martedì 2 marzo 2010

Onore al Maestro

Per me il MAESTRO è LUI, ADRIANO.

Di Adriano potrei parlarvi per 100 post e son sicuro li leggereste tutti d’un fiato, senza annoiarvi.

Adriano per tutti noi food-blogger (ops, mi ci sono messo anch’io!) è un punto di riferimento, una garanzia, un’icona.

Silenzioso per intere giornate, a volte settimane, fino a quando timidamente, nel suo stile sornione, tira fuori dal cappello la sua ultima creazione, e il mondo dei foodblogger impazzisce, e io con loro.

Adriano l’ho conosciuto virtualmente attraverso Il Forum di Gennarino, e ci siamo subito presi in simpatia: lui mi sfotteva per i miei “pipini” (per chi non lo sapesse tutte le mie preparazioni erano caratterizzate da involontarie malformazioni di inequivocabile forma), e io ribattevo spiritosamente alla romana, sempre nel pieno rispetto del pubblico sfotto’.

Finalmente, poi, lo scorso anno ci siamo potuti conoscere di persona.

Abbiamo passato insieme ore indimenticabili…e poi, ragazzi…., l’ho visto padroneggiare impasti, coccolare lievitati, sfornare croissant, maneggiare panbabà …ma, soprattutto, ho avuto la fortuna di mangiare la SUA pizza.

Nota di colore: quando poi il Maestro mi ha concesso l’onore di stendere una sua pizza, ovviamente mi è venuta quadrata!!!!! (ahahahah)


Ho provato quasi tutte le sue ricette, e quelle rare volte che non ne rimanevo soddisfatto era solo perché io non ero alla sua altezza, e questo mi serviva da sprono per cercare di migliorare, per imparare.


“Adria’, ho fatto i tuoi babà, guarda sta foto. Che dici?”
“Pie’, quasi ci siamo, ma il terzo alveolo a sinistra non si è aperto.”
“Mae’, ma che me significa?”
“Rifletti, Pie’, che ci arrivi da solo”


Ecco, questo è uno dei tanti stralci di conversazione tra me e lui.
(ovviamente, poi, da solo nun sce arivavo maiiii ahahahah)


Generosità, disponibilità, competenza, umiltà, simpatia, sono solo le prime 5 doti che mi vengono in mente così, di getto, pensado ad Adriano.

La prima sua ricetta che ho realizzato fu la Tarte al Limone. Credo che in tanti anni sia il dolce che ho rifatto più volte, e ogni volta era più buono! Ho anche provato a rifarlo con l’arancia, cercando di dosare al meglio dosi e ingredienti, ma il risultato non mi ha mai convinto. Dovevo aspettare LUI, il Maestro.

…e, finalmente, l’alchimia è avvenuta:

Ho una lunghissima lista di cose da provare, ma non potevo far aspettare questa tarte...

Così l’altra domenica l’ho fatta anch’io….

Che dirvi? Un’armonia di equilibrici bilanciati come solo LUI sa orchestrare. Riesci a distinguere perfettamente tutti i sapori, separatamente, per poi farli dolcemente confondere nell’oblio del gusto, di quando la lingua schiaccia sotto il palato il prelibato boccone...e ne prendi subito un latro, senza soluzione di continuità, e poi un altro ancora, come se avessi paura di interrompere un sogno, e ti ritrovi a tagliarti la seconda fetta senza pensare al burro, alla panna e alle calorie...

Questa tarte è SUBLIME

Questa tarte l’ho “uscita” la mattina. Ne ho mangiate due fette (appunto) e poi son partito di corsa per altri lidi, ma portandomi con me un po di fette(*) ;-).

Durante il giorno pensavo e ripensavo a come interpretarla fotograficamente.

Alla fine ho capito che dovevo fare solo lei, la fetta, con la punta appena tagliata e pronta per esser mangiata.

E lo scatto doveva essere unico, secco, senza ulteriori tentativi e senza fotoritocco. Così:


Grazie, Adriano. Questo post è dedicato a te, mio Maestro e mio Amico
Piero

Alla prossima

Lo Ziopiero


(*) ma che fine hanno fatto le altre fette...? Anisceeee..., ne sai qualcosa?

Guardate anche le altre realizzazioni:

36 commenti:

  1. ne so, ne soooooooooooooooooooo :))
    'na cosa inimmaginabile, la tarte del Maestro (divina) fatta da Pieruccio, una domenica da non dimenticare!
    ... un regalo grande :)))
    e su Adriano, be' che dire?? è in ogni mio post, sempre con me nel blog... un grande, grande Maestro, anche di vita!

    RispondiElimina
  2. fantastico Adriano e bravo tu!

    RispondiElimina
  3. ma come si fa??va fatta per forza!!!!e la dieta???!!!da domani!
    interessantissimo il sito di Adriano!
    bacio,
    Cristiana.

    RispondiElimina
  4. Adriano il maestro,
    Pieruccio il poeta
    Anisce cliccke claccke

    un trio che se non ci fosse, bisognerebbe inventarlo!

    RispondiElimina
  5. Cavoli Piero, hai il privilegio di conoscere il Maestro di persona!!! e hai pure mangiato una sua pizza!!! WOW fantastico

    RispondiElimina
  6. Magari fosse pieno il mondo di gente come voi! Siete grandi!
    Maddy

    RispondiElimina
  7. Vero e'!!!! Siete un trio F A N T A S T I C O!!
    .........e poi il tuo racconto dolcissimo.
    Rita

    RispondiElimina
  8. comunque io la pizza non la volevo quadrata, ma coi pipini, ahahahaha!! :))

    RispondiElimina
  9. Senza parole...sono veramente colpito...
    Grazie, Piè, ma tu mi vedi con gli occhi dell'amicizia, tutte quelle cose no le merito ;)

    Paolè, il panetto, come lo ha maneggiato, quella forma ha preso, poi lo ha aggiustato alla meglio :)))

    RispondiElimina
  10. Complimenti ZioPiero! Hai creato un bellissimo blog con le foto pefette e primo di tutto mi piace molto il tuo modo di scrivere con senso di umorismo, con il sorriso e ironia.
    D'esempio qusto dialogo molto pittoresco: “... il terzo alveolo a sinistra non si è aperto”- mi fatto ridere. Grazie!
    Devo dichiarare, che anche io già dal tempo diventata una vera fan di Maestro Adriano.

    RispondiElimina
  11. @Paole', tu hai parlato della fetta di tarte che ti ho portato, ma io devo dire che...
    HO MAGNATO I CROISSANT DI PAOLETTAAAAAA BBBBBBONI!!!!

    /Adria', qui siamo all'eccellenza che fin'ora avevo provato solo gustando le delizie da te preparate... Grande Paoletta :)))

    RispondiElimina
  12. ...e ancora:

    @Gaia: m'hai fatto morì!!! Anisce Clicke e Clacke

    @Elenuccia: guarda che é il Maestro che ha voluto conoscere me!!! aahahahahahahahahaha

    @Maddy: grazie a nome di tutti. :))

    @Tutti: sempre felice di avervi con me e di potervi deliziare... ;-)

    RispondiElimina
  13. Sulle ricette del Maestro, non ci sono discussioni: "esse sono"!
    L'Adriano uomo è una persona speciale, che Piero ha perfettamente descritto: semplice, schivo e generoso.

    Pieruccio, e dillo che la pizza che facesti a casa sua era una pizza tonda...ma con 4 pipini agli angoli! non c'è niente da fare, ma che nostalgia...adesso sei diventato bravo e, per farli vedere a chi non ti ha conosciuto alle tue prime esperienze, dovrai inventare una nuova ricetta: "Pipini alla zioPiero"!!!!
    1 bacio
    anita

    RispondiElimina
  14. aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahahahhahaha :))
    grande anita, sì, tonda con 4 pipini ahahahhahaha :D :D

    @adria', per piacere smettila di dire che non le meriti :)

    @piero, grazieeeeeeeeee :))
    li ho sfornati anche oggi, ormai sfoglio ad occhi chiusi, ehehehe !!
    smack!

    RispondiElimina
  15. Io sto già comprando gli ingredienti per questa tarte...devo solo capire come usare il forno stavolta! Che quello mio è tutto strano! Grande Adriano, grandie Piero e grande la mia Paolèèèèè!!!

    RispondiElimina
  16. Confermo la bontà della torta l'abbiamo fatta la stessa giornata.Piero,c'è un'altro aggettivo che merita Adriano ed è la signorilità.Se mi chiedessero di definirlo non avrei dubbi:UN GRAN SIGNORE.Piero scusa se ho approfittato del tuo spazio.baci
    antonia

    RispondiElimina
  17. Ah ma se è stato il maestro che a voluto conoscerti allora più che un privilegio è stato un'onore :)
    ehehehe troppo bella la cosa del terzo alveolo da sinistra...ho riso per mezz'ora!!

    Ho scoperto che sei appassionato di podismo!! anche io!!!! la corsa è la mia grande passione insieme alla cucina :)

    RispondiElimina
  18. @Antonia: casa mia è anche casa tua, lo sai ;-)

    @elenuccia: purtroppo ho dovuto smettere per problemi alle cartilagini del ginocchio, ma vado giù pesante con lo spinning. Mai provato? UNZ UNZ ;-)

    RispondiElimina
  19. eh lo so anche io temo l'usura delle cartilagini. Per ora però mi limito alla sciatica :)

    RispondiElimina
  20. Molto bello questo tuo post Piero...
    Come anche tutti gli altri del resto...
    Ma quando si fa una due giorni di cucina ???
    :-)

    RispondiElimina
  21. @Cuoco: quando vuoi. Tu inizia a organizzare, fai un programmino e poi ci si sente ;-)

    @elenuccia: incredibile come sia nello spinning sia nella MBK il ginocchio ancora regga...eppure non mi risparmio... Evidentemente le sollecitazioni nella corsa sono molto più traumatiche.

    RispondiElimina
  22. ciao io sono una grande fan di adriano e paoletta ed ora i miei maestri sono 3 ci sei anche te stò aspettando con ansia l'incordatura tra poco arriva la ka:O)))))))))

    RispondiElimina
  23. ....pazienta ancora un pochino, Ily: sto alle ultime rifiniture ;-)

    Piesse: grazie per avermi affiancato ad Adriano e Paoletta, anche perché prima di essere miei Maestri, per me sono prima di tutto miei AMICI.
    :))

    RispondiElimina
  24. Che bel post Piero! Quoto tutte le tue parole.. e sono d'accordo con Antonia.. Adriano è tanto semplice quanto bravo..
    Pieruccio ..dai che la tua pizza non era tanto brutta.. è che eri emozionato :-)
    Abbiamo passato proprio una bella serata! E spero che la ripeteremo presto.
    Paoletta... cliccke claccke mi piace moltissimo!!
    In effetti mi mancano i tuoi pipini..
    SMACK!!!

    Silvia Sm+

    RispondiElimina
  25. "nun se fa cusci" non stò più nella pelle.....come vorrei solo vedervi tutti e tre o quattro che siete....a pasticciare.....impastare .........potrei anche aiutare se possoooo!!! ;)

    RispondiElimina
  26. si vabbè! questa è una gara...adriano, paoletta, lo ziopiero che si è preparato bene per fare i fuochi d'artificio...io son basìta dalla meraviglia e dalla bravura... an gna pòs fè!

    RispondiElimina
  27. Adriano il maestro e lo ziopiero il poeta.... leggere le tue ricette è davvero come leggere una "bella poesia"
    Bravissimo.....

    RispondiElimina
  28. Questa tarte è una delle poche ricette di Adriano che sono riuscita a fare, è venuta deliziosa, ma purtroppo i miei invitati odiavano le cose limonose e l'avevano appena assaggiata!!
    Piero, un giorno nei siti di cucina si parlerà delle tecniche per riprodurre i pipini alla Piero...e chi se li dimentica!!! Che risate!!
    Un bacione.
    Sonia.

    RispondiElimina
  29. @Sonia: ma tu lo sai che volevo chiamare il Blog proprio "I Pipini dello Ziopiero"? ahahahah

    RispondiElimina
  30. no, dai, adesso sei diventato bravissimo, ti devi sforzare per fare dei pipini decenti!! ;-))

    RispondiElimina
  31. non sapevo che tu fossi famoso soprattutto per codesti "pipini"... e io che ti avevo preso quasi sul serio, avendoti conosciuto nella tua veste di sommo fotografo e pasticcere.

    e no signor piero, lei mi cade sui pipini e nun s'ha da fa' :-)

    peraltro...
    bella questa tua tarte... mi ricorda qualcosa... ;-)

    RispondiElimina
  32. Gaia: ahahah, ma tu guarda cosa sei andata a ripescare!!!
    :)))

    RispondiElimina
  33. ahahahahah, "da solo nun sce arivavo mai" :D ...mi ricorda qualcuno :D
    ahahahahahahahahah

    Che grande, sei!

    PS: mo' ho capito perché scassi i birilli co' sti alveoli :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha!
      Certo ne è passato di tempo da questo post...e sto ancora a combattere con gli alveoli!!!
      :D :D :D

      p.s. e se non fosse stato per Adriano mi sarei fermato ai miei primi cartonati di pizza!
      :)))

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails