Corso Bologna 7-8 marzo

giovedì 10 novembre 2011

Scatti 13 - Er Cuppolone (Roma 2)

Le foto si sa, ormai sono come le ciliegie: una tira l'altra.

Prima si inizia con un timido scatto, poi si prende coraggio e se ne fa un altro.
Si guarda nel display e ci si accorge che l'inquadratura è storta o una parte dell'immagine è stata drasticamente tagliata. E allora si ricomincia. Click. I colori non vanno bene, occorre bilanciare il bianco. O mamma, come si fa? A si, ecco: WB (White Balance). click, click click.
Ora va meglio. O meglio no! E' buia. C'è poca luce. Esponiamo di più: click. OK. anzi no, ri-click.
Bene. Siamo a 15, o forse 20!...tanto gli scatti non si pagano....

E già...Se penso a quando una foto aveva un suo costo e anche un suo tempo di attesa prima di essere vista...quasi mi sento fuori contesto!!!! Eppure fino a qualche anno fa era esattamente così.

Si usciva di casa, si andava a comprare il rullino, già sapendo di quanti ASA (ora ISO) doveva essere.
Dovevamo decidere solo il numero di pose: 24? 36? Ma si, scialiamo (che tanto poi tutti riuscivamo ad arrivare anche a 38!!!, scroccandone un paio in più rispetto a quanto dichiarato sulla confezione).

E poi c'era il fascino dell'inserimento del rullino..guai a sbagliare. operazione meticolosamente effettuata con attenzione chirurgica.


E così si usciva per andare a fare le foto, pensando allo scatto, anche perché non ci si poteva permettere il lusso di sbagliare troppo: lo sviluppo, e soprattutto la stampa, costavano cari!!!

Poi c'erano i tempi di attesa. Una volta finito il rullino (e spesso non lo si finiva in un'unica sessione!), lo si portava dal fotografo, magari 2 giorni dopo che non c'era tutta questa fretta, e aspettavi altri 2-3 giorni per la stampa.


E poi? Vogliamo parlare del fascino dell'apertura della famigerata busta gialla?
Prima ti mettevi timidamente in un luogo appartato e poi iniziavi a scorrere le foto con l'ansia da prestazione che ti assaliva. Nooo, questa non è venuta! Neanche quest'altra!!! Ma perché?!?!?!?

Adesso, ammettiamolo, è di gran lunga più facile. Come, appunto, far scorpacciata di ciliegie!

E così, dopo aver fatto la prima scorpacciata romana, ho continuato con un'altra scorpacciata, dedicata tutta "ar Cuppolone" e, viste le diverse richieste che mi sono giunte, mi sto organizzando per ulteriori scorpacciate di foto della mia città sperando di fare cosa gradita a tutti voi.

Buona Visione e alla Prossima!


Fotografare S. Pietro non è banale, o meglio, è difficile non esser banali. Lo si puo' fare da diverse prospettive o da diversi punti...ma alla fine la "grande palla" è lì che ti riempie l'inquadratura, senza pietà. Si puo' farlo da dentro Città del Vaticano:

(Fare click sulla foto per ingrandirla)
o dai binari della Ferrovia, intersecando i tetti delle poche case (fortunate?) che se lo trovano davanti tutte le mattine e per tutto il giorno.

(Fare click sulla foto per ingrandirla)
Oppure andandogli proprio sotto, dal lato delle abitazioni cumuni....Pensate a chi possiede quell'attico con terrazzo sulla sinistra:

(Fare click sulla foto per ingrandirla)
Inevitabilmente, poi, si arriva alla Piazza. Qui è quasi d'obbligo un grandangolo spinto, come quello usato nella foto seguente, che ci permette quasi di abbracciare l'intera piazza, allontanando però il soggetto principale:

(Fare click sulla foto per ingrandirla)
Sempre con il grandangolo, l'ellisse perfetta del colonnato si incurva e sembra avvolgerti:

(Fare click sulla foto per ingrandirla)
...fino a farti ottenere effetti improbabili, come qua sotto, dove obelisco e lampione, paralleli nella realtà, sembrano volersi incontrare:

(Fare click sulla foto per ingrandirla)

Dalla Piazza, un ultimo particolare del colonnato:

(Fare click sulla foto per ingrandirla)
...e poi via, ci si allontana, per trovare altre inquadrature. Questa, a mio avviso, è particolarmente significativa:

(Fare click sulla foto per ingrandirla)
Il ponte che vedete è Ponte Sisto, un ponte storico, una volta interamente in ferro e poi restaurato e modificato in occasione dell'ultimo Giubileo del 2000; l'unica parte storica rimansta è il famoso "occhialone" al centro.
Una volta si diceva che se il Tevere avesse raggiunro e superato quel buco, Roma si sarebbe allagata.

Da bambimo, quando c'erano le forti piogge, andavo spesso a controllare, un po' impaurito un po' eccitato all'idea, affacciandomi dall'altro ponte (quello che si intravende sotto l'arcata di destra). A mia memoria il buco non è mai stato superato, ma spesso c'è mancato poco davvero!!!

Vi saluto con uno scatto quasi notturno, effettuato in quell'ora del giorno in cui il cielo è tra il blu scuro e il nero.

(Fare click sulla foto per ingrandirla)
Suggestivo, no? A tal punto da decidere di fare per voi una nuova serie di scatti: Roma di Notte.

Che ne dite?

Rimanete collegati, che l'avventura continua....

Ciao e alla Prossima

Lo Ziopiero


24 commenti:

  1. Gran bel tour fotografico, chiaramente sentito, quindi posso solo scorrere le immagini e sorridere ed intuire quanto vuoi bene a questa città! :)
    PS
    Adesso però...torna in cucina!!!! :P ahahahahahahah

    RispondiElimina
  2. Ma quanto è bella Roma, ci devo tornare prima o poi!
    Molto belli gli scatti, bravo!

    Un piccolo trucchetto per fare delle belle foto panoramiche. Scarica Hugin, da http://hugin.sourceforge.net/ .
    E' un simpatico programmino (free e opensource), che ti permette di "ricucire" insieme più foto in un unico panorama. Guarda il link "Gallery" del loro sito, ce ne sono di magnifiche!

    A presto
    nico

    PS: non scrivo spesso ma, don't worry, ti leggo sempre :)

    RispondiElimina
  3. Roma nun fa stupida staseraaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!.... Mi sembrava di sentire sta canzoncina in sottofondo mentre guardavo le foto... La mia preferita da romanticona ovviamente quella in notturna... Ma mi piace molto l'insolito che traspare dalla 2 e dalla 6...
    Quoto a mille Gambetto: le foto sono bellissime... ma tu devi da tornà in cucina!!!! :)

    RispondiElimina
  4. .....IL FASCINO DI ROMA... ahhhh bellissime foto :)

    RispondiElimina
  5. Speravo di trovare una veduta der cuppolone da quel buchetto sull'Aventino ... al prossimo post anche quello?
    Stefania P&S

    RispondiElimina
  6. Io aspettavo anche mesi prima di far sviluppare il rollino ;))) che ne so, almeno tre mesi tra le foto del compleanno di mio fratello e le mie!
    Roma è sempre bella e le tue foto le rendono giustizia!

    RispondiElimina
  7. che belle foto... tu lo sai che io porto Roma nel cuore, e in particolare Piazza San Pietro: ero lì durante il mio viaggio di nozze proprio nel giorno di Capodanno e quando Papa Giovanni Paolo II si è affacciato per l'Angelus mi sono messa a piangere senza accorgermene (le lacrime scendevano da sole!), che emozione... adoro Roma, e avrai capito che mi stanno simpatici pure i romani! eheheheh
    P.S. io l'ultima foto non la vedo...

    RispondiElimina
  8. Tutto bellissimo, ma l'ultima foto...assoluta.

    RispondiElimina
  9. ciaoooooooo le tue foto sono sempre meravigliose, un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Si mi ricordo bene il terrore che avevo la prima volta che provai a mettere un rullino dentro la macchina fotografica. E la rabbia che ti veniva quado ti rendevi conto che la foto piu' bella che avevi fatto era proprio l'ultima "scroccata" e probabilmente non sarebbe venuta?

    Il colonnato con il grandangolo e' spettacolare, ma anche il cupolone da Ponte Sisto e' favolosa. Non vedo l'ora di vedere la "Roma by night".

    RispondiElimina
  11. Zi' Pie', a parte la tua simpatia e il pane con i semini che ripropongo ogni settimana.... pensa che quando abitavo a Roma (fino a due anni fa...) dalle finestre su strada vedevo er Cuppolone.... bene, la prossima volta (la prox settimana) scatto qualche foto anche io!!! Abbracci... romanissimi! Eleonora

    RispondiElimina
  12. @Gamby: ahahahah, guarda che dalla cucina non mi sono mai allontanato!!!!

    @Nico: Grazie, Nico. Conosco quel sw, ma non l’ho mai usato. Lo proverò!
    P.S. Lo so che mi segui sempre e commenti solo i post di foto ;)

    @Fujiko: ”..na carozzella vaaaaa co ddu stranieriii”
    :)))

    @Morettina: Grazie :)))

    @Stefania P&S: Non vengono quelle foto, mi ci vuole un cannone, altro che grandangolo!!!

    @Giulia: Grazie! I complimenti sono uno stimolo per farne altre

    @Luna: …e si, l’ho capito. Dai, venite che vi aspetto! ;)

    @Araba: …aspetta tutta la serie delle notturne e poi mi dirai.. ;)

    @Fabiola: Ciaoooo!!! :)))

    @elenuccia: …e ti posso già preannunciare che alcune foto “bai nait” già fatte piacciono anche a me!!
    ;)

    @Marinora: …e avvisami quando pubblichi! ;)

    RispondiElimina
  13. Ziooo andiamo a fare un tour fotografico..con pause gastronomiche eh?? dai organizziamo prima di Natale!

    RispondiElimina
  14. Ciao zio Piero, sono una tua fan da molto tempo e adesso ho aperto un mio blog. Mi sentirei onoratissima se tu mi venissi a visitare, le foto fanno schifo e il tutto è ancora un pò rudimentale ma mi sto applicando per migliorare. Il blog è http://lapastafiglia.blogspot.com/ baci Marta

    RispondiElimina
  15. Non puoi farmi questo......sono 1a 13.000 km.....

    RispondiElimina
  16. @Cleare: C'è chi ci sta facendo pure un business... Io lo faccio gratis! :))

    @Marta: Son già passato ieri e adesso ho anche commentato il tuo pane bello alveolato! :))

    @Gluty: ...ennamo, dai, viemme a trova'! :)))

    @Luna: ;)

    RispondiElimina
  17. Beh, adesso sei più che attrezzato! Dai!

    Anche io oggi ho pubblicato scorci della mia città. niente a a che vedere con le tue (del resto io ho ben altre attrezzature) ma sempre belle sono!
    Ciao

    Hai visto che adesso non commento più in anonimo?!

    RispondiElimina
  18. ciao, ti vorrei invitare al mio primo contest “DENTRO AL RICCIO”, ricette a base di CASTAGNE! Se ti và, passa a trovarmi. http://dentrolapentola.blogspot.com/2011/10/dentro-il-riccioil-primo-contest-di.html

    RispondiElimina
  19. @Stefania: Ho visto, ho visto. Quanto alle attrezzature...un uccellino mi dice che presto farai un salto di qualità! ;)

    @Matteo: Grazie per l'invito. :)

    RispondiElimina
  20. Grande Piero: io e Claudia abbiamo in programma forse da 3 o 4 anni di fare un raid notturno per Roma ma ancora non ci siamo decisi :-(
    SBeh, che dire? Con un soggetto così il servizio fotografico non può che essere spettacolare :-D
    Prova pure, in una notte d'estate, andando a visitare Castel Sant'Angelo, a fotografarlo dal "Passetto", (come abbiamo fatto noi qualche anno fa) passando a 3/4 metri dai palazzi sottostanti ...dove potrai "ammirare" romani in mutande e canottiera guardare la televisione a finestre spalancate cercando un refolo d'aria hahahahahaha
    In effetti il colonnato di San Pietro è stato progettato dal Bernini proprio come due braccia umane: il corpo della basilica sarebbe il dorso, la cupola sarebbe la testa ed il colonnato le due braccia nell'atto di accogliere e contenere l'umanità intera.

    P.s.: hai proprio ragione ! Che soddisfazione arrivare alla trentottesima foto hhahaha Ma che delusione quando l'ultima, e SEMPRE la più bella, veniva tagliata a metà perchè la pellicola era finita :-(((

    P.p.s.: continua così !!!! :-D

    RispondiElimina
  21. @JAJO: Grande JAJO!!! Guarda che un raid notturno non vi basta, eh? Leggerai nel prossimo post (ora hai solo un'anteprima in alto a sinistra) quando ce vo'!!!
    Quanto ai romani in mutande, avendo abitato a Trastevere dal '67 al '91..be', ne posso raccontare davvero tante!!! E tu da romano me poi capi'! T'aspetto giovedì, con un post su Roma de notte...

    p.s. santa digitale!!! :)))

    RispondiElimina
  22. Belle, Zio. La penukltima la metterei verticale ;-)

    RispondiElimina
  23. @Pellegrina: Grazie! :) Ci avevo pensato, sai? Ma come avrai notato prediligo molto di più l'orizzontale.
    :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails