venerdì 30 marzo 2012

Scatti 19 - Fotografia Macro

Buongiorno a tutti.

E' da tanto che non pubblico un post dedicato esclusivamente alla fotografia; come avrete certamente notato ultimamente ho preferito inserire una o più foto alla fine di un post prettamente culinario piuttosto che farne uno apposito, ma dopo alcuni scatti di domenica scorsa ho pensato fosse più giusto condividere con voi queste piccole, minuscole meraviglie della natura.

So già che alcune di voi proveranno forse ribrezzo davanti a questi insetti, ma invito tutti a non farsi vincere dalla entomofobia e cercare di apprezzare quello che spesso ad occhio nudo non riusciamo né a vedere né a inquadrare.


Vi dico subito che per fare questo tipo di foto occorre necessariamente un buon obiettivo macro, quelle lenti cioè che montate sulla vostra reflex vi permettono di scattare da vicino, anche a pochissimi centimetri; poi, oltre che un minimo di tecnica, ci vuole pazienza, molta, anche perché questi soggetti si muovono ad una velocità impressionante (pensate solo cosa significhi questo per la corretta messa a fuoco) e inoltre hanno molta paura, molta di più di quella che abbiamo noi nei loro confronti!!!!
Quindi scappano subito, al nostro minimo movimento!

Ma lasciam perdere le parole per far parlare i fatti, anzi le foto!
E mi raccomando, ingranditele tutte, eh? :))


Inizierei da questa, della serie ti vedo ma tu non mi vedi, perché mi son nascosto bene dietro i petali...:

(Fate click sulla foto per ingrandirla)
Ti guardo con fare minaccioso, con le antenne che sembran corna, pronto a caricarti con tutta la mia forza, se necessario!!!

In realtà la grandezza di quest'insetto non supera i due cm.

Guardatelo qui sotto, in tutta la sua...altezza e confrontatelo con i petali del fiore!!!!
(Fate click sulla foto per ingrandirla)

Il tempo di prender fiato, ed ecco che mi inizia a girar intorno una mosca...zzzz zzzz zzzz

Penso tra me e me...aspetta che ti posi un attimo che fulmino!
Ed infatti:

(Fate click sulla foto per ingrandirla)
E' bastata una frazione di secondo e zac! Anzi Click!
Se avete un buon monitor, ingrandendo la foto potete vedere i particolari dell'occhio ben retinato.
Io ci vedo riflessa anche la fiestra di casa mia...la vedete?
Potenza del macro....

Nel pomeriggio sono uscito per andare in un giardino, dove facevano bella mostra questi splendidi fiori viola. Oltre che splendidi dovevano essere anche ricchi, visto l'accanimento con cui questa ape (è un'ape?) ci si è fiondata dentro per succhiarne tutto il nettare.

(Fate click sulla foto per ingrandirla)
Guardate quella zampetta...sembra che spinga sul petalo come un neonato fa sul seno materno

(Fate click sulla foto per ingrandirla)
e guardate poi come affonda dentro la sua testolina...

(Fate click sulla foto per ingrandirla)
Notevole, eh?


Infine vi lascio con questa chicca:

(Fate click sulla foto per ingrandirla)
Questa foto va osservata per bene: guardate che sorta di "proboscide" tiene quest'insetto (a proposito, sapete dirmi il nome?).
Osservate la meticolosa precisione e il perfetto equilibrio in aria.
Ho dovuto scattare con dei tempi infinitesimali, cercando di "bloccare" anche il battito delle ali, cosa riuscita solo parzialmente. Credo che in un secondo le sbatta più di mille volte. Impressionante!

Bene. Piaciute le foto? Spero proprio di si.


Ciao e alla Prossima

Lo Ziopiero



33 commenti:

  1. Non è che sia un amante degli insetti...ma delle foto si...e quindi ho anche proceduto agli ingrandimenti...ma solo per un attimo eh! :P ahahahahahaha
    La natura è davvero sorprendente. La tecnologia come in questo caso permette di avvicinare il mondo del più piccolo a quello del più grande e le riflessioni si sprecano...se non fosse che io al posto tuo...e parlo della terza foto me la sarei data a gambe già da tempo!! Ammazza quanto sò coraggioso eh! ahahahahaahah

    RispondiElimina
  2. Sai la curiosità che mi veniva in mente...avere la "foto" tua fatta dalla prospettiva dell'insetto...chi sa quali sono i colori percepiti, quali le multifocali adottate...
    Troppi dubbi per la mia piccola mente torno a guardare le ricette! :D ahahahahaha

    RispondiElimina
  3. La prima foto è sorprendente.. si vede addirittura il polline sulla testolina dell'ape che nella sua testolina avra' pensato... ma questo che vuole??? :)))
    Bellissime tutte complimenti!
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. ma quante volte ho scritto testolina???? credo che la mia sia partita! ahaha

    RispondiElimina
  5. Che belle foto!!! Hai notato nella prima foto che dietro un petalo a destra si nasconde un altro piccolo ospite??? L'insetto dell'ultima foto e' un Macroglossum stellatarum (conosciuto come insetto colibri).
    Martina

    RispondiElimina
  6. @Gamby: Davvero sei così fifone? Non pensavo! Buono asapersi! Appenderò un alveare agli specchietti della mia macchina… :D :D :D

    @Fortunazero: Partita la testolina? :)))

    @Giovanna: Grazie! :)))

    @Martina: Ma lo sai che non l’avevo affatto notato!!!
    Grazie per l’indicazione: ho visto che in pratica è una falena diurna! L’aspetto ce lo aveva…

    RispondiElimina
  7. Bellissime foto, io adoro insetti, aracnidi e animaletti vari, qualche bella foto l'ho scattata anche io, ma nulla paragonabile alle tue (ho una semplice digitale) :-)

    RispondiElimina
  8. Mamma mia quel fiore giallo buca lo schermo zio!! di una bellezza esplosiva. Queste foto mi fanno pensare a quanto sia "oltre" la natura

    RispondiElimina
  9. Pauraaaaaaaaaaa! Però che belle! La fotografia macro secondo me è una delle più belle..si vedon cose che normalmente sfuggono! Ma tu ci vai al Photoshow sto weekend?

    RispondiElimina
  10. Sì bellissime foto zio Piero e l'insetto colibrì è chiamato sfinge del gallio.In primavera estate ne ho in giardino anch'io che passano da un fiore all'altro soprattutto la lavanda.
    Ciao e complimenti.Monica

    RispondiElimina
  11. @Nadir: E' raro trovare un'amante degli instetti... Peccato: sono degli animali così carini...

    @elenuccia: Stravero!!! La Natura (con la enne maiuscola) sta proprio oltre.

    @Cleare: La foto macro è affascinante.
    Photoshow? Certo che ci vado. ti pare posso mancare?!?!?
    :)))

    @Monica: Dopo averlo scoperto, mi piace proprio l'insetto colibrì! :)))
    Ah, grazie per i complimenti! :))

    RispondiElimina
  12. Guardo con un occhio solo, abbi pazienza: io e gli insetti non andiamo proprio d'accordo...nemmeno in foto :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...chissà perché ne ero convinto! :D :D :D

      Dai, ti rifarai con i post della prossima settimana ;)

      Elimina
  13. Mi prostro umile ai Vostri piedi, o sommo maestro del click!!

    RispondiElimina
  14. Mi piace molto la prima foto con la testolina dell'ape che fa capolino tra i petali del fiore.
    Infatti l'ho messa come sfondo sul desktop come benvenuto alla primavera.

    RispondiElimina
  15. @Jajo: Nun te prostra' ke t'encricchi!!! :D :D
    Piuttosto cercamo de bekkasse pe fasse un bel tur (senza "o") fodografigo (con la "d" e la "g")
    :)))

    @gwendy: Ma quale onore! Una mia foto come sfondo! :))

    Grazie e Buona Primavera!

    RispondiElimina
  16. l'ultima foto è davvero bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Gio. Sai che oggi sono tornato "sul luogo del delitto"? Ne ho fatte delle altre ;)

      Elimina
  17. Ciao Zi', non sai quanto m'annrèbbe ma Pasqua incombe e sto messo male tra pizze ar formaggio, coralline e, poi, subbito dopo, co' comunioni e compleanni (qua rischio d'ariva' a le vacanze de fine giuggno senza 'n fine settimana libbero :-( Se potèmo senti' pe' 'n sabbato mmattina: che ne dichi? Quando puoi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, famo passa' stigiorninfami. Magari nzabbato madina... ;)

      Elimina
    2. Dai!
      Per il 14 ho un impegno... ma a cena :-)
      La mattina se pònno fa' ddu' passi, tanto pe' smarti' 'a Pasqua (però se ce scappa 'n aperitivuccio o 'n pezzo de pizza bianca.... :-D).
      Se sentimo pe' posta...
      Ciaooo

      Elimina
  18. sono sicura che gia' sai, quale mi emoziona di più..
    profumo di MAMMA sono.
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e quindi? Quale delle 3? Io dico la prima!
      :)))

      Elimina
  19. l'ultima foto è impressionante....
    sei davvero bravo sai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. WOW! :)))

      (questo è il tuo primo commento short! :D :D :D )

      Elimina
    2. oh beh, le foto sono una delle mie passioni, difatti i miei spazi virtuali sono proprio una sintesi di questa ed un'altra passione che mi infuoca: la parola (!!!! sorpreso eh?:).
      "Amo le foto, la possibilità di bloccare il tempo e lo spazio, imprimerlo sulla carta, impressionarlo sulla materia. Soprattutto mi incanta lo sguardo di chi fotografa, il punto d'osservazione. Mi succede di guardare con le mani, nel senso che, guardare qualcosa che è lontano, non a portata di mano, (in questo caso, una foto) mi induce ad immaginarne l'impressione sulla pelle, una sorta di sguardo tattile, guardo un fiore e sento i petali fra le dita. La foto mi dà l'idea del movimento, proprio perché è fissa, proprio perché blocca l'istante, proprio perché irripetibile, mi suggerisce il movimento del tempo, e del pensiero. C'è l'intenzione del fotografo e quella di chi legge. E' evocativa. Mi suggerisce un'emozione, mi suggerisce una parola, mi suggerisce una poesia. E viceversa. Mi succede di toccare una poesia o un racconto (riesco a leggere solo su carta) e di immaginarne il luogo, lo spazio, che qui traduco con una foto. Il blog è il luogo perfetto perché queste due visioni convivano e si intreccino. Sinesteticamente, un luogo che non posso toccare (a meno che mi appiccichi al video! nel qual caso andrei a ricoverarmi da sola :) per rappresentare due visioni che tocco con gli occhi. Dovrei cambiare il nome del blog in : sguardo tattile". Questo tra le virgolette è un pensiero di un po' di tempo fa, ora che ho scoperto i food-blogs ho manifestato una nuova sinestesia: "lo sguardo saporifero", guardo una foto, leggo la ricetta e le papille linguali si allertano, si gonfiano, rievocano gusti conosciuti e amati, l'olfatto amplifica la memoria di profumi esuberanti e volatili, un piacere accattivante comincia ad insinuarsi...nello stomaco!!! Sì, le foto hanno il fascino del.........
      ........................
      .......................................
      ehm....dicevi?
      :-D:-D:-D

      Elimina
    3. giuro che scherzo!!!!!!!!!!!!
      :-D:-D:-D:D

      Elimina
    4. La sinestesia è tra le figure retoriche che più mi affascina: le svariata combinazioni portano ad espressioni più vive, forti, coinvolgenti.
      I sensi non vanno mai percepiti separatamente, ma confusi tra loro e nel loro insieme.

      E' così che spesso anche io mi sono ritrovato ad "ascoltare un sapore" o "assaporare con lo sguardo".

      Tempo fa, mentre un impasto lievitava, mi sono ritrovato a "respirare un rumore"...si, proprio così! Raccontarlo è difficile, immaginarlo meno: sentivo uno strano rumorino dalla ciotola chiusa: era l'impasto che crescendo faceva rumore: giuro! C'erano altre persone incredule. Abbiamo anche registrato il rumore! E così, ad occhi chiusi, ho avvicinato il naso e respirato...il rumore che usciva. E mentre stavo lì...ne ho anche ascoltato l'odore...

      p.s. giuro che invece io non scherzo!!! :))

      Elimina
  20. non faccio nessuna fatica a crederti, a natale parlavo con gli occhi...ai panettoni che lievitavano in forno, mi son convinta che quando la cupola si affloscia è perché, dopo due giorni di coccole, si sentono abbandonati proprio nel momento in cui devono produrre lo sforzo finale :)))

    ti credo, sì, e ciò non mi preoccupa affatto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..quindi tutte quelle teorie sull'eccessiva lievitazione o la mancata incordatura possono essere messe da parte e sostituite con una suadente e amorevole voce di sguardi? :))))

      Elimina
    2. spero proprio di no! ho passato le notti a leggere la qualunque su forum, blog, video (la pirlatura morandin non ha più segreti per me!), per capire i segreti dei lieviti, ai tempi del panettone...ciononostante sono ancora in alto mare, d'altro canto sono una profana del campo, anzi, della cucina, diciamo che gli sguardi amorevoli aiutano :)
      l'amore non basta, quasi mai.

      (ho usato l'impasto dei nannibiscotti per una crostata con questa marmellata, che io faccio con tutti gli agrumi, mandarini, clementine e pompelmi compresi, che dire.....FORE DE CAPU! non ho fatto in tempo a fare una foto, la prossima volta che faccio qualcosa di tuo però te la mando, non avendo un foodblog non ti posso linkare, però "onorare" almeno con una foto sì!. a proposito, quella marmellata lì è l'unica che faccio sul fuoco..... le altre le cuocio al microonde. e non per furberia stavolta! ma perché la frutta conserva il gusto originale, il colore rimane brillante e i profumo cristallino. l'ultima di mandarini è sublime! anzi, preziosa, riesco a farne non più di 7/8 boccaccetti da 100 gr. alla volta, per ricavare solo la polpa ci metto un'eternità oltre che il taglierino:)

      ma divago sempre..... comincio a credere che sia "colpa" di questo blog, colpa tua!!! :-D
      scappo ciao e grazie!!!!

      Elimina
    3. Manda, manda le foto, che mi farà piacere.

      Marmellata al micro? mmmmmm, manda procedimento via mail, senza che me lo cerco io ;)

      p.s. mejo che scapppi....ahahahahah

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails