giovedì 15 marzo 2012

Timballo di Anelletti farcito con zucchine

Questo post sa di Sicilia.
Voi tutti sapete quanto ami questa terra e i loro abitanti, radiosi e ospitali come pochi.

Così oggi ho volulto fare un piatto molto siculo, almeno in alcune sue componenti.

Premessa:
Chi non dovesse conoscere gli anelletti è pregato di andarli subito a comprare!!!

Per me sono un formato di pasta straodinario. Si prestano a qualsiasi tipo di condimento e risultano particolarmente piacevoli da masticare.

Vi dico subito che non è facile trovarli fuori dall'isola. Non sono un formato molto diffuso, anche se qualche nota marca ha provato a produrli.

Fino a qualche tempo fa me li facevo spedire o ne facevo una scorta quando andavo giù, adesso devo dire che ho trovato un negozietto (siciliano, guarda caso) che li vende e della marca "giusta"!

Piccolo suggerimento: comprate quelli trafilati al bronzo, fanno la vera differenza e se potete, evitate la "nota marca" ;)

Veniamo a noi.

Per prima cosa va preparato il ragù.
Qui si rischia di accendere una miccia, e pure corta!

Non esiste una ricetta per il ragù, ma 10, 100, 1000! Forse di più

Anche io non lo faccio mai alla stessa maniera, pur attenendomi ad alcune regole "basilari" quali, ad esempio, i lunghi tenmpi di cottura.

Per questo anelletti l'ho fatto così, semplice semplice:

Occorrente:
Macinato di manzo e maiale
Carota, sedano, cipolla.
Estratto di pomodoro
Salsa di pomodoro
Olio, sale, chiodi di garofano.
Tempo...

Fate il solito battuto con carota, sedano e cipolla e soffriggetelo.
A parte scottate il macinato e unitelo al battuto affinché i sapori si amalghino per bene e la carne inizi a scottarsi.
Se avete una pentola di coccio fate il ragù la dentro ;)
Aggiungete poi l'estratto di pomodoro. Se non avete questo, sarete costretti a comprarlo...
Idem per la salsa, che io aggiungo 5 minuti dopo aver messo l'estratto.
Le quantità le lascio decidere a voi, ma per 400 gr di macinato non andate troppo oltre un litro di salsa.
Mettete poi i chiodi di garofano e portate la fiamma al minimo, coprendo la pentola ma non del tutto.

Lasciate andare per qualche ora, 5 almeno.

Il sugo deve risultare bello denso.

A questo punto avete il vostro bel ragù.

Per questo piatto ci ho aggiunto della besciamella.
Fatela come sapete farla voi, andrà sicuramente bene.
Le dosi che uso io sono 50 gr di burro, 50 gr di farina e mezzo litro di latte, oltre ad un pizzico di sale e a della noce moscata grattugiata, se vi piace.

Unite gli anelletti cotti molto al dente, quasi duri!

Come ulteriore condimento di questo piatto ho grattugiato abbondante ragusano stagionato; se non lo doveste trovare potete sostituirlo con del parmigiano regiano (ma non è la stessa cosa!!!).

A parte ho grigliato delle zucchine tagliate a fette sottili e le ho sistemate in uno stampo da ciambellone, precedentemente imburrato e ricoperto di pangrattato leggermente tostato ;)

Forno per 30 minuti, poi capovolgete lo stampo; il timballo scenderà nel piatto come per incanto!

(Fare click sulla foto per ingrandirla)

Sull'uso delle zucchine: probabilmente molti di voi dissentiranno, in quanto per essere proprio siculo questo piatto andrebbe fatto con le melenzane fritte!

Ecco, si da il caso che io sia allergico alle melanzane, mannaggia alle allergie, ma questo piatto lo volevo fare comunque, per cui ho optato per le zucchine grigliate e devo dire ci stanno proprio bene.

Ne volete una fetta?

(Fare click sulla foto per ingrandirla)
..se poi vi volete risparmiare il tempo di grigliatura di una gran quantità di zucchine (ne occorrono tante, ed è la parte più lunga di tutto il procedimento), potete sempre grigliarne una striscia a porzione, "coppare" gli anelletti e decorarli così:

(Fare click sulla foto per ingrandirla)
Piaciute? A me tantissimo!!!  SLURP!!!

Ciao e alla Prossima

Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:

29 commenti:

  1. Da Stefania...ho "rubato" poco tempo fà proprio un piatto con gli anelletti che è in attesa di essere portato ai fornelli...poi arrivi tu e mette sul reminder una ulteriore sveglia...ma si può?! :P ehehehehe
    Qui però almeno in privato...occorrono le indicazioni su dove comprare gli anelletti :)
    Per le zucchine , non penso sia un problema, un certo tipo di cucina per quanto codificato con ingredienti e procedimenti se fatto con una certa passione supera anche le barriere della tradizione e qui ci siamo mi sa...
    PS
    Ma la ricetta dello strattu dove stà...ho letto anche l'altro post...:(

    RispondiElimina
  2. un piatto spettacolare e gustosissimo!!! da rimanere a bocca aperta! ;)

    RispondiElimina
  3. Mi spiego meglio...ti fai lo strattu a casa...o sfrutti quello che ti portano? :P hehehehehe

    RispondiElimina
  4. Bbono bbono, mi sa tanto. eh?
    in effetti con le melanzane fritte deve essere speciale, ma meglio così.. non volevamo vedere lo zio riempirsi di orticaria!!
    ;-)

    RispondiElimina
  5. è pazzesco...buonissimo!!

    RispondiElimina
  6. A me le melanzane per fortuna non fanno allergia, ma per mio uso le metterei grigliate anziché fritte per questioni di digeribilità.
    Buona giornata!

    P.S.: la foto anteprima in alto a sx mi sembra di averla già vista... ;-)

    RispondiElimina
  7. Quando si parla di sicilia come TERRA, si incorre facilmente nel considerare i suoi abitanti TERRONI ... lo so che non è il tuo caso, ma la prima frase di questo post mi ha suscitato una serie di riflessioni, non sempre positive. Perchè la sicilia è una Terra, e il veneto no? Perchè la parola Terra viene vista con accezione quasi positiva e la parola terroni no?
    Riflessioni deliranti a parte, credo che adesso tutti i romani vogliano sapere dove NON trovare la famosa marca ... io uso la pasta cruda, senza nemmeno farla sbollentare. In questo modo si mantiene al dente anche dopo la cottura in forno. Ovviamente, la beschamelle è piuttosto morbida!
    Baci!

    RispondiElimina
  8. @Stefania, io uso il termine "terra" d'istinto parlando del Trentino che è l'unico pezzo d'Italia che amo (forse perché è ben poco italiano), il linguaggio può riservare sempre sorprese.
    @Zio: fantastica la foto della fetta: gli anellini paiono quasi chicchi di un sartù di riso. Lo divorerei con zucchine, senza, con melanzane, senza ecc.

    RispondiElimina
  9. E comunque qui c'è un handicap: ma lo strattu? posto che le persone normali o a-b-normali come me non lo faranno mai in casa, come ne usciamo?

    RispondiElimina
  10. @Gamby: …la ricetta della “Strattu” te la devi guadagnare… :)))
    Quanto agli anelletti, passa quando vuoi! ;)

    @Glo83: …a bocca aperta che va poi subito riempita dicon gli anelletti! :))

    @Gaia: …e no! Ziopiero pieno di bolle no! :))

    @raffy: Addirittura pazzesco? …e si, infatti sono uscito pazzo!

    @Nannibis: Ma si, grigliale!
    p.s. peccato che oltre ad aver visto la foto tu non possa aver assaporato il contenuto…

    @Stefania: A dirti la verità non ho mai associato il termine terrone alla parola terra, anche perché il termine in questione, come sai, non fa parte del mio vocabolario.
    In orgine (XVII secolo) il termine stava ad indicare il proprietario di terre, un latifondista, quindi un significato direi molto lontano, a volte opposto a quello usato in maniera dispregiativa negli ultimi 50 anni.
    Per me la terra è la natura, ricca dei suio frutti che generosamente ci offre. E in questa accezione il termine ben si sposa con la Sicilia, terra (appunto) ricca e generosa.
    p.s. i romani, se vogliono, posso chiedermi dove trovare gli anelletti “giusti” ;)

    @Pellegrina: Un alternativa allo “Strattu” è l’estratto (o concentrato) di pomodoro. Lo trovi al supermercato e puoi scegliere tra le diverse marche.

    RispondiElimina
  11. io l ho fatto questo piatto ma con gli ingredienti suoi cioè melanzane ... gli anelletti li trovo facilmente e proprio quelli siciliani quindi la versione tua con le zucchine la proporrò sicuramente a cena con amici ... e troppo buona...
    baci carissimo
    lia

    RispondiElimina
  12. un vero splendore,questo piatto!!cosi' ricco,trasuda sapore e profumo..pare di sentirli..complimenti e w la Sicilia!!!!;0))

    RispondiElimina
  13. per carità, non intendevo dire che l'hai usato in maniera dispregiativa, Ci mancherebbe. È solo una riflessione che faccio spesso tra me e me e che ho condiviso con te all'alba di questo giovedì.

    RispondiElimina
  14. quanto mi piace!!!! e poi ti dirò, mi stuzzica molto di più con le zucchine che adoro! copiooooo!mi dico sepre di fare una roba simile, ma è così perfetta che ho paura non mi riesca!

    RispondiElimina
  15. Il piatto (e, come sempre, le foto!) è stupendo però io sono parecchio tarda: non ho capito nè quale sia la marca giusta nè quale sia quella sbagliata.

    Illuminami con un coraggioso outing...!

    RispondiElimina
  16. Un piatto della tradizione veramente gustoso, sei allergico alle melanzane :(( Un bacio, Lina ahaahhaha :D

    RispondiElimina
  17. ottimo piatto! adoro i timballi e la presentazione è molto bella
    continuo a cliccare sulle tue foto :D
    buon we

    RispondiElimina
  18. Grazie delle istruzioni, il concentrato lo trovo pure in Francia :-)

    RispondiElimina
  19. @Lia: Bene! Se la fai agli amici, allora doppia razione!!! Uno stampo non ti basterà! ;)

    @Elisabetta: Si! Evviva la Sicilia!!!

    @Stefania: Ma certo, ci mancherebbe! :))))

    @Aria: Ma dai, che ti importa della perfezione? Pure la mia è piuttosto arraffazzonata!!! Falla alla “come viene viene” ;)

    @Virò: No no no no! Solo in privato! :D :D :D

    @Pellegrina: …e che ci posso fare? :((

    @Gio: Bravo! Chi non clicka non sa che si perde… ;)

    @Pellegrina: Bene! ;)

    RispondiElimina
  20. mi metterò a cercare gli anelletti GF, allora!
    bel piatto, io amo le melanzane ma la variante zucchine mi sembra bbbbbona uguale!

    RispondiElimina
  21. Sempre ottimo il timballo di anelletti: quando siamo andati a Palermo ho DOVUTO prenderlo e poi, ovviamente,..... me ne sono riportati due chili a Roma e li ho rifatti due o tre volte :-)
    Tra l'altro rendono anche molto come quantità...
    Bella la variante delle zucchine ma, per fortuna, non sono ancora allergico alle melanzane :-D
    Vabbe': se proprio non lo vuoi rivelare il nome o l'indirizzo del negozietto... c'annàmo insieme (altrimenti dico che la nota marca è la Baril....) :-D
    Ciaoooo

    RispondiElimina
  22. Ma tanto c''oo sapevano tutti che la marca era quella :-D

    RispondiElimina
  23. @La Gaia: Anelletti Grande Fratello?
    :D :D :D

    @Jajo: A dir la verità non era quella la marca... Ma quella giusta è quella che mi hai scritto in privato! :)))

    RispondiElimina
  24. che bontà! questa di sicuro stasera non la rifarò, e non sono riuscita a rifare nemmeno le meringhe, ma i tonnarelli cacio e pepe sì! che delizia! è inutile, sei una garanzia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto i tonnarelli cacio e pepe? Bene!
      Gli anelletti falli senza farcire lo stampo, son buoni lo stesso! ;)

      Elimina
  25. Adoro gli anelletti, e la tua versione del timballo con le zucchine mi piace parecchio!
    Il problema degli anelletti è che per trovarli è veramente un casino...
    Li trovo più facilmente a Londra che a Genova :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e lo so che è un casino, soprattutto se vuoi quelli "giusti" ;)
      Inoltre non sono sostituibili con nessun altro tipo di pasta!

      Elimina
  26. Ciao, passo di qua rimbalzando dal blog Gaia celiaca, e anche se non ti conosco ti faccio gli auguri di buon compleanno. Hai ragione sugli anelletti, io uso quelli di libera terra (quando li trovo) e sono veramente versatili.
    Mi piace questa tua ricetta e anche la presentazione, ripasserò :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per la visita e per gli auguri!
      Passa quando vuoi :))

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails