giovedì 19 novembre 2015

Panbauletto Bicolore..o fette Bicolori?

Ve lo avevo già detto nell'ultimo post: in questo periodo ho poca fantasia culinaria.

Ma per non rimanere completamente inattivo, pur di cucinare qualcosa di nuovo, attingo dove son sicuro di poter attingere ad occhi chiusi. :)

E così, quando ho visto questo panbauletto non ho esitato un giorno!
L'ho fatto praticamente subito.



Ci ho messo molto di più a pubblicarlo, questo è vero... Ma cosa importa?


La ricetta non l'ho cambiata di una virgola....
...be...quasi di una virgola..
....magari anche di un punto...ecco l'ho cambiata di un punto e virgola.
E di un punto esclamativo, va!
(oddio, mi sembro Totò che detta la lettera a De Filippo!)


RICETTA

per uno stampo da plum cake cm 31x11x7,5

N.B. In rosso le mie varianti, ma voi fate come meglio credete: applicatele, non applicatele, fatele in parte, fate tutto di testa vostra.... qui tutto è lecito, a patto che poi vi venga bene!

100 g di lievito madre
75 manitoba (mia aggiunta)
300 g mix di farine (integrale, 0, farro, altre...)
200 g acqua (ho aggiunto 20 g per compensare la manitoba)
 50 g zucchero (aggiunti 10 g)
 10 g di zucchero invertito (tolto, non serve a nulla e poi il termine non mi è mai piaciuto!)
 60 g di olio girasole
 10 g di cacao amaro setacciato
   3 g di sale
2-3 g di bicarbonato (fidatevi delle capacità del vostro lievito madre)
farina di riso per lo spolvero (se ne può fare a meno)
latte per pennellare
fiocchi di avena tostati per decorare (non li ho tostati, tanto si sarebbero tostati in forno durante la cottura)

Ok, vedendo le scritte in rosso sembrerebbe che ho stravolto tutte le dosi...e se continuate a leggere scoprirete che ho stravolto anche il procedimento! :)))

Ma tanto è la somma che fa il totale, no?
(ancora Totò!)
  • Sciogliete il lievito madre in 50 g di acqua presa dal totale
  • Aggiungete tutti gli ingredienti restanti tranne il cacao, il latte e i fiocchi d'avena
  • Mescolate fino ad amalgamare il tutto
  • Togliete un 30-40% dell'impasto e mettetelo da parte
  • Incordate l'impasto rimasto
  • Prendete l'impasto messo da parte, aggiungete il cacao e incordate
  • Fate riposare i due impasti un quarto d'ora
  • Stendete l'impasto bianco fino a formare un rettangolo avente il lato lungo un po' più corto della lunghezza dello stampo
  • Stendete l'impasto al cacao e adagiatelo sopra quello bianco appena steso

  • Arrotolate e fatelo scivolare sui fiocchi d'avena
  • Adagiate ora l'impasto dentro lo stampo da plumcacke, ricoperto da carta da forno (io la uso e riuso più volte, come potete devere dalla foto)
  • Coprite e lasciate lievitare una notte
  • Al mattino il vostro bauletto sarà pronto per essere infornato a 180° per 40' circa
  • Sformate e aspettate che si freddi prima di affettarlo


Come da manuale aspettate che si freddi prima di tagliarlo e.....



Carino, vero?

Ora però si pone una questione: visto che è così bello, perché non farci delle altrettante belle fette biscottate?

Detto.
Fatto!


40' nel forno a 140° ed ecco che potete rendere la colazione del mattino ancor più allegra!



P.S inutile dirvi che la marmellata deve essere rigorosamente home-made!!! :)))))


Ciao e alla Prossima



Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:

25 commenti:

  1. di bello è bello...ma sarà anche molto buono!!!!Mi segno questa ricetta e presto la voglio provare...complimenti!!!!!

    RispondiElimina
  2. sono mesi che la mujera mi prega di fare le fette biscottate...mi sa che è la volta giusta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ma sì...fajele ste fette a Valeria! :))))

      Elimina
  3. A me i panbauletti piacciono da morire, quando li preparo per tostarli sono più quelli che mangio al naturale che quelli che riesco a tostare. :))))
    Oh, ma che t'ha fatto il povero zucchero invertito? :)))
    Il bicarbonato? A me aiuta parecchio quando uso pasta madre non troppo fresca di rinfresco. :)))))

    Aspetto i grissini! :)))

    BaSci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me fanno lo stesso effetto i baicoli. Prima di tostarli ne faccio fuori sempre diverse fette!!!!

      Lo zucchero invertito? Numme piaSce er nome!!! E poi non vedo perché per fare un semplice bauletto io debba comprare un qualcosa dal nome così equivoco!!!

      Bicarbonato? Nun serve! ;)

      BaSci! :* :* :*

      Elimina
    2. secondo me sì per il motivo di cui sopra. :)))))

      Elimina
    3. mi permetto di dire che il bicarbonato serve ad attenuare l'acidità di una pasta madre vecchia o se si utilizzano rinfreschi vecchi, così come ha sottolineato la nostra Emmettì nel suo post.
      non si tratta di sfiducia o di potenziare l'attività della pasta madre, ma serve ad attenuare il gusto acido dato da una pasta madre non rinfrescata.
      se poi, in un panbauletto dolce, ci piace sentire il gusto acido, allora hai ragione tu, il bicarbonato non serve :)

      Elimina
    4. @Silvia: se per fresca intendevi che avesse un tantino di acidità, allora ok.
      Non so perché ma pensavo invece ti riferissi al fatto che non fosse molto attiva, cioè lievitasse poco.

      @Tam: alla fine, come dici tu, è anche una questione di gusti...c'è chi dice che un retrogusto acidulo ci deve essere anche nei dolci; in ogni caso per togliere un po' di acidità preferisco provare con un paio di rinfreschi ravvicinati piuttosto che mettere il bicarbonato; lo so, è una mia fissazione! :))))


      Elimina
  4. Arf, arf... arrivo anche io! :):):)
    Ecco la tua versione trasformata pure in fette biscottate!
    Io invece ho preferito lasciarlo così fino all'ultima fetta, ed assaporare nei giorni a seguire consistenze e profumi che hanno continuato a sprigionarsi.

    Grazie per aver replicato la ricetta!!!
    Un caro saluto e a presto!!
    Notte buona :-) :-) :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima volta trasformeremo i nostri pani in pesci... :D :D :D

      Elimina
  5. e con queste fette si è chiuso il cerchio :) Emmettì si era ispirata alle fette biscottate di Ele per produrre un bauletto, tu ti ispiri al panbauletto di Emmettì per...farci delle fette biscottate :)
    E, visto che questa ricetta è destinata ad essere reinventata, allora riapro il cerchio e dico che quando lo farò io sostituirò lo zucchero perv..invertito col miele (ma solo perché non ho lo zucchero invertito, mi fido della sua funzione e il miele è un degno sostituto ( Bressanini docet), magari raddoppiando la dose, aumenterò anche il peso del cacao e... ne farò delle brioche!
    :))))
    Anche io aspetto i grissini, cioè aspetto che me li mandi proprio :)))))
    Baci tostati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brioches....bicolori?!?!??
      Quanto a tutte queste raffinatezze da per..invertiti sai che ti dico? Al massimo ci metto il miele anche io...ma poi sfido gli scienziati a un assaggio in "doppio cieco" per vedere se sentono o vedono le varie differenze!

      BaSci...grissinati!

      Elimina
  6. ah ah ah...ho letto il titolo e sono venuta a vedere le tue fette a vortice perchè pure io le ho fatte...e sono in archivio da un anno!!!!
    credo di averlo scritto pure a Emme quando ho letto del suo panbauletto partito dalla mie fette...
    sì insomma, quasi quasi mi reinfilo in questo domino! è troppo bello comunque giocare con le nostre ricette: viste, piaciute, provate, trasformate, reivìnventate in qualcosa di nuovo ....da riprovare!!!!...
    per il bicarbonato, se faccio ricette in cui uso esuberi di lievito madre in cui l'acidità è aumentata, mi serve proprio per attenuarla. Ma ne metto proprio poco poco sennò trovo che il tutto prende un retrogusto amaro.
    Pure io com Tam uso il miele come zucchero invertito!
    Bene, detto ciò, spero prima o poi di mostravi le mie fette a vortice. E magari, se hai esuberi di grissini, mi accodo a Tam per riceverne un pacco!!!! ;-)
    ciao Piero!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora aspettiamo di vedere le tue fette a "vortice"!
      BaScioni, Ele, e grazie sempre per le visite!! :))))

      Elimina
  7. Neanche da dire, si vede ad occhio nudo che è marmellata fatta in casa, e poi mi crollerebbe il mondo addosso se scoprissi che Piero mangia marmellata comprata!
    Io dovrò farlo con una farina bianca piuttosto forte, penso che possa andare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...sarebbe meglio una farina di forza media...ma se hai solo quella forte, allora può andare! ;)

      A presto! :)))

      Elimina
  8. Che poi non solo è bicolore, ma t'è venuto con sta virgola chiara in mezzo all'impasto scuro che è una meraviglia! Alla mattina mette allegria solo a vederla una cosa simile... per non parlare di quanto buono sarà! Complimenti come sempre!

    L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto che forza la virgola? :)))

      Grazie, come sempre!

      Elimina
  9. Spero di riuscire a farlo, anche se ultimamente il mio lievito madre ha conferito molta acidità agli impasti. Ma... una sola lievitazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, una sola lievitazione. Se il lievito è bello arzillo è più che sufficiente!
      Per l'acidità fai due, tre rinfreschi uno di seguito all'altro, tenendo prima a bagno nell'acqua il tuo lievito. D

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails