venerdì 8 ottobre 2010

Fagioli Zolfini in Cialda di Parmigiano

Tempo fa mia cognata mi consegnò un sacchettino e con l'aria un po' distaccata, quasi scocciata, mi fece:

"Senti Ziopiero*, mi hanno regalato questi fagioli zolfini. hai presente? Ne parla sempre Vissani.
Io non so proprio che farmene. Sicuramente non li farò mai!! 
Troppo complicato, troppo tempo. Li do a te, al limite buttali."

AAAAAAAAAARRRRRRRGGGGGGGGGGGGGG!!!!!!!
Sacrilegio!!!!! Ti strooozzo con le mie mani!!!!!!!!
(Avrebbe detto lo Ziopiero istintivo)

"Ok, va bene, lasciali a me, non ti preoccupare"
(invece rispose lo Ziopiero diplomantco nonché furbetto...)

Allora, fare i fagioli zolfini non è affatto complicato, anzi è facilissimo!!!

Li lasciate a bagno una notte (facoltativo, ma lo consiglio)
Poi li mettete in una pentola di coccio con uno o due spicchi d'aglio, qualche foglia di salvia e/o rosmarino, li coprite con dell'acqua in modo che stiano un paio di dita sotto, sale e via sul fuoco, a fiamma bassa.
Lasciateli sobbollire fino a cottura (2-3 ore), girando di tanto in tanto.
Fatti!

Potete gustarli così, aggiungendo solo un filo d'olio. Sono ottimi. Oppure farci una classica pasta e fagioli.

Io, visto che volevo dare loro un'immagine fotografica diversa, li ho messi in questa ciotolina di parmigiano (Antonia, alla fine hai visto che ce l'ho fatta?), con due pomodorini a fette per dar colore all'immagine.


* vi siete forse chiesti il perché dell'asterisco dopo il mio nome? Bene, ora vi svelo un segreto. Il nome Ziopiero lo ha coniato proprio mia cognata: è lei infatti che mi ha chiamato così la prima volta.

Grazie e alla Prossima

Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:

40 commenti:

  1. Ottimi i fagioli....ma la ciotolina di parmigiano???? Come hai fatto zio?????? Dai dimmelo!! E' troppo carina!!

    RispondiElimina
  2. Buonissimi i fagioli zolfini, sono proprio delle nostre zone e precisamente della Penna nel comune di Terranuova Bracciolini (Ar). Tua cognata ti ha fatto proprio un bel regalo perchè sono carissimi oltre che buonissimi, il miglior modo per mangiarli secondo me è su una bruschetta di pane toscano con un filo di olio ( manco a dirlo toscano) e una spolverata di pepe ( però toscano un c'è!!!). Certo che però non ti sarebbe venuta una foto così bella!!! Ciao dalle toscane

    RispondiElimina
  3. La mia prima ciotolina di parmigiano l'ho postata una settimana fa...E' una gran soddisfazione farla...Buoni questi fagioli poi...Dalle mie parti ci sono i Fagioli del Purgatorio...Potrei provare a farli così...Buona giornata.

    RispondiElimina
  4. Se è stata lei, te ce voleva il ® !!

    Sono proprio buoni e semplici fatti cosi', i fagioli!!
    .. e la ricetta, paro paro, è anche quella della tradizione fiorentina, pensa te!

    RispondiElimina
  5. Una altro piccolo tassello a svelare lo ZioPiero :PPP
    Ottimi i fagioli così. Penso che non ci sia modo migliore per cucinarli. La presentazione ovviamente merita.
    Una domanda la cialda come hai fatto a farla venire così regolare?
    PS
    Per quel pò che ti conosco il nick ZioPiero è centrato in pieno. Accorcia le distanze ma è di rispetto, la figura dello zio/a è quella di solito che in famiglia viene vista come la via di fuga ideale da parte del nipote adolescente con i genitori e qui tu rappresenti a pieno la via schietta e più leggera per valutare con un pizzico di lucida ironia la parte seriosa degli altri, quelli che qualche volta si prendono realmente sul serio. Forse le modalità comunicative ti pongono su un piano più a rischio ma alla lunga viene fuori la stoffa del maratoneta. Lo Zio è anche questo, uno onesto intellettualmente sin dall'inizio. Sul web mi sa che sei diventato lo Zio di molti e non certo anagraficamente, se mi permetti lo reputo un bel successo. Io di zii ne ho veramente tanti ma tu sei stato la migliore aggiunta...non è che ti posso passare qualche mela bacata invece?! ahahahaha

    RispondiElimina
  6. Un grazie alla cognata per il nome, altrimenti noi chissà chi avremmo al posto dello zio... speriamo non il nonno! :P

    A parte questo... mega gocciolona stile manga giapponese per "buttali via"... cosa????????? Buttare un ingredienti per una possibilità di ricette infinite?????????? Nu nu, appunto, sacrilegio!!!!

    RispondiElimina
  7. Buondì Ziopiero, in effetti la cosa che mi colpisce di più è l'immagine fotografica che hai dato al tuo piatto. Voglio quella ciotolina! Si, voglio provare a farla *_*
    Bell'idea, complimenti

    RispondiElimina
  8. A me nessuno offre mai dei fagioli zolfini!
    Mai, eh???

    RispondiElimina
  9. Ma che tipo di fagioli soo sti zolfini?!?? scusa ma so gnoranta!!!

    RispondiElimina
  10. @Zia Elle: Metti il parmigiano su della carta da forno, quindi microonde, girala su una ciotola per darle forma e poi falla solidificare. ;-)

    @Pellegrine: Ottima idea quella della bruschetta!!! Scommettiamo che faccio una foto da leccarsi i baffi tipo questa?
    ;-)

    @saretta m.: L'ho vista. Complimenti per la ricetta.
    Piesse: le tue parti sono molto vicine alle mie...
    ;-)

    @Gaia: E' una ricetta base, semplice; per questo mi piace!

    @Gamby: ♥ ♥ ♥ !!!

    @Tery: Nu Nu! Sacrilegio! :)))

    @Tiziana: Leggi su ;-)

    @Alem: Bisogna meritarseli! Ahahahaah
    ;-)

    @elenuccia: ...gugla, gugla ;-)

    RispondiElimina
  11. Ciao Ziopiero! Che bella foto! La cialda ti è venuta benissimo, sembra un'insalatiera! A me vengono sempre tutti "gnogni" i cestini, uffi! Un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina
  12. nooo ma come li voleva buttareeeeeeeeeee...beh in effetti la maggior parte delle persone ignora completamente come si facciano i legumi..che carina la ciotolina di parmigiano..a me esce sempre un po troppo scura..

    RispondiElimina
  13. Oddio... sacrilegio veramente. I fagioli zolfini sono buonissimi! Ciao! Ecome al solito complimenti per le foto.
    Simone

    RispondiElimina
  14. Dici la verità hai messo i cuoricini per non scrivere che qualche mio parente bacato proprio non lo vuoi prendere a carico eh!? :PPP hahaahahahahhaha

    RispondiElimina
  15. @Kiarina: Grazie. Che dici, la facciamo una foto con i fagioli sopra quel famoso pane...?
    ;-)

    @Cleare: ...be', vedo che oltre a conoscere molto bene Roma conosci anche i fagioli zolfini meglio di molti toscani...(e non voglio nomi....ahahahahah)

    @Simo': :))))

    @Gamby: Dico la verità: a parte un dichiarato quanto esplicito amore nei tuoi confronti, ho messo i cuoricini affinché tu mi chiedessi, come già facesti per l'esponente² : ma come hai fatto? ahahahah

    RispondiElimina
  16. Zietto ma io non sono toshana...so romagnola-ola-ola ^_^

    RispondiElimina
  17. @elenuccia: l'è vero, pirò io so 'i tettuvai su e giù pella tos'ana...l'è mai possibile tettu sti fagioli 'ull'hai mai visti?!?!?!

    :))

    RispondiElimina
  18. su e giù pella tos'ana a corre, mica per mangiare!! e i fagioli ai ristori mica ci sono ^_^
    però pensandoci bene non sarebbero neanche male...zuccheri di facile digestione

    Comunque bisogna che cambi il mio approccio turistico...al prossimo giro in tos'ana mi fo sti fagioli!

    RispondiElimina
  19. Ecco svelata l'origine del tuo nome...Ah, il tuo nome è una certezza! Sei riuscito a trasformare un ingrediente semplice in un piatto elegeante e raffinato! :-D

    RispondiElimina
  20. ...se tua cognata passa di qua e lascia li fagioli io accetto..
    Zi' Pie´ finalmente mi sono ricollegata e ho visto 'sta cosa sublime...
    Augustaaaaaaa ven po' quaaaa! (ti ricordi ?...la vacanze intelligenti?)..Baci Zio !

    RispondiElimina
  21. Non ho mai assaggiato i fagioli zolfini..posso venire da te per assaggiarli?!

    RispondiElimina
  22. Zio Piero...Con la cialda ho vinto!!!
    saretta

    RispondiElimina
  23. Ciao Zio Piero, posso chiamarti anche io Zio?
    sono approdata qui su segnalazione di un'amica, sto leggendo d'un fiato tutte le lezioni sulla "sofffffete".
    Non ho una Reflex, ma molte info sono utilissime anche per una digitale "sciuè sciuè".
    Ti scrivo per farti i complimenti e per presentarmi, quando incontro un blog fatto bene come questo devo assolutamente dirlo! ho un blog anche io (non di cucina) e "detesto" i visitatori silenziosi, quelli che pur seguendoti non fanno mai capolino, è scorretto! è come andare in casa d'altri e non salutare!
    Scusami se ho scritto di cose che con la ricetta non hanno a che vedere, ma non ho visto un link a qualcosa di simile ad un guestbook!
    Assolutamente considerami una lettrice assidua d'ora in poi!
    Ancora complimenti, per i contenuti, per l'allegria, per tutto!

    RispondiElimina
  24. @elenuccia: :))

    @Mirtilla: ...sai una cosa? Basta uscire un pochino dagli schemi ed ecco che ti si apre un mondo!!!

    @Gluty: ahahahah, e come non ricordarlo? Tu lo sai che potrei citarti a memoria tutti i film di Sordi, si? "écchime, Re', mo vengo "
    :D :D :D

    @Golosina: Prego, si accomodi! :))

    @sarette: Complimentissimi!!!
    Ti ho già scritto di là tutta la mia gioia e approvazione. Veramente felice perché la tua ricetta merita davvero per fantasia e ideazione! SOn contento che l'abbiano riconosciuto anche gli altri.
    Brava!

    @Cle: "Ecchete qua"!!! ;-)
    Grazie per le simpatiche parole. Ora mi devi svelare il nome dell'amica...

    RispondiElimina
  25. :)))
    l'amica in questione è giorgy e il link di provenienza della segnalazione è questo
    http://www.misya.info/forum/post62716.html#p62716


    (PS:
    finalmente ci capisco qsa anche con riferimento a GIMP!!!)

    RispondiElimina
  26. @Cle: Non credo di conoscerla, o magari non è tra le assidue frequentatrici. In ogni caso ringraziala.

    /Mi fa piacere ti siano utili i post sul fotoritocco. Ovviamente sono stai scritti per avere un primo approccio facile facile alla materia, senza troppe pretese.

    Piesse: ma se sei di Roma o di Bari?

    RispondiElimina
  27. Sono della provincia di taranto ma vivo a bari!
    Ma il romano lo capisco! ahahaahahah

    giorgy è appassionata di cibo e fotografia
    ma molto probabilmente fa parte della schiera dei "lettori silenziosi" :D

    RispondiElimina
  28. @Cle: Ok. Invita giorgy a partecipare, viste le passioni comuni. :)

    Piesse: se capisci il romano, allora i post sulla sòffete e simili ti saranno stati chiarissimi! :))))

    RispondiElimina
  29. Non mancherò!

    oh si... magari in qualche punto mi ci è voluta una "rilettura" ma... tutto sommato tutto molto chiaro! ;-)
    Se fosse stato in milanese o altro dialetto più a nord avrei abbandonato la nave! ahahah

    RispondiElimina
  30. ciao Zio Piero
    sono la giorgy di cui sopra...diciamo che io ti seguo molto silenziosamente un po' ovunque...e cerco di apprendere il più possibile da tutto...mi piace il tuo modo di illustrare le ricette...sempre con un tocco di brio e devo ammettere che spesso mi ritrovo a ridere con il monitor ;) ...poi faccio tesoro di tutti gli studi che sono dietro alla realizzazione finale...
    insomma dopo questa dichiarazione "d'amore" ora mi ritiro ahahaha
    P.S. ho chiesto anche a Paoletta se avevi un gruppo su fb...ma nulla ;)

    RispondiElimina
  31. a zioooooo! bellini 'sti fascioletti nel cestino, li voglio fare pure io ma in assenza dei zolfini, di cui ignoravo beatamente l'esistenza, userò i cannellini... e lo so, non sarà la stessa cosa...

    RispondiElimina
  32. @Cle: :))
    Ma tu lo sai che ho sangue barese nelle vene, si?

    @Giorgy: Ma che piacere che mi fai. Dai, esci allo scoperto, che come vedi qui siamo tutti simpaticamente amici.

    /su FB ho preferito non iscrivermi.

    @Zucchero: La cialda di parmigiano era un capitolo ancora aperto...non mi riusciva!!! ahahahaah
    Adesso ho capito come si fa, e allora...gelato?
    ahahahahaahah
    Bacioni, Zu' :))

    RispondiElimina
  33. Ciao ziopiero!!!Sono rientrata anche io (finalmente) dopo un periodo di latitanza costretta da impegni vari che non go potuto pigiare neanche un tastino per alimentare il mio mondo zucchino e per salutare gli amici!! Insomma, eccomi qui...rientro e me dico andiamo a salutare lo zio e che me trovo???Una ciotolina de fascioli...UAOOOOOO...ma come ha fatto lo zio a sapere che domani voglio preparare i fascioli colle sarsicciette umbre che mi hanno appena regalato!!!Grazie zioooooooo! e bravissimo come al solito.
    PS: Ma se ti do uno scarpone vecchio, un dado ed un'arancia riesci a farmi lo stesso un piattino leccornioso e godurioso come al solito
    PSS Secondo me si ...
    bacio

    RispondiElimina
  34. Mmm che buoni i fagioli..è bello come due diversi modi di preparazione mi facciano venire in mente due diverse situazioni..con il loro gustoso e caldo brodo per scaldare durante l'inverno o come li hai presentati tu...che mi fanno tanto estate :D Buonissimi!

    Ps. ma 'sta cialda??? quant'è bella?? :D

    RispondiElimina
  35. @Cecilietta: PSSS: scarpone+dado+arancia? ...ci vedrei invece una bella foto!!!
    (e poi dovresti saperlo che son contrario al dado!!!!)

    @Margherita: ....e anche su una fetta di pane tostato con su un filino d'olio - come ha suggerito Kiara - non sarebbe male, eh? Diciamo...autunno?

    Ciao...angelo ;-)
    ahahahah

    RispondiElimina
  36. Sandra Firenze10 ottobre 2010 10:34

    Noooooo, sacrilegio, doppio sacrilegio!!!
    Primo: ma che buttare! è pazza tua cognata? gli zolfini costano quanto una bistecca (intesa come fiorentina), sono fagioli sopraffini e di produzione limitata...praticamente dei gioiellini!
    Secondo: mettere in ammollo???? NOOOOOO, gli zolfini si cuociono rigorosamente così come sono, perché hanno la buccia molto sottile. Si mettono, dopo averli lavati, in un recipiente dal fondo spesso, si aggiunge acqua fredda in ragione di 5 volte il peso dei fagioli e oltre all'aglio, la salvia e il sale va messo anche un po' di buon olio extravergine e qualche grano di pepe. Il segreto è tutto nella cottura, che deve essere lentissima. L'acqua non deve mai bollire, ma solo fremere. Il Petroni insegna, Gaia qualche tempo fa ci ha fatto un post proprio su questo tipo di cottura riportando pari pari ciò che riporta il Petroni nel suo libro "Il libro della vera cucina fiorentina"
    A parte questo, la ciotolina di parmigiano è uno spettacolo!
    Ciao Sandra

    RispondiElimina
  37. Ahhh davvero...che bontà!!! Ci manca la primavera ora! suggerimenti? :D che fame!

    RispondiElimina
  38. @Sandra: Grazie per la precisazione. Ero molto indeciso se lasciarli a bagno o meno. Mi ci sono trovato molto bene, ma non ho provato il contrario (tanto è vero che ho scritto "facoltativo"). Prosima volta proverò. :))

    @Margherita: Fagioli quattro stagioni? Sandra, ci dai tu un'idea? Cmq penso che anche una classica pasta e fagioli fatta come si deve potrebbe ben rappresentare la primavera.
    ;-)

    RispondiElimina
  39. Sandra Firenze11 ottobre 2010 12:10

    Fagioli quattro stagioni? dunque, se parliamo di soli zolfini, data la loro caratteristica di (praticamente) assenza di buccia, credo che la "morte" loro sia gustarli così come li hai serviti tu, o semplicemente conditi con buon olio, o su una bruschetta, come hanno giustamente detto le Pellegrine Artusi. Per minestre, visto che devono essere passati, son sciupati! non so se avete una vaga idea di quanto costano, ma un chilo di zolfini vanno dai 20 fino ai 27 euro!! Quindi, secondo me, una buona idea potrebbe essere questa:
    Fagioli e caviale (tratto da "il grande libro della vera cucina toscana di Paolo Petroni)
    200 g di fagioli lessati
    4 cucchiaini di caviale nero
    mezzo limone
    olio sale e pepe in grani
    mettere i fagioli lessati e ancora tiepidi in una zuppiera, aggiungere il caviale. Condire con ottimo olio extravergine, qualche goccia di limone e sale. Girate e servite con abbondante pepe macinato al momento.
    Non so se la trovate primaverile, ma di sicuro è buona!
    Ciao, vado a studiare la torta di mele!

    RispondiElimina
  40. @Sandra: Grazie. :))
    Mi intriga l'abbinamento col caviale. Senti, anche se siamo in pieno autunno mi sa che la provo!!!

    /passarli? no no no!!! :))

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails