AVVISO
Amici lettori, mi prendo un lungo periodo di riposo.

Nelle prossime settimane continuerò, come da mia abitudine, a rispondere a tutti i vostri commenti, anche se non sempre sarò tempestivo. Abbiate pazienza. ;)

Ci rivediamo a settembre con i resoconti di viaggi e... tante nuove ricette dello Ziopiero!

Ciao e... BUONE VACANZE A TUTTI!!!

lunedì 5 dicembre 2011

I Testaroli della Lunigiana


La cucina semplice e genuina...ve la ricordate...?

Quando andavo da mia nonna mangiavo sempre così: in maniera semplice e genuina. Una semplice pasta all'olio e parmigiano mi diventava una squisitezza. Due cicorie avvicinate alle fave passate una specialità. Una teglia di pomodori cozze e riso una vera leccornia.

Ogni tanto rifaccio questi piatti con pochi ingredienti essenziali, piatti della cosiddetta "cucina povera", ma nello stesso tempo piatti ricchi di sapori e di significati.

Così l'altra domenica ho voluto fare i Testaroli della Lunigiana.
E' un piatto che ho scoperto da pochissimo, praticamente l'estate scorsa, in un mercatino gastronomico nella bassa Toscana.

In un cestino c'erano delle confezioni di questa specie di "spugnette". Mi hanno incuriosito. La signora (marpiona) me li ha subito descritti come una vera specialità, facilissimi da cucinare.
L'altra signora (cioè mia moglie) mi guarda e mi fa: "dai, proviamoli" (che tradotto in un linguaggio di coppia navigata equivaleva a dire: "è inutile che mi guardi con quella faccia perplessa! So già che stai pensando di farteli da solo, ma adesso siamo in vacanza e non ci scassare la minchia!").
Così, senza batter ciglio o proferir parola, sfodero il mio sorriso acconsenziente (che, sempre tradotto in un linguaggio da coppia navigata, equivaleva a: "OK, questa volta non scasso i cabasisi, ma sta robetta sottovuoto te la magni te e guai se t'azzardi pure a dire che è buona!!!")


Quando poi sono andato a pagare a momenti mi ha preso un colpo!!! 5€ una confezione, bastevole si e no per 2 persone!!! Noi eravamo in 7!!! Alla faccia del mercatino e del piatto povero!!! Vabbe', ho fatto buon viso a cattivo gioco, ripromettendomi di prendermi a breve la rivincita (e a pochissimi centesimi di euro!!!).

Devo pero' dire che alla fine, benché confezionati, questi testaroli non mi sono affatto dispiaciuti e subito sono andato a cercare la ricetta che, ovviamente, è di una semplicità disarmante!!!!

Si tratta semplicemente di mischiare acqua e farina nella stessa quantità, aggiungendoci un po' di sale.

Sulle farine sentitevi liberi: io ho fatto metà 00 e metà di rimacianta grano duro, ma potete mischiarvi dentro quella di farro o di grano saraceno o integrale: va bene tutto.

Vi avverto: l'impasto sarà piuttosto liquido. Fatelo riposare una mezzoretta e versatelo sul testo arroventato, in modo tale da avere una pastella alta circa mezzo centimentro. Se non avete il testo, potete usare una padella antiaderente e chiamarli sempre testaroli!!!

Cuocete da entrambi i lati e quando avrete finito tagliate questa specie di pizzella formando dei rombi.

A parte portate ad ebollizione dell'acqua salata, spegnete poi il fuoco e immergetevi i rombi per 3 minuti.


Per il condimento potete sbizzarrirvi, ma a mio avviso un semplicissimo sugo pomodoro e basilico è quello giusto.

Ecco i miei testaroli fotografati:


Ovviamente quello che vedete in foto NON è la quantità indicata per una porzione...ma solo quella indicata per la fotografia.
Nel piatto vero e proprio occorre esagerare spudoratamente!!!
:)))

Ciao e alla Prossima

Lo Ziopiero (si, quello delle stecca!)


Guardate anche le altre realizzazioni:

21 commenti:

  1. Provo lo stesso senso di sconforto ad "acquistare" qualcosa che penso a casa mi venga decisamente meglio pagando uno sproposito. Soffro sentirmi colpito ed affondato là dove potrei invece timidamente dire la mia. Anche io ovviamente in qualche occasione vengo ripreso e probabilmente anche un estraneo si accorgerebbe che mi friggono i neuroni perchè volentieri direi..."...te li magni tu 4 testaroli a 5 euro!" :P
    PS
    Un consiglio se lo accetti. Io farei qualche testarolo in più. Lo impacchetterei bene e lo porterei alla signora del mercatino! :P ahahahahahah

    RispondiElimina
  2. alla faccia della cucina povera quanto costa!!! Ma non c'è da meravigliarsi... sicuramente molto più buoni i tuoi ;))

    RispondiElimina
  3. Disarmante nella sua semplicità, non conoscevo questo piatto e so già che sarà uno dei miei preferiti!!!Amo le cose semplici

    RispondiElimina
  4. Questi dialoghi da coppia navigata li conosco bene! Ahahahah...che ridere! Cmq la ricetta è interessante : se non fosse per l'assenza di olio ( o strutto) sembrerebbe una piadina...bollita :P a rombi.... col sugo...quindi da provare assolutamente! Ma la cottura sul testo per quanto...?

    RispondiElimina
  5. Non ho mai assaggiato i testaroli ma ne ho spesso sentito parlare...devo rimediare al più presto! Guarda che sto arrivando a casa tua per pranzo...

    RispondiElimina
  6. i linguaggi di coppia e magari anche di sguardi ne so qualcosa ... io e mio marito a mercatini ci si fà della battaglie di occhiate hahahahah lui comprerebbe tutto ai mercatini...quando se tratta de mangiare te lo fai nemico... ^___^
    pensa l'altro giorno nel centro di firenze cerano dei mercatini anche di altre regioni ti dico solo che ha comprato una pezza di formaggio ... ne bastava anche uno spicchio... ti ho detto tutto ...
    ma i testaroli non li ho mai assaggiati ...
    potrei essere tentata a farmeli...
    lia

    RispondiElimina
  7. Non conoscevo questa pasta, ma mi sa che è ottima come tutti i piatti semplici della tradizione!!
    Grazie per averceli presentati! :))

    RispondiElimina
  8. @Gamby: Farò di peggio: mi metterò nel banchetto accanto facendole concorrenza con i testaroli fatti e cucinati da me! :D :D :D

    @Giulia: …ebbe’, vuoi mettere? Non c’è paragone! ;)

    @titty: Brava. Vedrai ti piaceranno. Io lo dico sempre: metti insieme acqua e farina e camperai sazio e felice per tutta la vita!!!

    @Fujiko: Finché son cotti! :D :D :D
    (dai, te ne accorgi da sola ;) )

    @Kiara: …e mi sa che trovi anche qualcosina in più, oltre ai testaroli…!!!
    ;)

    @Lia: Provali, poi mi dirai! :)))

    @Tery: Grazie a te per esser passata di qui. Anche per me sono stati una novità…e, a proposito di novità, vedrai la prossima che presenterò!!! :)))

    RispondiElimina
  9. Meno male che erano poveri, pensa se erano ricchi dovevi chiedere un mutuo in banca e di questi giorni chiedere un mutuo è davvero una bella impresa!!!!
    Comunque complimenti perchè alla fine ho scoperto un nuovo piatto che non conoscevo!!!

    RispondiElimina
  10. Non li ho mai mangiati, e conoscendomi c'è da pensare...incredibile :-)))
    Complimenti alla signora del mercatino, comunque...

    RispondiElimina
  11. Le cose semplici sono sempre le più buone!

    RispondiElimina
  12. @Mila: ahahahah, vero!!!
    Il piatto è semplice e fattibilissimo. ;)

    @Araba: Dai, io li ho scoperti quasi a 50 anni!!!! :)))

    @Elisa: ...infatti! ;)

    RispondiElimina
  13. ciao zio Piero, è stato un piacere conoscerti.
    i testaroli non li ho mai fatti, ma se dici che si può usare anche la padella antiaderente ci posso provare :)

    RispondiElimina
  14. Toh, guarda, la tua signora che usa lo stesso linguaggio allegro di quando riprendo Mr.K!! Mi fa giá simpatia se non fosse che la odio profondamente per avere te in cucina.... A me Mr.K quando si mette ai fornelli mi rifila al massimo un piatto di spaghetti alla stracciatella (leggi carbonara) e 'sti testaroli me li posso pure sognare:D

    RispondiElimina
  15. I testaroli sono buonissimi, e senza testo secondo me dovremmo battezzarli padellaroli.
    Anzi mettiamoci a vendere i padellaroli nella ormai famosa via dei nostri tre negozi :P
    Sono sicura che Gambetto non si tirerà indietro!

    RispondiElimina
  16. Ma lo sai che non li conosco neanche io, li voglio provare. Ovviamente mi copio la tua ricetta e non ci penso proprio a comprarli!!! Hihihi ;D

    RispondiElimina
  17. @Ciboulette: Ciao e Benvenuta!
    Vai tranquilla anche con l'antiaderente! ;)

    @Cristina: Ma dai!! Falli, non ti ci vuole poi così tanto! (e a Mr. K gli rifili un toast con pane in cassetta e formaggio spalmabile!!!)
    :))))

    @Muscaria: ahahahaha!!!
    p.s. ma non era una via virtuale? :O

    @Elly: Brava!!! Soldi risparmiati (e manco pochi!!!)
    ;)

    RispondiElimina
  18. beh la signora del mercato é un'ottima venditrice! Xò son sicur che i tuoi siano moltooo meglio!

    RispondiElimina
  19. Me li ha fatti assaggiare un ligure, con il pesto ci stavano benissimo.

    RispondiElimina
  20. @Pellegrina: Si, immagino. Assorbono tantissimo, hai notato?

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails