giovedì 24 gennaio 2013

Treccia Russa si, ma...



Come sarebbe a dire:  "ma...."

Be'...c'è sempre un "ma"

Azzipie', ma è mai possibile che nun te sta mai bene gniente??? Amme sta treccia me fa mori'!


(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Be', tanto per cominciare non è vero che non mi sta bene niente. Per esempio questa pizza mi sta più che bene, anche se ci sono arrivato dopo tanti "ma" e pure tanti "se"! 

Ecche nummericordo?

E poi tu lo sai, come ho già detto più volte e ripetuto pure qui io non mi accontento mai. Se faccio o vedo una cosa che penso si possa migliorare, non mi tiro mai indietro. Ci penso, ci rifletto, aggiungo, tolgo, cambio e alla fine arrivo (forse).

mbe', allora che sciai dadì su sta treccia? Ho visto che l'ha fatta aaamiga tua Martina, e pure Michela. De loro te fidi, no?

Be', si. Ma....guarda, ti dirò...


Aridaje co sto ma! Spara, su! Avanti!

Allora ti dico subito che l'impasto parte bene. Guarda qua:


(Fai click sulla foto per ingrandirla)
Be', si! Me sembra liscio, bello, lucido. Ma come se fa?

Be'...intanto fai una cremina con latte farina e lievito di birra, poi copri con altra farina e aspetti una quarantina di minuti (o fino a quando si iniziano a formare delle crepe in superficie)

E crepe?

Si, le crepe! Hai presente quelle che hai sul soffitto di casa tua? (mannaggia, ma come devo fare con questo!)
Quindi continui a impastare aggiungendo tutti gli ingredienti fino a far incordare e alla fine aggiungi il burro a pezzetti, continuando sempre a impastare per non perdere l'incordatura. Poi fai lievitare fino al raddoppio, stendi l'impasto e lo spennelli con burro e zucchero:
(Fai click sulla foto per ingrandirla)
E come fai a dare quell'effetto tipo petali di fiore?

Fai coscì: arrotoli il rettangolo a cilindro, tagli e metti da parte 5 cm di punta; il resto lo incidi a metà, ottenendo una specie di "pantalone", come in questa foto:
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Sistemi della carta da forno bagnata e strizzata in uno stampo da plumcake, intrecci le "gambe dei pantaloni" e le adagi nello stampo, sistemando la punta precedentemente tagliata in mezzo "ai piedi" dei pantaloni. Chiaro?

Uhmmm

Poi lasci lievitare:

(Fai click sulla foto per ingrandirla)
Inforni a 180° fino a cottura, gli dai una spolverata di zucchero a velo e, dopo averlo lasciato intiepidire, te lo gusti:

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Ma scusa, allora sto "ma"? A me sembra che tutto sia andato per il meglio!

Allora, ti dico. 
A parte che le dosi che ho visto indicate nei vari post mi sembrano esagerate per uno stampo da plumcake; tutto quell'impasto soffre, è senza spazi, lievita stretto, tende a uscire fuori...

..e quali sarebbero per te le dosi giuste?

Guarda ti riporto qui le mie, lasciando tra parentesi quelle indicate da Martina:

400 g farina manitoba (Martina 550)
145 g di latte (Martina 200)
8 g lievito di birra (Martina 10)
70 g burro (Martina 90)
90 g zucchero (Martina 130)
2 uova 
4 g di sale 

In più ho aggiunto:
Zeste di arancia
2 cucchiai di liquore all'arancia

...Ma?

Guarda il gusto era buono..ma sentivo che mancava qualcosa. E penso anche di aver capito cosa. 

Ao, ma me lo dici o no?

Senti facciamo così... siccome mi piace condividere gli esperimenti, questa risposta la do solo in privato...diciamo alla prima persona che si offre di fare a distanza questo esperimento con me. Poi magari si fa un post a 4 mani. OK?


...se lo disci tu...

OK! Intanto voi provate a fare questa treccia e....se qualcuno vuol provare con me a fare quella che ho in mente, si faccia avanti! La mia mail la conoscete! Chi prima arriva, meglio alloggia!!! ;)

:)))

EDIT del 27/02/2013 Qui troverete la soluzione con l'aggiunta "segretissima"

Ciao e alla Prossima (Nella quale finalmente vi presenterò l'impasto della pizza incordato a mano!!!).


Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:

59 commenti:

  1. Scioè...ma come me potrei tirà indietro secondo te?

    In qualità di Allieva mi candido :D (che poi detto de sti periodi non è una bella cosa!!)

    PS: sei no' scassa birilli de dimensioni cosmiche...però famo che alla prossima sta trccia la coci de meno :D

    ahahahahahahhaha.....

    :*

    RispondiElimina
  2. Ma e' chiaro che l'esperimento verra' pubblicato giusto?..
    Un qualcosa fatto da te e michela non puo' rimanere negli archivi.
    P.S. Anch'io sono riuscita a mangiare la pizza da Bonci,il risultato e' che non mangio piu' la pizza a Londra,non ha piu' senso.
    Baci e abbracci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erm,intendevo scrivere Michela. Chiedo perdono!

      Elimina
  3. Ciao Zio Piero.
    Per la prima volta, timidamente, pubblico questo commento a questo meraviglioso post anche se dei tuoi non me ne perdo neanche uno...; per motivi di lavoro però ti seguo sempre con troppa fretta per poter commentare anche tutte le meraviglie che ogni volta ci presenti e molto premurosamente condividi! Ecco dunque che in questa occasione ti dico 1000 volte grazie per l'allegria, la passione e la voglia di migliorarsi che trasmetti con ogni tua parola e soprattutto con le splendide foto...; riesci sempre a farmi sgranare gli occhi!
    E davanti a questa treccia russa non ho potuto fare silenzio, anche se in questo momento dovrei essere altrove... :)!
    Sono un'appassionata di lievitati, soprattutto di quelli a lievitazione naturale, ma non ho il tempo di farmi un blog e condividere questa mia passione :/
    Come faccio allora a condividere un eventuale lavoro a 4 mani???? Io questa treccia la devo assolutamente fare :)) Vabbè, intanto la provo così e poi ti dico cosa eventualmente gli manca.
    Grazie ancora, per tutto!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Zio, per la brioche aspetto a te, ciao :)

    RispondiElimina
  5. Mi offro anch'io per l'esperimento!!! La treccia è bellissima e hai fatto bene a diminuire la farina, a volte negli stampi da plum cake bastano 350 gr circa

    RispondiElimina
  6. Zio, non dici mai (anche nel video dell'incordatura) quanto approssimativamente, con quelle dosi, durerebbero le due fasi di impastatura. Minuti? Mezz'ore? Di più?

    RispondiElimina
  7. Io vorrei provare a fare questa... chissà che ne esce! Ti posso contattare per varie ed eventuali? :D Grazie e complimenti, bacioni :)

    RispondiElimina
  8. ZioPiero i tuoi post sono unici ed esemplari!! :D
    anche io voglio fare l'esperimento!! quando si comincia????
    bella proprio questa brioche!! ho apprezzato l'uso del lievito di birra perchè sto odiando quello naturale!!!!!!! sbaglio o tu non lo usi proprio???
    cmq mi stai facendo sudare per questo filmato sull'incordatura a mano e questo vuol dire, a titolo di risarcimento danni da perdita di chance :D :D che mi devi una teglia di pizza!!! (zucchine e stracchino per favore :P gnam)
    :):):)
    ciao zietto!!

    RispondiElimina
  9. Questa l'ho fatta!!!!
    Però mi tiri le orecchie, nella mia c'era un...ino ino di lievito in più...ma uso quello secco, lo sai, ha bisogno di aiuto :-D

    Perfezione, da queste parti.

    RispondiElimina
  10. Mi piace entrare nel tuo blog per trovare le ricette ,non trascuri nessun detaglio,cosi anche una maldestra in cucina come me riesce a fare bene le cose.ottima ricetta.

    RispondiElimina
  11. @Michela: Ok, la prima è andata!

    @Edith Pilaff: Ma perché? Fanno la pizza a Londra???
    Ahahahhah
    p.s. chiaro che l’esperimento verrà pubblicato!!!

    @Profumi di Pasticci: Buona giornata anche a te! :)

    @Guadalupe: Ma grazie a te! Ma ora non aspettare altri 300 post per il prossimo commento, eh? :)))
    Per la treccia a 4 mani torna a scrivermi qui, su questo post, o anche via mail, se preferisci. ;)

    @maria romano: Nel senso che ti candidi? Fammi sapere ;)

    @giulia pignatelli: OK! Sarà un piacere farla tutti insieme! Contattami via mail ;)

    @Pellegrina: Te lo dico qui: minuti, mezzore, ore, giorni… ahahhah
    Dai, non ci sono tempi fissi, a volte la pizza mi incorda in 12’, a volte ci ha messo 25’!
    In ogni caso il tempo dell’incordatura non dipende dalle dosi ;)

    @Valentina: Ma certo! La mia mail è pubblica

    @Francesca: Dai, si. Si comincia dal momento in cui mi contatterai via mail!
    Sul filmato dell’incordatura quasi ci siamo.
    (aho, manco l’l’aifonfaiv s’era fatto attendere tanto!!! Ahahahah)

    @Araba: L’hai fatta? Ma mi è sfuggita o non l’hai pubblicata?
    p.s. hai messo più lievito? Io pensavo che dalle parti tue non ce ne fosse bisogno affatto e che gli impasti lievitassero direttamente durante la lavorazione!!!

    Bacioni :)))

    @Paola Concorso ecc: Grazie! :))

    RispondiElimina
  12. la ricetta alla quale ti riferisce è quella che normalmente si trova in rete, vattelapesca da che parte è partita!
    io addirittura uso 600gr di farina, e in effetti l'impasto è "tanto", ma pongo una domanda, se invece dello stampo la si lascia libera su una teglia da forno secondo te rischia lo spatascio o sepòpprovà??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se spatascia.
      P.S. Con 600 gr di farina quasi ne verrebbero 2! Meglio riproporzionare le quantità o... usare due stampi! ;)

      Elimina
  13. è meravigliosa, altro che storie!
    io l'ho vista per la prima volta da manu (profumi&colori) che su lievitati & Co. qualcosa da dire ce l'ha eccome. e mi ha sedotto. peccato che ci siano troppi intrecci per farla anche GF, anche se, dopo l'intreccio a quattro capi del pane dello shabbat, mi sento pronta a tutto.
    insomma, sta a vvede che questo zio, oltre ad avermi assolto dal peccato del limone della crema, mi converte pure alla treccia russa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai che mi piacerebbe proprio che tu ci provassi ........... baci grazie

      Elimina
    2. @Gaia: Si, Martina l'ha presa da Manu. L'intreccio, in realtà, non è un inrteccio, ma un arrotolo e...si, vabbe', un piccolo intreccio ci sta! (:D :D :D) ma niente a che vedere con gli intrecci del challa ebraico.
      Pecca, pecca, e vi sto che ci sei accompagnala pure con la crema del peccato ;)

      @Manu: Che dici, l'avrò convinta? :))

      Elimina
    3. quando si dice lavorare ai fianchi...
      il problema è che qui i fianchi stanno diventando davvero quelli di una zdaura emiliana, ma formato maxi. non posso mica fare un dolce al giorno, cavolo!
      però sta treccia russa... fa freddo, mi sembra il dolce adatto :-)

      Elimina
    4. ..uno al giorno no, ma uno a settimana si, dai. ;)

      Elimina
  14. ciao Zio Piero,
    ma per me è perfetta! certo, non me ne intendo però a vedere il risultato finale, accipicchia, cosa darei per darle un morso!
    io pure ho il vizio di diminuire le dosi, soprattutto zucchero e altra roba un pò grassa;-)
    e tu invece non ci dirai cosa mancava? :(
    mi toccherà provarla con le mie mani allora;)
    a presto!!
    con affetto,
    vaty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ve lo dirò, ve lo dirò...., ma tu intanto prova questa e senza cambiar le dosi ;)

      Elimina
  15. Bellissima treccia e una spiegazione che ha l'odore di casa !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai sentito il profumo di casa mia...?
      :)))))

      Elimina
  16. Ciao
    mi fa molto piacere che tu abbia fatto la mia treccia russa
    le dosi di lievito possono benissimo essere diminuite se vuoi, io sono arrivata a farla anche con 5gr e anche con il lievito liquido dipende tutto da quanto tempo hai per farla lievitare
    lo stampo tipo plum-cake è di quelli grandi allungabili, certo se si usa uno stampo più piccolo le dosi devono essere sicuramente ridotte
    a questa ricetta ci sono particolarmente affezionata perchè è con lei che ho iniziato a conoscere il mondo dei lievitati, pensa non avevo ancora il blog quando ho iniziata a farla, la prima volta l'ho pubblicata su un forum
    io preferisco usare una farina con 12-13% di proteine piuttosto che la manitoba

    grazie per averla provata
    Ciao Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Manu! :))
      Adesso capisco il perché di quelle dosi: hai stampo "col trucco"! ;)

      Davvero hai iniziato a conoscere il mondo dei lievitati con questa treccia?
      Doppiamente contento di averla provata, allora!

      :))

      Elimina
  17. Ammazza se è lievitata, più che una treccia sembra un grattacielo. Non avendo l'impastatrice non mi ci metterò mai, tanto so che non verrebbe così alveolata. Ma me la mangerei taaaaaanto volentieri :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', anche a mano se po' fa, dai. Provaci! ;)

      Elimina
  18. No, non è pubblicata....solo che mi pare che il lievito di birra secchi "fatichi" di più e devo metterne sempre una dose leggermente maggiore dell'equivalente fresco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su impasti grassi come questo i tempi di lievitazione si allungano, ovviamente.

      Non so che dosi tu abbia usato e come hai impastato, ma di solito ad ogni grammo di lievito di birra secco disidratato (che ricordo, a beneficio di tutti, va rivitalizzato prima in acqua), si fanno equivalere 3 grammi circa di lievito di birra fresco.

      Ovviamente se hai una dose con 9 grammi di lievito di birra fresco allora dovrai usare 3 grammi di lievito di birra secco.

      In ogni caso preferisco di gran lunga il lievito fresco, in dosi equilibrate, si intende ;)

      L'importante per questa ricetta è non usare il lievito per dolci, che altrimenti verrà un ciambellone! :D :D :D

      Elimina
    2. Eccole,
      nascoste tra le righe,
      le 'perle' di zio Piero.
      Annoto...


      Sole,felicità e calore della famiglia,
      per il tuo fine settimana!

      Elimina
    3. Grazie, Rosalba. Ricambio con affetto.
      :))

      Elimina
  19. Ho atteso un tantino ino prima di commentare! I complimenti di rito sembra oramai quasi banale farli! *_*
    Ne becchi talmente tanti che fossero un centesimo l'uno saresti miliardario!
    Venendo al dunque passo solo per augurami di vedere al più presto il post a quattro mani (gli esperimenti mi han sempre entusiasmata enormemente), con chiunque sia! Anche perché ormai la curiosità è stata ben bene instillata ed io come una pera cotta ci son caduta! Pazienterò!
    Intanto ti mando il mio più sentito "centesimo"! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo centesimo per me vale come la Numero Uno di Zio Paperone! :)))
      Però mi sa che per diventare miliardario, anzi milionario, dovrò alzare la tariffa! :D :D :D
      Bacioni :)

      Elimina
  20. Oh questa sì che c'ha un alveolatura super!!! Ho visto che hai ridotto le dosi, ma tu per stampo da plumcake cosa intendi? Perchè ce ne sono di diverse dimensioni..Sono andata a controllare il mio post e stranamente in effetti non avevo messo le dimensioni dello stampo che di solito indico sempre ...Grazie a te ora le ho aggiunte, altriemnti la ricetta non era completa...Io avevo usato uno stanpo 30x11x7...Tu alla fine invece che stampo hai usato? Un bascio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Martì', il mio stampo è come il tuo, anzi 12 invece di 11.
      Se ti va prova a rifare la treccia con le nuove dosi, così mi dai anche un tuo parere :))

      Elimina
  21. Zio Piero sei sempre spettacolare!!!! Tu e le tue preparazioni! Un bacione grande. Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola, che piacere vederti da queste parti! Bacione anche a te! :)))

      Elimina
  22. Buon giorno zietto! :))
    Ho il lievitino che sta maturando pian pianino... fra una ventina di minuti dovrei inizare l'impasto vero e proprio! Ti aggiornerò cone le foto sulla mail!
    Intanto l'augurio di un sereno e felicissimo week end. Il sole di Roma e dintorni ci darà senz'altro una mano per viverlo al meglio. Un abbraccio per dirti ancora GRAZIE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accipicchia! Non hai perso tempo! :))
      Aspetto curioso i primi risultati! ;)

      Elimina
  23. ....bellissimo risultato e sicuramente anche la bontà non sarà da meno...proverò a rifare la ricetta perché i lievitati mi appassionano molto!.... Ho aggiunto il tuo sito hai miei preferiti e se vorrai farti un giorno nel mio ne sarò felice, sono nuova del web ma mi auguro di essere all' altezza!!!..se ti piacerà il mio lavoro aggiungi così potrò farmi conoscere...comunque io sono Gabila e il mio blog si chiama panedolcealcioccolato.blogspot.com....ciao e ancora complimenti soprattutto per la pizza incordata a mano!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e Benvenuta. Ho fatto un giro nel tuo blog: interessante. In bocca al lupo! ;)

      Elimina
  24. Si sta colorendo in forno... se non mi addormento prima del tempo facendola bruciare :-)

    RispondiElimina
  25. Ciao ziopiè... ti seguo ma ancora non ti avevo mai scritto...
    Ho fatto la treccia russa come aamiga mia Michè. Non è bella come la vostra (ho il sospetto che lo stampo da plum cake sia corto? Poosibile?) ma era tanto bbbona! E' qui http://ilcastellodipattipatti.blogspot.it/2013/03/treccia-russa-scupiazzata.html
    Ti bascio forte forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella, Patty Patty!
      Leggo spesso i tuoi commenti da Michè. :))
      Ho visto e commentato la tua treccia.
      Ora devi fare quella con la variante

      P.S. Pensi che lo stampo sia corto? Diminuisci le dosi. ;)

      Elimina
  26. questa famosa treccia mi aveva sempre delusa finchè ho provato queste dosi che per il comune stampo da plum sono perfette
    sto leggendoti con attenzione e mi piace come cucini ,come impasti,come procedi
    daniela ,scrivo da mestre ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela e benvenuta.
      Grazie per i complimenti e... alla prossima! :))

      Elimina
  27. oggi vorrei tentare una versione salata
    chissà come verrà
    in realtà sono indecisa se procedere con dosi e metodo" angelica"
    o" treccia russa"
    si somigliano in molti aspetti
    'angelica però viene una roba immensa
    mah farò sapere :)
    ciao daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....e io aspetto i tuoi risultati! :)))

      Elimina
    2. Ho fatto la versione salata nella pasta parmigiano grattugiato al posto dello zucchero
      Ripieno ricotta frullata con pesto per lo spalmo, poi fettine di scamorza olive nere pomodori secchi
      Una meraviglia! Di aspetto e sapore
      Ciao

      Elimina
    3. Ah scordavo dosi e metodo treccia russa con le dosi tue

      Elimina
    4. Accipicchia, Daniela! Mi piacciono le varianti che hai usato. Se hai delle foto mi farà piacere vederle! :)))

      Elimina
  28. Ciao Zio Piero, vedo dal tuo blog che sei proprio un mago dei lievitati, complimenti!Ho provato a fare la treccia russa con le tue dosi ma lievitata con il "licoli bigato" come dal tuo post sui panettoni, ed il primo impasto è lievitato una bomba!Con il secondo, invece, ho avuto problemi,mi era diventato un vero mattone,ma siccome era sera ed ero stanca, l'ho lasciato così nel forno tiepido (ovviamente non avevo aggiunto il burro) e la mattina seguente l'ho tagliato a palline (tanto per non slogarmi il polso, che ancora mi fa male!) e lavorato con latte e farina. Così si è ripreso, faceva le bolle e mi scricchiolava sotto le mani,allora l'ho riunito in un'unica palla,lavorato un altro po' ed aggiunto infine il burro. Insomma, la treccia l'ho cotta stamattina ed ha un bellissimo aspetto! ;)
    Sciao Sciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accipicchia che avventura! Poi mi dirai se ti è piaciuta!
      Sciao Sciao :)))

      Elimina
    2. Come no, buonissima! Non pensavo che un impasto brioche potesse venire così morbido anche con gli albumi...ho imparato una cosa nuova! E poi questo licoli è una bomba,anche se appena fatto (e messo comunque in gran quantità...200 gr.) ha fatto il suo dovere. Siccome non sono riuscita a far lievitare bene la colomba con il mio lievito naturale,proverò a breve con il licoli e seguirò la tua ricetta...grazie! :)
      Sciao Sciao!

      Elimina
    3. Vedrai che con gli impasti sarà sempre un miglioramento progressivo, anche se a volte piccolo e impercettibile.
      Più ne farai più ci prenderai confidenza! ;)

      E adesso.... vai di licoli! :)))))

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails