      Per le foto mandamele pure via mail: ipasticcidelloziopiero@gmail.com

      Quanto all'originale, che poi c'è da capire qual è la vera originale, l'ideale sarebbe fare il test con entrambe le fetta a disposizione e....potresti avere delle piacevoli sorprese! ;)

      Alla prossima! :)))

      Elimina
  151. finalmente ho pubblicato la "tua" glassa fagiotto. ci tenevo a dirtelo.
    per la settevali, tocca ancora aspettare che abbia un paio di settimane di tempo per farla.
    ma la ricetta è stampata (è già un passo avanti, no?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma brava! :)))
      Dai, un paio di settimane si trovano, no? :)))))

      Elimina
  152. Buongiorno! Il suo blog è meraviglioso! Vorrei cimentarmi con questo dolce...solo una domanda, tutte le dosi sono riferite a uno stampo da 24 cm giusto? E per il pan di spagna? Quello linkato nella video ricetta è sempre da 24 cm? E in caso, quanto cacao conviene aggiungere? Grazie :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta.
      Per il pan di spagna sostituisci 30 g di farina con 30 g di cacao e usa le stesse dosi.
      In bocca al lupo e fammi poi sapere come ti è venuto. :)))

      Elimina
  153. Ciao, grazie per la risposta! Secondo te volendo farla un po' meno alta, si potrebbe togliere un disco di pan di spagna? E in quel caso dovrei aggiustare le dosi per farne uno più basso, potrebbe andare uno da 3 uova che taglierei solo in 2? Il pan di spagna rimane asciutto o si inumidisce per bene? La torta che vien fuori con le dosi della ricetta, approssimativamente per quante persone potrebbe andare? Grazie :-)

    RispondiElimina
  154. Teoricamente puoi fare tutto. Per farla più bassa potresti anche tutti fare gli strati più sottili, ad esempio.
    Se vuoi fare meno pan di spagna riproporziona tutte le dosi, altrimenti lo fai avanzare e lo utilizzi diversamente (colazioni, mini tortine o altro).
    Il pan di spagna non rimane asciutto.
    Con quelle dosi 10 fette abbondanti escon fuori! :))

    RispondiElimina
  155. Ciao, sono sempre io !! E' giunto il grande giorno :)) Ho un dubbio: la base bavarese mi pare già densissima, siamo sicuri che servano anche 8 gr di colla di pesce? Diventerà di marmo!! Invece alla fine il pds l'ho fatto da 4 uova, direi che può andare, anche se purtroppo mi si è un po' afflosciato quando ho spento il forno :( In totale sarà alto 2 cm. Sempre per uno stampo da 23. Andrà bene?? Ultima domanda, lo giuro: la torta è per domani sera, può andar bene se passerà solo una notte in congelatore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, gli 8 g di colla di pesce servono. Se al momento di unire le altre parti ti sembra dura, frullala nel mixer ;)
      Piuttodto un pan di spagna di 2 cm è piuttosto bassino....sicura siano 2 cm? Non vorrei ti fosse venuto molto compatto....
      Se la torta la metti stasera nel congelatore e domani ci passi la glassa, ok. ;)

      :)))

      Elimina
  156. No in effetti era alto 4 cm :) Sono riuscita a tagliarlo in 2, per fare questa operazione è rimasto circa 20 minuti fuori dal freezer. Adesso che sto preparando tutte le bavaresi l'ho rimesso in freezer. Mi è venuto però un dubbio. Ma così facendo il pan di spagna subisce due processi di congelamento...io ho sempre saputo che non si deve mai far scongelare e ricongelare qualcosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 2 cm per strato vanno bene.
      Quanto al congelamento, in questo caso vai tranquilla. 20 minuti non pregiudicano nulla.

      In termini generali ricongelare e riscongelare un alimento accelera notevolmente la produzione di batteri, ma questo dipende anche da quali sostanze si ricongelano, dai tempi tra un congelamento e il successivo, dai tempi di conservazione, dalle temperature e da altri fattori; per questo si fa prima a dire di non ricongelare piuttosto che spiegare per filo e per segno tutte le operazioni per eventuali ricongelamenti di ogni alimento.

      Tieni presente che in pasticceria quella del ricongelamento è una tecnica molto usata. ;)

      Elimina
  157. Ok, ora mi sento più tranquilla! Nel frattempo ho montato "il palazzo" non senza qualche inconveniente :( Non credo che verrà bella come la tua! Inoltre la base bavarese rimanente (Quella dello strato semplice per capirci) si è solidificata troppo e io non me ne sono accorta quindi quando ci ho messo la panna montata non sono più riuscita ad amalgamarla per bene, sono rimasti tutti i grumi di base bavarese :((( I dischi di pan di spagna sono risultati di poco più stretti dei dischi di bavaresi. Comunque ora è in freezer, domattina proverò a glassarla. Purtroppo qui da mia madre non ho il termometro, dici che si può fare anche senza o è indispensabile? In alternativa una qualche altra glassa che può andar bene e non richiede termometro? Grazie ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roberta, le prime volte che si fanno questi dolci è normale avere qualche inconveniente.
      La base di bavarese andava frullata e poi amalgamata al resto con una tecnica che ho spiegato meglio qui.

      Per la glassatura, se non hai il termometro dovresti regolarti con la temperatura corporea, di solito è intorno ai 36°, l'ideale per versarla è 35°.

      La glassatura è la parte più difficile, preparati. Ricordati di fare un'unica colata, altrimenti perdi l'effetto specchio.

      E la cioccolata che avanza mettila in frigo: il giorno dopo è da urlo! :)))

      Elimina
    2. Invece come faccio a capire che è arrivata a 103°? Grazie! Prometto che farò foto e posterò :)

      Elimina
  158. E a proposito della colata di glassa...come è meglio procedere? Dalla foto si vede che la versi direttamente dal pentolino sul centro della torta. Ma si distribuisce uniformemente da sola sulla superficie, oppure occorre muovere la torta?

    RispondiElimina
  159. Ahhh scusa ho l'ansia da prestazione mi vengono in mente le cose a raglio :DD Ma la torta mentre poggia sull'impalcatura fatta col coppapasta ha anche una base sotto o si regge sul disco di cioccolato? Siamo sicuri che può reggerla a dovere?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha, effettivamente questa torta è da ansia da prestazione! :D :D :D

      Allora per la temperatura domani mattina corri subito a comprare un termometro! Non vedo alternative! :))

      Per colare la glassa ti conviene tenere da torta da sotto con una mano, muovendola per far colare bene la glassa (tieni presente che questo post l'ho fatto dopo la mia seconda setteveli, poi col tempo ho cambiato un po' di tecniche...)

      Quando fai queste operazioni con la glassa la torta è congelata quindi tiene bene (la foto non ha trucchi! :))))

      A questo punto altro che foto...vorrò vedere come minimo un filmato di te all'opera!!! :)))))

      Elimina
  160. Ciao! Sono riuscita a fare la glassatura senza termometro :-) Purtroppo lateralmente è venuta uno schifo a causa del pan di spagna più piccolo e del disco superiore più largo. Vabbè, sono certa che sarà buona lo stesso. Se la si guarda solo da sopra è quasi perfetta :-)) A domani per la foto della fetta!! E grazie di tutto!
    http://img841.imageshack.us/img841/7375/ejwr.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente sarà ottimo, vedrai!
      L'estetica non pregiudica il sapore.

      La glassatura è venuta bene, brava!
      La prossima volta migliorerai la tecnica di distribuzione, le prime volte queste torte non vengono mai bene...

      Ancora complimenti! :)))))

      Elimina
  161. Grazie! E' anche merito tuo :) Devo dire che di glassa ne è avanzata proprio tanta, una bella tazzona quasi piena. Secondo te non conviene ridurre la dose?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...in verità non mi sono mai posto il problema... è talmente buona... :))))

      Elimina
  162. Ciao ZioPiero
    Domenica è il compleanno di mia moglie e stò facendo la setteveli, hoi qualche domanda per favore
    1)Sono alla fase 3 BAVARESE con Amido(?), ho letto nei post che serve per aumentare la cremosità. Ma allora con l'amido non diventa una pasticcera?, io l'ho fatta come da tua ricetta e alla fine si è addensata come una pasticcera ... è corretto?, se questa è una bavarese quale è la differeza??.
    Devo rifarla deve essere più liquida?? (non ho mai fatto una bavarese)
    2)Il PDS lo lasciamo asciutto senza bagna?
    Ti ringrazio in anticipo per la tua disponibilità
    Grazie e Buon Anno Mario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mario.
      L'amido di mais serve ad aumentarne la cremosità, ma il risultato lo senti dopo che inserisci la panna. Prima di questo passaggio la bavarese risulta piuttosto densa, anche più di una pasticcera. Prima di amalgamarla agli altri ingredineti dai qualche colpetto di mixer o di fruste elettriche. Non è necessario che tu la rifaccia. :)
      La differenza tra pasticcera e bavarese è che nella bavarese ci si mette anche la colla di pesce, oltre alla panna montata.
      Il pds lo lasci asciutto senza bagna.
      Buon proseguimento e...fammi poi sapere come ti è venuta, eh?
      :)))

      Elimina
  163. Ciao...ma non ho capito una cosa..il disco di cioccolato come si attacca al pan di spagna al cioccolato?non devo mettere nulla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non devi mettere nulla.
      Una volta girata la torta, il disco di cioccolato stara sotto e con tutto il peso di quel bendiddio stai certa che non ti si muove! ;)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails