lunedì 30 settembre 2013

Sponziamo le frise?

Piero, ce l'hai lo sponza friseddhe?

????

Sì, lo sponza frise, sai? Quel coso che prima ci ficchi dentro le frise e poi le passi supra a sponzare!

In un bi e un ba gugglo "sponza" e il sistema mi propone subito "sponza frise" con anche tutta una serie di immagini a corredo (per fortuna avevo il pc acceso davanti)


Ma veramente no, anzi fino a due secondi fa non ne conoscevo neanche l'esistenza, nonostante abbia mezzo sangue leccese...

E fu così che mi arrivò un pacco:

Mittente: FrammentAria, alias Tamara, alias ZiaTam, alias la tarantolata dei ciciri e tria!


Noooo, non ci potevo credere!
Dentro c'era tutto l'occorrente per l'uso: sponza frise, frise e olio (oltre a tante altre leccornie salentine!).

Sono rimasto a bocca aperta fino a farmi venire i crampi!!!
Sapete che queste cose mi commuovono...

E quale miglior risposta a questo ricchissimo dono?

Il tempo di riprendermi e subito avevo apparecchiato per l'occasione:
(Fai click sull'immagine per ingrandirla)

Come potete vedere anche voi, lo sponza frise consiste in un piatto fondo di coccio con sopra un altro piatto a forma di mezzaluna e con dei piccoli buchi (in realtà non visibili in foto ma ci sono!).

La frisa va prima messa a bagno nel piatto di sotto e poi, dopo 4-5 secondi che si è bella imbevuta d'acqua, va adagiata su quello di sopra a sponzare, cioè a sgocciolare.

E poi?
E poi il piatto leccese per eccellenza: con i pomodorini.

Questi vanno rigorosamente spiaccicati sopra, così:

(Fai click sull'immagine per ingrandirla)

Io ci ho aggiunto mozzarella di bufala (rigorosamente spezzata con le mani, anche perché - ricordatevi - le vere mozzarelle di bufala quasi non si riescono a tagliare col coltello...) e alcune foglie di basilico (che quest'anno si è degnato di fiorire all'impazzata sul mio balcone!)

(Fai click sull'immagine per ingrandirla)
Quindi abbondante olio...
(Fai click sull'immagine per ingrandirla)
...fino a farle quasi galleggiare!
(Fai click sull'immagine per ingrandirla)
(prego notare il colore dell'olio....)

Che ve ne pare?

Questo piatto mi ha accompagnato per tutta l'estate...

(Fai click sull'immagine per ingrandirla)


Per chi volesse farsi le friselle a casa, consiglio questa ricetta, alla quale potete applicare varianti tipo la farina di grano duro rimacinata, la farina di farro, l'aggiunta di peperoncino e via dicendo.

Certo le friselle di Tamara provenivano da un forno speciale ed erano cotte a legna. Non è facile trovarle così buone al di fuori di alcuni paesi salentini.

Ve lo dico subito: diffidate di quelle che si trovano nei supermercati: quelle non sono vere friselle, non hanno nulla a che vedere con i veri sapori.

Per chi poi volesse saperne di più, suggerisco questo simaptico articolo di Massimo Vaglio


E ora, siete pronte anche voi a sponzare?




Ciao e alla Prossima.

Lo Ziopiero

p.s. Ahhhh, Tamara Tamara, che me faci passari co 'ste friseddhe!!! :))))


Guardate anche le altre realizzazioni:

25 commenti:

  1. dai...... sono commossa..... sì, riesci a sorprendermi sempre.....
    sei meraviglioso
    :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va bè..dai certe cose non anche se non si dicono si pensono..si sentono..
      ...STUMP STUMP STUMP

      Elimina
    2. Che belli i regali di ziatam!!! Io la sera do la buonanotte alla cummara!!

      Elimina
  2. oh mamma che spettacolo!
    in questa giornata uggiosissima che ho qui...pura estate davanti a me!
    queste foto sono davvero invitanti. complimenti per la presentazione. e fortunello per il bel ragalo di Tamara. :-)

    domande, forse da principiante: ma quelle in foto sono friselle piccole? o sono pezzi di una frisella grande? e sono così gialle per effetti della luce o perchè hanno qualche farina particolare?

    ciao! grazie per questo scorcio di estate. oggi serve proprio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Eleonora, sono friselle piccole. Sono gialle perché sono di farina di semola rimacinata di grano duro. Nessun effetto luce...sarei un mago se riuscissi a cambiare il colore solo alle friselle e non al resto delle cose fotografate! :))))

      Elimina
  3. incurosita da un commento lasciato in un tuo post precedente, sono andata ad "impicciarmi" nel blog di "genere grammaticale femminile" e leggo i pochi commenti che ci sono e mi infastidisco per una cosa che ricordo di aver notato anche in altri blog. Spesso i bloggers rispondono soltanto all'ultimo commento presente.
    Ora, ci sta che uno non vive di solo blog,ma c'ha anche altro da fare nella vita. Ci sta che se i commenti diventano centinaia diventa difficile rispondere a tutti.
    Ma quando sono pochi,non ci si potrebbe sforzare un tantino a farlo?

    Piero,ora ti starai domandando perché sto a scrive 'sta cosa qua da te e io te lo spiego.
    Tu sei uno dei rarissimi che risponde ad ognuno di noi pur ricevendo un notevole numero di commenti. Rispondi e ririspondi se necessario allo stesso commento anche soltanto con :)))) se non necessita di altro.
    Penso che tu sia una persona generosa ed attenta,sempre disponibile agli sos "cucina e attrezzi" ( aiutoooo do' compro lo zesteeer???? trovato grazie) e soprattutto molto EDUCATO.

    Passo al piatto!

    Che bella nota estiva! Ci voleva proprio in una giornata come quella di oggi!

    Eh noooo mo te ne esci co' 'nantro attrezzo?!?

    Le foto le foto...che belleeee!

    Ciao Piero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Silvia. Penso che rispondere ai commenti sia una forma di cortesia, anche se molto impegnativa. Inoltre crea dei rapporti di amicizia che meritano di essere coltivati.
      Per contro, commento pochissimo su altri blog, anche se li leggo. Ma i miei lettori "veri" lo sanno bene e non me ne vogliono ;)

      p.s. le foto ringraziano per i complimenti! :))

      Elimina
  4. Piero questo insieme al semplice pane condito con pomodoro sono in assoluto i miei piatti estivi preferiti!
    Buon lunedì
    Enrica

    RispondiElimina
  5. Piero buongiorno. Con queste foto mi sto rivivendo quel momento infinito di piacere che h avuto nel mangiarle. Anche a sto giro ci hai colpito. Tra te e Tam andiamo a colpi di STUMP e STRIKE...finiremo male così :P
    Abbracciotti

    RispondiElimina
  6. Prima avevo letto SPOSIAMO le frise e mi ero interrogata sulla tua salute mentale.
    Poi leggo SPONZIAMO e...idem :D
    Ho imparato una cosa nuova!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....cioé che sono un "insano di mente"? :D :D :D
      BaScioni, Araba! :)))

      Elimina
  7. Dai Piero, ma dove le trovi queste cose??? sei fantastico! lo sai che guardando le tue foto ho avuto la sensazione di gustare queste frise? il sapore del pane, il pomodoro, la mozzarella, l'olio (buono) e il basilico me li sono ritrovati in bocca.....qui da te si sogna sempre!!!! un abbraccio
    maddy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, Maddy!!! Felice di farti sognare! :)))

      Elimina
  8. Sponza frise?!?? fra tutte le caccavelle che esistono al mondo questa proprio mi mancava...si vede che non ho parenti pugliesi! La bruschetta olio, pomodorini e origano è una delle cose che trovo più irresistibilmente gustose. Con le friselle (quelle vere che qui purtroppo si fatica a trovare) è il paradiso con un dito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..e mancava pure a me fino a qualche tempo fa nonostante avessi tutti parenti pugliesi!!! :))

      Elimina
  9. ma dai, sai che non le conoscevo? mi piace tantissimo quell'olio che scendo.. si, insomma, ho già l'acquolina in bocca :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa non conoscevi: le frise o lo sponza frise...?

      Elimina
  10. Lì per lì pensavo parlassi di uno strumento per fare qualcosa di strambo...e invece è un piatto! :) Adoro il pane, i panificati, tutto ciò che contiene farina in quantità, adoro l'olio, quello buono, sano, che sa di sole, adoro i pomodori! Questo piatto è semplice ma racchiude in se una sostanza immancabile: la genuinità! Un bacio ZioPiero!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! E' un piatto genuino e non ti stanchi mai di mangiarlo!
      BaScioni anche a te! :)))

      Elimina
  11. Che tu fossi un sentimentale dal cuore tenero io lo sapevo già:D ma d'altra parte chi non sarebbe rimasto a bocca aperta di fronte un gesto così carino... piccoli momenti preziosi che ci rallegrano la giornata:) le amicizie che nascono sul web mi riempiono sempre il cuore di sensazioni belle:)
    Inutile dirti che di quest'attrezzo non ne conoscevo l'esistenza fino a qualche minuto fa.... Fighissimo!!! :D sono andata a sbirciare anche la svariata gamma di tipologie esistenti.... sai che io ho un amore incondizionato per i props quasi quanto quello per le friselle, pomodoro e mozzarella... i sapori del mio cuore:)
    un abbraccio grande grande tesoro:**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e già... i sapori del cuore. Sono sapori tutti "meridionali" ...difficilmente uno "straniero" li puo' amare quanto noi..
      BaScioni :* :* :*

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails