martedì 16 marzo 2010

Crostata Ricotta e Arancia

In fondo cos'è la pasticceria?

Zucchero, Farina, Uova, Latte o un suo derivato, a volte del lievito, un'aroma e via...

..e già! Ci avete mai pensato? In fondo il tutto si fonda su questi semplici ingredienti di base.

Eppure queste basi, opportunamente dosate, trattate e amalgamate, offrono un'infinità di varianti, una meglio dell'altra.

Vogliamo fare una crema? Prendete uova, zucchero, latte e farina
Una frolla? Burro, farina, zucchero e uova
Una sfoglia? Farina, burro e acqua
Pan di spagna? Uova, zucchero e farina
Bigné? Uova, burro, acqua e farina
Profiteroles? In più abbiamo panna e cioccolato
Frappe? Farina, burro, zucchero e uova

Bomboloni? Un po' di lievito e stiamo lì
Panettone? Stiamo sempre lì, con qualche candito in più

Babà, Croissant, Maritozzi, Muffin...stiamo sempre lì... non si scappa.

Eppure...eppure ...eppure, nonostante gli ingredienti siano sempre gli stessi, il risultato che riusciamo ad ottenere non è mai lo stesso!!!

Così, quando un giorno Maria Grazia, in arte Caris, mi faaaa:
"Ziooo, prova questa crostata di ricotta e dimmi che ne pensi"

io lì per lì la prima cosa che penso è:
"seeee, e mo quando la faccio? Mo devo pure partire. E poi la prossima settimana ho il compleanno e ho in lista 3 torte. Nun se ne parla proprio"


...Poi, passano dieci minuti, e un tarlo inizia da dietro l'orecchio..."crrr, crrr"

All'inizio non ci faccio caso...poi ancora "crrr, crrr"

Uffa, questo rumore di fondo inizia a disturbarmi...meglio che faccio una pausa. E non appena stacco le mani dalla tastiera sento una vocina questa volta ben distinta: "crrrrostata....crrrrricotta"

Eeee già! Com'è che dicevamo all'inizio? Cos'è in fondo pasticceria?

In questo caso è una frolla di Adriano (sempre pronta nel congelatore) più 6 etti di ricotta, un paio di belle arance eee .... ecco che la fetta è già servita!



Che dirvi di più? Se la pubblico è perché a mio avviso ne vale proprio la pena.

Ah, quasi dimenticavo!

Per il ripieno, mentre la frolla cuoce da sola 20 minuti nel forno a 180°, mettete in una ciotolona 600 gr di ricotta, 2 tuorli, 8 cucchiai di zucchero, la buccia grattuggiata di due arance (o limoni, se la preferite al limone) e amalgamate per bene. Poi incorporate il tutto a 2 albumi d'uovo montati a neve insieme ad un cucchiaio di zucchero.
Tirate fuori la frolla giusto il tempo di versarvi dentro il composto. Continuate a cuocere intorno ai 180°. Quando sarà pronta ve ne accorgerete da soli. ;-)

Grazie Caris, e grazie pure per avermi un giorno regalato, fatta dalle tue manine, la più buona torta ricotta e pere che io abbia mai mangiato. Un dì parleremo anche di questo ;-)

Ciao e alla prossima

Lo Ziopiero


Guardate anche le altre realizzazioni:

24 commenti:

  1. Che bello passare di qui a prima mattina e godermi di questa crostata , buono!

    RispondiElimina
  2. è vero, verissimo! Siamo sempre lì, non si scappa! E chi vuole scappare!?
    E' proprio bella questa cosa, mi piace infatti pensare che con gli stessi ingredienti, si può dar vita a dolci di una così ampia varietà da non credere! Un pizzico di lievito e si ottiene altro, oppure anche solo l'uso diverso degli ingredienti, come per gli albumi montati a neve ferma oppure amalgamati così come sono al composto, danno vita a dolci diversissimi.

    Andiamo di pari passo eh? Lievito madre, ora l'uso della ricotta... oh! :))
    mi piace da matti la ricotta in generale, buona la tua crostata!

    RispondiElimina
  3. A quest'ora una fettina la gradirei proprio!!bella la foto sembra uscire dallo schermo dai mi devo costruire la soffete anche io...

    RispondiElimina
  4. ora ho anche io il tarlo ... ma doppio.
    Voglio fare questa crostata e voglio subito la ricetta di quella con le pere.. crrr crrr

    RispondiElimina
  5. Elogio della linearità. Preparazione apparentemente essenziale...ma sono proprio quelle che ti sorprendono al palato più di tante altre ricercate. Per quanto mi riguarda con me hai fatto centro!
    Grazie per averci condiviso una ottima ricetta!
    ;)
    Buonissima giornata :)

    RispondiElimina
  6. Questa crostata deve essere una favola!!! io adoro tutti i dolci profumati all'arancia e l'accostamento con la ricotta è il top. Domandina....con 600g di ricotta quanto deve essere grande la tortiera?

    RispondiElimina
  7. Ciao! hai proprio ragione, le basi di tutte le cose gira e rigira sono sempre le stesse, è il mix che è e deve essere sempre diverso per poter stupire ogni volta! magia delle combinazioni infinite...:)
    Mi piace molto leggerti, sei spassosissimo! Mi sono segnata le istruzioni per la soffete, mi sa che in questi giorni mi ritaglio il tempo per farmela, sisi!
    Buona giornata

    valeria

    RispondiElimina
  8. La magia della pasticceria! pochi ingredienti e il miracolo avviene! come per questa crostata!
    Ciao!

    RispondiElimina
  9. Sei veramente instancabile! Ogni mattina passo di qui...e c'è sempre qualche bella sorpresa! Buona giornata. Fede

    RispondiElimina
  10. Bellissima!!!!!
    E tu sei veramente bravo ;)
    la segno subitoooo

    RispondiElimina
  11. @Mary: grazie. Passa pure domani ;-)

    @FiOre: perfetta sintonia!

    @Ily: inizia a costruire che tra poco esce la puntata nr. 3 ;-)

    @Alem: crrrr crrrr

    @Gambetto: è vero! Lineare ed essenziale ;-)

    @elenuccia: 26 cm, ma con queste dimensioni puoi anche esagerare con la ricotta (700gr) e aggiungerci un uovo in più. Prova e facci sapere ;-)

    @Bread&Breakfast: fai la sòffete, vedrai è facile facile.

    @Aquolina: si. il bello è che poi il miracolo si ripete!!!

    @Fede: ma sei la Fede che conosco io?

    @Laura: ci siamo rifatti l'avatarre, eh? ;-)

    @Tutti: ricordo che questa ricetta me l'ha data Caris ;-)

    RispondiElimina
  12. Ciao!
    Partecipa anche tu al Contest di Marzo de LA CUCINA ITALIANA dedicato al TIRAMISU'!

    Per info:
    http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=862&ID=337208&csuserid=2112&ar=

    Scade il 10/04/10.
    Buon lavoro!

    RispondiElimina
  13. Beh Piero.. che dire??
    Invidio la tua soffete... che ogni giorno "mangia" quello che prepari...
    :-)

    RispondiElimina
  14. Ciao, è sempre un piacere leggere i tuoi post e questa ricetta devo assolutamente provarla la trovo delicata e gustosa...che ne diresti di aggiungervi delle gocce di cioccolata? ;)
    ciao
    Enrica

    RispondiElimina
  15. 'ZI PIE' nun ce posso crede...guarda con que stavo giocerellando ieri ore 14 di Buenos Aires e 'stammatina ho scritto il post,e poi ho visto tu blogghee 'nun ce potevo credere
    ...vatte un po' a vede mi blogghe...
    Si, si gli ingredienti sono sempre quelli ma io devo fare una faticaccia per togliere il glutine mannaggia.. E poi anche se gli ingredienti son sempre quelli, le manine so' diverse, per cui con la pasticceria a volte viene fuori qualcosa di sublime e a volte 'na mappazza.
    Tutto quello che vedo qui appartiene alla prima categoria, tu e Anisce me fate 'sbava' davanti ar video..
    Le frolle in genere sono belle e frabili senza glutine il problema e' togliere il retrogusto delle farine gluten free. ma con le ultime creazioni ci sono riuscita..per cui questa te la copioooo con il link ca va san dire...que vor di': citando er gran zi' pietro...

    RispondiElimina
  16. Zio Piero, sei prorpio un "energumeno". Per te tutto è semplice e facile. Tu sapessi che pazienza ci vuole, quando non ti viene la ricetta!!!! Comunque sei bravissimo e mi infondi tanta serenità. Un abbraccio deny

    RispondiElimina
  17. @Cuoco: vorrai dire "squaglia"! Con tutte quelle luci...ahahahaahah

    @Enrica: la cioccolata io la metto ovunque... pero' questa torta la lascerei così com'è ;-) (ma son gusti, eh?)

    @Glu.fri: ahahaha. Senti un po', ma che il plumcake lo chiamano budino? Mica chiameranno Panettone i bomboloni?!?!?

    @Deny: ti capisco! Sapessi quante ciambelle senza buco vengono a me... (e poi me le devo pure magna'!!!). Cmq il trucco è: rifare sempre quello che non ti viene bene, fino alla riuscita. ;-)

    RispondiElimina
  18. Bella crostata Zioooo, come tutte le cose che fai del resto!!!
    Io aspetto il prossimo post! Credo mi interesserà particolarmente! ;)

    RispondiElimina
  19. ok ok mi ci butto a capo fitto!!che bello la terza lezione!!

    RispondiElimina
  20. zio..tu sei sempre il mago dei racconti! fai venire voglia anche a me di provare la crostata!!!:)))))
    Se non ci fossi bisognerbbe inventarti!

    Caris

    P.S.: io intanto sperimenterò delle ricettine che vorrei sottoporre alla tua attenzione....

    RispondiElimina
  21. Il panettone o pseudotale lo chiamano pandulce..
    si si io ci ho messo un po' a capire che budin era una traslitterazione di pudding, e che in realta' era un cake...boh..quando me lo offrivano e non sapevo di essere celiaca dicevo sempre di no perche' non amo molto i budini...o meglio devono essere fatti da un pasticcione bravo, ...e io amo i cake..pensa quanti me ne so' persa per 'sto fatto della lingua.

    RispondiElimina
  22. Per un 23 che dosi mi consigli per il ripieno? Come vedi sono proprio intenzionata a farla :)

    RispondiElimina
  23. @Caris: ahahahahha. Provala, è buona, sa? ahahaahah

    (per chi non lo avesse letto bene, la ricetta è sua!)

    @Glu.Fri: :))

    @elenuccia: prova con 500 gr di ricotta e 400gr totali di frolla. Ma anche se tu dovessi fare 500 gr di frolla, con quella che avanza ci fai delle tartelette.

    Son qui che aspetto, eh? ;-)

    RispondiElimina
  24. Ok grazie mille delle dritte. Appena la faccio ti faccio sapere :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails