lunedì 21 gennaio 2013

La Crema Pasticcera - Filmato


Piero, dove trovo una ricetta per la crema?

Azzi', ma come dove la trovi? Sul mio blog!


Piero guarda che non c'è nessuna ricetta.

(@**&&@@***)
Zia, ma sei sicura?

Io ho cercato, ma non c'è nessuna ricetta e nessun procedimento

(@**&&@@***)
Zia, ma hai attivato la funzione search? basta scriverci la parola "crema" . Oppure la cerchi tra le etichette, ti apri una nuova pagina explorer (o forse tu come browser usi mozilla?) e da li ti trovi tutte le ricette che vuoi!

Piero, senti, non mi complicare le cose. "Search", "Etichette", "pagina explorer" "browser" "Mozilla"???
Io ti ho chiesto la ricetta della crema, hai presente? C-R-E-M-A.
Se ci fosse la nonna l'avrei chiesta a lei e lei mi avrebbe detto quante uova, quanta farina, quanto latte, capito come? Non mi parlare complicato. E poi lo sai, io col computer non sono poi così pratica... 

...effettivamente. Come darle torto?


Ormai il nostro parlare è tutto uno sciorinare di termini incomprensibili, neologismi derivanti dall'avvento di innumerevoli strumenti tecnogici che hanno condizionato immancabilmente anche il nostro modo di esprimerci, facendoci dimenticare le più semplici regole di una corretta comunicazione:

1) quello che voglio dire lo sto esprimendo in maniera chiara?
2) la persona a cui parlo lo sta comprendendo?
3) ho verificato che l'ha veramente capito?

Comincio ad avere seri dubbi...

In ogni caso ho fatto poi un "search tra le etichette" e mi sono accorto che...effettivamente non ho mai scritto un post con dosi e procedimento per una crema!!!

E'  arrivato il momento di rimediare!  SUBITO!!!

Ricette di Crema Pasticcera ce ne sono un'infinità, con tante piccole varianti.


(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Qui ve ne riporto 3, a mio avviso tra le migliori che abbia mai provato:

Crema di Montersino
(è la crema di tutti i giorni)

400 g. Latte
100 g. Panna
150 g. Tuorli (circa 6)
150 g. zucchero semolato
18 g. amido di mais
18 g. amido di riso
½  baccello vaniglia
Scorza di limone


Crema Pasticcera di Massari
(Ideale per farcire torte, ricchissima di tuorli ma una volta nella vita la dovete fare!)

200 g. di tuorli d'uovo  (10 tuorli circa)
120 g. di zucchero
32 g. di farina
1/2 baccello di vaniglia
200 ml di latte
200 ml di panna fresca
la scorza di un limone


Altra Crema di Montersino 
(adatta per cotture in forno)

320 g di latte
160 g. di panna
240 g. di zucchero
150 g. di tuorli (circa 6)
30 g. di fecola di patate
1/2 Bacca di vaniglia
Zeste di limone.

Ora veniamo al metodo.
Anche qui ci sono vari sistemi. Vi riporto quello che adotto più di frequente, imparato da Montersino e adattabile a tutti i tipi di crema.

Montate a lungo uova e zucchero; incorporate poi gli amidi cercando di non smontare il composto.

Mettete in un pentolino il latte, la panna, la scorza di limone e semi di vaniglia presi dalla bacca.
Portate il tutto quasi a ebollizione e poi versatevi dentro le uova montate.

Attendete che il latte scaldi bene le uova (in pratica il bianco inizia a fuoriuscire dai lati fino a bucare al centro la montata di uova) e poi girate vigorosamente con la frusta finché si addensa (12-15 secondi).
Travasate in una ciotola e coprite il tutto con della pellicola trasparente, per evitare che la superficie faccia quella patina tipo crosticina.
Fate freddare rapidamente.

Ma voi, con la scoza di limone, che ci fate?? Confessatelo, su! ;)

Vi saluto con un ricciolo tutto per voi, avvolto nella scorza di limone, appunto ;)

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Come???? Ah, si! Il filmato!!! Avete ragione!

Ecco a voi. Buona visione.





Ciao e alla Prossima.

Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:

85 commenti:

  1. Le due di Montersino le ho provate ma ora è il momento di provare quella con duemila tuorli, se lo dici tu...

    Scusa, ma con la scorza del limone che ci dovremmo fare??? :-)

    RispondiElimina
  2. Cosa fare con la buccia di limone? Diciamo che c'è una sconfinata antologia partenopea di suggerimenti in merito, così come sono certo c'è una altrettanto proficua raccolta di risposte capitoline non da meno. Diciamo che si pareggiano ed io la buccia di limone nel levarla la mastico, per avere ancor più il palato leggermente amaro per poter apprezzare meglio la crema.
    Un appunto però devo fartelo e sono serio. A parte Massari che spero di provare quanto prima mi dispiace che tu abbia privilegiato Montersino che rilegge in chiave moderna e con gli amidi ciò che preferisco "fare e ricordare" nella sua versione precedente e cioè la "crema" della generazione precedente alla nostra quando il sostantivo amido nemmeno era presente nel vocabolario quotidiano. Magari l'avrei aggiunta ma non certo eliminata del tutto...
    Una bacchettata sulle mani questa volta non te la toglie nessuno :) ahahahahahaaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mastichi???? Solo io la butto????

      Elimina
    2. Il morto di fame che è in me, quello che si è ustionato varie volte la lingua per assaggiare la crema bollente adesso opta per una meno "cocente" buccia...
      PS
      E poi con tutte le alternative che mi suggeriva lo 'scugnizzo' dentro di me...questa era la cosa più nobile da fare!! :P ahahahhahah

      Elimina
    3. Araba che butta la scorza di limone??? Vada per Martha, vada per Nigella, vada pure per le foto storte e blu, ma la scorza buttata noooo!!! :(((

      Gambe'...ma sei sicuro di masticarla e basta? ahahahahahaah

      Elimina
    4. Pure questa me devo magnà???? :-D

      Elimina
    5. Io in genere ce la lascio dentro proprio. Trovo che gli aromi non siano mai abbastanza.

      Elimina
  3. e vero ogni uno di noi ha la sua di ricetta di crema pasticcera , ma ai tempi della mi mamma poco usavano amidi ecc ma esclusivamente solo farina uova e latte , ben vengano gli aggiuntivi per migliorarla , cmq quella ricetta in cui prevedono tante uova son curiosa di provarla ....
    cosa ci faccio della buccia del limone..? e ovvio la tolgo e la mangio ^__^ anche perchè ho sempre letto che va tolta a fine cottura della crema , per non renderla amara , e questo passaggio lo faceva anche mia mamma , anche se da quanto faccio la crema con il bimby la buccia va frullata insieme allo zucchero :-)..
    però il tuo ricciolo di crema con la buccia e davvero invitante ...
    p.s. cosa ci farai adesso con quella crema??
    in cosa ci delizierai??
    buona giornata mio caro pier..
    lia

    RispondiElimina
  4. Anch'io ho le mie creme pasticcere e come sai, non so perchè ma preferisco sempre dedicarmi alle creme senza uova, è per questo che leggere le dosi della crema di Massari mi ha lasciata così (°o°) mammamia quante uova!!! Ma se dici che è buonissima ti credo!
    Bellissimo il video, mi piace anche il procedimento!
    Quanto alla scorza di limone: mia mamma l'ha sempre messa intera, come fai tu, io invece la metto spesso grattugiata, ma quelle volte che si trova intera, beh ancora caldissima la tiro fuori dalla crema e ovviamente la pulisco ben benino prima di metterla via! :D Ma... non ci hai detto cosa ne fai tu, e nel video non si vede! ihihihih

    RispondiElimina
  5. Ciao zioPiero, piacere di conoscerti devo dire che per quanto riguarda la crema ci hai proprio sistemato per le feste! Per quanto riguarda la scorza di limone io non riesco mai a ripulirla perchè mi battono sempre sul tempo!Mannaggia! Mi aggiungo volentieri ai tuoi lettori e ti aspetto per un caffè, a presto Angela!

    RispondiElimina
  6. La buccia di limone? ma che domanda è? la mangio ovviamente!!! Non ho mai provato queste ricette ma dopo il video con la tua manicure perfetta DEVO!! Ha un aspetto fantastichissimooooo. Bacioni dominatore di creme

    RispondiElimina
  7. Faccio spesso la prima :) Le altre due voglio provarle! Grazie per il video, besos e buon inizio settimana! :) P.s.: posso dirlo? Io la ripulisco per bene, non con la spatola eh! (è come la pubblicità: se non ti lecchi le dita, godi solo a metà :D)

    RispondiElimina
  8. Sai che mi hai fatto venire in mente quando la domenica la mamma ci faceva sempre un dolce e noi tutti intorno a lei ad aspettare per leccare il cucchiaio con cui aveva girato il dolce o la ciotola ... e la buccia di limone della crema? dovevamo fare a turno; una volta toccava a me e un altra ai miei fratelli/sorelle (eravamo in 4)e quando la mettevo in bocca che sapore celestiale ... pensa te cosa mi hai fatto venire in mente!! La mamma la faceva giusto con un cucchiaio di farina (non pesava mai niente e le venivano di quei dolci pazzechi!) e senza panna.
    Se devo essere sincera non ho mai provato nessuna delle tre ricette che hai messo ma le proverò.
    Grazie del video ;)

    RispondiElimina
  9. @Araba: Ne avete di galline a sufficienza da quelle parti? :)))

    @Gambetto: Mio caro, il mondo va avanti e si puo’ sempre migliorare. Anche se puo’ non piacerti il soggetto, non è detto che dica cose sbagliate. Vai di amidi, fidati ;)

    @Lia: La crema con il bimby??? Vade retro satana! ahahahahah

    @Luna: Una crema senza uova è come un cappuccino senza caffè…
    La scorza? Ma me la lecco tutta, che domande!!!! C’era mica bisogno di sottolinearlo!
    :))))

    @Angela: Benvenuta! Prossima crema non ti far precedere per l’acchiappo della scorza! :D :D :D

    @Pellegrine: …aho, ma ve la magnate tutti? :D :D :D
    p.s. anche le creme vanno dominate…ma con molta delicatezza… ;)

    @Valentina: Eccola!!! Finalmente una che non se la mangia!!! Oddio, non che non si possa mangiare, ma prima va ripulita…e non con la spatola!!! :)))

    @Terry: Oggi ho capito uno dei vantaggi di esser stato figlio unico…(e anche nipote prediletto!)
    Provale, poi mi dirai ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah e quindi ti riallacci al discorso che fa mio marito! :D
      P.S. ieri presento a tavola una torta senza glutine, senza lievito, senza impasto (si prepara nella teglia stessa) e a cucchiai, e dopo averla fatta assaggiare svelo la natura del dolce stesso. Mio fratello si rivolge a mio marito e gli fa "Uno di questi giorni ti presenterà un piatto vuoto e dirà che è una torta senza torta!" ahahahahaahahah :*

      Elimina
  10. Il mondo va avanti ma è un dato di fatto che chi sa fare una crema con gli amidi non è detto che la sappia fare con la farina, viceversa invece è sempre vero, ecco perchè mi sarebbe piaciuto che ci fosse stata la sua versione più 'ostica' :)
    2 a 0 palla al centro :P hihiihihhiihihi

    PS
    La buccio la ingoio anche...pur di non sapere quali altri usi mi consiglieresti! :P ahahahhaah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi sa fare la crema, sa fare la crema è basta!
      Quella con la farina non ha la stessa morbidezza e la stessa cremosità di quella fatta con gli amidi.
      La buccia? Mi sono già espresso pubblicamente! :)))

      Elimina
  11. Sei un impagabile tesoro
    e, il tuo blog,
    mi diventa sempre più indispensabile
    e prezioso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e tu sei sempre troppo generosa nei miei confronti :)))

      Elimina
  12. La riconosco :') e che buona. Anzi approfitto per ringraziarti ancora di avermela fatta scoprire.

    E che belle queste fotgrafie....uuuuuuummmmmmmm :')
    Ciao Maestro mio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te di averla provata!
      Le foto...? Sai, ogni volta sto con la faccia a punto interrogativo per delle ore cercando di capire come rappresentare una realizzazione senza essere troppo scontato nello scatto.

      Ma, come ho avuto modo di dire anche da te, tu la sai ;)

      Bacioni, Allieva Mia. :)))

      Elimina
  13. sento il profumo di limone e vaniglia nell'aria!....gnammm!

    RispondiElimina
  14. Ma come ziopiero ... le uova non le monti con la frusta a mano??? Ahiahiahiahia ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah, vedrai tra poco cosa ti monto a mano... :))))

      Elimina
  15. Azzipiè,ma è possibile che sò l'unica che se la ciuccia e basta?? ;-))
    Domandina:se uso il metodo Montersino per la cottura sostituendo però gli amidi con la farina,devo cuocere un pò di più per evitare che la farina rimanga cruda?E se sì,quanto tempo secondo te?
    Bacicremosi
    Rita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non sei l'unica. Diciamo che sei tra le poche che lo dichiara apertamente! :D :D :D

      Perché vuoi usare la farina? Provala con gli amidi e poi mi dirai.
      In ogni caso farei così: sciogli per bene la farina con un po' di latte freddo, poi aggiungi l'altro latte e metti sul fuoco. Quando è quasi a ebollizione aggiungi le uova.

      Elimina
    2. Ah, ecco. E perché tutti i libri in cucina degli ultimi due secoli dicono costantemente di far il contrario? La massoneria del grumo!
      Stavolta ci provo.

      Elimina
    3. Lassa perde i libri di cucina. Qui conta la pratica. Prova questa tecnica e poi mi dirai. Se ancora vedrai i pallini...allora la prossima volta che vieni da queste parti la faremo insieme. Dopo non fallirai più! ;)

      Elimina
    4. Ci sto. Grazie (però il Montersino sempre libri sforna, no?). Uova e zucchero le monto lo stesso?

      Elimina
    5. Se fai metodo Montersino li devi montare, se fai metodo tradizionale non serve, ma se poi ti fa i grumi poi non te la prendere con me! :D :D :D

      Elimina
    6. Cercavo il buon metodo, quindi...

      Elimina
    7. ...aspetto news, allora!
      :)))

      Elimina
  16. Nunvabbene.
    Mo nue' che uno peffa' 'na crema co' du' rossi 'n croce po' sporca' er ciotolone, le fruste, la cucina e mettese a monta' l'anima de li mejo mortacci sui eh. Er vecchio metodo de mischia' funziona uguale.

    @ritat sì la crema coa farina la dida coce deppiù ma nue' peccoce la farina ma peffalla gelatina'. Ma usa l'ammidi che gelatinano prima e nunvanno ammale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A bello...ma tu lo sai quante massaie fanno 'mpazzì a crema proprio perché nun zanno mischia'? :)))

      Elimina
    2. Comunque i mortacci sono "tua", eh.
      Qua si parla latino, mica scherzi.

      Elimina
  17. Risposte
    1. Si, quelle. Ci stanno? ...O forse non le vedi perché hanno tutte il burka? :)))

      Elimina
  18. Zio piero eccomiii! HO pubblicato, se ti va fai un giro, guarda la foto e dimmi che ne pensi!
    So che mi tirerai su il morale, ......VERO??;-))
    Cinzia!

    RispondiElimina
  19. Zio Piero, sempre puntuale, grazie del commento.. Sì, per un impiastro delle decorazioni come me è venuta carina, mi piaceva..
    Vabbè, sai che faccio? Mi metto sotto e ..COMINCIO A PREPARARE LA TORTA PER IL PROX GENNAIO!
    A presto allora, grazie e alla prox torta:-)
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....mettiti sotto e inizia a preparare la torta per domenica prossima!!!
      (gennaio 2014 è troppo lontano....)

      Elimina
  20. Zio Piero

    io ho sempre capito che quando (ad esempio nella ricetta del gelato al pistacchio) dici "...Con il resto degli ingredienti preparate una crema...." intendi che si deve procedere con la Montersinata che mostri nel video. Io faccio sempre così e debbo dire che funziona... ma ho capito bene?

    PS: la colonna sonora del video segna la fine del connubio ziopiero unz unz???

    Cristiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha, no il connubio non è mai finito! Solo che ogni tanto mi piace variare.
      p.s. hai capito bene ;)

      Elimina
  21. Eccomi! Interessante la crema da forno, che proverò sicuramente. Di solito io faccio quella di montersino che mi riesce benissimo. :) Si sa che sostituire una parte del latte con la panna, rende la crema più CREMOSA. :) E va bene, ma se non si dovesse avere la panna, per rendere il latte un pò più grasso, si potrebbe aggiungere un pezzettino di burro? Questa cosa me la sono sempre chiesta.
    Grazie fin d'ora se mi risponderai. :)
    Un caro saluto, Ada.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, certo. Il burro è una componente grassa, tant'è vero che si fa pure la Crema al Burro, ma personalmente preferisco la panna.
      :))

      Elimina
  22. la crema di montersino l'ho fatta anch'io per un po', sedotta dall'uso dell'amido che ovviamente continuo ad usare perchè la farina normale non fa per me.

    ma, ti confesso, io la crema sono tornata a farla con le uova intere. mi ero rotta le scatole di accumulare tutti quegli albumi, mi sembra poco etico. è vero che si riciclano, ma se devo fare l'ennesimo dolce per riciclare quelle duemila vaschette di albumi che stazionano nel mio freezer... diventa un circolo vizioso.
    pensi di parlarmi ancora?

    p.s. anc'io ci metto la buccia di limone in-gir-in-giro e la uso per assaggiare la crema via via, che è una goduria, e poi mi mangio pure quella.
    pensavo di farlo sono io che sono grassa inside, ma invece scopro oggi che è una cosa lecita e anche auspicata. ne sono assai lieta, ovvero mi sento meno in colpa.
    leggerti è sempre fonte di suggestione insperate, insomma :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ogni tanto uso le uova intere, ma come sapore preferisco la crema solo di tuorli. Dai, per un altro mese ti parlo ancora, va :D :D :D

      P.S. davvero pensavi di essere l'unica? Quindi hai creduto di vivere nel peccato fino ad oggi? ahahahahha
      Dai, adesso la puoi mangiare con orgoglio, e in buona compagnia! :))))

      Elimina
    2. Mah, stesso problema. Io ci farei delle lingue di gatto da servire con la crema. Se la si usa per farcire, a mio modesto parere può andare bene con le uova intere, ma per fare una crema da cucchiaio, gli albumi sono di troppo :-)

      Elimina
  23. I puntini di vaniglia!!!! Ma sono naturali anche quelli in primissimo piano?
    Faccio parte di coloro che non sono mai riusciti a cuocere una crema con farina pur frustando a tutto spiano.
    Rimane di sasso, o meglio di grumo (ma fa poca differenza).

    RispondiElimina
  24. @Pellegrina Per fare la crema pasticciera sono necessarie cognizioni sado-maso. Insomma, ce vo' la frusta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio perché le ho frustate a dovere dico che non funziona.

      Elimina
    2. Certo che sono naturali i semini!

      Quanto alle fruste...queste possono essere tranquillamente sostituite con un cucchiaio di legno, sapientemente usato, con dolcezza, come facevano le nostre nonne.

      Se poi la crema ti si ingruma, cucchiaio o frusta che sia, allora qualcosa va rivista, a prescindere dalle personalissime cognizioni SM :))

      Elimina
  25. Grande!!!
    copio subito
    buon pomeriggio
    anna

    RispondiElimina
  26. Se dopo aver letto il post e visto il video,non sono capace di fare una buona crema pasticcera è meglio spararmi(scherzo).Ottimo post

    RispondiElimina
  27. Ciao sono Giovanna ed amo follemente questa crema, tu, come altre blogger che seguo, fate sembrare tutto così semplice.....grazie.
    Ora vorrei chiederti una cosa, io non riesco a trovare l'amido di riso, con cosa potrei sostituirlo????Un'altra cosa, in un libro, Montersino, afferma che bisogna mettere la polpa della vaniglia nel latte,come hai fatto tu, mentre tempo fa diceva che bisogna metterla nello zucchero, e che è un "errore" metterla nel latte per via della pellicina che forma bollendo, tu che mi rispondi in merito????Grazie e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...si, hai ragione. Spesso abbiamo la tendenza a far sembrare tutto facile...ma forse, alla fine, lo è pure.

      Se non trovi l'amido di riso usa solo amido di mais, raddoppiando la dose, ovviamente.

      Puoi anche mischiare la vaniglia allo zucchero, ma in ogni caso la pellicina nel latte meglio non farla venire.

      Elimina
    2. grazie tante per la tua velocissima risposta e complimenti ancora per le tue ricette, io amo tantissimo fare dolci ed i tuoi sono veramente belli e scommetto anche buonissimi. Tu come primo dolce da fare cosa mi potresti consigliare premettendo che so fare il pan di spagna, almeno così mi dicono.
      Buona serata
      ps:dimenticavo....sono Giovanna

      Elimina
    3. Ciao, Giovanna e Benvenuta!

      Be', come primo dolce parti dal tiramisù; è un classico e contiente le basi della pasticceria, pan di spagna compreso. Mi raccomando, pastorizza i tuorli.

      Poi fammi sapere, eh? ;)

      Elimina
  28. La scora di limone va ciucciata, no?
    ;-)

    per il discorso dei tre punti dell'incomunicabilità, purtroppo, spesso non si limitano all'argomento tecnico.. ma si applicano a tutti i contesti...
    'notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ovviamente, volevo dire scorZa...
      ommammina..

      Elimina
    2. Ciucciata, si! Alla toscana! :)))

      p.s. Certo! I 3 punti si applicano a tutti i contesti. :)

      ...'giorno! :))

      Elimina
  29. fortissimo! ora devo provarle anche io tutte le versioni!

    RispondiElimina
  30. Ciao Zio!
    Il metodo di Montersino mi ha cambiato totalmente la visione della crema... più che altro per evitare di starla a girare continuamente (quello mi basta e avanza per quella Inglese). Comunque l'ha appresa e usata anche Santin dichiarando che è "un metodo valido usato da un suo amico collega dirimpettatio di canale televisivo."
    Quella da cottura in forno mi manca... ma ora comincia il periodo dei compleanni (temutissimo) e forse qualcosa proverò.
    Un abbraccione.
    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Simone. Un abbraccione anche a te. Ti aspetto a Roma.
      A presto ;)

      Elimina
    2. Ah... stavolta si organizza. Ho deciso che il 2013 non sarà come lo scorso anno ^-^

      Elimina
  31. Se provo il metodo di tutti i giorni con la farina, la dose della medesima è 18+18 o cambia? Sospetto che il problema dei grumi per me venga da una cottura troppo rapida. Infatti non si formano all'inizio, ma dopo un po' che l'amalgama è sul fuoco. Probabile che la montata lo smonti, chissà. Di certo l'amido lo previene meglio.
    Grazie, vado a lucidare la frusta.
    P.S.: ti ho scritto una mail vagamente assonnata. In un attacco di ego avevo attribuito alla sottoscritta in aggettivo il nome del dolce, sostantivo ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai 18+18. Magari mischia la farina (setacciata) con il latte freddo lasciato cadere goccia a goccia, fino ad eliminare tutti i grumi. Poi scalda sul fuoco senza portare ad ebollizione. Aggiungi quindi le uova montate e continua.
      In generale non è necessario montare le uova per fare la crema (le nostre mamme e nonne di certo non lo facevano); noi le montiamo per fare la crema con il metodo qui descritto. Le bolle d'aria contenute nella montata impediscono all'uovo di diventare frittata al contatto del latte caldo.
      p.s. io sto più assonnato di te! :D :D :D

      Elimina
    2. Allora, l'ho appena provata. Lunghissimo sgocciolamento latteo a formare cremina, poi, versato tutto il latte, giri e rigiri con il cucchiaio per sciogliere tutto prima di metterlo al fuoco. Nella ciotola rimangono pochi minuscoli grumetti di mezzo mm. Tutta questa operazione è decisamente noiosa. Al fuoco rimescolo e noto che si forma una pappetta di farina sul bordo inferiore del cucchiaio. Unita la montata attendo, forse un po'meno del necessario, per l'ansia. I fuochi a vetroceramica poi sono sempre un po' una sorpresa. Sbatto, levo, sbatto. Credo di vedere grumi e la metto prima sul lavello, poi corro fuori a appoggiarla sul pavimento del cortile. Salva! niente grumi. Lì per lì mi pare non abbastanza cotta, ma il calore residuo basta a togliere il sapore di farina. Adesso, quella che si è salvata dai miei assaggi di controllo (non pochi), riposa sotto la sua copertina di plastica. La prova l'avrò solo domani, ma forse è un po' meno soda della tua; d'altra parte non dovendo farci nulla di montato non credo importi molto.
      Che dire. Devo senz'altro rifarla con i tempi meno ansiosi: mentre montavo le uova avevo paura che mi precipitasse la farina stemperata nell'altra ciotola, per dire.
      A parte questo:
      1) la crema fatta con le uova montate è una goduria, chi non l'ha mai fatta non sa cosa si perde, anche solo di bellezza nel vederla cuocere.
      2) la in-congrua dose di grasso, assente nelle ricette classiche, favorisce non di poco la mancanza di grumi (ad esempio a me che sono la regina del grumo, la besciamella grumi non ne fa, e ho il sospetto che sia dovuto al burro che contiene)
      3) la dose di zucchero per me è assolutamente eccessiva. Capisco se si farcisce una pasta non zuccherata (e ancora...) ma se si usa da mangiare al cucchiaio io ne metterei almeno un terzo in meno.
      4) che galline hai sottomano? Perché i miei tuorli, per arrivare a 150 g., erano ben 9 e ho ancora il sospetto di avere arrotondato...
      Comunque la prova del nove sarà domattina.
      Grazie delle istruzioni!
      P.S.: realizzo solo adesso che è la prima volta che faccio qualcosa di montersinico.

      Elimina
    3. Qualcosa non mi torna o non capisco in questa tua descrizione:
      1) cosa intendi per "sgocciolamento latteo a formare cremina" e poi "versato tutto il latte" ?
      2) cosa dovevi sciogliere prima di mettere sul fouco?
      3) perché ti si forma la pappetta di farina? Dove l'hai messa??? E poi perché hai usato la farina? E che vuol dire che l'hai "stemperata nell'altra ciotola"

      ...insomma...secondo me tu hai fatto la "Crema Pellegrina", una crema tutta tua! :D :D :D

      Elimina
    4. Commento di Ziopiero a Pellegrina, il 27 gennaio alle 16.36: "Magari mischia la farina (setacciata) con il latte freddo lasciato cadere goccia a goccia, fino ad eliminare tutti i grumi. Poi scalda sul fuoco senza portare ad ebollizione. Aggiungi quindi le uova montate e continua."
      Ciò che diventa nella licenza poetica della Pellegrina: "Lunghissimo sgocciolamento latteo a formare cremina". Versione in prosa:
      1) "Verso il latte freddo sulla farina setacciata, goccia a goccia, mescolando per scioglierlo dapprima con una forchetta, la consistenza diviene una sorta di cremina, sempre più liquida man mano che aggiungo tutto il latte, a questo punto passo a mescolare con un cucchiaio avendo cura di schiacciare i grumi sulle pareti della ciotola.". Commento di Pellegrina: "operazione lunga e noiosa".
      Segue descrizione in prosa:
      2)"Passo a questo punto a montare le uova in una ciotola, trepidando all'idea che nel frattempo la soluzione di latte e farina nell'altra ciotola mi precipiti, accumulando la farina sul fondo. Quando metto sul fuoco il latte + farina per scaldarlo, vedo che nella ciotola rimangono alcuni piccolissimi grumi".
      3) Poesia: "Al fuoco rimescolo e noto che si forma una pappetta di farina sul bordo inferiore del cucchiaio.": prosa "Mentre faccio scaldare il latte secondo istruzioni, che a questo punto, sempre da istruzioni è un latte+farina, do' un giro di cucchiaio e noto che la farina forma una specie di pappetta che si attacca sul fondo del cucchiaio". Ho comunque aspettato quasi l'ebollizione, unito la montata ecc., come descrivo nel commento sopra.

      Elimina
    5. ahahahahah, vero!!! Scusami!

      Il fatto è che io manco mi ricordo cosa ho pubblicato questa mattina, ti pare che vado a ricordarmi una mia risposta ad un vecchio commento! :D :D :D

      In ogni caso qualcosa non mi torna, i grumi non si dovrebbero formare... Alla prossima occasione ci provo, in prosa e poesia. :))

      Ora prova a fare la crema col metodo montersino, vedrai la differenza! ;)

      Elimina
  32. ho provato il metodo Montersino, è l'ideale per una pigra come me che non ama mescolare per ore :D
    grazie della dritta, Zio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto? Son contento. :))
      In cucina, però, la pigrizia è una nemica... Per le altre preparazioni cerca di vincerla! ;)

      Elimina
    2. in realtà la mia è insofferenza: non riesco a star ferma a mescolare, ogni volta che devo preparare crema pasticcera e besciamella faccio gli occchioni alle mie sorelle per convincerle e prepararle al posto mio :P nel resto dei casi sono più paziente! però terrò a mente il consiglio :)

      Elimina
    3. Be...ti capisco...mescolare la crema non è certo il massimo delle vita :))

      Elimina
  33. mi appropinquo a farla or ora, ma senza panna :)
    :-*

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails