lunedì 22 aprile 2013

La vera storia del Kaiserschmarrn

Vi ricordate il kugelhupf? Avete poi provato a farlo?
E a scriverlo?
E a pronunciarlo?
:)))

Oggi vi presento un'altra di quelle cose impossibili da scrivere e pure da pronunciare, anche se incredibilmente facile a farsi.


(Fia click sulla foto per ingrandirla)

Il Kaiserschmarrn o Kaiserschmarren viene definito da Wikipedia come uno dei più famosi dessert austrici.

Letteralmente significa "Frittata dolce dell'Imperatore" e la sua origine, come le storie che si raccontano sulla nascita casuale di molti piatti, mi ha sempre divertito.

Questa la mia interpretazione dei fatti:

Prima di tutto: chi è l'Imperatore?

I Romani potrebbero pensare si tratti di Gaio Giulio Cesare Ottaviano Augusto.
Gnoooooo. Non era lui!

I Francesi sicuramente staranno pensando a Napoleone Bonaparte?
Gnoooooo! Sbagliato!
E poi semmai il dolce si sarebbe chiamato "Omelette de l'Empereur" , vi pare?
(e mi raccomando l'erre moscia, eh?)

Nel nostro caso, invece, si tratti di nientepopodimenoche  Francesco Giuseppe I d'Austria, l'uomo che vanta il più alto numero di traduzioni del proprio nome: in tedesco: Franz Joseph I von Österreich, in ceco: František Josef I, in ungherese: Ferenc József, in slovacco: František Jozef I, in polacco Franciszek Józef I, in croato Franjo Josip I, in sloveno: Franc Jožef I, in serbo: Фрањо Јосиф I, in rumeno: Francisc Iosif I, in friulano: Francesc Josef, in ucraino: Франц Йосиф I
(come avete potuto notare la I c'è in tutte le lingue tranne che in friulano!)

Lo stesso personaggio vanta anche un altro record: il suo fu il più lungo regno della storia.

Di certo è stato un uomo molto impegnato, per cui spesso non cenava a tavola con i suoi cari ma si faceva portare qualcosa da sgranocchiare direttamente nel suo studio, che poi era una misera stanzetta 40x50 metri.

Per questo motivo il suo cuoco (all'epoca il termine chef  lo usavano solo i francesi e forse avrebbero fatto bene a tenerselo per loro!) era stressatissimo.
All'approssimarsi dell'ora di cena viveva dei momenti di assoluto panico per timore di eventuali estemporanee richieste di EffeGGiUan (è accertato che in cucina Francesco Giuseppe venisse chiamato EffeGiUan proprio per non turbare l'animo del cuoco, il qualeal sol sentir pronunciare il nome iniziava a sudare freddo, gli tremavano le gambe e spesso gli venivano le bolle!)

Voi capite che uno come l'Imperatore (cioè EffeGGiUan) non si accontenta di una busta di pop corn o di un panino al prosciutto. Quello (EffeGGiUan) vuole sempre qualcosa di sofisticato. E va pure accontentato!!!

E così una sera, quando il suo chef, pardon!, il suo cuoco, era intento a preparare la cena per la non meno esigente famiglia reale, ecco che arriva un paggeto che gli fa:

Der Kaiser wollen eine Krepp
(Ahoo, molla tutto che er capo vole na crep!)

Panico totale! Come poteva mollare la cottura del Gefüllter Truthahn (tacchino ripieno), le Aubergine Parmesan (melanzane alla parmigiana), i Bohnen mit Schwarte (fagioli con le cotiche) e i non meno impegnativi Nudeln mit Käse und Pfeffer (che sarebbero i tagliolini cacio e pepe) per una banalissima frittatina?

E fu così che mentre il nostro povero cuoco era impegnato a non far incollare la cacio e pepe, la Crepe del Kaiser (qui è proprio il caso di dirlo!) iniziò a bruciacchiarsi.

Schlampe Schaufel! 
(porca paletta!)

E siccome le rogne non vengon mai da sole, mentre tentò di girarla gli si ruppe pure!


Schlampe Schaufel Bis! 
(ariporca paletta!)

E mentre dal piano di sopra già arrivavano le urla inferocite di EffeGGiUan:

kommt diese krepp?
(ahoo, ariva 'sta creeeep?)

Ecco che al cuoco venne un'idea!!!

Finì di spezzettare la frittatina (tanto ormai...) e, non potendola più farcire, mise della marmellata sul bordo del piatto e coprì le bruciature con abbondante zucchero.

Meine Hoden!!!!
Pare avesse esclamato EffeGGiUan!
(questa non ve la traduco)

E fu così che da quel giorno EffeGGiUan volle cenare sempre con questa frittatina mal riuscita, al quale immodestamente diede il proprio appellativo; contemporaneamente conferì al suo cuoco il titolo di chef, senza dire nulla ai francesi che per altri 80 anni credettero di essere gli unici ad usarlo; al suo cuoco, pardon, al suo chef gli attacchi di panico si intensificarono ma per fortuna, prima dell'ultimo, fatale attacco, riuscì a sospirare la segretissima ricetta al suosotto-cuoco, facendosi promettere di non rivelarla a nessuno.

Ovviamente il sotto-cuoco venne promosso a cuoco e per vile denaro rivelò la ricetta alle tre le riviste di cucina che all'epoca venivano vendute in Austria: Die goldenen löffel (Il cucchiaio d'oro), Die österreichische küche (La cucina austriaca), Sauerkraut und Senf (Crauti e Mostarda). Partecipò anche a Der Test der Koch (Una sorta de La prova del cuoco) dove addirittura spacciò la Frittata del Kaiser per sua. Della serie il lupo perde il pelo ma non il vizio.

Ma torniamo a noi.
Il dolce, come anticipatovi, è semplicissimo da fare (quindi il neo chef aveva poco da tirarsela).
Per giunta nel tempo ha subito qualche inevitabile cambiamento nel procedimento.
Lo zucchero di guarnizione è stato sostituito dal più fighettino zucchero a velo, è stata aggiunta l'uva passa e gli albumi vengono montati a neve (cosa che all'epoca era tassativamente proibita ma non domandatemi perché).

Voi fatelo così:

Ingredienti per 4 persone

120 g di farina 00
270 g di latte intero
3 tuorli
3 albumi
25 g di zucchero
45 g di uva passa ammollata prima nell'acqua
3 pizzichi di sale
40 g di burro.

Montate gli albumi con lo zucchero
Con il minipimer frullate tutto tranne il burro e l'uva passa.
Unite i due composti senza sgonfiare la montata. Questo è importante.
Infine aggiungete l'uva passa.

In una padella bella capiente sciogliere il burro e iniziate a cuocere la frittata. Giratela e, se ancora non vi si è rotta, rompetela voi. Se pensate vi possa piacere un po' bruciacchiata, cuocetela fino a farla scurire un pochino, altrimenti toglietela dal fuoco prima.

Servitela con della marmellata (ribes, lamponi, fragole o quello che avete) e spolverate di zucchero a velo.


Di sicuro questo dessert può essere inserito tra i piatti Buoni e Veloci!

Vi rimetto la foto, va! ;)
(Fia click sulla foto per ingrandirla)


Ciao e alla Prossima.

Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:

99 commenti:

  1. ahahahahahaha! popo il kugelcoso arriva il kaiserkoso (pleomasmo:)))
    la frittata del kaiser mi sembra perfetto :)

    ma ho un appello per chiunque conosca il tedesco: che kais...ehm...che imperatore significa Meine Hoden??? :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. popo???? DOPO! pleomasmo? PLEONASMO!!
      ed è solo lunedì:(

      Elimina
    2. Buon giorno anche da qui Tamara!!!
      Meno male che ci sei tu a far iniziare la settimana con una mega-risata!!!!
      A dopo per il caffettino!

      p.s. per Piero: hai visto che anche Tamara si risponde da sola???? Ahahahahahahah!

      Elimina
    3. @Tamara: ahahaha, con la tastiera sei peggio di me!!!

      P.S. Meine Hoden è una tipica espressione di importazione romanesca, ancora molto in voga, che il Kaiser ha fatto propria. :))))

      @Emmettì: L'ho sempre pensato: voi non siete normali! :D :D :D

      Elimina
    4. Buongiorno cara!!!!
      l'ora del caffettino è arrivata, la lo sfaticato ancora no!!!
      intanto prepariamo la colazione, QUI ci sono i tuoi bellissimi pasticcini figliocci :)))
      e QUA i pasticciotti ehm... appena sfornati :)))))
      intanto cominciamo a mangiare....poi se rimane qualcosa per lo sfaticato, buon per lui! magari riesce pure a farci il caffè, almeno!
      Ovviamente ce n'è per tutte :)
      ps. possiamo sbriciolare come vogliamo, col pasticciotto è d'obbligo :))) (tanto poi pulisce lui!)

      Elimina
    5. kaiser!!! è arrivato mentre scrivevo!!!! :)))))

      Elimina
    6. @ Tamara: naaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa! Tamara, ma cosa mi combini?????? Sei riuscita a rendere non dico bella, ma decente una mia foto...Tu sei un vulcano... e io rimango a bocca aperta di fronte a questo tuo modo di essere!!!!!!!!
      I tuoi pasticciotti sono meravigliosi e mi sembra di avere i baffi sporchi di crema:)))))))))))); e hai notato l'accoppiata??? Pasticciotti e pasticcini figliocci... ahahahahahahahahahahahahahah!!!
      Forse ha ragione lo zio: noi non siamo normali, però io me ne vanto!
      Ma che dici, gli lasciamo qualcosina???? Dai, in fondo è sempre così gentile ad ospitarci...!
      Buon proseguimento a te e a quelle che si sono unite a noi: io me ne vado con un secchio di allegria addosso misto ad un pò di malinconia per la nostra lontananza!!!!!

      Elimina
    7. Emmettì hai visto??? non dice nulla delle nostre leccornie....vada per i pasticciotti, ma i suoi figliocci poteva almeno assaggiarli!! te lo dico, io mi ammutino, e mi ammutisco. sgrunt!

      Elimina
    8. @Tam:
      e chettedevodì?!? Forse abbiamo sbriciolato troppo e sta ancora rassettando il suo salotto... Vediamo se si pronuncia oggi, altrimenti che ci importa, tanto noi abbiamo banchettato!!!! :D :D :D

      Elimina
    9. Ho visto e ho sbavato...!!!!
      :))))

      Scappo, anche oggi una giornata pienissima.
      Le chiavi di casa lasciatemele sempre al solito posto. Anzi, fatevene direttamente una copia...tanto ormai... :D :D :D :D

      Elimina
    10. @Piero: grazie! ben gentile... :D :D :D :D :D

      Elimina
  2. Ma cos'è una gara di nomi inpronunciabili? Se è tanto buono quanto difficile da pronunciare ci provo, altrimenti me ne faccio solo uno piccino per me così non devo dire il nome a nessuno :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaah, dai, vai con una dose singola allora! ;

      Elimina
  3. gli austriaci ne vanno davvero fieri: era il dolce clou della cena sociale di una conferenza a cui sono stata il mese scorso e ci hanno fatto persino una presentazione power point per prepararci alla degustazione, ma nessuno ce l'ha raccontato in modo così divertente :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però, detto tra noi, se la tirano un po' troppo. Alla fine è una frittatina venuta pure male! :D :D :D

      Elimina
    2. shhh, non farti sentire o attaccano una polemica che non finisce più ;D

      Elimina
  4. Sono abbonata a "Crauti e mostarda"! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io. E quando faccio i crauti in casa con l'aiuto di uno della tribù dei Luo, mi sembra di interpretare una scena del teatro dell'assurdo.

      Elimina
  5. Ma che Kaiser di frittata è?
    E perchè all'epoca era tassativamente proibito montare gli albumi?
    :P
    :D:D:D Sto scherzando!
    Grazie per questo post,Piero.
    Hai accennato tante volte al lavoro che c'è dietro a questo tipo di pubblicazioni e spero ti ripaghi in parte sapere che tutte le volte contribuisci a colmare quel bacino immenso e vuoto che è la mia ignoranza!
    Mi hai incuriosito e voglio provarla, penso di fare, oggi, una mono porzione come suggerito da Arianna, poi ti dirò se... vale il Kaiser. ;-)

    Qua sta diluviando e so che anche a Roma il tempo non scherza.
    Ma 'chisseneimporta'!!!
    Ho dovuto tirare fuori di nuovo ombrello ed impermeabile per accompagnare i ragazzi a scuola ma, al rientro, una tregua dalla pioggia, mi ha consentito di godere il meraviglioso spettacolo di una natura in fiore i cui colori erano stati resi, dall'acqua, ancora più brillanti...
    We thing positive!
    Felice settimana Zio,
    a te e ai tuoi lettori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Errata corrige: ThinK
      Giusto per dare prova e conferma della mia ignoranza! :)))

      Elimina
    2. Grazie, Ros.
      Oggi piove, è vero, ma per diversi giorni abbiamo goduto di un sole caldo e di un cielo terso.
      Felice settimana anche a te, tra la natura in fiore. :)))

      Elimina
    3. @Rosalba:
      ciao Rosalba!!! stamattina ci siamo mancate per poco con il caffè...! Recuperiamo giovedi alle 11 insieme a Tamara e a tutte le altre che vorranno unirsi???
      Ricambio il felice augurio per la settimana appena iniziata con un abbraccio!!!

      Elimina
    4. Ooooookkkei!!! Ci sto!

      E l'abbraccio mio ti è arrivato, 'mattacchiona'?
      Perchè sei tu quella di cui parla lo ZioPiero con Terry, vero?
      Ah, è un plurale...beh, allora... TU e Tamara :D:D:D, io me ne tiro fuori! ;)))

      Elimina
    5. no, tu non te ne tiri fuori....tu ci tiri fuori!!!! :)))) (Emmettì, s'è già dimenticata che ci aveva allungato la mano!)
      buondì Rosalba un sorriso matto :)))

      Elimina
    6. @Rosalba:
      mhhhhhhhhhhhhh! temo di essere proprio io la mattacchiona... (ma non sono sola eh????)
      E' vero...!!! Non ti ricordi che ci avevi allungato la mano per tirarci fuori dalla pozza di olio?????? ahahahahahahahahahahahahahahahaha!!!!!
      Il tuo abbraccio mi è arrivato ora e me lo prendo tutto! Ci vediamo giovedi alla solita ora, nel solito salotto!!!!
      @Tamara:
      Ma si dai, forse Rosalba si era un attimo smemorata... e se lei si tira fuori la tiriamo dentro noi!!!! uhi ahi mascelle e addominali doloranti... :))))))))))))))))))))))))))))

      Elimina
    7. Appunto.
      Io sono quella che vi salva.
      Ma le mattacchione del blog siete solo voi due: Tamara e Guadalupe!
      Punto.
      :D


      Cosa portate alla pausa-caffè di giovedì?:)
      Il pasticciotto leccese è troooooppo buono!
      Grazie ancora per la ricetta Tamara!
      Un sorriso (savio) anche a voi!

      Elimina
    8. Buon giorno Rosalba!!!! Scusami se ti rispondo solo ora... :/
      Dunque, con Tamara si pensava di fare così: poiché nel week end ognuna di noi, bene o male pasticcia qualcosa..., il lunedi mattina si porta qui!
      Per domani invece, essendo anche festività, credo che spizzicheremo qualcosa dalle preparazioni dolci dello Zio, sennò sembra anche brutto...: prima gli invadiamo il salotto, poi portiamo anche i dolcetti e... non vorrei si sentisse troppo escluso!! Tu che dici???? :))))))))))))
      p.s. buoni si i pasticciotti leccesi: hai visto che meraviglia quelli di Tamara?????
      pp.ss. ricambio il tuo sorriso (ma il mio è di quelli matti...)

      Elimina
    9. un sorriso di nascosto a voi, e a chiunque lo voglia cogliere. ssshhhhhh sennò ci sente ziokaiser...no ziokaiser non se pò dì, ci caccia via, ziocoso....uffa nemmeno...zetappìuàn! a domani, se riesco, sennò vi penso all'ora del caffè, promesso! :) ssshhhhhh

      Elimina
    10. @Emmettì, Rosalba :Ecco, brave, portate anche qualcosina da mangiare che in questi giorni non ho molta fantasia né tempo.

      @Tamara:Aho, ma che te sei piegata pe scrive? :D :D :D

      Elimina
    11. @Ziopiero: mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmhhhhh! Brutta storia questa... che non hai tempo ci sta, ma la fantasia???? Dove l'hai persa????????????? Oh! Non fare scherzi!!! :)
      p.s. se non si è piegata Tamara per scrivere, mi sono piegata io per ridere!!!!! :D

      Elimina
    12. La fantasia è come una farfalla: vola di qua, vola di là, poi si posa su un bel fiore e... ti viene l'ispirazione. Ma dura pochissimo...bisogna cogliere l'attimo! :))))

      Elimina
    13. @Rosalba: buon giorno!!!!!!!! Arrivo con un po' di ritardo e con il fiato corto alla pausa caffè, ma smanettando in cucina perdo sempre la cognizione del tempo!!!! :))
      Dunque, cosa vogliamo rubare dalle preparazioni dolci dello Zio??? Una cucchiaiata di Opera????? Mmmmmhhhhhh, penso che con il caffè si sposerebbe proprio bene!!!
      Tamara oggi dava forfait, ma mi ha detto che si univa a noi col pensiero!!!! :))))))
      Felicissima giornata a te Ros con questo bellissimo sole che mette in risalto le meraviglie della natura e che, per questo, ci scalda anche il cuore!!!
      L'augurio ovviamente è per tutti quelli che leggeranno e soprattutto per il padrone di casa che ancora ci ospita qui...! :)))))))))))

      Elimina
    14. No, fammi capire una cosa: lì da te c'è il sole?!?!?!?
      Qui invece è tutto coperto da stamattina...

      Oggi c'è poco da rubare...però su una cosa ci hai azzeccato: ho dell'opera nel congelatore!
      Ma è già un dolce al caffé, non ce ne aggiungerei altro da bere;)

      A questo punto...buon pomeriggio!

      p.s. oggi la farfallina si è posata.... un attimo... e..... :)))))

      Elimina
    15. ... con un po' di ritardo ma un raggio di sole te lo tiro, nella speranza che arrivi!!!!
      p.s. stamattina sono stata spettatrice solitaria di un'aurora e un'alba meravigliose!!!

      Elimina
  6. ziopiè ... mi sono confusa
    qualunque kaiser di cosa sia, c'è l'uvetta, quindi mi piace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...che poi l'uvetta non è proprio delle loro parti, ma più delle tue...
      Me sa tanto che il cuoco siculo era! :D :D :D

      Elimina
  7. A me adesso viene di dire una cosa ma non la posso dire :D
    Non rifarò mai questa frittata ma mi sono sganasciata dalle risate a leggere!!!
    Die Kaiser wollen eine Krepp....ahahahhahahahahah...non ce la posso fà! :D :D :D

    Che mondo sarebbe senza di te? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E dilla, su! Sputa 'sto cecio! òsdlghasòghaòsdglh
      :D :D :D

      p.s. mi piace la lingua tedesca...con tutti quei Kappa! :)))

      Elimina
  8. Conoscevo la storiella ma raccontata da te e' uno spasso :)))
    Sono stata a Vienna per Pasqua e me ne sono fatta una scorpacciata inimmaginabile. E' praticamente uno street food, e come tutti gli street food e' di una bonta' pazzesca!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E si. Loro poi la servono con i mirtilli rossi, che io non avevo.

      Bella Vienna, eh? E' da un po' che non ci vado.

      Elimina
  9. Oddio, ero in treno e mi sono sbellicata dalle risate, più andavo avanti a leggere, più non riuscivo a smettere di ridere, più tutti i presenti hanno iniziato a lanciarmi occhiate preoccupate!!! non ho mai letto una storia di na ricetta così spassosa!
    Concordo con Michela di due commenti sopra: che mondo sarebbe senza lo ziopiero!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di averti fatto ridere. :))

      p.s. troppo buone, tu e Michela...così mi fate sentire "importante" :))))

      Elimina
  10. Ohhh ma lo sai che oltre a leggere quello che scrivi tu è altrettanto bello leggere quello che scrive chi passa di qui? Per la serie "se non son matte non le vogliamo" con tutto il rispetto, si intende! Comunque tu sei bravissimo anche a fare le foto; riesci a far sembrare bella anche una specie di frittata ... complimenti per il Kaisercosoqua ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, vero Terry. In realtà qualche mattacchiona c'è (sempre con tutti il respetto per i matti, eh?).
      Ma alla fine chi passa da qui sa che trova un momento di relax, oltre a delle ricette.
      Speriamo che duri! :))))

      Elimina
  11. Ciao zio,non penso che lo faro' mai,perche' riuscirei a dare un nuovo significato all'espressione "frittata venuta male",ma conosco bene il Kaiserkoso.Anni fa lavorai con un cuoco austriaco terrificante,tale Mario,che non sapeva cucinare niente,ad eccezione del Kaiserschmarrn,che faceva divinamente.In un momento di pazza generosita' mi diede anche la ricotta degli occhi di Linz..
    Come si dice Francesco Giuseppe in Esperanto?..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...be', se ti viene male...allora vuol dire che ti è venuta bene! :D :D :D

      p.s. in Esperanto si dice.... Francesco Giuseppe! :)))

      Elimina
  12. Conoscevo la storia, ma come la racconti tu, nessuno ;-)

    RispondiElimina
  13. UHHH troppe ne ho mangiate nel mio erasmus salisburghese!! ti perdono qualche errore di grammatica tedesca ( ahahaha ) ma ti dico che ti avrei troppissimo voluto come prof. di storia oltre che come Maestro!!!!!!
    fantastico!!!!
    baci Francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo tu parlassi il tedesco! Questa è una carta che ti devi giocare, e pure alla svelta!

      Bacioni! :)))

      Elimina
  14. Carissimo Zio, mi sono presa una bella 1/4 ora per leggermi questo post perchè, ahimè, benchè io apprezzi tantissimo la sua grande fantasia nella storia della cucina imperiale, debbo, mio malgrado, farle tantissime correzioni tra errori grammaticali, di sintassi e anche di pronuncia!! ahahaha :D
    Scherzi a parte, pare che sia davvero vera la storia di questo Kaiser (a propostio DER Keiser non DIE, che è femminile, o meglio DIE KEISERIN..!) dunque grazie per la proposizione in chiave parodica e soprattutto per la ricettina ^_^
    io prima faccio il .. KUGELHUPF (pronunciato my way ;-)
    a presto! (e stavolta è vero!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha, mannaggia ti avrei dovuto mandare in visione il testo...però poi avresti perso il gusto della sorpresa! Intanto correggo.

      (Ovviamente non parlo mezza parola di tedesco, mi sono avvalso del traduttore di google)

      Elimina
    2. chissà perché l'avevo come immaginato che tu non parlassi tedesco ;)
      meine hoden è divino!!
      come dice giustamente vaty: "der kaiser" e anche "der kaiserschmarrn".
      post grandioso :D :D :D

      Elimina
    3. ...be..."Meine Hoden" è ovviamente una libera interpretazione di un'espressione tipicamente romana, anche se grazie a Sordi e Verdone ormai diffuso in tutta Italia. :)))

      Elimina
  15. A questo passo il tuo blog diventerà un succursale dell'Accademia della lingua e della letteratura tedesca. Pensa che mia madre nata a Budapest e mia suocera nata a Trieste erano concittadine al momento della loro nascita, entrambe suddite del suddetto Kaiser, Cecco Beppe, altro nome da aggiungere alla tua lista. Dolce buonissimo, del genere dolce da bambino, mio favorito. Esiste anche il Gries-Schmarren fatto con semolino.

    RispondiElimina
  16. Buongiorno Zio,
    c'è una cosa che non ho capito:
    i 40g di burro vanno (suppongo sciolti) nell'impasto o servono solo per cuocere la frittata?


    Un quarto d'ora dopo il mio commento di ieri è sparita la pioggia ed è arrivato un caldo pazzesco.
    Oggi, Primavera inoltrata!
    (A quanto pare mi sono data da sola l'incarico di servizio Meteo sul tuo blog! :D )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I 40 g di burro servono per cuocere la frittata. Ma non si capisce dalle spiegazioni...?

      p.s. che tempo farà giovedì? :))))

      Elimina
    2. Bello, bello, bello,
      con un Sole tondo, tondo,
      color...
      'mandarino'!(Slurp!)

      O io sono scema o tu hai corretto:
      Ti prego, conferma la seconda opzione!:)

      Lo 'ziopierino' di Maya,
      lo hai già visto, vero?
      Quella foto... mi ha fatto sciogliere il cuore.
      Troppo bello!
      Uguale, uguale, allo...
      zio!? ;-))

      Elimina
    3. Ros, devo esser sincero: non ho corretto. Ma l'importante è aver trovato la risposta. :))

      Lo "Ziopierino" di Maya lo conosco bene: è il mio ultimo nipote acquisito!!! :))))

      Bacioni! :)))

      Elimina
  17. Se Wikipedia lo definisce cosi allora vuol dire che è un desert che vale la pena farlo,a me piace imparare ricette internazionali perciò questa non mi la lascio scapare ,si vede cosi buona che la preparerò domani.Un abbraccio. prestiti inpdap

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi facci sapere se ti è piaciuta, allora. :)

      Elimina
  18. Non per fare il saputello...ma questa storia la sapevo anche io, certo non nella versione di ZioPiero, la lettura migliore che abbia mai fatto delle ansie di un cuoco...afflitto da un regnate morto di fame....e da una lingua che non rende giustizia alla poesia con tutte quelle kappa...
    Il titolo del post potrebbe essere "una kikka da un racconto del kakkio"!!!! :P ahahahhaaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhah, il nuovo titolo mi piace assai!!!!

      p.s. tu sei saputello! :)))))

      Elimina
  19. Ciao Zio ! Finalmente approdo nel tuo blog..dopo aver letto di te ovunque...e dopo aver appreso che venerdì sera saremo a cena insieme..eccomi qui, a porgerti i miei omaggi, a rifarmi gli occhi...e naturalmente a presentarmi !
    Sono mary, del Dafne's corner :)
    A presto e buona serata !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta, Mary. Leggo spesso i tuoi commenti da Michela.
      Per quanto riguarda venerdì, se sarò a Roma sarò dei vostri sicuramente! :)))

      Elimina
  20. poppata, lavatrice cag..( censura) e di nuovo poppata, lavatrice, censura..! MA eccome a ridere su una delle storie della storia più divertenti. DI questo passo, quando Ziopierino incomincerà ad ascoltare le favole, gli leggerò i tuoi post :D. Basta che poi nun se "pis (censura) " sotto dalle risate. Però ammetto, però confesso, me son persa tutte le discussioni zompentando tra un commento e l'altro. Na cosa...ma sta volta sbaglio o le "bascionate" le hai prese te con sto tedesco? :D :D..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah, aho, ma io parlo il tedesco maccheronico e stai sicura che all'atto pratico capiscono e come! :D :D :D

      Baciami tutto il mio nipotino, alias Ziopierino! :)))))

      Elimina
  21. Tutto sai tu! pure il tedesco adesso? (troverò un giorno sto tallone d'Achille;D)
    Però un pò di tedesco lo so anch'io! Un tempo lo parlavo, oddio lo interpretavo.. quando il professore iniziava la frase con: Zusammenfassung! ect..... era il momento di andare in bagno;D
    Tornando seria!
    Questa frittatina mi ricorda un pò la storia della Tarte Tatin e della Ganache.. insomma dagli errori dei cuochi vengono fuori grandi capolavori... ;) molto molto buona! mi piace e non conoscevo questa preparazione! Bravo Zio.. ma questa non è mica una novità:*
    PS Sappi, che io stamattina vedo blu... :D
    Bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale tedesco! Il mio tutto gugglato! :D :D :D

      p.s. se vedi blu...vuol dire che adesso vedi giusto! Capissshhhammme' ;)

      Elimina
  22. che simpatica questa storia del..ka...
    aspetta, torno a inizio post per leggere il titolo!
    Kaiserschmarrn!!!
    no, il tedesco proprio non lo mastico.
    però questo dolce lo masticherei volentieri! da provare.
    è pure veloce, e bene o male uova latte farina zucchero in casa ci sono sempre.
    e pure uvetta perchè mi piace.
    quindi...da fare!
    ciao!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...qualcosa mi fa pensare che stai già montando gli albumi....
      :)))))

      Elimina
  23. Che delusione quando l'ho assaggiato in loco... forse perché non mi chiamo EffeGGiUan! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...be, dipende anche dove le hai mangiate. Anche dalle tue parti mica trovi ovunque delle arancine speciali... ;)

      In ogni caso non stiamo parlando di un capolavolo della pasticceria...ricordiamoci che è sempre una crepe venuta male! :D :D :D

      Bacioni, Stefa' :))

      Elimina
  24. Ciao Piero (o da oggi dovrei chiamarti onkelPeter? :-D), sono la commentatrice più timida della blogosfera, anche se ricette ne ho provate tante, anche tue!!! stavolta però non mi posso esimere...sono caduta dalla sedia dal ridere, te e il tuo tetesco maccheronico!!! Die goldenen löffel...Die österreichische küche...ma ROTFLISSIMO!!!! sai che penso tu abbia una vocazione ancora inespressa, oltre la cucina? Vatel, la storia del pan de Toni, o panettone....ce n'hai di storie da rivisitare!!!quanto alla ricetta, dico solo che per me le frittatelle sono inscindibili dalla composta di ribes rosso, sarà che per me sono la merenda-tappa d'arrivo delle camminate nelle mitiche Dolomiti...ma le tue saranno buonissime! in attesa della prossima storia rivisitata, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evviva! Son contento tu abbia vinto la tua timidezza. Commenta quanto vuoi! :))

      p.s. concordo sul ribes rosso. Purtroppo non lo avevo e ho dirottato sulla marmellata di mandarini e ti dirò... ;)

      Elimina
  25. hahaha! una crep al tavolo 7!! me fai morì... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D :D :D

      Aho, t'aspetto sempre per i makkarones!
      Sie geben mir nicht das loch (nun me da buca!!!)

      Elimina
  26. mi sono divertito a leggere questo post, il tedesco è un po così così ma va bene, comunque pronunciare kaisershmarrn è più facile di kugelhupf, è tradizione autriaca servirla con la confettura di mirtilli rossi.
    L'imperatore Francesco Giuseppe aveva la fama di essere un uomo dai gusti molto semplici quasi elementari, forse non è per fargli un complimento.

    Auf Wiedersehen

    RispondiElimina
  27. Buona domenica Zio Piero :-)
    Piacere di conoscerti...sono una nuova nipotina ^.^ (anche se in "arte" sono la zia Consu !!!!)
    Sarò spesso alla tua tavola...
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarai sempre la benvenuta!
      Un po' nipotina, un po' zia Cunsu! :))

      Elimina
  28. Jawoh wirklich gut und sehr gut erklaert!!! Ahahahahahaha è da quando ero piccola che mi proponevamo sto Kaiser....solo che essendo il 45-48 allora Trieste sotto il comando militare alleato ti davano latte e uo in polvere (vasoni) e la margarina salata (altro vasone) e naturalmente il famoso formaggio olandese.
    Prova a fare tu una Kaiser..... con questi ingredienti che obbligatoriamente vengono diluiti con l'acqua, friggi nella margarina salata e.....scioglie l'olandese volante sulla stessa uno schifo... Poi mi sono rifatta in Austria ed anche a casa con questa meraviglia condita con un insieme di frutti di bosco caldi e zucchero a velo.. Una bontà. Servus!!!! Buona domenica e Zio Piero ti ho visto in foto bel raduno ciaooo Edvige

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Edvige.
      Certo erano brutti tempi...e chi li ha vissuti difficilmente dimentica.

      A presto! :)))

      Elimina
  29. Ci conosciamo poco ma posso chiamarti anch'io Zio Piero????
    Dopo il raduno, dove purtroppo mancavo, mi sento più in confidenza!!!
    Hai fatto foto stupende a quelle meravigliose donne!!!
    A presto mi auguro!!
    Gabila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che puoi chimarmi Zio Piero. Mi chiamo così! :D :D :D

      A presto! :)))

      Elimina
  30. che ridere, bellissimo racconto...non son riuscita ad esserci al raduno, ma spero nel prossimo...così riuscirò a conoscervi tutti!!!!
    grande piacere di conoscerti, se ti va passa a trovarmi

    lacucinadiazzurra.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Azzurra. Peccato per il raduno. Recupereremo! :)))

      Elimina
  31. :D :D
    Questo EffeGGiUan doveva essere proprio furbo,anche io cenerei tutte le sere con una frittatina cosi'....troppo buona!! Grandissimo Piero :))))

    RispondiElimina
  32. MEINE HODEN quanto sto a ride!!!! :D :D :D
    E il cuoco come si chiamava, ObiUan?? :D :D :D
    Non so quanti me ne so' sparati de 'sti Kaisercosi in Alto Adige, senza uvetta e con la marmellata di mirtilli rossi che è la vera morte sua, e che da quando l'ho trovata in vendita all'Ikea pure mi' madre s'è messa a fa' i Kaisercosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora lo capisci il tedesco? :D :D :D

      Elimina
  33. MEINE l'ho capito... e ho intuito il resto! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :))))

      p.s. alle brutte c'è sempre google translate... ;)

      Elimina
    2. L'ho usato... tanto per avere la conferma che si trattava di una Ziopierata! :D

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails