mercoledì 27 febbraio 2013

Le Girelle Russe dello Ziopiero

Vi ricordate quando feci la Treccia Russa?

Vi ricordate poi come conclusi il post?

Per chi non se lo ricordasse o non avesse voglia di rileggerselo, in quel post affermai che la treccia era si buona, (e ci mancherebbe!) e anche molto soffice, ma... sapate quando già dal primo morso avete come la sensazione che mancasse qualcosina...quella sorta di marcia in più che l'avrebbe resa quasi perfetta!

E al secondo morso, ho capito cos'era!!!
(curiosi, eh?)

Però, invece di svelarvelo subito, ho lanciato una piccola iniziativa: lo avrei svelato a chi di voi si sarebbe impegnato a rifarla con me per poi pubblicare insieme le proprie impressioni.

Le prime persone che hanno accolto l'invito sono state Michela una vera amante dei lievitati che con i suoi post su pane e pizze sta affascinando la food-sfera; Guadalupe, una lettrice silente che ha rotto la sua timidezza proprio in questa occasione e, non avendo ancora un suo blog, ho accettato ben volentieri di ospitare nel mio le sue due realizzazioni; Ginger, un'altra vera appassionata di lievitati con la quale spesso ci confrontiamo su quanto debbano essere aperti gli alveoli!

Fatte le doverose presentazioni andiamo avanti.

Siete pronti? Si parte?


Bene!

Iniziamo subito col dire qual era secondo me l'elemento mancante.....

Una bella crema al cioccolato, che mi sono subito immaginato avvolta dalla treccia, in modo che venisse qualcosa del genere:

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Detto, fatto!

Sono subito partito nel pensare una crema adatta, che ben si accoppiasse al resto.

E guardate che questa non è una crema qualsiasi, eh? L'ho pensata apposta per questa treccia!!!

La crema deve essere adatta per una cottura in forno e quindi, come sapete, deve essere più grassa, altrimenti in cottura tende a "strapparsi".

Questa che ho ideato, a mio avviso, si presta per diverse realizzazioni e, ve lo anticipo, è particolarmente golosa, quindi la useremo spesso! Parola dello Ziopiero! :)))


Crema da forno al cioccolato by Lo Ziopiero
150 g latte
90 g panna
3 tuorli
120 g zucchero
15 g fecola
zeste di una arancia
2 cucchiai colmi di cacao (da mischiare alla fecola e poi alle uova)
75 g cioccolato fondente 70% tritato fino, che andrà messo a crema fatta e prima che si inizi ad addensare, facendolo sciogliere e girando accuratamente con una spatola.

Fatela, e non ve ne pentirete!

Se avete poca dimestichezza su come fare una crema, vi suggerisco di vedervi questo filmato realizzato poco tempo fa.

Per l'impasto della treccia fate invece riferimento qui fino al punto in cui l'impasto va steso a rettangolo.

E ora viene il bello.

La crema va spalmata sul rettangolo steso, lasciando un paio di cm ai bordi e 7-8 cm su uno dei lati corti e un paio di cm sugli altri lati:

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Quindi si arrotola e si mette in uno stampo da plumcake. Si lascia lievitare avendo cura di coprire l'impasto e poi si inforna a 180° fino a cottura.

Volendo potete spaziare con la fantasia e variare le forme:

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Allora, che ne dite? Vi piace?

Grazie di cuore alle sperimentatrici (che si sono dovute subire in privato tutte le mie elucubrazioni mentali) e grazie anche a voi che mi leggete.

Ora andate a curiosare le realizzazioni e le impressioni di Michela e di Ginger; quelle di Guadalupe ve le riporto qua sotto.


= = = = =

Le trecce fatte da Guadalupe

Come da richiesta Guadalupe ha fatto le due trecce: questa è la prima:




 Come potete vedere dall'interno mi sembra che il risultato sia meritevole, no?

E questa è quella al cioccolato appena lievitata:


e dopo la cottura:

(la treccia ha avuto una piccola disavventura, ma direi che anche qui il risultatoè più che apprezzabile.

Veniamo ora ai commenti, che riporto pari pari:

"La treccia russa, pur nella sua apparente semplicità, offre gusto e sofficità degni di lode anche perché la morbidezza e il profumo rimangono inalterati per tutto il tempo in cui riesce a stare riposta in una credenza...; sarà per il ripieno burroso condito con lo zucchero di canna..., sarà perché la ricetta di questo impasto è davvero molto valida...., sarà perché sarà ma è davvero mooooolto buona!
La variante con il ripieno cioccolatoso proposta da te Piero, è invece il tripudio della golosità!!! Quella deliziosa crema al cioccolato che si fonde e si sposa benissimo con la sofficità dell'impasto rendono l'insieme irresistibile anche ai palati poco inclini alle cose dolci!!!!
E inoltre è l'ideale per un'energica colazione, una sana merenda da offrire ai nipoti che gironzolano per casa (che non mancano mai per fortuna) e perché no anche un ottimo post cena da condividere con gli amici e con le persone care."


Guadalupe

= = = = =

Anche per oggi è tutto



Ciao e alla Prossima.

Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:




59 commenti:

  1. uffa....sono rimasta senza parole.....
    :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah, meno male! Almeno non mi hai scritto 'na sbrodolata de commento! :D :D :D

      Bacioni, Tam. :)))

      Elimina
    2. ..........
      ......
      ....
      ..
      .

      ahahahahahahahahah

      Elimina
  2. LA treccia è bellissima, ma è la crema by Ziopiero che voglio sperimentare prima di subito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai, Stefa'. Sai che te poi fidà! Sta crema è da acchiappo :D :D :D

      Elimina
    2. Nel senso che la faccio e me acchiappa dal pentolino????? :-D

      Elimina
  3. Risposte
    1. Il prossimo lunedì ci saranno elezioni politiche in Kenya. Se tutto andrà liscio festeggerò con una girella al cioccolato. Con due girelle! L'ultima volta ci sono scappati 1500 morti. Che Dio ce la mandi buona.

      Elimina
    2. Certo visti i precedenti... Senti a me: tu la girella falla (con la farina che trovi) e mangiala in ogni caso. Per il resto speriamo per il meglio! ;)

      Elimina
  4. Pierooooooooooooooooooooooooooooo! Alla fine hai avuto il coraggio di mettere le foto del mio disastro!!!!!!!!!!!! Te possino... :)))))
    Vabbè, le sconfitte non vanno mai nascoste e anzi, averle davanti agli occhi ci constringe a migliorare sempre...
    Sono comunque onorata di essere stata ospitata nel tuo post e soprattutto nel tuo blog.
    Grazie per tutto!!!!!
    A presto la mia prossima realizzazione con tanto di foto più decenti (ho chiesto a mio cugino di fare lui il reportage fotografico... lui una reflex ce l'ha per davvero:))))))))))))))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hiiiiiiiiiiiiiiiiii!!! ho visto solo adesso quale sarà uno dei tuoi prossimi post... le brioches!!!!!!!
      Non vedo l'ora di vederle:)

      Elimina
    2. "Solo chi fa falla"
      E poi, come hai detto anche tu, gli errori ci aiutano a crescere. Guai a non commeterli.

      E se ti fosse venuta bene al primo colpo, lo sai cosa avrei detto, si? :D: D :D

      P.S. Ospitarti è stato un onore mio! :)))

      Elimina
  5. wow!!!
    e ho già una idea di come utilizzare la crema...ho visto che anche tu hai fatto dei formati più piccoli...e io ho in mente da un po' di fare dei (simil)Saccottini al cioccolato...appena avrò abbastanza tempo...
    ma questa crema e, forse, questo impasto, mi stanno dando il giusto input!
    scrivo "forse" perchè ti chiedo un consiglio...provo usando questo impasto, o è più adatta una pasta brioche con sfogliatura?perchè la prima ricetta che avevo trovato nel web prevedeva sfogliatura...
    ma ora che ho visto la tua treccia penso che forse può bastare un impasto così, che se ben fatto risulta soffice e alveolato...(e mi evito il lavoro di fare pieghe con burro).
    o ritieni che una sfogliatura dia un miglior risultato per fare piccole brioche da coalzione?
    intanto grazie di questo bellissimo post!farei la seconda colazione vedendo queste foto!!!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una questioni di gusti, Ele.
      La sfogliatura è lunga e "burrosa".
      Questa treccia è molto meno grassa e, personalmente, preferisco un impasto tipo questo.
      Se aspetti qualche giorno potresti troavre un'ispirazione interessante... ;)

      Elimina
    2. ho già provato un paio di volte impasti sfogliati (croissant di Paoletta), nel complesso venuti bene ma che poi mi perdevano burro in cottura...
      e in effetti per i saccottini preferirei qualcosa di non troppo burroso.
      grazie del consiglio...proverò con l'impasto della treccia.
      e comunque visto che sicuramente prima del weekend non mi ci metto (e forse anche oltre),attendo anche la tua prossima interessante ispirazione!!!!
      (ma te l'ho già detto...mi ispiri troppo e non ho abbastanza tempo per starti dietro!!!)
      ciao!!!

      Elimina
  6. Come hanno già detto altri....la cosa che colpisce di più è la crema...segnata come prossimo ripieno delle brioches a lievitazione naturale e la colazione di domenica è servita :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima scelta. Fammi poi sapere cosa ne pensi! ;)

      Elimina
  7. Beh, se mi avessi avvertito che era oggi la pubblicazione, l'avrei fatta anche io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannaggia! Non ci siamo capiti! :((
      Dai, sei sempre in tempo! Metà dell'opera l'hai fatta più che egregiamente, no? :)))

      Elimina
  8. Ah però l'idea dei saccottini al cioccolato me l'avevi tenuta nascosta!! Bellissimi, in effetti un'idea perfetta per delle monoporzioni!! Grazie ancora per l'opportunità di questo divertente esperimento, chissà che questa delle preparazioni a quattro mani non possa diventare un'appuntamento fisso del tuo blog?? Ciao e buona giornata!! :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aho, e mica potevo dirtela tutta? :D :D :D

      p.s. sai che mi hai dato un idea? Però ci vuole tanto impegno...già con questa treccia tra tutte e tre stavo uscendo pazzo! :D :D :D

      Elimina
  9. ...collegandomi a quanto scritto prima...con l'intenzione appunto di fare dei simil-Saccottini,soffici,da colazione...ho appena visto anche la pasta brioche con cui hai fatto le veneziane alla crema...e quindi aggiungo un altro quesito!!!
    faccio una pasta brioche sfogliata, faccio questa della treccia, o quella delle veneziane?!
    scusa non ho ancora molta conoscenza dei lievitati...per cui prima di provarle tutte faccio prima a chiedere a te!!! :-)
    ciao!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non hai molta dimestichezza con i lievitati ti consiglierei di iniziare con questa treccia.
      Poi pian pianino potrai avventurarti su lievitati più impegnativi ;)

      Elimina
  10. Bellissima la tua versione...non come la mia :D ahahahahah, me so persa mezza cioccolata pe' strada! :D
    Grazie per averci donato la ricetta di questa favolosa crema al cioccolato...la utilizzerò sicuramente per altre preparazioni.

    A presto per le prossime fregnacce :D

    Tuo
    Pinotto :D

    PS: complimenti anche a Ginger e Guadalupe :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai, che non te la sei persa!!! ahahahaahh

      Questa crema non sarebbe mai nata se non mi fosse sorto quel dubbio...a volte ci vuole il giusto spirito critico per produrre qualcosa di meritevole (lo so, ma la sto cantando da solo, ma tu sai di cosa stiamo parlando! :)))))

      Bacioni, PinottA :P

      Elimina
    2. la so.

      E tu sei Maestro in questo.

      Bacioni, Gianni :D

      Elimina
  11. WOW!!!!!SONO SENZA PAROLE,LA CREMA LA PROVO SUBITOOO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E fammi sapere IMMEDIATAMENTE!!!!

      :))))

      Elimina
  12. Ciao! Sulla treccia russa non so se ti seguirò, almeno a breve... sia chiaro, la trovo bellissima, ma i lievitati mi sembrano particolarmente difficili e devo studiarci su ancora un bel po'..... ma sulla crema mi ci butto eccome! magari farò qualche casino, ma la devo fare assolutamente!

    :*
    roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come? Una cuoca come te che si ferma davanti ai lievitati?!?!? :))))
      In ogni caso buttati su questa crema e...fammi sapere, eh? :))))

      Elimina
  13. Ah però! Direi che è molto migliorata! E aggiungerei anche uno slurp enorme per questa pensata!

    RispondiElimina
  14. MA che cosa vi siete messi a fare!?!?
    sono tutte fantastiche!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :))))
      P.S. Gaiuccia, fai questa crema e poi mi dirai! ;)

      Elimina
  15. Foto libidinosa, mamma mia che voglia di provarla!!! quindi la tua Ziopierella non andrebbe bene?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Titty!!!
      Guarda, la Ziopierella è buona ma in forno perde...
      Prova questa crema, sia in forno sia così...e poi mi dirai! ;)

      Elimina
  16. Caro Zio Piero, per l'utilità, la bontà e la simpatia del tuo blog ti ho lasciato qui: http://hobbyefantasia.wordpress.com/2013/02/28/very-inspiring-blogger-award-2013/ il mio personale ringraziamento.
    Marisa

    RispondiElimina
  17. Esperimento riuscito alla grande! E che golosa la crema!

    RispondiElimina
  18. La foto con la pasta stesa ricoperta di crema cioccolatosa è..è.. Commovente!
    Eva

    RispondiElimina
  19. Grazie per questa ricetta favolosa, l'ho provata, ecccccezzzionale!!!
    Monica
    Assidua frequentatrice silenziosa del tuo blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Monica! Ho visto anche le foto che mi hai mandato via mail: ti è venuta benissimo!!!!
      :))))

      Elimina
  20. we dedicatoti, chissà le (tue) orecchie :)))
    non potevo fare una senza l'altra no?
    la Treccia russa, davvero ottima, proverò le varianti di Michela e vorrei provare a farcirla con la mia preziosissima marmellata di mandarini. poi ti dirò :)

    e poi la girella.... beh...un successo mondiale.....non ci credi?
    guarda QUI
    e poi QUI :)
    osservale bene, in alto a destra la prima e al centro la seconda :))))))))
    ti ho convinto?
    :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, vabbe' Ma tu stai oltre!!!! Mi hai fatto piegare in due dalle risate e saltare in aria dalla gioia!!!!
      Inoltre ti è venuta una meraviglia!!!!! Bravissima!!!
      :))))))))))

      Elimina
  21. ciao Zio, inizio col dirti che questa crema al cioccolato e' stupenda, l'ho usata un sacco di volte ormai in crostate e brioche e sempre con ottimi risultati. per cui grazie grazie!!! adesso pero' ti vorrei chiedere come faresti l'equivalente crema da forno al latte?? (bianca) useresti il latte in polvere? ho visto in giro che in genere si usa latte, fecola e zucchero... ma non verrebbe secondo te un acrema blanda? che sparisce per dire come ripieno di una brioche? tutto perche' ho in lievitazione un impasto da brioche al cioccolato... e vorrei fare un gioco cromatico!!! grazie in anticipo!!!Martina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Martina, il latte è un prodotto naturale, perché vorresti usare quello in polvere?
      Se vuoi un'ottima crema da forno vai su questo mio post e fai la terza ricetta ;)

      Poi fammi sapere, eh? ;)

      Elimina
    2. eh Piero io la volevo bianca... se ci mettiamo le uova mi diventa gialla!!! il latte in polevere pensavo potesse far sentire di piu' il sapore del latte :O ('na cavolata?!)
      grazie
      Martina

      Elimina
    3. Se togli le uova non è più crema...ma una specie di surrogato. Toglierai anche il gusto della crema...ne vale la pena per privilegiare l'estetica?
      Potresti provare la stessa crema descritta in questo post sostituendo al cioccolato fondente il cioccolato bianco (che cioccolato non è). Sicuramente ti viene più chiara...ma anche qui ti chiedo: ne vale la pena?

      Fai una bella crema come si deve, senti a me ;)

      p.s. lascia perdere il latte in polvere. ;)

      Elimina
    4. avevo visto in giro creme al latte... allora mi aveva preso la curiosita'!!! ma allora vado con la pasticcera! grazie mille dei consigli
      Martina

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails