mercoledì 6 marzo 2013

Cornetti ripieni di Cioccolato



♫ ♫ 
E' uno di quei giorni che...ti prende la malinconia
Che fino a sera non ti lascia più....


♫ ♫


La ricordate? Vi piace la Vanoni? L'ho sempre trovata una donna affasciante, misteriosa, con una voce suadente, sensuale.

L'altro sabato mattina era proprio uno di quei giorni lì...svegliato con la malinconia...e allora ho iniziato a canticchiare questa canzone...ma poi, al secondo verso, mi sono subito fermato!

E no, mia cara Ornella! Io 'sta malinconia mica me la posso portare fino a sera!!!
Occorre rimediare!

E come, se non andando subito in cucina ad impastare?

...si, ma cosa?

Gli impasti non si possono mica improvvisare...almeno a me non piace improvvisarli.
Un po' come i viaggi. Metà del piacere di un viaggio è nella preparazione, nella scelta dei luoghi da andare a vedere, dei percorsi da fare, nello studio della storia dei siti da visitare....Il viaggio non si improvvisa all'ultimo momento. E nemmeno un impasto!

Occorre decidere prima di tutto cosa fare, e poi stabilire i tempi, i ritmi, le disponibilità durante la giornata...

A me piace molto questa fase..a volte la prolungo delle ore...sapete quel sottile piacere di proiettare in uno schermo immaginario davanti a voi le varie fasi della preparazione, focalizzandosi sui particolari, i gesti, i profumi...fino poi ad avere chiara davanti l'immagine del risultato finale?

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Ecco! Era questa l'immagine che mi si è materializzata davanti:

E così, piano piano, il progetto prende corpo...una rapida idea degli ingredienti...un veloce controllo a mente...ce l'ho, ce l'ho, ce l'ho, mi manca? No, ce l'ho, anche questo...

Ed ecco che la malinconia inizia a sfumare...lasciando il posto ad un sorriso, prima di compiacimento, poi di soddisfazione, infine di complicità verso te stesso.

Un occhiata all'orologio, anche se non ce n'è bisogno: fuori è ancora buio..ho tutto il tempo che voglio.

E anche gli ingredienti

500 g di manitoba
80  g di latte
10 g di lievito di birra

3 uova
80 g di zucchero
Zeste di arnacia
12 g di liquore arancia
25 g di miele arancia
8 g sale
100 g di burro


Nel latte tiepido sciolgo il lievito e aggiungo qualche cucchiaiata di farina, mescolando con la frusta fino ad ottenere una cremina densa. Altra spolverata di farina sopra la cremina e lascio lì, a riposare.

Intanto preparo la mia cioccolata preferita, che vi ho già presentato qui

Crema da forno al cioccolato - Ricetta dello Ziopiero
100 g di latte
60 g di panna
2 tuorli

80 g di zucchero
10 g di  fecola di patate
2 Cucchiai di cacao
50 g cioccolato fondente al 70%

zeste di arancia

Ho scaldato il latte con la panna e poi l'ho versato goccia a goccia nel cacao setacciato e unito alla fecola, mescolando per bene per evitare la formazione di grumi. Le uova le ho montate con lo zucchero e le zeste. Poi ho messo tutto sul fuoco fino ad ottenere la crema, alla quale ho poi aggiunto il cioccolato tritato.


Nel frattempo il lievitino aveva iniziato a formare delle crepe sulla farina messa in superficie.
Ho aggiunto gli altri ingredienti tranne il burro e ho impastato, fino ad incordare.

Alla fine ho aggiunto il burro appena ammorbidito, fino a completo assorbimento.


Se l'impasto nella ciotola dovesse apparire poco compatto, non esitate; tiratelo fuori e continuate ad impastare a mano, tanto adesso sapete come fare.

Alla fine dovrà presentarsi bello liscio, così:
(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Lasciatelo al coperto, fino al raddoppio.

Poi stendetelo e formate dei lunghi triangoli.

Mettete un cucchiaino di cioccolata poco sopra la base:

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

E col cucchiaino stendetelo fino circa i 2/3

(Fai click sulla foto per ingrandirla)
Arrotolate e sistemate i vostri pargoli con la punta a contatto della teglia, altrimenti rischiate che in cottura vi si alzi.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)
Lasciateli crescere al caldo; infornateli a 180° dopo averli spennellati con gli albumi avanzati dalla crema, mischiati ad un po' di latte.

A fine cottura, spolverateli con dello zucchero a velo e....

(Fai click sulla foto per ingrandirla)
Aho! Ma chi se li è fregati?!?!?!?

ahhhhh, eccoli qua!!! :D :D :D

(Fai click sulla foto per ingrandirla)
FATELI!

:))))

Ciao e alla Prossima.

Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:

113 commenti:

  1. Come sempre fantastica ricetta!! Grazie mille!! Eih se ti và passa a curiosare anche da me!! Ciaoo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Lara. Ho visto le tue crocette ferraresi. E' tanto che non le faccio, sai?

      Elimina
  2. Beh, anche le ricette sono viaggi.
    E come in quelli veri non è sempre l'arrivo il vero piacere ;-)

    Passata la malinconia, ora? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...si, anche le ricette son viaggi...purché non siano ricette "furbette" :))))

      Bacioni! :))

      Elimina
    2. Quelle pure sono viaggi.
      Brevi :-D

      Elimina
    3. ...si, tipo quelli che te caricano sur pullman, te fanno ingozza' de tajatelle surgelate, te obbligano a compra' un set de pentole e quanno è er momento de scenne manco te ricordi addove t'hanno portato! :D :D :D :D

      T'aribascio! :))))

      Elimina
    4. Ahahahahahahah!!!! Esagerato!!!!
      Sono solo pic-nic fuori porta ;-)

      Elimina
  3. Naaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa! E adesso dubbio amletico: russa o cornetti????
    Piero sono belliiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiissimiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!
    Lo sai, adoro gli impasti lievitati e dunque il tuo invito a farli sarà accolto prestissimo; a questo tipo di ricette non dò modo di "stagionare".
    Domani è giovedi: gnocchi e brioches!!:)))))))))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero dubbio amletico.... E perché non entrambe? :)))

      p.s. occhio a non metter la cioccolata negli gnocchi e il taleggio nelle brioches...anche se ...anche se... avrebbero il loro "perché"

      :))

      Elimina
    2. Buaaaaahhhhhhh!!!! (sono riuscita a scriverla la risata che mi hai fatto fare????)
      Ti ricordo però che io parto dalla versione semplificata degli gnocchi che mi hai dato tu, quindi per il momento pericolo scampato zio!!!!!! ;))))

      Elimina
    3. Meglio sempre precisare... :D :D :D
      Comunque gli gnocchi cioccolatosi secondo me so bbboni!
      D'altra parte tempo fa feci le tagliatelle al cioccolato! :)))

      Elimina
  4. Certo siamo proprio uguali io e te, è inquietante ritrovarsi tanto nelle parole di qualcuno.
    Io quando sono malinconica mi aiuto molto impastando...mi fa sciogliere le emozioni negative.
    Pensare ad un progetto culinario mi fa stare bene. Progetto, si. Mica una cosa così....
    proprio esattamente come quando penso e progetto un viaggio, che mi richiede sempre
    un coinvolgimento emotivo altissimo.
    Le tue briosche non solo sono belle, ma anche pensate...e questo dona loro un valore diverso.

    Ma la foto di quelle mezze lune? io me ne sono innamorata con tutte le scarpe....o come dice la mia nipotina, con tutte le ccappette :D.

    Sei grande, e non è detto tanto per dire.

    Un bacione

    PS: già che ci sono saluto Rosalba e Guadalupe, ché tanto lo so che dopo passano :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti abbraccio Michela.

      Elimina
    2. Michela, ti confesso un segreto, ma tu giura non dirlo a nessuno, eh?

      La foto delle mezzelune non è stata pensata ma è venuta così, sul momento: dopo che avevo tolto la prima brioche ho avuto l'illuminazione! :))

      Bacioni

      p.s. dolcissima la tua nipotina! :))))

      Elimina
    3. @Rosalba, ricambio con affetto :)
      @Piero, MUTA SONO :D

      Elimina
    4. ps: anche io come Tamara mi sono confusa... :D le ho chiamate brioche :D ahahahahhah
      diomio...

      Elimina
  5. Appena ho letto cornetti al cioccolato ho visto subito nella mia mente un Antonio Banderas un pò appesantito che toccia il suo cornetto industriale in una grumosa crema al cioccolato. Che dici? Glielo diciamo che questi sono migliori e che lo fanno ringiovanire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah, che visione che hai avuto!!!
      Detesto quella pubblicità...purtroppo, però, sta facendo molta presa. Sai a cosa mi ha fatto pensare? A quelle pubblicità di automobili con le stanghe di due metri sdraiate sopra e mezze nude.
      Be', una volta ogni tanto, qui hanno usato "l'uomo oggetto" come richiamo per un prodotto! :D :D :D

      Elimina
    2. il che te la dice lunga sulla considerazione che gli esperti di marketing hanno su noi donne. un uomo appesantito di mezza età vestito da campagnolo??? e per voi le stangone nude?
      ahiahiahiahiahi ....

      Elimina
    3. Sai, il fatto è che funziona! E pure bene!
      Il marketing pubblicitario ormai è una scienza molto consolidata, fatta di teste pensanti che se stimano che il 30% degli acquirenti acquisteranno un prodotto in base al messaggio pubblicitario ideato, molto spesso ci azzeccano! E se ci azzeccano vuol dire che questi messaggi hanno presa sul target di riferimento, donne o uomini che siano.
      La considerazione amara, alla fine, non è sugli esperti di marketing, ma semmai sui responsabili dell'acquisto.

      Poi lascia perdere il fatto che su di te o su di me non fanno presa. Tu sai con che macchina vado in giro, no? Le stangone alte due metri le carico, soprattutto se vengono dal sud e col tacco 12! :D :D :D

      T'aspetto per il prossimo tour turistico! :))))

      Elimina
  6. Lo so che non ci crederai ma capita molto spesso anche a me ... la malinconia, il progettare un impasto (io ho progettato la colomba per venerdì prossimo) il pensare e progettare un viaggio fin nei minimi particolari ... e quanto mi piace la Vanoni!!
    A parte questo una bella briosce delle tue me la mangerei molto volentieri in questo momento, ci fari la seconda colazione ;-) buona giornata Zio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e invece ci credo, eccome! L'ho scritto! :)))
      Buona giornata anche a te. :))

      Elimina
  7. Dio mio ma questi cornetti sono favolosi!!!!

    RispondiElimina
  8. Zio Piero!
    'Diavolo' tentatore!
    Parli di malinconia?
    Ma questa ricetta è un Inno alla Gioia!
    Ingredienti:
    ce l'ho, ce l'ho, ce l'ho,...
    IO vado in cucina, Piero.
    Vado a sognare...
    La malinconia?
    Lasciamola volare via.
    Felicità per tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei fantastica Rosalba:))))))))))!!!!!

      Elimina
    2. ahahaha, lo sai che mi ci vedo come "Diavolo tentatore" tutto rosso con la coda a punta!!!

      Bacioni! :)))

      Elimina
    3. Uguale,Piero, u-gua-le!!! :D


      @Guadalupe: So' 'vecchia' quasi quanto lo zio Piero ;-D
      Piano coi complimenti.Ho il cuore debole.
      Smack!

      Elimina
  9. Croissant salati dal Nanni, cornetti al cioccolato da te....questa è una vera congiura!!!
    Se non ho frainteso, qua niente panetti di burro, girate, sfogliate, riposi multipli...certo che è difficile dalla tentazione di provarli :)
    mi piace l'effetto che da la crema spalmata invece che lasciata tutta alla base, si mi piace molto di più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Niente panetti, girate, ecc. Certo, non sono sfogliati, questo è chiaro. ;)
      E quella crema....la devi provare! Poi non la molli più! :)))

      Elimina
  10. Alla faccia della Vannoni li faccio, eccome se li faccio! Anzi, li ripeto anche per questo we!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene! Fammi sapere come ti vengono, eh? :))

      Elimina
  11. Confesso che alla Vanoni preferisci De Gregori...come cantante ed anche come uomo!! :P ahahahahahahahah
    Battute idiote a parte questi cornetti più che la voglia di partire sollevano il desiderio di rimanere a casa per colazione...perchè mi sa che è veramente difficile trovarli altrove.
    Perfetti...e la malinconia viene a chi non li prova secondo me...:P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente non li ho mai visti altrove... Vabbe', sto giro rimaniamo a casa, va!
      :)))

      Elimina
  12. gesù....abbi pietà di me :))))))))))
    (vorrei ricordarti che ho solo 4 we al mese!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...vorrei ricordarti che marzo di we ne ha 5! :)))))
      (e che io con te non ho nessuna pietà! ahahahaaha)

      Elimina
  13. Cavolo....ho appena fatto quelli sfogliati, ma questi mi erano proprio sfuggiti.....Mo' te li copio subito!!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be, ti erano sfuggiti perché li ho appena pubblicati, dai. ;)
      Copiali e quando li farai avvertimi! :))

      Elimina
  14. Zio Piero sono bellissimi e neanche burrosi :-). Oltretutto non avevo mai visto come arrotolare i cornetti per bene. Al taglio mi sembra di vederci un quadro. Do sta il trucchetto maestro? ;-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehehe, il trucchetto viene a forza di fare e disfare! :)))

      Elimina
  15. Via, sta crema al cioccolato va fatta.
    guarda qui che robba!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, guarda. Falla stasera stessa. A domani non ci arriva, garantito! :)))

      Elimina
  16. Sono sempre stata per le brioches alla crema... Però questa meraviglia cioccolatosa mi fa una gola incredibile, voglio assolutamente provarla!!! ;)

    RispondiElimina
  17. Questo post è pura poesia.. è tutto verissimo!!! Domanda: ma se invece del lievito di birra mettessi pasta madre (stesse dosi)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va benissimo lo stesso! Le dosi ovviamente cambiano. Usa un 15% di lievito madre rispetto al totale del peso di farina (o quanto ne usi tu di solito). E poi ti devi ricalcolare il resto considerando nel totale la farina e l'acqua contenuta nel tuo lievito madre.
      :))

      Elimina
  18. Grazie ZIOPIERO !!!So già che le farò,e si grazie perchè sul tuo blog ci sono sempre cose buone e ben eseguite.Appena le provo ti faccio un fischio!!!
    A presto!

    RispondiElimina
  19. un capolavoro di cornetti una goduria solo a guardarli

    RispondiElimina
  20. All-in-one praticamente e mi pare un'ottima idea!

    Purtroppo il mio fisico ancora non se li può permettere, sono al termine di un influenza che detto in una parola è stata: "devastante",

    Mi accontento di ammirare :-)

    Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannaggia a quest'influenza. Ci sta decimando!!!
      A presto ;)

      Elimina
  21. Vengo ora da Pattipa, e indovina di chi si parlava??
    Concordo con te in pieno sul senso del viaggiare. Non mi capita però spesso x la cucina, sarà perché faccio così più semplice. Questo cornetto? Lo vorrei tanto per domani mattina:-)
    Un bacioneeeeeeeeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi ultimi giorni ho avuto il record di ricette prese da me, lo sai? Incredibile! :))
      Perché non provi a farli questi cornetti...? :))))
      Bacioniiiiiiiiii :))))

      Elimina
  22. posso cantare anche io? ma non penso che avrei lo stesso risultanto, anche cantando una canzone più semplice....meraviglioso!!! Intendo i tuoi cornetti.Posso prenderne uno?
    Ciao Piero siamo nuove iscritte (siamo due sorelle Monica e Patrizia)se ti fa piacere vieni anche tu ad unirti ai nostri follower
    Buona giornata ed alla prossima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao. Piacere di avervi come ospiti.
      I cornetti sono a disposizione (peccato solo siano virtuali...)
      Alla prossima! :)))

      Elimina
  23. eh no eh, non si fa così!!!!!!!!!!!!! Oggi non ho tempo, ma li provo per il week end... spero di ottenere lo stesso risulatao!!! ti farò sapere. ciaoooo

    RispondiElimina
  24. Scusa, una domanda: ma 80 gr di latte sono sufficienti per 500 gr di manitoba? compensano le uova?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente! Non è un impasto molto idratato.
      Occhio lungo, eh? ;)

      Elimina
    2. !:-) li farò, prestissimo! ciao buona domenica

      Elimina
    3. Grazie!
      (anche se sto a letto con l'influenza e fuori c'è la tempesta...)
      :)))

      Elimina
    4. finalmente ce l'ho fatta a pubblicare i tuoi fantastici cornetti che ho provato a rifare! Forse non sono esattamente belli come i tuoi, ma buoni erano buoni e conto di migliorare alle prossime prove. Se ti va di passare a vederli, questo è il link:

      http://profumodicasamia.blogspot.it/2013/04/cornetti-al-cioccolato-di-zio-piero.html

      buon week end!:-)

      Elimina
    5. Ma brava!!!!!
      Son felice che ti siano piaciuti. Vedrai più li rifarai più ti verranno meglio! :)))

      Elimina
  25. Cucinare è una terapia per molte persone e fortunatamente anch'io spesso mi curo così..e se poi questa malinconia non dovesse passare neanche preparando questi cornetti...secondo me passerebbe di sicuro provandoli, l'interno è meravigliosooooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sai che facciamo? Ne teniamo sempre un paio di scorta nel freezer, che dici? :)))

      Elimina
  26. Ma io li voglioooooooooo ....Piero me li devi fare te non mi vengono così belli ne sono sicura! e poi non ho la zeste di arnacia ;) dai a parte gli scherzi questi li devo assolutamente fare! <3 <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, fateli! E poi ve vojo vede che li fate pure su tele-etruria-international! :))))

      Elimina
  27. Sia mai che un giorno non troppo futuro riusciro' a farli...quanti ne verrebbero (circa)???
    se mi impegno un weekend e poi sono ricompensata da sta' bonta tutta un asettimana... convinco anche il marito ad aiutarmi (a tenere la piccola peste).
    Bellissimi comunque, fanno venir fame. Bravissimo
    Martina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Martina.
      La quantità ovviamente dipende dalla grandezza della forma che darai. Diciamo comunque che con quelle dosi 8-10 cornetti ci vengono.
      :)))

      Elimina
  28. cazzarola ce li ho tutti pure io!... va, che magari mi lancio sui lievitati!
    ma per liquore all'arancia posso considerare il Cointreau??? più o meno tra impasto e lievitazione quanto tempo occorre? e più o meno quanto devono restare in forno?... scusa, un sacco di domande!

    :*
    roberta

    ps. ornella vanoni piace un sacco pure a me, voce fantastica e canzoni indimenticabili :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaah, che fai me parli romano così come io da te parlo siciliano? :D :D :D
      Per liquore all'arancia va bene il Cointreau. La lievitazione dipende da troppi fattori per darti un indicazione temporale precisa. In ogni caso un paio d'ore minimo ci vogliono sempre.
      Forno...lo vedi, finché son cotti, cioè belli dorati. OK?
      :)))

      Elimina
  29. ciao carissimo..
    adoro questi tipi di impasti e lievitazione per i cornetti...
    mi appunto la ricetta perchè appena in casa mia torna una vita quotidiana e tranquilla lontana da influenza mi ci cimento...
    e un mese e mezzo che non ci si leva più tra influenza e vomito...
    sono esausta...
    un abbraccio e buon w.e.
    lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mammamia che tortura questa influenza. Pensavo di essermela scampata...invece da ieri sera sto combattendo con febbre alta e male alle ossa...
      Dai, guarite presto, anzi guariamo presto! :))))

      Elimina
    2. ecco io ho iniziato cosi...e si sta di un malee :-( troooppo brutta ..
      poi sai mi spiace tantissimo quanto prende anche alle persone anziane ^__^
      dai volevo farti ridere un pochetto ....
      ti auguro anche a te una buona guarigione..
      baci
      lia

      Elimina
    3. Guarda che te tiro er bastone appresso! :D :D :D :D :D
      Baci (tanto ormai sei immune!)

      Elimina
  30. che libidine!!! complimenti anche per il blog..

    RispondiElimina
  31. ma chi ti sta intorno si rende conto di quanto è fortunato?!?! la stragrande maggioranza della gente quando gli viene la malinconia per ben che vada fa una partita a ruzzle. e invece tu regali ai tuoi cari simili meraviglie!
    voglio adottare lo zio piero, ecco, l'ho detto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che qui di solito non tendiamo ad essere malinconici. Comunque un'adozione di una settimana da te se po' fa! :))))

      Elimina
  32. Complimenti, complimentissimi, sei davvero molto bravo!!! E' un piacere conoscerti con il tuo fornitissimo blog; mi unisco ai tuoi lettori! Se ti va, passa a trovarmi.... Alla prossima ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Simona. Torna quando vuoi mi farà piacere. :))

      Elimina
  33. mi piace un bel modo per combattere la malinconia :-))

    RispondiElimina
  34. allora.....guarda QUI :)), fatti, come promesso :)
    indovina, al cioccolato e....alla marmellata di mandarini!!!
    come la tua ciambella di oggi!
    comincio a preoccuparmi :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e preoccupiamoci, dai! :)))
      Carinissime le tue rappresentazioni grafiche!
      Piuttosto, ti son piaciuti...?
      ;)

      Elimina
  35. sì moltissimo! a me piace moltissimo la pasta brioche, quindi questa interpretazione, ripiena, è perfetta. ehm...me ne sono portati 2 oggi in studio :)))))
    a proposito, ho letto più su che suggerivi di surgelarli, ma prima della cottura o cotti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo 2? :D :D :D
      Preferisco surgelarli da cotti.
      Li puoi surgelare anche crudi, appena formati; quindi prima della lievitazione (che avverrà a scongelamento terminato)

      Elimina
  36. mersì bocù!
    (non ho fatto in tempo a surgelarli, se li sono spazzolati tutti:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...vuol dire che erano pochi... :D :D :D

      Elimina
  37. Finalmente sono al lievitare. Crema pronta, assaggio fatto: buonissima! Speriamo di avere un buon risultato anche con i cornetti, ti farò sapere!!!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma bene!!!! Tienimi aggiornato, eh? :)))

      Elimina
  38. Ciao Zio Piero, abbiamo fatto i tuoi cornetti... buonissimi!
    Se ti va passa a vederli ;)
    http://www.6manincucina.it/2013/03/18/cornetti-al-cioccolato/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accipicchia che belli!!!
      L'interno è perfetto!!!
      Complimenti!!!

      Elimina
  39. fatti! con Pino (il lievito madre)... la crema poi... ti porto anche i complimenti dei colleghi! :)
    http://lericettedelamami.blogspot.it/2013/05/ziopino-brioches.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Son contento Vi siano piaciuti! :)))

      Elimina
  40. Zio..mi sa tanto che domani mi butto su questi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, buttatici su! :)))

      Elimina
    2. Yes ;) Poi ti faccio sapere..:)

      Elimina
    3. ...aspetto curioso il responso....

      :))))

      Elimina
  41. Ho deciso! Ci devo provare! :) Grazie!!!!!!!

    RispondiElimina
  42. Ciao Zio Piero, sono una nuova "adepta", dirottata qui dal blog di Araba.... Volevo dirti che ho fatto i tuoi cornetti, cotti proprio stamattina.... son venuti molto bene, ti ringrazio per la ricetta.
    Volevo chiederti solo una cosa, quanti cornetti hai ricavato dalla pasta? Perché mi sa che io li ho fatti troppo piccoli... ne ho ricavati 16 ed il numero di "arrotolamenti" è 3 o 4... i tuoi son molto più "arrotolati".
    Li rifarò appena finiscono questi... Oggi invece vorrei startare il licoli....
    Grazie ancora e a presto ciao
    Tiz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana e benvenuta! :)))
      Di solito ne vengono 12-14, ma vanno arrotolati molto di più che 3/4 volte. È importante.
      Quando li arrotoli cerca di "tirare" l'impasto in modo da ottenere un triangolo molto più lungo. ;)

      In bocca al lupo per il licoli! :)))

      Elimina
    2. Grazie per avermi risposto e per il consiglio, appena li rifaccio cercherò di seguirlo....
      Per il licoli... ne avrò tanto bisogno... è la terza volta che provo a farlo... pensa che pur di vederlo partire avevo pensato di metterci un piccolo aiutino... un pizzico di lievito madre secco.....

      Elimina
    3. ...be', se aggiungi del lievito madre secco essiccato aggiungi comunque un prodotto industriale...e a quel punto non sarà più un vero lievito naturale... ;)

      Elimina
  43. Eh lo so di aver scritto una cosa abominevole.... è lo stress da licolfallimento.... Ma ci riuscirò... benedicimi da lontano la farina e non avrò problemi.... :-DDDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se in ritardo...ti benedico la farina! :)))))

      Elimina
  44. Buon giorno, ZioPiero, ti seguo sempre in silenzio, perchè davanti a cotanta bontà le parole non servono, la tua crema al cioccolato è buonissima, la cercavo da tempo, senza accorgermi che l'avevo sotto agli occhi, l'ho usata per una semplice crostata con frolla montersino, connubio perfetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno a te, Anna.
      Son contento ti sia piaciuta la crema e che l'hai abbinata alla frolla del mio pasticcere preferito! :))))

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails