Corso Bologna 7-8 marzo

mercoledì 21 aprile 2010

Frolla al Pistacchio ripiena di Ricotta



Ci sono delle ricette che a volte passano inosservate o sono replicate da poche persone.
Confesso che questa era sfuggita anche a me sul Forum di Gennarino, fino a quando qualcuno non l'ha rifatta e il post, come si dice in gergo, "è tornato su"!

E' una ricetta semplice, e come sempre nella sua semplcità racchiude tutto: essenza, equilibrio, sapori, contrasti, armonie.

L'autore, Lionello Albenghi, non l'ho mai potuto conoscere se non attraverso quanto lui stesso ha pubblicato nel tempo sempre su Gennarino. Chissà se passerà da qui un giorno. Ecco, quel giorno saprà quanto le sue ricette siano state apprezzate anche da me.

Copio e riporto qui dosi e procedimento:

Frolla al Pistacchio

200 gr. farina 00
70 gr. farina di pistacchi
30 gr. farina di mandorle
150 gr. burro
75 gr. zucchero
2 tuorli d’uovo
2 cucchiai di Cointreau
1 presa di sale

Ingredienti per il ripieno

800 gr. ricotta di pecora
300 gr. zucchero
50 gr. di cioccolato fondente 70% cacao (io ne ho usati 80 gr.)
50 gr. di zuccata (ho usato il cedro)

Procedimento

Mettete gli ingredienti in una bastardella d’acciaio e aiutandovi solo con una forchetta preparate una frolla. Avvolgete con film da cucina e lasciate riposare nella parte meno fredda del frigo per almeno tre ore. Nel frattempo iniziate a preparare il ripieno lavorando in una terrina con una forchetta la ricotta e lo zucchero. Ottenuto un composto omogeneo incorporate il cioccolato e la zuccata tritati al coltello. Al momento di preparare la torta procedete così: stendete 2/3 della frolla con un matterello e poggiate su una tortiera da ciambella del Ø di 26 cm. foderata con della carta forno. Bucherellate poi con i rebbi di una forchetta e versate il ripieno livellandolo con una spatola. Stendete il restante terzo della frolla ottenendone un disco, togliete la parte centrale e coprite la torta pizzicando la pasta sui bordi per farli aderire ben bene. Cuocete 25 minuti a 180° (gli ultimi 2 minuti con il grill in funzione)

Uniche mie varianti, oltre a quelle riportate in rosso nelle dosi:
Non ho utilizzato la carta da forno; ho utilizzato una tortiera classica (senza buco) in alluminio senza ungerla; la cottura ha richiesto più tempo (circa 35 minuti).

Fornitore ufficiale della farina di pistacchi: CAT!

Ero indeciso se usare lo sfondo arancione o verde. Voi quale preferite?



Ciao e alla Prossima.

Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:

36 commenti:

  1. Ciao Zio! Preferisco lo sfondo arancione, il tono del verde usato per l'altro, non mi ricorda quello del pistacchio.
    Appena trovo la farina di pistacchio, la devo fare che mi ispira;))
    Poi sai, a maggio, a Napoli ci dedichiamo ai lievitati.......

    RispondiElimina
  2. Lo sfondo verde sa di pistacchio!!! Io ho preso da tantissimo tempo gli stampi in policarbonato per tentare di realizzare un cioccolatinoammodomio... magari un giorno o l'altro ci provo davvero!

    RispondiElimina
  3. credo che dev'essere eccezionale!!! non ti smentisci mai zio Piero!!!
    p.s. io preferisco lo sfondo arancio :)))

    RispondiElimina
  4. eh no no cosi' nun vale...Io sto qui a cerca' 'a raccomandata perduta, er modulo ICI (che nun dovevo paga' pero' me lo mannano lo stesso), l'esatri, er trasloco..e pensavo de sta' in vacanza...
    E tu me spari questo !! Io amo i pistacchi e a' ricotta. E mo quando a' faccio? Tra una settimana me caccio in cucina e nun esco piu'...
    Managgia, mannaggia..!

    RispondiElimina
  5. Golosa, lineare di quelle preparazioni che "apparentemente" potrebbero darsi per scontate per poi scoprire invece che da quel momento in poi non se ne può fare a meno! Sotto forma diversa al massimo ma che vanno replicate!Vero!? ;))
    Complimenti davvero :)))

    RispondiElimina
  6. Bello il verde pistacchio dello sfondo,la torta sarà di una goduria pazzesca;aspetto il post sul fotoritocco2,belle curve davvero!!Alla prox.
    Baci.

    RispondiElimina
  7. io preferisco i lverde! si associa all'idea del pistacchio e come l'arancione fa allegria !:-)
    sta frolla sembra di un buono...ma dove si trova la farina di pistacchi per i poveri mortali che abitano a pavia? :-/.
    ^_^
    Ciao a tutti!!
    GIusi

    RispondiElimina
  8. con qualsiasi sfondo questa crostata è spettacolare!!un insieme di profumi e colori veramente intriganti!!!complimenti è ottima!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  9. mmmm a me piace più lo sfondo verde anche se sembra anche diversa la luminosità...comunque quello che contaè quello che è in primo piano :) ma la farina di pistacchi dove cappero la trovo? mi ci vorrebbe uno "spacciatore" di fiducia

    RispondiElimina
  10. mamma che buona!! adoro il pistacchio, peccato che qui pochissime pasticcerie facciano dolci con paste al pistacchio...io per la mia laurea mi ero fissata col pan di spagna al pistacchio e nessuno me lo voleva fare!! dopo varie peregrinazioni però ce l'ho fatta! :) adesso invece mi ci cimento io, e mi sa che parto proprio da qui!! :P

    RispondiElimina
  11. Voto per lo sfondo verde... magari più chiaro... si può? ;-)

    La ricetta mi sembra ottima... potrebbe sembrare una divagazione dalla pastiera togliendo il grano e arricchendo la frolla.
    Ciao!

    RispondiElimina
  12. io vado controccorrente e votol o sfondo arancione!
    ma la torta, la voto in qualunque foto!

    RispondiElimina
  13. oggi e'mercoledì.....GRAZIE
    Reggì

    RispondiElimina
  14. Se non riuscite a trovare la farina di pistacchi potete sempre comprare i pistacchi (non salati, mi raccomando) e tritarli per bene.

    @Reggì: per te questo ed altro ;-)

    @Nanni: sfondo più chiaro? Lo sai si che se voglio ti ci metto pure il partenone là dietro, si? :))

    @Gluty, nitte: quelle curve m'hanno fatto letteralmente perder la testa...ne vedrete delle belle, parola di Ziopiero! ;-)

    RispondiElimina
  15. Zio Piero ma cosa hai sfornato?? ma è una meravigliaaaaaaaa!!! segno subito la ricetta, so già che mi piacerà da morire...adoro tutti gli ingrdienti!!!

    RispondiElimina
  16. prima di tutto complimenti per il tuo blog... è da un pò che ti seguo in silenzio :) senza un commento... eh vabbè! bella e molto buona questa ricetta, ricotta e pistacchi mmmm...
    Volevo ringraziarti anche per i post che hai dedicato alla fotografia, non sai quante ricette non ho pubblicato a causa delle pessime foto, speravo di recuperarle con il fotoritocco, ma ahimè le ho cancellate!

    Buona Serata
    Terry

    RispondiElimina
  17. Il verde che stacca di più dal colore della pasta!!! Bella ricetta Zio!!

    RispondiElimina
  18. Bella zio Piero! Anche buona credo ma, per me, come al solito troppo burro! Peccato!!!!Fra il giallo ed il verde, preferisco il verde, ma forse il blu, legherebbe tutte e tutti, che ne pensi? Il nome Gennarino mi fa tanto pensare al blu del mare di Napoli e dintorni.Comunque come sempre armonioso! Buon fine giornata deny

    RispondiElimina
  19. Complimenti Piero, dev'essere buonissima!!!! La voglio provare anch'io, seguo il tuo suggerimento e provo a tritare i pistacchi!
    Io voto per lo sfondo verde!! A presto ;)

    RispondiElimina
  20. Questa frolla con il pistacchio è meravigliosa, ed invitante, complimenti.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  21. @Terry982: Piacere di averti tra i lettori. Ho visto le foto della tua cassata/cheesecake e dei muffin: non sono mica male ;-)

    @Deny: il cartoncino blu o azzurro lo devo ancora comprare.

    @Laura: fammi poi sapere, son curioso. Quando rifacciamo un incontro?

    @Notte a Tutti. Ora mi vado a leggere un bel libro ;-)

    RispondiElimina
  22. E come si fa a resistere ad un dolcino così! Adoriamo i pistacchi e l'abbinamento con ricotta e cioccolata ci sembra veramente goloso!
    baci baci

    RispondiElimina
  23. Ecco, nell'indecisione meglio provare anche con l'arancio!!! Il problema è un altro: quella fetta ipnotizza così tanto da non far badare al resto! Continuo a fare il tifo per il verde :P

    RispondiElimina
  24. Eccomi qua Piero! Domani finisco sto benedetto corso e forse posso riprendere a leggerti con calma!
    Quanto mi piaccia questa torta, già lo sai dal post di gennarino! Io non usato zuccata o cedro perchè odio i canditi e ho usato pistacchi tritati nella frolla. ma dato che ho la farina di Cat, come faccio a non provarla nuovamente???SOlito accorgimento, tuorli sodi ma è una mia fissa....E' o non è la classica torta da pic nic da mangiarsi seduti sull'erba?

    Caris

    RispondiElimina
  25. @Caris: Al pic-nic sull'erba non ci avevo pensato! In realtà questa crostata - a mio avviso, si intende - da il meglio di se dopo una mezz'oretta che è uscita dal forno, quindi ancora tiepida. Visto che la rifai, provala anche così e mi dirai ;-)

    RispondiElimina
  26. A proposito, anzichè zio la chiamerò prof!!! Le sue lezioni di "click" sono assolutamente fantastiche, non smetta!!!

    RispondiElimina
  27. gnam gnam..questa torta la devo fare..ha degli ingredienti che messi assieme non ho mai provato..:)ma penso sia buonissima..:)

    RispondiElimina
  28. @Bruna: ...be', mo' non esageriamo, altrimenti quelli bravi davvero si potrebbero arrabbiare :)))

    Cmq per ora son passato al fotoritocco. Anche lì di cose da dire ce ne sono un'infinità e di sicuro non ci annoieremo! :))

    @Giunky: è buonisima :))

    RispondiElimina
  29. Scusa, è un periodo in cui mi devo impegnare e non ho tanto tempo per fare altro al pc. Grazie mille anche qui per la citazione :*
    Cat

    RispondiElimina
  30. che buona domenica provo a farla !!!!!!! speriamo bene

    RispondiElimina
  31. @enzina: si, dai. poi facci sapere ;-)

    RispondiElimina
  32. Ciao ZioPiero, una domanda, devo preparere dei dolci per il compleanno di mio figlio, la crostata al pistacchio può essere preparata il giorno prima?o la ricotta ammorbidisce troppo la frolla se cotta il giorno prima?
    Grazie e a presto, probabilmente il 19 all'Athena

    Lara

    RispondiElimina
  33. @Lara: Un pelino si ammorbidisce sempre. Prova a versarci sopra un sottile strato di cioccolato fuso, lo fai rassodare e poi ci versi sopra la ricotta. Secondo me regge meglio e ci sta pure bene ;-)

    ;-)

    RispondiElimina
  34. @Lara: Rettifico, scusa. Questo metodo puo' esser valido solo se cuoci prima la frolla che sta sotto e metti la ricotta fresca.
    Nel caso di questa crostata, essendo poi ricoperta da altra frolla, il metodo non ha senso in quanto il cioccolato si squaglierebbe in cottura.
    Puoi fare così: cuoci la frolla il giorno prima e il giorno dopo ci metti il ripieno e non la chiudi sopra (5 minuti di lavoro). La inforni e poi è fatta!
    ;-)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails