martedì 24 settembre 2013

Torta Caprese al Limone


Ci sono dolci che si gustano con gli occhi 
(e quando poi li mangi veramente spesso ne rimani deluso)

Ci sono dolci che si gustano col naso 
(sì, col naso! Avete presente quando per strada sentite l'inconfondibile odore di pasticceria?)

Ci sono dolci che si gustano col tatto
(le creme a me fanno questo effetto)

e dopo questa anafora sinestetica  finalmente arriviamo a dire che...

Ci sono dolci che si gustano e basta!

Non hanno bisogno di bellurie varie, di spray profumati che diffondo aromi improbabili, di consistenze invitanti da condurti verso sublimi esperienze tattili.

Sono buoni e basta!

Anzi spesso sono pure brutti, non invogliano...e solo i più audaci, i più temerari, i più astuti, alla fine, saranno premiati.

E' il caso di questa caprese al limone

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Ho visto tante foto in giro e mi dicevo
ma la caprese deve essere umidiccia dentro, non deve sembrare una torta margherita (!)
ma la caprese deve essere sbriciolosa, non deve sembrare un ciambellone (!)
ma la caprese deve essere imperfetta, non deve sembrare dipinta (!)

(giuro che per un anno non farò più anafore!)

Ok, allora ho deciso: la caprese al limone per me è questa!

Ingredienti per una tortiera da 26 cm

250 g mandorle, leggermente tostate + 2 amare
200 g zucchero
9 fette biscottate
5 uova
150 g burro
250 g cioccolato bianco
50 g fecola di patate
Mezzo bicchiere di limoncello
Succo di un limone
Zeste di 3 limoni
1 cucchiaino di lievito
Zucchero a velo

Tritate finemente le mandorle; scegliete voi se pelarle o meno; a me piacciono con la pellicina, le trovo più saporite. ;)
Sbriciolate poi le fette biscottate (volete farle a casa?)
Sciogliete burro e cioccolato.
Montate a neve gli albumi con 100 g di zucchero.
Montate poi i tuorli con gli altri 100 g di zucchero; incorporate qui la fecola e il lievito; unite poi le mandorle con le fette, il limoncello, le zeste e infine il burro col cioccolato.
Per finire amalgamate al tutto gli albumi montati.

Versate il composto in una teglia imburrata e infarinata, sistemandolo delicatamente con una spatola.
Infornate a 180 gradi per 30 minuti.

Come detto prima la torta deve restare morbida all’interno (inserendo uno stecchino questo deve uscire umidiccio e con un po’ di impasto appiccicato)

Una volta raffreddata, si capovolge e prima di servirla si spolvera di zucchero a velo.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)
 
Questa caprese si conserva anche 8-9 giorni fuori dal frigo.

E se la conservate in frigo, provate anche ad assaggiarla fredda: ha il suo perché! ;)

Ciao e alla Prossima.

Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:

68 commenti:

  1. Se te ne avanza una fettina Piè la mangio io...buona giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lara...ti posso confessare una cosa? Questa torta l'ho fatta prima di questa estate...ed è finita in un baleno!
      ...però la puoi rifare tu, che dici? :)))

      Elimina
  2. questo è uno dei miei cavalli di battaglia, la faccio uguale, quasi uguale :) ma con 300 g di mandorle e aromatizzo con una glassa al limoncello distribuita sopra, sullo zucchero a velo, a spirale. M'hai fatto venire voglia di farla!
    BaSci mandorlati al limone :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e quanti ne hai di cavalli di battaglia?!?!?! Vorrei vederla la tua scuderia! :D :D :D
      p.s. ma ce le metti due mandorline amare? ;)
      :)))

      Elimina
  3. Che bellezza!
    Una versione in bianco che ci piace moltissimo! quante mandorle e che originale l'accoppiata con il fresco limone!
    ottima e friabile!
    un bacione

    RispondiElimina
  4. La caprese e' riuscita a farmi innamorare........ho fatto la versione al limoncello qualche settimana fa e in assoluto credo sia una delle torte piu' buone che ho mai mangiato.........la preferisco anche alla sua originale caprese al cioccolato......che naturalmente ho fatto per verìficare la differenza......con mano!!!!Ottima la tua versione......sarebbe da provare anche questa!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Micol. Se poi proverai anche questa versione fammi sapere che ne pensi! :))

      Elimina
  5. ma com'è che i dolci "umidicci, sbriciolosi, imperfetti" mi attirano tantissimo?!?
    forse questo è un dolce che si gusta e basta....come dici...
    ma com'è che stimola tutti i miei cinque sensi?
    erano mesi che guardavo con golosità quella piccola foto in alto a destra...(anteprima di un post che non arrivava più!!!!!!!)
    immagino quella leggera granulosità data dalle mandorle (e immagino di raccogliere con il dito le bricioline che restano sul piattino)
    sento il profumo intenso di agrumi che si sprigiona tagliando la fetta
    gusto già il sapore dolce delicato e fresco di mandorle e limone
    ascolto il ticchettio della forchetta...e poi il silenzio che segue mentre assaporo tanta bontà!

    mi piace!!!!!
    bella bella, la devo provare. ciao!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...tu sei una poetessa...potrei sostituire le mie foto con le tue descrizioni... :)))

      Elimina
  6. Uno dei miei dolci preferiti!!! (beh, uno dei tanti :D

    RispondiElimina
  7. Piero buongiorno...ma lo sai che tra le varie foto su google ho pensato ci fosse anche la mia..ah ah..INVECE NO. La mia caprese al limone si è salvata :P. Un baciottolo Piero

    RispondiElimina
  8. Bentrovato Zio :) Ti dirò che io non sono attratta dai dolci belli....ma dai dolci semplici che sanno di casa..A me piacciono i dolci senza troppi fronzoli decorativi, ma che quando li assaggi, non puoi fare a meno di lasciar partire un "mmmmmm" !
    Quindi, ti lascio immaginare quanto mi possa piacere questa tua caprese "imperfetta", "umidiccia" e "sbriciolosa"..DA MATTI !
    Un abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "I dolci che sanno di casa" mi piace questa espressione :)))

      Elimina
  9. Concordo completamente sulla tua idea di caprese, umidiccia, sbriciolosa e un po' bruttina. E la tua ha proprio tutte e tre le qualità :)
    L'idea delle fette biscottate è GENIALE!! non avrei mai pensato a metterle in una torta...ho usato dei biscotti sbriciolati dentro all'impasto ma ma i le fette biscottate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e infatti quella delle fette biscottate è una "dritta"! ;)

      Elimina
  10. Non me ne intendoi di capresi, ma la tua nella sua sbriciolosì, umidità e imperfezione mi fa una gran gola,,,Mi devo ancora leggere i post sul Devon e la Cornovaglia! A proposito di Devon, tempo fa sul blog pubblicai i Devonshire splits...LI hai per caso assaggiati là?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No...almeno credo di non averli assaggiati! :D :D
      p.s. i post ti aspettano :))

      Elimina
  11. Com'è vero. Che tutti i sensi sono coinvolti, per i dolci ma anche per la cucina in genere.
    Io non mi stanco mai. Mi piacciono in generale i dolci grezzi, poveri, ma anche i dolci più raffinati, purché restino sobri anche alla vista.
    Anche gli occhi hanno un ruolo molto importante nel gusto, ma non è detto che un dolce grezzo ci dia meno piacere alla vista. Io li adoro.

    Poi, per i dolci vale un pò quello che vale anche per le persone: a volte le più imperfette ci danno il capogiro. Come quando ti innamori di un dente storto, di una cicatrice a vista, di capelli in disordine. Sono sempre i particolari che fanno una differenza.

    Anche per i dolci.

    La tua caprese io me la magerei a bricioline, chiudendo gli occhi. Non perché non è agghindata, ma perché sono certa sia troppo buona.

    Ti lascio un abbraccio di quelli tosti e tre baci spettinati
    :* :* :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io amo i dolci grezzi così come quelli raffinati (e sobri alla vista), così come mi innamoro più dei difetti fisici che delle perfezioni (che poi chi ha deciso quali debbano essere 'ste perfezioni???)

      E questa caprese si mangia a bricioline!

      Tre bacetti e tre bricioline per te! :)))

      Elimina
  12. sono d'accordo la caprese al limone di gusta e basta :-))

    RispondiElimina
  13. Toh! sto aspettando l'ingrediente segreto di questa caprese da esattamente 3 mesi (ti ricordi?:D) e cosa leggo..... FETTE BISCOTTATE? :-O sono così.... semplicemente senza parole.... in quasi 32 anni di capresi questa non l'avevo mai sentita... e benchè meno pensata....
    geniale tu maè:*
    Comunque ribadisco anche qui, la vera caprese è proprio come l'hai elencata tu... :*
    Bacione grande grandissimo :****

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte si segreti li abbiamo sotto gli occhi...o nella dispensa!
      E poi è un segreto che son venuto a carpire di nascosto dalle parti tue...nel napoletano... :))))

      Ora altro non ti rimane che provarla a farmi sapere! :))

      BaScione grandissimo anche a te :*****

      Elimina
  14. L'idea delle fette biscottate mi piace, credo serva per la consistenza e per riequilibrare i sapori. Bravo, mi piace!

    RispondiElimina
  15. Io la caprese al limone nun cellò, quindi sono salva.... quindi la devo fa fà, la devo da fà per forza... Farotti sapere! Un bascio (ora recupero la mascella che mi era caduta sul tavolo per lo stupore!)

    RispondiElimina
  16. stupenda, incantevole, un pezzo, grazie

    RispondiElimina
  17. Questo è uno dei miei dolci preferiti, che faccio a occhi chiusi però ho dosi un pò diverse ... mi tocca provà la tua versione, vuoi che sia più buona della mia? Non credo, però ..... ahahahhahhhh ci sei rimasto male? Un bacio zio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah, ma quale? Io rimanerci male? :)))
      Mica la mia è la migliore del mondo! ;)
      BaSci

      Elimina
  18. Per me non è affatto bruttina anzi a guardarla fa una gola bella ricetta (come sempre del resto) complimenti !!!!!
    Un caro saluto :-))))

    RispondiElimina
  19. Mi piacciono molto i dolci al limone! però non ho le fette biscottate..le compro proprio raramente!
    sto pensando con cosa potrei sostituirle...comunque è molto invitante.
    ciao Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova con dei biscotti neutri, cioé poco saporiti.
      Oppure per una volta fai un'eccezione! :))

      Elimina
  20. Anche per me la caprese è tutto ciò che hai detto.. e come l'hai realizzata. Le fette biscottate, quelle no, non le ho mai messe.. Proverò..
    Un saluto

    RispondiElimina
  21. Io la caprese la mangerei anche con la pastasciutta... un giro con la tua lo faccio volentieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...mmmm no dai, proprio con la pastasciutta no! :D :D :D

      Elimina
  22. Ecco, invece io sono proprio una di quelle che a volte ci "casca" a scegliere il dolce perché "bello"!

    Due mesi che guardo questa caprese in anteprima e penso,niente di che. Poi rifletto ancora e mi dico,se l'ha notata Piero è sicuramente degna di considerazione quindi... da provare!

    p.s. Sono pigra a grattugiare le scorze. C'è un'alternativa valida in commercio,per avere scorze sempre pronte,degna di sostituire tale rottura di OO?

    p.s.bis mi segno la data per la scadenza "astensione da anafore" :D:D

    (ho messo ps bis perché ps2 mi faceva pensare alla play station! ahahaha)


    p.s. tris Il li.co.li ce l'ho pronto in frigo !!!!

    Ciao Piero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In cucina non è buono ciò che è bello, ma è buono ciò che buono.
      Spesso ci lasciamo ingannare dalle apparenze estetiche e, ancor peggio, crediamo pure di mangiare una cosa buona; potenza dell'immaginazione.

      Per le scorze ti suggerisco l'acquisto di uno zester. Puoi grattarne in gran quantità in poco tempo e metterle in frigo in un barattolo con dello zucchero. Durano diversi mesi. :))

      p.s. non ti dico cosa ricorda a me il ps2...altro che play station! All'epoca manco era nata! :D :D :D

      Elimina
    2. Ahahahahah non so cosa sia il ps2 perciò non mi permetterò di domandarti a cosa ti rimanda questa sigla. Può essere pure che ho indovinato ma non ne sono sicura STOP mi fermo qui :D

      All'ikea pensavo di aver comprato uno zester ma me sa che me so' sbajiata :D

      Non sapevo delle scorze in frigo! E chi se la fa scappa' 'st' ideona!!!

      Appena faccio la caprese ti informo :))))

      Elimina
  23. Mi hai convinto Zipiè soprattutto per quelle anafore... davvero ci sono procedimenti nel fare i dolci e procedimenti mentali che mi catturano all'istante, come questo. L'odore e il tatto sono al primo posto per me; e la vista viene solo in un secondo momento, per questo non amo il cake design forse. per questo ammetto palesemente che spesso quelle torte decorate fanno schifo; per questo le torte fatte così come la tua caprese sono le mie preferite, potrei mangiarmene metà da sola. Grazie per la ricetta e le anafore...e un abbraccio, a presto mony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Odore e tatto...due sensi che stiamo perdendo...purtroppo...
      La vista li ha soppiantati del tutto, relegandoli in un angoletto. Solo che la vista da sola non basta per interpretare le cose; ci confonde, ci inganna o la puoi ingannare facilmente...e così non vedi più la realtà vera, ma una realtà parallela, dipinta ad uso e consumo di chi ce la presenta...
      Concordo con te sul cake desing: è un'arte, per carità, ma non è cibo, gusto, tatto, odore..
      A prestissimo!
      :)))

      Elimina
  24. Questa caprese al limone è una poesia, sembra di sentirne il profumo e proverò la tua ricetta che è molto simile a quella di mia zia di Capri (anche lei usa le fette biscottate) l'unica differenza è la quantità di mandorle lei ne usa 300 e mancano quelle 2 amare ;-)
    Un abbraccio
    Enrica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che anche tua zia di Capri usi le fette biscottate: vuol dire che ci vanno! :)))
      Le mandorle amare le unisco sempre a qualsiasi preparazione con mandorle: danno una marcia in più! Suggeriscilo anche a tua zia ;)
      BaSci :)))

      Elimina
  25. Ci sono dolci dello zio Piero? Si!! Sono unici!
    Conto i giorni!!! Mi mancano le nostre chiacchierate :***

    RispondiElimina
  26. Ciao zietto, come sono andate le vacanze? Stupenderrime le tue foto!!!
    In merito alla caprese al limone.. sai che non l'ho mai mangiata? Quella classica al cioccolato la adoro, ma questa non l'ho mai fatta anche se ho acquistato una barretta di cioccolato bianco proprio perchè avevo intenzione di farla... mi ha stupita la presenza delle fette biscottate... sei sempre una fonte inesauribile di informazioni ed idee! :D Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le vacanze? Non si era capito che sono andate bene? :))))
      Quanto alla caprese a limone...devi subito rimediare!
      BaSci! :))

      Elimina
  27. Ciao mi chiamo Tiziana trovo questo tuo blog molto interessante originale e ricco di consigli utili in cucina. Creare in cucina è un dono che dobbiamo sempre sfruttare al massimo e dalle tue ricette leggo che sei molto molto brava.Da oggi sono una tua follower. Mi farebbe piacere se anche tu passassi da me per diventare mia lettrice fissa e regalarmi qualche consiglio per questa mia nuova avventura nel web. Ciao http://lacucinadipitichella.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao. Mi chiamo Piero.
      Le persone che mi conoscono anche superficialmente si sono sempre rivolte a me regalandomi aggettivi con la "o" finale, raramente con la "a".
      Ho sempre trovato interessanti i commenti come il tuo perché denotano quanta attenzione alcune persone dedicano alla lettura dei blog.
      Sono passato da te per vedere come te la cavi in cucina ma il primo consiglio che ti regalo te lo scrivo qui, tante volte tu ripassassi: per questa tua nuova avventura di cerca di evitare spamming di commenti e magari, se hai voglia di fare dei complimenti, falli apparire sinceri e, soprattutto, attenta al genere grammaticale ;)

      Buon fortuna.

      Elimina
  28. Tu sei così bellA, con quei capelli...
    Che prodotti usi?
    :D :D :D

    Ti adoro (questo è vero :*)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D :D :D ...oddio sto rotolando dalle risate!!!

      Senti quasi quasi divento un tuo follower. Ma tu vieni a trovarmi sul mio nuovo blog: icapellidelloziopiero.blogspot.com!

      :* :* :*

      Elimina
    2. :D :D :D ahahaha, adesso me la perdo per le risate :D

      Ma io in fondo l'ho sempre saputo. Ti ricordo che ti chiamavo spettinato in tempi non sospetti :D :D :D

      :* <3

      Elimina
  29. Quasi quasi me la perdevo, una specialità della mia terra poi!
    Ciao Piero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella, Mari'!!!
      Piuttosto, è lei? Ho la tua approvazione? ;)
      BaSci :*

      Elimina
  30. Come la pastiera viene declinata in tante versioni, ad esempio mandorle con pellicina o senza, impasto con fette biscottate o senza. L'importante è che piaccia :)
    Nu' vasillo 'ncoppa o' naso :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maro', Mari'! Stu vasill' m'ha fatt' scire pazz'! :)))

      Elimina
  31. L'ho fatta ieri sera!

    Che buona!!!!

    p.s. Hai ragione,gustata fredda ha il suo perché!

    Le tue ricette sono sempre una garanzia!

    RispondiElimina
  32. ciao, questa torta mi ispira molto, ho salvato la ricetta tempo fa ma.. mi sono appena accorta che sono spariti limoncello e limone che erano negli ingredienti!
    quando si mettono?
    grazie!
    silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gulp! Hai ragione!
      Ho provveduto alla correzione. Grazie!
      :)))

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails