AVVISO
Amici lettori, mi prendo un lungo periodo di riposo.

Nelle prossime settimane continuerò, come da mia abitudine, a rispondere a tutti i vostri commenti, anche se non sempre sarò tempestivo. Abbiate pazienza. ;)

Ci rivediamo a settembre con i resoconti di viaggi e... tante nuove ricette dello Ziopiero!

Ciao e... BUONE VACANZE A TUTTI!!!

venerdì 19 marzo 2010

Food-dografando 3 - Pensiamo allo scatto

Eccoci qui!

Immagino che ormai abbiate preso confidenza con la sòffete e con le luci, giusto?

Bene: sappiate che non io ancora no!!! So' di testa dura!!! Mi incaponisco.
Appena scopro o imparo una cosa subito dopo mi accorgo che posso far di meglio, e allora non demordo e continuo cercando una strada nuova, diversa, un miglioramento di una tecnica già acquisita.

Ora, se anche voi volete approfondire ancora un po' i due argomenti, vi propongo un link ad un filmato molto interessante, questa volta non mio, dove un fotografo coi "controflash", Mark Cleghorn, spiega l'uso della sòf... ehmm, in questo caso chiamiamola Softbox ;-)

Vi premetto che il filmato è piuttosto lungo, dura 22 minuti, ed è in inglese.

Ho tentatano di convincere Mr. Cleghorn a fare una traduzione solo per noi...ma lui mi ha assicurato che le immagini parlano da sole.

Come, non credete che ci ho parlato? Vi riporto uno stralcio della trascrizione della telefonata intercettata dai servizi segreti:

"A Marke, ma si quarcuno qui nun spiccia l'ingliscc?"
"Doonuorri, Oncle-Peter. Siiii de video e iu andestein"


Visto? Ok, torniamo a noi ;-)

Vi avviso subito: l'articolo, anche se colorito da qualche "ziopierata", è lunghetto e forse noioso e antipatico per cui preparatevi un bel cicarone di caffé e mettetevi comodi, alla fine non ve ne pentirete ;-)

"Pensiamo allo scatto"

Ovviamente, come ormai sapete, non sono assolutamente in grado di insegnarvi come si deve scattare una foto; al limite potrei aspirare a spiegarvi come NON si dovrebbe scattare una foto, per cui facciamo così: vi racconto tutti gli errori che penso di aver commesso in modo tale che, se volete, insieme possiamo fare delle considerazioni. (va da se che gli errori che commetto adesso non li conosco... spero di scoprirli subito, magari grazie anche alle vostre segnalazioni)

1. Come fotografavo (bei tempi)

Una domenica qualsiasi di trent'anni fa:
"aho, chi aaa porta aaa maghinetta peffa' e foto?"
"A Pie' (all'epoca non ero ancora Zio), ce penzi tu che nnoi nzemo bboni?"

Poi, nel momento meno opportuno della stessa domenica:
"Booooni, state feeermi. Ve dico che cio' (senz'acca) solo 3 scatti poi 'a pelligola è finida!!! Aaah Nando, feermo keee mano: nun fa e corna"

E così, dopo venti minuti di posa, alla fine il click arrivava inesorabile, così come l'indice e il mignolo alzati di Nando.
Sette giorni di attesa e poi meraviglie delle meraviglie.
"aho, che me ne fai ddu copie?"
"Anvedi come sei venuto da schifo? Me pari a brutta copia de dario argggento"

Bei tempi, dicevo. Non so se perché eravamo giovani, belli (tranne Dario Argento, ma lui in compenso è bravissimo con la cinepresa) e spensierati, o perché, tornando all'argomento dell'articolo, alla foto, una volta, ci si pensava!

Poi arriva...

2. L'era del digitale

Una domenica qualsiasi di dieci anni fa (circa)
"aho, chi aaa porta aaa maghinetta peffa' e foto?"
"A Pie', ce penzi tu che nnoi nzemo bboni?"

...diceee: ma non è cambiato niente!!!
Be', la spensieratezza è sempre la stessa, le incapacità dei miei amici pure, Nando ha messo le mani a posto, .... e...le foto non costano più nulla!!! Qualcosina, insomma, è cambiata!

"aho, fanne n'artra, dai scatta, tanto nulle paghi"
"A Pie', poi maa manni per imeil"

E fu così che i nostri hard disk sono diventati stracarichi di foto tutte uguali, esteticamente insignificanti, anche se ricche di significati emotivi ed evocativi per "noi che c'eravamo". (ricordatevi questo concetto)

3. Le prime foto di cucina

Poi arriva il momento magico: mi esplode improvvisa la passione per la cucina!!!

"Vabbe', tanto poi ti passa" , disse la mia signora qualche anno fa.

Forse passerà, un giorno, ma di sicuro quando mi prende una passione cerco sempre di dare il meglio di me stesso (è tutto relativo, eh?), cercando di applicarmi anima e core e aspirando a continui miglioramenti (è un'aspirazione, eh?, non è detto che poi ci riesca!).
Così approdai sul Forum di Gennarino nel 2006, proprio a marzo e da lì inizia la storia.

Cucinavo con entusiasmo e con lo stesso entusiasmo raccontavo, documentando, appunto con le immagini, i miei tentativi di riprodurre piatti e dolci di veri maestri.
Se avete il coraggio, andatevi a vedere le mie prime realizzazioni, le trovate nelle ultime pagine del mio flickr.
Anzi andatevele a vedere comunque, perché a mio avviso hanno un valore didattico non indifferente, sia per come NON andrebbero presentati alcuni piatti, sia per come NON andrebbero scattate le foto, soprattutto quelle di cibo. :))

Perché' ?
Ripeto, perché?

"Aahh, Zipie', ma che stai adddi'? Ma che te fai e domanne da solo? Tanto nun te sta a sentì nissuno!!"

Aho, ci siete? state sempre lì? Spero di si! :)) Vabbe, io scrivo lo stesso, alle brutte me leggo da solo!

Ora, prima di capire che le mie fotografie di cibo erano brutte, ci ho messo un bel po' di tempo, anche perché a me onestamente le foto piacevano. Ma perché mi piacevano? E' questo il punto.

Faccio un esempio (tanto posso scrivere quello che voglio, non mi sta leggendo più nessuno!)

Avete presente quando andate alla comunione del nipotino e scattate 20 foto tutte uguali e nel momento in cui le rivedete pensate: "che bello, come era carino, guarda come era pettinato bene"? e vi portate quella foto nel portafoglio o la piazzate sul como' nella cornice d'argento?
Anche io faccio così (e poi sono zio, no?)

Poi un sabato vado a cena da una coppia di amici e trovo che anche loro hanno piazzato una foto simile in bella mostra e penso tra me e me: che foto banale e pure brutta! Certo ci vuole coraggio a esporla... (cattivello, eh? eheheheheh)
Poi, tornato a casa, e rivedo la foto sul mio como'....al nipotino gli voglio bene, lo vorrei avere sempre con me...ma la foto tutto sommato è simile a quella dei miei amici, la stessa che non avrei mai esposto!!!!
Ma allora?!?!?!?

Ecco! Il punto è proprio questo. Spesso non ci accorgiamo della banalità di una nostra foto, ma il fattore emotivo, evocativo, ce la fa piacere e la foto rimane ricca di significati, ma solo per noi.

Torniamo alle mie foto di cibo: rappresentavano per me tante emozioni, come la gioia di essere riuscito ad eseguire una ricetta, le difficoltà che ho superato nelle varie fasi di preparazione, il ricordo del gusto il momento in cui ho assaggiato quanto realizzato, ecc ecc ecc, ma tutti questi fattori avevano significato SOLO per me. Per le altre persone le foto erano banali, piatte, insignificanti.

Questo, ahimé, l'ho capito tardi, ma l'importante è esserci arrivati per poi ripartire proprio da questo punto.

L'abilità del vero fotografo risiede non solo nella tecnica di base (luci, ombre, composizione, sfocature ecc) ma anche, e soprattutto, nel riuscire a suscitare in noi un'emozione, simile a quella che proviamo noi, ma solo noi, guardando la solita foto col nipotino.

Si, vabbe'! Ma come si fa? (ah ma allora siete tornati! :)))) )

Ovviamente non è facile. Non è facile acquisire la tecnica e non è facile far provare emozioni, ma possiamo sempre migliorare facendo piccoli passi in avanti.

Il primo passo che per me è stato importante è stato quello, appunto, di pensare allo scatto, cioè all'immagine che vorrei vedere, ma non un attimo prima di scattarla, molto prima, anche giorni prima!!!

Una foto che non sia "istantanea" puo' o forse deve nascere col tempo, attraverso un susseguirsi di approssimazioni successive di immagini che viaggiano nella nostra mente fino a fermarsi in un'unica immagine che decidiamo essere quella da realizzare. Il risultato visivo sarà quello che dovrà emozionare. Dopodiché dobbiamo ingegnarci per eseguire lo scatto al meglio (e questa è la parte tecnica)

Vi ricordate la foto della colata di sanguinaccio sulle frappe? Ve la riporto qui:



Vi ricordate che vi dissi che avevo fatto le frappe apposta per scattare questa foto?

"la foto (e non solo quella del cibo) va pensata prima, e non dopo: in pratica non va improvvisata o scattata subito dopo aver cucinato"
Per la foto delle frappe avevo "Pensato allo scatto", e fu la prima volta. In quel momento, quando vidi la foto nella mia mente, fui veramente soddisfatto perché è stato il frutto di un pensiero progressivo. Poi mi dovetti ingegnare per trasformare il mio pensiero in immagine, ma di questo parleremo in un altro post. Così come parleremo, se volete, della genesi e realizzazione della foto della Ziopierella o di quella degli "Gnocchetti Cruschi".

Adesso direi di fermarci qui con le parole e passiamo alla parte pratica, che possiamo fare comodamente nei prossimi giorni e senza aver bisogno della macchina fotografica!

Riprendiamo la solita rivista di cui abbiamo parlato nell'articolo precedente, magari l'inserto gratuito di un quotidiano, e soffermiamoci sulle foto pubblicitarie (praticamente il 98%!), meglio se ci sono oggetti piuttosto che persone. Queste foto - si suppone - sono state scattate da dei professionisti per cui possono tornarci molto utili.
Studiamole e analizziamole in questa maniera:

1. cerchiamo le ombre, se ci sono
2. cerchiamo di capire dove sono posizionate le luci (e queste ci sono sicuramente!)
3. cerchiamo di capire come è stato "pensato lo scatto" (tecniche, ambiente, composizione, ecc, ecc)

Solo queste tre cosettine, basilari, se poi applicate ai nostri scatti, ci possono sicuramente aiutare a migliorare il risultato delle nostre fotografie.

Proviamoci. Se ci prenderemo gusto, ci troveremo a farlo sempre più spesso, e non solo guardando le riviste, ma anche i cartelloni pubblicitari o una scena di un film o, peggio me sento, dal vivo(!!!) ;-)

Capisco che il metodo puo' sembrare un po' inusuale, ma in fondo stiamo anche giocando, no? E poi stiamo parlando di foto, per cui le foto LE dobbiamo guardare, soprattutto se fatte bene. :))

La prossima volta cercherò di immedesimarmi in un fotografo quasi vero e, se non vengo scannato vivo prima, metterò "Bianco sulla Bilancia" ;-) (e questa volta ci servirà la fotocamera!!!)
Tenetevi pronti!

Grazie e alla Prossima

Lo Ziopiero

39 commenti:

  1. tanti auguri a te!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Dopo con calma mi leggo il post!

    Caris

    RispondiElimina
  2. AUGURI!!!
    mi hai fatto scompiscia' dal ridere... all'inizio del post!
    un bacio

    RispondiElimina
  3. Buon compleanno! e aspetto con ansia la prossima puntata!

    RispondiElimina
  4. Buon compleanno!
    Sono arrivata proprio per il tuo compleanno?
    Sono nuova del mondo blog, anzi...nuovissima!
    Seguo da tantissimo il giro di foodblogger e ora mi sono decisa anche io... così arrivo qui per presentarmi e per farti i complimenti!
    Bravissimo in cucina e poi, leggere i tuoi post è un divertimento!
    Ovviamente ti ho aggiunto tra i blog che seguo... sicuramente non sarei qui senza tutti voi maestri!

    RispondiElimina
  5. Ciao Ziopiero, Mi unisco a tutti gli altri per farti TANTI AUGURI. Ho scoperto in questo momento il tuo meraviglioso blog e l'ho inserito subito nei Preferiti.
    Appena ho un attimo in più di tempo mi leggo tutto molto attentamente, pure gli arretrati.
    Molto interessante ciò che riguarda la fotografia. A me piace fotografare, ma devo fare sempre tutto in fretta perchè c'è chi sbuffa !!!
    Ora scappo, a presto. Ti saluta una nonna di due nipoti....
    Virginia
    http://aisapori.blogspot.com

    RispondiElimina
  6. Buon compleanno Zio Piero!!!
    Lory

    RispondiElimina
  7. Buon Compleanno, ma il regalo lo hai fatto tu a noi:-))))
    Un abbraccio Ily

    RispondiElimina
  8. Tantissimi auguri!!!!!!!! Sei uno spasso!!!!!

    Rosy

    RispondiElimina
  9. Zi' Pie' Buon Compleano!!!!!!!!!
    Que los cumplas feliz...nun te traduco...se capisce..
    Er post e' geniale.
    PS c'hai la mia eta' zi' pie'...vor di que so' zia pur'io? Tanti auguri ancora e aspetto altre pasticciate...
    Simo

    RispondiElimina
  10. PS. Ho letto il tuo commento a Matteo e se posso permettermi, la goia con cui tu vivi la trasmetti alla grande, grazie.
    Rosy

    RispondiElimina
  11. ZIOPIERO!! AUGURI!! TANTI AUGURI !!

    RispondiElimina
  12. Tantissimi auguri di buon compleanno anche da parte mia!!!! Un abbraccio. Fede

    RispondiElimina
  13. Auguriiiiiiiii!!! certo che matteo è stato proprio carino :)
    Nel fine settimana mi leggo bene anche il port. Ho già pianificato...nelle vacanze di Pasqua mi metto al lavoro per mettere in pratica tutti i tuoi consigli!

    RispondiElimina
  14. Ho letto il post e mi sono divertita un sacco :DDDD
    quando ho un po' più di tempo vado anche a vedermi il filmato
    Ti ho aggiunto nei contatti di Flickr, ho anche io un album
    Ciao a presto!

    RispondiElimina
  15. @Grazie a tutti per gli auguri!!!!

    Mi spiace per il post, porello, che è passato in secondo piano. Magari ne apro uno sul compleanno così sopra mi commentate su Food-dografando 3... :))))

    @A Gluty, ma allora sei 'na ragazzina!!! Debbo pure sta attento sinno me becco 'na querela! ahahaahah.

    @Rosy: grazie per il tuo secondo commento ;-)

    Piesse: com'è che nessuno m'ha ancora chiesto cosa ho preparato per il compleanno?
    (tanto nun ve lo dico!!!) ahahaahahah

    RispondiElimina
  16. Oiè, tanti auguri pure qui!
    Me fai morì!!! Troppo bello leggerti, come sempre ;)

    RispondiElimina
  17. Ma tanti auguri anche da parte mia!!! E grazie ancora per questi bellissimi post!
    Baci

    RispondiElimina
  18. auguri zio! bel post come al solito, ho apprezzato la parte sulla foto che va immaginata prima di scattarla, così ci insegnavano ai tempi del mio corso in b&n... mi fai venire voglia di rispolverare la mia vecchia mitica reflex rigorosamente manuale e meccanica...

    RispondiElimina
  19. Pierooo...
    Eccomi...
    Scusa ma oggi ho avuto un bel pò da fare...
    Vedrai nei prossimi post che metterò che cosette ho architettato... :-)
    Gli auguri io te li ho fatti quindi non parlo di questo...
    Voglio invece ringraziarti per questo post.. che come tutti i tuoi è ricco di passione.. di amore per ogni attimo che ci dona la vita... e di quella tua inarrestabile capacità di far sorridere il cuore...
    Ti stimo molto anche se di persona non ti conosco...
    Ma credo tu lo abbia intuito...
    Buona cucina...
    Matteo

    RispondiElimina
  20. @BellaAza: grazie, mi fa piacere quando passi a trovarmi

    @Luna: grazie anche a te :)

    @Mat: ora sono curioso. Avvisami, che non sempre riesco a visitare tutti i blog che vorrei. Siete una marea e siete tutti bravissimi e meritevoli.

    :)))

    RispondiElimina
  21. @Cristina: Oilà! Ma allora non mi sono inventato delle fesserie!!! Che bello avere una lettrice anche fotografa e pure romana....chissà, magari un giorno scatteremo e spadelleremo insieme!

    :))

    RispondiElimina
  22. Tantissimi Auguri!!!!!!!
    complimenti per questo post molto molto utile!
    Baci ;)

    RispondiElimina
  23. Buon compleanno!
    Ma, soprattutto, felice di averti scoperto.
    Lezioni su come fotograre, noi ne abbiamo decisamente bisogno.
    Buon fine settimana da Luca&Sabrina

    RispondiElimina
  24. intanto auguri!!! e la torta? dov'è?!?
    grazie per il corso di cucina, ti leggero' con piu' calma...ora ho lo sfincione da seguire e non vorrei far danni!!!
    buon fine settimana!

    RispondiElimina
  25. Augurissimi Piero. Sei proprio forte e io mi vanto di essere stata una delle persone che per prima ti ha fatto da "cavia". E non solo nella cucina, ma anche nelle foto. Vediamo se indovini chi sono?! Un aiutino: scommetti che domani nevica a Roma? se succede mi fai le frappe!

    RispondiElimina
  26. @Anonimo, anzi AnonimA!
    Bella Gabry. Come eravamo piccoli.... e quanti pasticci che ti proponavo, eh?

    Adesso le Frappe te le posso fare io!!!, e senza aspettare nevicate o carnevale!!!!! :))))

    Bacione-e-e-e-eee

    RispondiElimina
  27. argh arrivo sempre in ritardo...buon compleanno.
    come sempre ottimi consigli..speriamo di migliorare le foto delle mie ricette..ma è difficile

    RispondiElimina
  28. @Shade: la torta? m'aaasomagnata!!! ahahaha
    Dai, datemi ancora un po' di tempo, poi pubblico una delle 3 che ho fatto ;-) (le altre le conoscete)

    @paolo: grazie anche a te. Difficile migliorare le foto? Non ti sottovalutare, tutti possiamo migliorare, anche i migliori!!! ;-)

    RispondiElimina
  29. Ciao Zio Piero...vorrei tanto imparare a fare delle foto decenti(mi sono riguardata il tuo album, complimenti hai fatto passi da gigante...)ma non so proprio da che parte iniziare....io sono messa proprio alle primissime armi(praticamente so scattare solo in automatico) manco il manuale di istruzione capisco! Che mi consigli? Ad ogni modo ti seguirò in modo da cercare di imparare qualcosina....con simpatia Angela.

    RispondiElimina
  30. @CiaoAngy Ciao.

    Prima regola non buttarsi mai giù di morale.

    Come sei riuscita ad incordare (ricordi quanti tentativi?) potrai riuscire a fotografare sempre meglio: basta volerlo!

    Datti tempo (ce ne vuole tanto) e documentati come meglio puoi sulla rete (e magari anche da me ;-).

    Il manuale di istruzioni lo inizierari ad aprire quando *saprai* cosa cercare; per ora limitati a consultarlo per le funzioni di base ;-)

    Poi, visto che è gratis, scatta tanto tanto e cerca di capire tu come potresti migliorare una foto, magari guardando le foto delle riviste, che di solito son fatte bene :)

    A presto :))

    RispondiElimina
  31. Grazie Piero...seguirò i tuoi sempre preziosi consigliaspettandi i prossimi post !

    RispondiElimina
  32. complimenti per il talento didattico. Il post si legge d'un fiato!

    RispondiElimina
  33. @Anonimo: Grazie, non so chi tu sia, cmq grazie :))

    RispondiElimina
  34. Auguri a distanza di mesetti!! stavo pensando alle foto ke ho fatto ieri alla mou... na tragedia greca! metti tu figlio a mantenè er vasetto.. nu fa ombra.. fatte a destra, no + a sinistra.. ecco! mo nun te move!fai scende la mou.. ecco te sei mosso!.. di nuovo su! na parola! statte immobile nn te move xkè se no se sfoca! :-D aò mio figlio nato a Roma eh! insomma, vedendo questa mi son giustamente chiesta: ma nn è stata fatta nella scatola!? eh! quanto sarà stata grande? o piccoli gli oggetti considerando anke la distanza?! insomma o il dietro è una parete o la scatola che hai usato molto grande o gli oggetti piuttosto piccoli...poi la mou è di colore marroncino, beige..nn bella a vedersi.. da mangiare si :-D dunque come la fotografi dando un senso anche di colore al tutto? senza ovviamente stonare, senza andare oltre la scatola senza ke mani, braccia e quant'altro possano venire impressi nello scatto?? ah.. sempre nei 35-45 secondi! :-D ..no skerzo questa si fa cn + comodo! insomma mi sa che devo rifare altri scatti prima di trovare quella giusta! io ecco, l'avevo pensata in un modo ma nn ci sono colori vivi nelle foto, anche se qulakuna mi piace..ho provato a mettere uno sfondo scuro dietro, un marrone, se nn altro mi smorza un po' la luce del flash, ma devo tagliare bene la foto altrimenti è orribile il marrone.. mah! le foto senza ombra o cn un velo di ombra sono bellissime, gli oggetti in mezzo al bianco si esaltano di più... sono protagonisti è quello ke devono essere secondo me!.. P.s. le mie prime foto al cibo orrendissime! scattate con il cell.. all'interno proprio no eh!.. ora cn digitale,scatola,un po' + attrezzata, faccio foto sperando di riuscire ad arrivare allo scatto ke mi ero prefissata.. ce la farò :-D

    RispondiElimina
  35. Auguri anche se cn mesetti di ritardo!! guardando la foto mi è venuto in mente la mou che ho fotografato ieri!posiziono tutto.. poi a mio figlio l'incarico di mantenere il vasetto.. fermo eh! nun te move, quanno te dico versa, tu versa.. è na parola! ecco te sei mosso, dai, a rifamo!nun te me move se no se sfoca! :-D come si fa?? allora la tua foto nn è fatta nella scatola!? dietro è una parete?? come fai cn il cucchiaio?gli oggetti sono piccoli? se rientrano in una scatola son piccoli.. ma nn credo ke sia fatta nella scatola perkè mi spieghi come fa il cucchiaio a versare il sanguinaccio se sopra è chiusa?? dunque, io per fotografare la mou ho fatto diecimila scatti per non ottenere la foto ke avevo previsto! la mou è beige.. insignificante alla vista, non al gusto, dunque fotografare un oggetto beige, che la faccia da padrona in uno scatolo bianco.. nn è un granchè! ho provato a mettere uno sfondo marroncino dietro così che mi smorzasse un po' il flash, meglio, diciamo, devo però tagliare bene la foto altrimenti il marrone sarebbe orribile!..insomma cucinare, e tutto il resto in casa e poi scattare pure una foto decente nn è facile!!! :-D

    RispondiElimina
  36. @Vickyart: Oddio, mi hai fatto morire co 'sti messaggi!!!! ahhaahahah

    Senti, il discorso qui si fa lungo e complicato...se vuoi scrivimi pure all'indirizzo che trovi nel profilo. In ogni caso uso un cartoncino come sfondo, il cucchiaio lo tengo in mano, la fotocamera scatto con l'autoscatto o col telecomando, è tutto nella softbox, mai usare flash in luce diretta...e poi...devi saper cogliere l'attimo! ;-)

    RispondiElimina
  37. ... bene... sn idiota nn avevo pensato all'autoscatto!:-D ma questo significa ke devo piazzare il treppiedi... cn una bimba terribile cm la mia sarà tosta! :-D x il flash ho avuto un ottimo suggerimento! .. e molte volte non è tanto cogliere l'attimo.. ma proprio questione di... fortuna??! :-D gazie!!

    RispondiElimina
  38. @Vicky: ...a volte pensando troppo alle cose difficili ci sfuggono quelle più semplici.. ;-)

    Nello Still Life
    non è mai questione di fortuna ;-)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails