Corso Bologna 7-8 marzo

giovedì 20 settembre 2012

Canada - 6. Il Conto!!!

Capita anche a voi che quando chiedete il conto al ristorante vi facciano aspettare un sacco di tempo? Li odio!!!

Capisco se ordini un risotto che va cotto al momento, ma il conto no!!! Per farlo ormai basta premere un tasto...clik! E la stampa è pronta! A volte sarei tentato di alzarmi e andarmene, della serie: "Ma 'sti sordi li voi o no???"

Be, forse anche io vi ho fatto aspettare tanto per questo conto... e spero non ve ne siate scappati via!!!


Eppoi qui non c'è nulla da pagare, se non lo scotto di essere ormai da tempo tornati dalle vacanze e immmersi nel tran tran quotidiano, per cui ho fatto durare tutto il resoconto molto più tempo del viaggio stesso!!! E' stato...come dire.. un modo per continuare a vivere con la testa altrove! :)))

Effettivamente il Canada ha lasciato un segno indelebile nel mio cuore e ricostruire nel blog quei meravigliosi 15 giorni attraverso i ricordi e le varie fotografie è stato come riviverli, ma è stato anche un modo per fermare meglio, nella mente e nel web, questa straordinaria avventura.

Così ho pensato di concludere con qualche particolarità e molti numeri!

Inizierei dagli incontri più frequenti: gli scoiattoli.
Ne avrò visti decine e decine, ovunque e di tutti i tipi: neri, begiolini, striati, marroni:
(Fai click sulla foto per ingrandirla)
ma anche bianchi.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Difficilissimi da fotografare (non stanno mai fermi), ma simpaticissimi! E poi diciamocelo: ci ricordano tanto Cip e Ciop!!!

Numero di scoiattoli avvisati: 256!

Ma un giorno c'è stato anche un incontro con un animale un po' diverso...
Serpenti avvistati: 1  
(per fortuna solo uno!!!)

Gli incontri che non abbiamo fatto sono stati quelli con i mendicanti.
Mendicanti: Zero

Ora non saprei dirvi se ciò dipenda dal fatto che il Canada è un paese ricco o se i mendicanti non li facciano sostare sulle strade come accade da noi. Sta di fatto che non ne ho visti!!! Però ad un semaforo ho incontrato un lavavetri, quindi:
Lavavetri: 1 (sarà ricchissimo!)


Poi ci sono altri numeri che hanno caratterizzato il viaggio, come, ad esempio:
Chilometri percorsi in aereo: 18.250
Chilometri percorsi in macchina: 3.120

Che dire? Il viaggio in aereo è lungo e fastidioso, occorre affrontarlo ben attrezzati: libri, video giochi, mascherine per gli occhi, tappi per le orecchie, mollette per il naso...(vabbe'), ma essendo l'unico modo per arrivare fin laggiù, non si hanno alternative!

Viaggiare in macchina, invece, non è stato affatto faticoso, anche quando il viaggio è durato 8 ore.
I paesaggi che si vedono (e si visitano) sono deliziosi e sempre verdi!

Le strade, poi, sono lisce come dei biliardi, infatti:
Numero di Tombni sulle Strade: 0


Lo stile di guida è molto tranquillo, tanto è vero che:

Velocità massima consentita sulle autostrade: 100km/h (qui le multe sono salatissime)

Colpi di Clacson sentiti: 2 (Toronto esclusa)

E le macchine sono tutte molto comode, quasi non esistono le "scatolette":
Numero di Smart avvistate: 2
(be', ho detto quasi...)

Inoltre la benzina costa sensibilmente di meno:
Costo medio di un litro di super: 1,25 $CAN (circa 1€)

Ma anche la manutenzione non è cara:

Costo di una revisione: 39,95$CAN (circa 33€)

Non ci credete? Guardate qui:
(Fare click sulla foto per ingrandirla)


La logistica non è stata un problema. Organizzare questo viaggio è stato piacevole e facile, visto la rapidità con cui si può prenotare e disdire un albergo.
Numero prenotazioni effettuate: 27
Numero di disdette: 18
Alberghi in cui abbiamo soggiornato: 9
Giorni di vacanza: 15


Il costo degli alberghi varia ovviamente a seconda della categoria, del periodo dell'anno, della fortuna di trovare prezzi scontati e offerte speciali. Le camere erano tutte dotate di doppi letti matrimoniali, ed essendo noi in 3 alla fine e il presso era più che abbordabile.
Costo medio albergo 4 stelle: 120$CAN (circa 100€)

Fatta esclusione per Niagara Falls.
Qui il costo della camera con vista cascate è piuttosto elevato e variabile. Però... abbiamo avuto l'ennesima botta di c.., ehm, colpo di fortuna!
Arrivati al check in dell'Hilton ci hanno felicemente comunicato che ci avevano fatto un upgrade gratuito alla suite... Vi lascio immaginare che camera!!! Vi ricordate che vista che avevamo
Guardate il prezzo appeso dietro la porta:
(Fare click sulla foto per ingrandirla)
Ovviamente non abbiamo pagato quella cifra assurda...ed è meglio che non vi dica quanto abbiamo pagato, altrimenti mi "ripudiate" :D :D :D



Della civiltà dei Canadesi ho parlato in abbondanza, ma vorrei aggiungere anche due cifre, per me significative:

Persone viste che parlavano al telefonino: 16
Persone viste che parlavano al telefonino nei ristoranti: 3

Forse ha inciso molto il fatto che:
Numero massimo di giorni senza incontrare italiani: 8!!! 

...ma anche io sono sato bravino:
Tempo totale in cui ho tenuto acceso il mio cellulare: 40'

Prevalentemente la sera per controllare la posta ;)

Il Canada è un paese mediamente caro, tranne che - come abbiamo visto sopra - per il costo della benzina. Volete un'idea?
Costo massimo di mezzo litro d'acqua: 2,95$ (2,5€!!!)
Praticamente 5.000 lire!!! (si, lo so, l'euro è in vigore da 10 anni, ma io ragiono ancora in lire!!!)
Costo minimo di mezzo litro d'acqua: 1,50$ (1,5€)
(sempre troppi per chi vive nella città delle fontanelle!!!)
Costo lavaggio calzini nella lavanderia dell'albergo: 5$
Costo acquisto calzini nuovi: 3,85$

Però c'è anche modo di difendersi da certi abusi:
Calzini lavati nella lavanderia dell'albergo: 0

Calzini nuovi acquistati: 0
Calzini lavati a mano: 5 x due volte
(il terzo turno di lavaggio non l'ho fatto, lo sotto scoprirete il perché... :D :D :D)

L'acqua no. L'abbiamo prevalentemente acquistata. A ettolitri!!! :))

C'è anche da aggiungere che il Canada è un Paese molto sicuro. Tant'è vero che...
Macchine della polizia con sirene spiegate: Zero!

Ma, soprattutto:
Numero di inferriate alle finestre: ZERO!!!



Fra le curiosità, ho da subito notato che le cicale non friniscono, ma fischiano!!!
Si, si: non fanno, come da noi: "ci-ci-ci-ci-ci-ci..." (insomma, avete capito il rumore che intendo, no?)
Ma fanno " fiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii", senza soluzione di continuità!!! Non è un fischio fastidioso, ma è molto diverso da quella a cui siamo abituati!!!
Sarà forse che anche le cicale canadesi si sono dissociate dal resto del mondo e hanno imparato una nuova lingua? :)))

Altra curiosità: i cavi elettrici per le strade! Sono un autentico groviglio!!! Come alzavo gli occhi restavo colpito da come venisse gestita la distribuzione dell'energia elettrica. Guardate qua:
(Fare click sulla foto per ingrandirla)
...e non scherzo, era così ovunque!!!

Caratteristici sono i camion, proprio come quelli dei film americani!!!! Ve lo ricordate Convoy, di Sam Peckinpah e con Kris Kristofferson? Quei Camion ancora esistono! Li ho visti davvero!!!
(Fare click sulla foto per ingrandirla)

(Fare click sulla foto per ingrandirla)


A Chinatown ho trovato le banane-peperoni. Non ho avuto il coraggio di provarle. Qualcuno di voi sa se sanno di banana o di peperone? O forse sanno di tutt'altra cosa!!!
(Fare click sulla foto per ingrandirla)


Molti di voi mi hanno chiesto foto di cibo. Ecco, devo confessarvi una cosa: il cibo lo fotografo solo quando mi ispira, altrimenti niente. Inoltre la maggior parte dei ristoranti li frequentavamo la sera, quindi ambienti prevalentemente bui e poco adatti a foto come piacciono a noi.

Però un paio di scatti significativi e riguardanti il cibo li ho fatti; il primo a Toronto
(Fare click sulla foto per ingrandirla)
Vi starete chiedendo: ma cos'è tutto quel fumo? Come? Non ve lo siete chiesto? Vabbe', ovvio! Il fumo viene da una bancarella di barbeque all'aperto, e fin qui nulla di speciale. Quello che dalla foto appena si intuisce, ma c'era, è il numero di persone che facevano la fila; una cosa impressionante. Saranno state più di cento, che giravano intorno alla piazza!!!
Numero di persone in fila per un panino: facciamo 120, va!!! 

L'altro scatto è un "dopo cibo":
(Fare click sulla foto per ingrandirla)
Questo è quanto rimane della mia porzione di Spare Ribs!!! (e non è stata la porzione più grande che mi hanno servito!!!)
Maggior numero di ossa in una porzione di Spare Rib: 15!!!


Veniamo adesso all'ultimo dato numerico, che so che volete sapere:  
Quante foto ha scattato lo Ziopiero?  
eheheheh...

Devo ammettere che conoscendomi avevo un pò timore di andare in overdose; spesso a Roma in una sola mattina sono stato capace di scattare più di 400 foto...e se tanto mi da tanto in 15 giorni di Canada rischiavo di tornare con oltre 6.000 scatti!!! Pazzesco!
Inoltre una compact flash da 16GB mi consentiva di arrivare ad un massimo di circa 600 scatti in raw. Come fare? Per prima cosa ho acquistato subito una seconda compact flash, in modo da arrivare a 1200, numero già molto più ragionevole da gestire; poi, per non rischiare di trovarmi le cards piene dal quarto giorno, la sera passavo in rassegna sul display della digitale le centinaia di scatti fatti durante la giornata, eliminando quelli palesemente venuti male, o i simili doppioni, o le foto che non mi piacevano. Insomma, alla fine ho contato:

Totale foto scattate: 2.957 (quindi comunque mi sono dato una regolata!)

Totale foto scartate durante il viaggio: 1.868 (è stata dura, ma dovevo farlo!)
Totale foto portate a Roma: 1.089 
Totale foto scartate a Roma: 465
Totale foto conservate: 624

Alle foto ci si affeziona ma - ragionevolmente - occorre anche fare una selezione e non rischiare di dover comprare un HD all'anno solo per conservare foto che magari non rivedremo mai più!
Comunque anche 624 foto non sono poche... Forse dovrei darci un altro taglio, che dite?


Bene! A questo punto direi che ci siamo, no? Ho detto tutto, mi sembra.

Comeeeee?
La valigia?!?!?!?!??

Aaaahhhh, vero!!! Volete sapere come è andata a finire la storia del mio bagaglio a mano!!! 
Ahahaahahaha, vero! Ve lo avevo promesso!!!

Dunque, cominciamo col dire che ero partito con l'intenzione di eliminare qualche indumento durante il viaggio. Si, avete capito bene: eliminare!
Avete presente quando una maglietta sta per arrivare al termine dei suoi giorni, o un calzino inizia a fare la finestra sul ditone? Ecco. Portate queste cose con voi, usatele una volta e poi buttatele! Vi aiuteranno a fare spazio in valigia durante il viaggio e potete sfruttare questo spazio per eventuali acquisti ;)
Cosa? Volete sapere il numero? Giusto!

Magliette eliminate: 3
Boxer elinimati: 3 
Calzini eliminati: 5

.......vabbe, me quelli erano tutti fantasmini, per cui non occupavano spazio!

Poi, di fatto, durante il viaggio non ho comprato nulla per cui alla fine la mia valigia era ancora più vuota rispetto all'andata!!! Si è chiusa con estrema facilità (come del resto pure all'andata e durante tutti i cambi di albergo), solo che al momento del check in l'hostess di terra me la pesa:
Peso mio bagaglio a mano: 13,8 kg
Peso massimo consentito: 10 kg !!!

E con abile maestria sta per appicciacarle intorno alla maniglia il ticket da imbarco quando ecco che rapidamente il mio cervello inizia ad elaborare le varie possibilità di recupero! Non potevo certo imbarcare il bagaglio con dentro tutta l'attrezzatura fotografica, col rischio di vedere smarrito il trolley o rubato il suo prezioso contenuto!!!
Che fare? Potevo indossare una seconda maglietta sopra la prima (0,1 kg), magari la felpa (0,3 kg), anzi anche la giacca a vento (0,4 kg), facendo la figura dell'omino michelin... ma a conti fatti sempre sempre fuoro peso massimo stavo...
Ah, ecco la soluzione:
Sorri, ghivmi giast zu minuz
(Traduco solo per chi non conosce l'inglese: Sorry, give me just two minutes!)

Apro valigia, tiro fuori la reflex (1,0 kg) , monto al volo il teleobiettivo (1,1 kg), metto nel tascone sinistro del pantalone il grandangolo (0,6 kg) e nel tascone di destra il 24-105 (0,8 kg) ed ecco che miracolosmente arriviamo a 10,3 kg di peso!

La tipa mi guarda senza batter ciglio, capisce che potrei andare oltre (leggi felpa da 3 etti), si impietosisce e stacca l'etichetta, mi restituisce la valigia, risparmiandomi un'ulteriore sudata.

Bene. La posso portare a bordo!!!

Ovviamente, appena passato il metal detector, la valigia è tornata a pesare 13,8 kg.

Non c'è niente da fare!!! L'italiano che è in me s'era solo sopito. Alle prima avvisaglie di pericolo, fantasia ed estro sono tornati a lavorare per una di quelle specialità di cui non riusciamo proprio a fare a meno: infrangere le regole!!! Ma l'ho fatto a fin di bene. Potevo mica passare 9 ore di viaggio intercontinentale con l'ansia che mi potessero perdere la valigai o che la mia reflex potesse essere rubata???

D'altra parte l'ho scrivono pure loro di stare attenti alle reflex...guardate questo cartello qui:



Bene! A questo punto il racconto è finito davvero!

Vi ringrazio di avermi seguito fin qui. Spero di avervi appassionato e distratto dalla monotonia.

Ora rituffiamoci tutti nelle nostre cose, come ha fatto questo esemplare di anatra.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Ve lo prometto: dal prossimo post si ricomincia seriamente a parlar di cibo, anzi di DOLCI!!!!

Anzi, ve lo dico subito: Preparatevi grandi dosi di Tuorli Pastorizzati e Meringa Italiana, che a breve faremo grandissime cose insieme!!!!

Ciao e alla Prossima

Lo Ziopiero


Tutte le Puntate
Canada - 1. Il Menu
Canada - 2. L'antipasto
Canada - 3. Primo Piatto
Canada - 4. Secondo Piatto
Canada - 5. Il Dessert
Canada - 6. Il Conto




24 commenti:

  1. Ciao zio Piero, io in Canada ci sono stata in viaggio di nozze (però lato ovest) ed è vero ciò che hai detto: ti rimane nel cuore! Anche a distanza di tanti anni rimane il posto in cui vorrei vivere.
    Gli scoiattoli poi, una vera invasione, anche nel parcheggio più sperduto! Io ho avuto la fortuna di vedere un'alce che faceva la siesta nel giardino di una casa (solo qui si vedono certe cose!) per non parlare poi delle bistecche di "dinosauro" (per grandezza). Sarà un luogo comune, ma è proprio vero che in America (Nord) è tutto più grande o sarà forse noi che siamo abituati ad essere "incarcati" che ormai ogni spazio è un lusso!!
    Complimenti per il tuo "pranzo" è sempre un piacere leggerti.
    Cla

    RispondiElimina
  2. Il Paese delle Meraviglie, definitivamente.
    Certo le banana pepper mi inquietano :-)
    Sulla valigia hai fatto benissimo, è una tecnica che condividi con me :-) tutto addosso fino al controllo e poi zac! si rimette dentro senza problemi.
    Bellissimo resoconto, e ultima foto da farci un quadro.

    RispondiElimina
  3. Davvero bellissimo questo reportage! E la storia degli indumenti malandati da buttare durante il viaggio non mi è nuova....mio marito fa sempre così :-)

    RispondiElimina
  4. Mi sono divertita da matti a leggerti! Bellissima conclusione per un bellissimo viaggio...I trucchetti per alleggerire la valigia me li sono appuntati.... quello per andare in suite pagando per una camera normale...beh....quelli sono doni innati...per cui... iazu i mani....! :D

    RispondiElimina
  5. @Cla: Ben detto: ogni spazio qui da noi è un lusso, specie per chi vive in città.
    Grazie per i complimenti! :)))

    @Araba: Quindi la prossima volta che passi da qui posso riempirti di doni…? :))))
    P.S. L’anatra ringrazia! :)

    @Murzillo Saporito: …sai che faccio sempre una gran fatica a buttarli? Il fatto è che mi ci affeziono… Capita anche a tuo marito?

    @Fujiko: …eppure sai che non è la prima volta che mi capita? Però è una bella soddisfazione: ti fa sentire importante! :))

    RispondiElimina
  6. Che bello questo viaggio... Siamo stati due volte in Canada orientale, una durante l'Indian Summer, con i colori autunnali splendenti e meravigliosi. Quest'anno abbiamo optato per il Canada occidentale e non ci ha proprio deluso: montagne, ghiacciai, isole e oceano splendidi. Più i coloratissimi totem delle First Nations.
    Grazie per aver condiviso con noi i tuoi ricordi e le tue foto.
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accipicchia! Siete affezionatissimi! Anche noi vorremmo vedere la parte occidentale.
      Grazie a te per esser passata, aver letto e commentato. :))

      Elimina
  7. Bellissimo reso-conto! Mi hai fatto venire uan gran voglia di partire!!! perfetti i trucchetti per non farsi fregare, quindi calzini nè lavati nella lavanderia dell'albergo nè comprati..la prossima volta io aggiungerei anche di comprare solo le prime bottigliette d'acqua, visto il salasso e poi di riempirle con l'acqua in camera prima di uscire la mattina ( e poi magari riempirle di nuovo in qualche bagno pubblico...:)
    Le banane pepper sono davvero inquietanti, ma dovev assolutamente assaggiarle!!! Adesso rimarremo tutti con il dubbio atroce! Passerò la vita a ceracrli per poter dire qual è il loro sapore! Ahaha...
    Per le foto adotto la tua stessa tecnica...Mi porto più schede ma poi alla sera mi riguardo le foto e scarto le ciofeche...
    aspettiamo il nuovo dolce eh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...be', sul fatto che le lavanderie degli alberghi fossero care nessun dubbio, ma di norma aggiustare/lavare un qualsiasi oggeto non può costar più che prenderlo nuovo!

      L'acqua la mattina la prendevamo dalla camera, ma finiva sempre troppo presto.
      Prossima volta faremo meglio! ;)

      Ora vado a "dolcificare".... :))))

      Elimina
  8. che racconto....auauauaua leggevo e mi veniva da ridere...
    ma durante il viaggio ti sei appuntato tutti quei numeri?XD

    bella vacanza però! Belle le foto...effettivamente quelle dei cibi non ci sono..ma che vuoi che mangino di buono in canada!:O

    Ziopiè...aspetto che torni nella versione cuoco piuttosto che viaggiatore!!!!
    A presto^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente si, ho tenuto a mente tutti i numeri... tranne quello degli scoiattoli. Lì ho un po' tirato ad indovinare! :)))

      OK, il prossimo post tornerò in versione "pasticcione"! :)))

      Elimina
  9. ZioPiero, bellissime le foto di questo viaggio e molto simpatica l'idea di farne un "pranzo"!

    PS: i banana pepper si chiamano così solo per la forma, sono dei peperoncini non troppo piccanti. Ricordo che una mia amica indiana li metteva nell'insalata. Molto buoni, anche se al'insalata piccante ci si deve un po' fare l'abitudine...

    RispondiElimina
  10. Il tour è finito! Signori, si scende!!!

    Ho letto il post un'ora dopo la pubblicazione ma...voglia di commentare zero.
    Come ogni vacanza,anche questa tua virtuale,bellissima ed entusiasmante ,che ci hai offerto, quando finisce ti fa perdere un po' di entusiasmo iniziale e ti lascia invece mogio,mogio.
    Il rientro dalle vacanze è sempre brutto. Ha il sapore dell'abbandono,della perdita e ti mette malinconia.
    Eh,eh, ma qui si rientra a casa di zio Piero, però!
    E mo'?
    E mo' si viaggia con la 'panza',
    eh, zio Piè?
    Mettiti all'opera, che ti sei riposato abbastanza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhahha, guarda che da mo che so' pronto!!!
      Mentre descrivevo il Canada mica so' stato con le mani in mano!!!

      ...e tu, sei pronta? Hai pastorizzato? :))))

      Elimina
  11. Sono diventata la regina delle meringhe e dei tiramisù
    dopo aver frequentato,con profitto,la
    ZIO PIERO SCHOOL!
    La conosci?
    Ne hai sentito parlare in Canada?
    Te/Ve la consiglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Canada non si parlava d'altro!!! :D :D :D

      Mi fa piacere che ti sei specializzata. Scommetto che più produci più diventi brava! ;)

      Piuttosto... Ma hai capito cosa c'è in anteprima....?

      Elimina

    2. USTIONI DI 1° GRADO!!!

      Cestino di caramello,zio?
      Fortuna che i bimbi(TUTTI,compreso l'ultimo!)saranno a scuola!
      Ma la verità è che non vedo l'ora di cominciare...si riaprono le danzeeee!

      Elimina
  12. Un po' mi dispiace che sia finito il tour.
    Ma tanto so che prima o poi ne farai un altro.
    Intanto, aspetto la prossima ricetta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...lo sai che dispiace anche a me?
      Averlo scritto è stato davvero come fare una seconda vacanza... E ora è veramente finita...

      Ci rifaremo, Lizzy, con tante belle ricette!!! :)))

      Elimina
  13. nooooo
    giá finito?!?
    ci hai fatto sognare, zio! grazie!!


    ps. ma sent'amme: ho fatto 2 conti... alla fine sta vacanza t'è costata piú di acqua che di benzina?!?
    nun se poooo.... sti ammericani....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te e a voi tutti per avermi letto.

      P.S. anch'io me so fatto du conti... d'acqua ho speso 'n botto!!! La prossima volta me bevo la benzina!!! :D :D :D

      Elimina
  14. Ero certo che ci saresti riuscito...a partire con tutto quello che ti serviva senza mai eccedere il peso necessario!
    Certo quello che non hai detto è che hai comprato&usato direttamente lì....
    - mutande biodegradabili che si estinguevano da sole andando in fumo direttamente dai bermuda dandoti quel tocco di affumicato che ti rendeva più chic!
    - calzini autoinfiammamabili che duravano 12 ore giusto...così quella volta che avete tardato a rientrare in albergo hai leggermente abbrustolito gli alluci!
    - una cartina del Canada di 2 metri quadrati che con un corso di origami hai imparato a trasformare in una elegante pochette di Alviero Martini...
    - t-shirt di cotone ultraleggere con la sola parte davanti e dietro nulla, per non soffrire il caldo e per un nude-look modaiolo...tralasciando quel piccolo particolare per il quale avevate le piaghe sulla schiena date dai diversi sedili sui quali vi sedevate...per cui alternativamente avevate la scritta della macchina Chrysler in bassorilievo tra le scapole, la scritta Alitalia dopo il volo, la scritta Cin Cin Bar per l'aperitivo, la scritta HolidayHinn...la scritta "no smoking",...
    - un libro di Arturo Brachetti "I segreti della biancheria intima", che è quello che poi ti ha permesso ti riporre una reflex nelle mutande biodegradabili senza che nessuno ne avesse il sospetto...se non per una accennata virilità data dal teleobiettivo...
    Di certo avrò dimenticato qualcosa...casomai puoi confessare tu il resto :P ehehhehehe
    Per il resto, serio.
    Mi sono divertito a leggere questo diario di viaggio, mi sono indirettamente emozionato, mi sono immedesimato nel tuo stupore attraverso le immagini che ci hai regalato, tutte significative, vuoi per un dettaglio vuoi per un colore, tutte vissute e raccontate con gli occhi di un ragazzino che si ritrova un mondo da scoprire, da avvertire, con il quale interagire e dal quale spremere una esperienza davvero indimenticabile, come turista, come uomo di famiglia e per quell'adolescente curioso e sorridente che ti porti sempre dietro ovunque ti giri :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei unico!!!! Ma come ti vengono in mente certe cose!!!! Sto ancora con le lacrime agli occhi per le risate! Grazie!!! Questo commento me lo tengo buono per i momenti tristi :)))

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails