martedì 12 ottobre 2010

Lo Ziopiero stende la Pasta Frolla

Ieri ci eravamo salutati con una promessa, ricordate?

Nooo? Ma si. Vi avevo detto che avrei fatto un filmato mentre stendo la frolla.


Lascio quindi la parola alle immagini:


Buona visione.

Ciao e alla Prossima

Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:

60 commenti:

  1. Mannaggia che qui da scuola non lo posso vedere...che mi sto perdendo? ;-)

    RispondiElimina
  2. Fantastico! Ci proverò... grazie ^_^

    RispondiElimina
  3. che stile, addirittura arrotolata sul matterello prima di stenderla nello stampo!
    io la stendo un po' come viene e poi, vedo come posso fare ad infilarla...
    grazie maestro zio!

    RispondiElimina
  4. Che visione quasi acrobatica :)

    RispondiElimina
  5. Complimenti, bellissimo video! sai come faccio io? la stendo in mezzo a due fogli di carfa da forno, ma come fai tu è più bello da vedere!
    Ultimamente invece ho comprato il matterello della Tupperware che si può riempire d'acqua calda o fredda a secondo di ciò che devi stendere, secondo te sarà un attrezzo valido?
    Baci
    Angela L.

    RispondiElimina
  6. beh un bel video, complimenti! proprio sabato ho fatto una crostata e l'ho stesa tutta col mattarello! decisamente un'altr cosa rispetto a come la facevo prima! complimenti per il blog! Giovanna

    RispondiElimina
  7. Zio, la tattica dell'arrotolare la pasta sul mattarello ormai è mia!!! Addio impasti ripiegati sulle braccia, adesso ci sarà lui... il Mattarello!!!!

    Poi ho una domandina: per chi ha le mani di una temperatura simile a quella degli animali a sangue freddo o di un eschimese in mezzo in mezzo al ghiaccio?? hai consigli?? hahahahahahah

    RispondiElimina
  8. io al momento uguale all'arababubù e rosico ahhh come rosico!

    RispondiElimina
  9. Buongiorno, ho scoperto solo ora il tuo blog grazie a quello di Arabafelice (anch'esso scoperto da poco), volevo farti i complimenti, non solo sei un mago in cucina ma sei anche molto simpatico, credo che verro' spesso a rubacchiare i tuoi trucchetti, grazie mille!!
    Rosita (da PG)

    RispondiElimina
  10. La frolla è una delle poche cose che mi riesce discretamente bene....e faccio proprio come te, niente carta forno o tappetini di silicone!! ma mattarello, spianatoia e farina.

    La tua spianatoia è favolosa....hai tutta la mia invidia ^_^

    RispondiElimina
  11. Ecco...io non ho quella spianatoia in legno e adesso la voglio!

    P.s. La grazia con la quale sistemi la frolla sui bordi prima di eliminare la parte eccedente esprime tutta la tua passione e l'amore per ciò che prepari...

    RispondiElimina
  12. @Arabaubau: ...hai presente cosa dice la signorina Silvani appena esce dalla camera d'albergo a Cortina?
    :D :D :D

    @Pagnottella: Vai sicura. Metodo più che sperimentato! ;-)

    @Gaia: No, Gaia. Proprio tu la devi stendere bene!! Poi in quella splendida cucina che ti ritrovi....
    :)))

    @Stefania: ...e non l'ho lanciata per aria!!! ahahahah

    @Angela L.: Non conosco quel tipo di mattarello. La carta da forno è sempre un buon sistema, ma prova anche questo, da molta più soddisfazione ;-)

    @Giovanna: Grazie! :))

    @Tery: Le mani si scaldano usandole. Tu impasta e vedrai che non rimarranno fredde ;-)

    /Gli animali a sangue freddo in realtà non sono freddi ;-)

    @Cinzietta: ahahahah, allora rosicate in due (che c'era un proverbio a tal proposito?)
    :))

    @Rosita: Passa quando vuoi. Qui siamo tutta una grande famiglia (e io sono lo zio!)
    :)))

    @elenuccia: ...quindi confermi che il metodo funziona! Bene! ;-)

    @Virò: mmmmmm, grazie. E' vero, ci metto molta passione (ma c'era anche la TV!!!)
    :)))))

    RispondiElimina
  13. Grandioso, viene voglia di frollare per provarla =)

    RispondiElimina
  14. Mi è venuta voglia di dtendere una sfoglia seguendo i tuoi consigli!!mi metto all'opera!!

    RispondiElimina
  15. @Cey: Frolla, frolla ;-)

    @Golosina: Poi fammi sapere, eh?
    :)

    RispondiElimina
  16. FAN TA STI COOOOOOOOOOOO :-)

    RispondiElimina
  17. A vederti sembra così facile.......... com'è che a me stendere la frolla diventa sempre un' impresa ardua??????????? Fantastico, come sempre! Cris.

    RispondiElimina
  18. @Stella: G-R-A-Z-I-E !!! :))
    (ci hai poi penasto? ahahhahaha)

    @Cris: Anche io quando guardo i tuffatori mi sembra facile...poi quando cerco di imitarli do certe panzate!!! ahahahah

    Sai meglio di me che dietro ogni gesto apparentemente semplice c'è sempre dietro un assiduo esercizio per cercare costantemente un continuo miglioramento.

    ...e in questi casi le critiche fanno meglio dei complimenti perché si cresce, non ci si ferma ;-)

    RispondiElimina
  19. @ cinzietta e araba:
    "mor..... sua che me sò persa pè trent'anni... che me sò persa..." da Fantozzi in paradiso, 1993...
    hahaha!!
    stunc, stunc, stunc.... piè, sfondo musicale azzeccatissimo, movimentato quanto ne richiede la frolla.... :D

    RispondiElimina
  20. I titoli alla GuerreStellati dei tuoi video sono sempre un piacere per me!!!
    Ottimo riferimento cmq anche questa è condivisione, forse quella vera per chi non le ha mai viste fare :))
    Thanks :)))
    PS
    Quoto Virò perchè è vero che si intuisce quando una cosa è fatta per passione e non per altro...

    RispondiElimina
  21. @Zucchero: Brava. La frase è quella!!!
    Grazie per lo sfondo musicale...sai, questa volta ho avuto un'ottima consulente!
    :)))

    @Gamby: ...che ti devo mettere altri cuoricini?
    :))))
    Grazie, amico mio ;-)

    RispondiElimina
  22. bravissimao zio!!! Perfetta!! te lo dico che le frolle le faccio tutti i giorni ;)))

    RispondiElimina
  23. Non mettiamo troppi cuoricini che poi qualcuno fraintende ahahahaha...basta che dici come si fà o ci fai un post sopra?!...magari con dei cioccolattini o biscotti a forma di cuore...magari usi la ZioBrontella....ehehhehe

    RispondiElimina
  24. @Zia Elle: Grazie, allora se lo dici tu i complimenti valgono doppio!

    @Gamby: Apri Word, inserisci un simbolo, lo copi e poi lo incolli nel testo del commento ;-)

    (ma che te le devo dire io queste cose?!?!?)
    :)))))))))

    RispondiElimina
  25. Vado a suidarmi con un barattolo di crauti scaduti per la vergoga!! :))))))))

    RispondiElimina
  26. Se non fosse stato per i peli sulle braccia... uno stampo e una figura con Nonna Papera! :D
    Il metodo mattarello non fallisce mai! Baci

    RispondiElimina
  27. Oh sembri gassman...gassman legge... lo Zi' Pie´stende á sfoglia...
    Nun ce crederai io ó faccio pari pari, .pure cor tocco de matterello..quello me piace un sacco...se la bastarda senza glutine nun se spezza....! perché lei, la frolla senza glutine, é delicata come ´na principessa medioevale anemica...allora so' bravisima a fa' er colage...Besos (nun se fraintende no...visto che co' Gambetto c'e' stata 'na moderazione nei commenti effusivi...:D)

    RispondiElimina
  28. spiegazione grandiosa! ora mi manca solo de accattà lo stampo apposito!

    RispondiElimina
  29. Lo ziopiero ha il mattarello laser!!!
    Che la frolla sia con te :-DDDDDD

    La tua manualità è spettacolare, e quoto anche io Virò!

    RispondiElimina
  30. Ahahahahah,zioooo,ma che bravo! e che musica!!sei un vero portento!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Non finisci mai di stupirmi,sei incredibile!!!!!
    PS Quoto Virò,ma anche Gamby,Gluty e Muscaria per la simpatia,è bello ridere leggendo il tuo blog e relativi commenti ahah
    PPS Il mattarello laser, ahahah geniale!!!!!!
    Bacioni.
    Marina

    RispondiElimina
  31. Grande Ziopiero.... bel filmatino!
    Stendo la pasta frolla proprio come te...ma non sempre con gli stessi risultati!
    Grazieeeee!

    RispondiElimina
  32. @Ginestra: ahahahah. Che faccio, me li tolgo? ahahahah

    @Gluty: ...e si, so basterde senza glutine!!! Besos ;-)

    @Valeria: Compralo con il fondo estraibile ;-)

    @Muscaria: ...e già, che poi ci sta bene pure con i titoli di testa, stile Star Wars!!!

    @Marinaaaaaaa: Quanto tempo che non mi venivi a trovare!!!! :)))

    @Susy: Grazie per la visita. Torna quando vuoi. :)

    RispondiElimina
  33. Wow! Sono rimasta a bocc'aperta! Che classe Zio! Maneggi la frolla con una tale disinvoltura che sembra quasi tu abbia tra le mani pasta per la pizza! La sfoglia arrotolata sul mattarello poi è una gran furbata! ;-D Da te c'è sempre qualcosa da imparare...

    RispondiElimina
  34. @kiarina77: Lo sai mi hai fatto riflettere su una cosa? Forse la maneggio bene proprio perché ho fatto esperienza con molte pizze...ma ti dovessi dire, pure maneggiare la pizza non è affatto facile, specie questa

    Ti meriti un bacio! Smack!
    :))

    RispondiElimina
  35. Che manualità da manuale! ;-)
    Comunque ci conto che nel prossimo video commenti tu anziché il sottofondo musicale!

    RispondiElimina
  36. in effetti 'sta cosa dei titoli alla guerre stellari...
    d'ora in poi te posso chiamà: obi zzìpier obi?

    RispondiElimina
  37. @Nico: Grazie, Nico. Ti dirò, i sottofondi musicali mi piacciono di più...sono, come dire, più allegri!

    @Spaz: :D :D :D :D :D !!!!

    RispondiElimina
  38. grazie che ci regali anche i video!!! ti seguo da poco ma non ti abbandono più! :-D

    RispondiElimina
  39. Io non riesco a fare le striscioline da mettere sopra alla marmellata, mi vengono un orrore! Hai mica qualche trucco da insegnarmi?

    RispondiElimina
  40. tytania: provare provare provare.
    Oppure comprare l'apposito strumento.
    Ti confesso che nelle decorazioni sono incapace, per questo cerco di compensare con il sapore ;)

    RispondiElimina
  41. Ma che vuol dire quando la pasta frolla "impazzisce"? Ho letto in giro che la frolla può impazzire...in che senso?



    Arguzio

    RispondiElimina
  42. @Arguzio: Di solito si dice che la pasta frolla "impazzisce" quando si sgretola e non si riesce più a stenderla.
    Questo puo' accadere quando il procedimento non è eseguito alla regola (p. es. usando del burro a temperatura ambiente invece che freddo di frigorifero).
    Ciao.

    RispondiElimina
  43. grazie...la stendo proprio così, ho avuto la conferma che faccio bene...
    :-)

    RispondiElimina
  44. caro zio piero, nel vedere il video che ti ritrae mentre stendi la pasta frolla, sono cadute le mie certezze; ad un corso di cucina di base ho infatti imparato che la pasta frolla una volta preparata e fatta riposare in frigo, non va tanto maneggiata, pena il surriscaldarsi della stessa. per evitare questo inconveniente infatti, ho imparato a battere la pasta con colpi di mattarello per farla cedere un pò, e quindi iniziare a stenderla. attendo vivamente una tua risposta, grazie virginia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Virginia, mai avere certezze!! :D :D :D

      Scherzi a parte, non c'è niente di meglio che provare i due sistemi, senza andar troppo per il sottile.

      Da parte mia ti posso dire che con questo metodo (peraltro imparato da Luca Monterisno) mi trovo molto meglio rispetto all'altro. Inoltre diverse persone che lo hanno provato mi hanno dato conferma che anche a loro la frolla si è stesa a perfezione.

      Altro non ti rimane che provare (e poi fammi sapere, eh?)

      Elimina
  45. oh my god....tra un pò mi tocca provà!!!! La frolla è già in frigooooo!

    RispondiElimina
  46. @Giuliana: ...allora? Come è andata? :)))

    RispondiElimina
  47. mmmmmmmme la stendo pure io così, quando ho tempo...quasi mai :)
    di solito la lavoro un po' con le mani e poi la stendo, sempre col mattarello, tra 2 fogli di carta forno. però non mi viene bella tonda e precisa come la tua... sono più free..vola :), e allora poi vado di patchwork, aggiungo i pezzetti dove mancano prendendoli da dove avanzano e continuo a mattarellare, infino stendo nella tortiera con la carta sotto, così poi riesco pure a toglierla facilmente dopo. E' un metodo un po' freddo, però, l'impasto quasi non lo tocchi. e invece a me piace toccà! ad averci il tempo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello lavorare la frolla con le mani, però prima di stenderla col mattarello dovresti far rassodare bene il tutto (frigo o freezer); non avere fretta, prenditi i tuoi tempi.

      ..e poi...chetelodevodì? Ma che me stendi la frolla con la carta da forno?!?!?!!? Neeaaaa!!!
      E me la metti pure nella tortiera?!?!? Buuuuuu!!!

      Ma dico, io i filmini che ve li faccio a fare?!?!!? :D :D :D

      Elimina
  48. Posti anche a richiesta? Perché in questo caso io vorrei vedere come la impasti!
    A mano, eh, non con la planetaria! ;o)
    In tutti i video sulla pasta frolla che ho visionato finora si vede sempre la fontana di farina con tutti gli ingredienti ordinatamente disposti intorno e le uova al centro... poi mani o forchetta che mescolano il tutto alla buona... poi quindici secondi di primo piano della faccia del cuoco e infine il panetto tutto bello liscio formato rotondo e perfetto... Io invece voglio vede' che succede in quei quindici fatidici secondi!!! :D :D :D
    Chi dice "Impasta!", chi dice "Non impastare!"
    Chi dice "Tocca!", chi dice "Non toccare!"
    Chi dice "Manipola!", chi dice "Non manipolare!"
    Chi dice "Stendi senza spargere farina!", chi stende spargendo farina!
    Chi burro freddo, chi morbido, chi fuso!
    Chi usa il palmo delle mani, chi la punta delle dita, chi un coltello a lama piatta.
    Chi solo il tuorlo, chi bianco e rosso, chi un uovo intero e (x+y)/z tuorli.
    Chi burro, chi olio, chi burro e olio insieme.
    Chi impasta e manipola e chi pressa e non impasta, altrimenti il glutine si scatena e la frolla viene dura.
    Chi fa riposare e chi no.
    Un giorno scriverò un post sulla prima volta che ho fatto la pasta frolla e sull'evoluzione della mia tecnica! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhaha!!! Li chiameremo "I 15 secondi del mistero"!

      Effetivamente se guardi in giro trovi proprio quello che hai detto tu. Ergo....non esistono regole ferree ma solo abitudini e usanze.

      In questo impasto la vera differenza la fanno gli ingredienti e come vengono proporzionati tra loro.

      Dall'elenco che hai scritto depennerei la sola pressatura e il non riposo: La frolla va impastata e alla fine l'impasto dovrà risultare omogeneo. E dopo l'impasto per una buona resa il riposo in frigo è d'obbligo!

      Quanto ai metodi....normalmente si inizia con la cosidetta "sabbiatura", cioè si mescola burro e farina fino ad ottenere tanti granelli che ricordano la sabbia (in realtà sono molto più grossi). Questa operazione (che se fatta a mano viene fatta con la punta delle dita) il burro unge le proteine del glutine rallentandone la coesione e quindi la formazione.
      Quindi si aggiunge lo zucchero, continuando ad impastare e "sabbiare". Infine le uova per amalgamare il tutto.

      C'è anche un altro tipo di frolla, detta "sucré", in cui la prima operazione consiste nel fare la sabbiatura con burro e zucchero. Poi farina. Poi il resto.

      Quello che invece non hai elencato è la frolla con lo strutto, davvero ottima.
      Per esempio la frolla dei pasticciotti è fatta con lo strutto! ;)

      :)))

      Elimina
    2. E' vero, non ho elencato lo strutto. Personalmente non l'ho mai usato e non mi attira, soprattutto dopo aver letto che se usi quello fatto in casa ok, ma quello che si compra è prodotto industrialmente e meglio lasciar stare.
      Io "sabbio" il burro freddo a pezzettini dopo aver mescolato farina, zucchero e buccia di limone. Poi aggiungo le uova sbattute leggermente e impasto prima grossolanamente con la forchetta, poi con le dita per amalgamare e infine col palmo della mano per "finirlo", ma per pochi secondi e sempre dentro una grossa ciotola di porcellana. Smetto quando il panetto è liscio e compatto in modo "accettabile" (non come la pasta da pane, però).
      La prossima volta proverò a sabbiare solo con la farina.
      Poi in frigo per 30 minuti almeno, dopodiché stendo col matterello sul tappetino di silicone con una quantità di farina tendente a zero ("altrimenti la frolla viene dura"), arrotolo la sfoglia sul mattarello e la deposito nella teglia (antiaderente, imburrata e infarinata) come fai tu.
      Riempio e cuocio di solito a 160°, soprattutto se è una crostata con marmellata ("così la marmellata non scoppietta bollendo e non sporca le decorazioni di frolla in superficie").
      Devo dire che l'impasto non mi viene mai uguale. Da un panetto mezzo aperto è venuta fuori una sfoglia perfetta, e uno perfettamente omogeneo si è spaccato a metà al primo colpo di mattarello. A volte la sfoglia tende a sgretolarsi e sembra quasi bucata sotto il mattarello, non coesa... impossibile metterla nella teglia senza romperla.
      Ho fatto anche una frolla con latte e olio (qui: http://cumgaudiomagno.blogspot.it/2014/04/george-va-in-america-storia-vera-di-una.html). Praticissima e impastabilissima, ma non l'ho mai provata per fare torte e crostate. Anche in questo caso il riposo in frigo sarebbe d'obbligo? Io l'ho saltato, perché la ricetta non lo prevedeva. ;o)
      Grazie... e aspetto il video sui quindici secondi del mistero! E un bel primo piano finale del panetto, mi raccomando!
      T'abbraccio.

      Elimina
    3. Se la frolla non ha il burro o lo strutto, il riposo in frigo potresti anche non farlo, anche se qualsiasi impasto è sempre bene farlo riposare.

      p.s. la teglia dentro cui cuoci la frolla NON va imburrata!!!

      :)))

      Elimina
    4. Perché no???
      Caspita, devo imparare tutto da capo!!! :D
      Per la frolla con l'olio, la farò riposare mezzora fuori dal frigo ;)

      Elimina
    5. Perché la quantità di burro presente nell'impasto è più che sufficiente a non farla attaccare. Provare per credere. ;)
      E poi scusa, nel filmato vedi per caso che ungo la teglia...?
      :)))

      Elimina
  49. L'ho notato subito che non la ungi, e anche che la teglia non è antiaderente.
    Io uso 125 g di burro per 300 g di farina e i biscotti fatti con l'avanzo di frolla e cotti nella teglia antiaderente non si attaccano, o meglio si staccano con facilità, ma non ho mai voluto rischiare con una crostata che deve fare la sua "porca figura". E anche così a volte ho qualche difficoltà a sformarla perché "aderisce" abbastanza. Se aumento la dose di burro, il sapore diventa troppo intenso per i miei gusti. Quindi... imburro e infarino! ;o)
    Ho provato una teglia come la tua per una crostatina, ma a parità di temperatura e tempo di cottura la frolla nella teglia normale (unta e infarinata) è rimasta molto più bianca e morbida rispetto a quella cotta nello stampo antiaderente, e non mi è piaciuta altrettanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piacciono le crostate ti suggerisco di investire una decina di euro e comprarti una teglia col fondo estraibile; dopo la cottura ci ficchi una mano sotto e la crostata vien via che è una meraviglia! ;)

      Oppure fai due striscioline con la carta da forno e le sistemi a croce nella teglia, in modo tale che le estremità escan fuori dai bordi almeno 3 cm. Poi ci stendi dentro la frolla. Dopo la cottura prendi le striscioline dai bordi e tiri su. ;)

      :))))

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails