giovedì 12 marzo 2015

Danesi con lievito naturale - Differenze a confronto


Ve li ricordate?
Li avevo pubblicati quasi due anni fa, ispirandomi ad una ricetta di Montersino, rivisitata e modificata, soprattutto per quanto riguarda le dosi di lievito di birra, di cui raccomando sempre un uso moderatissimo.

Oggi vi presento una versione tutta mia e con il lievito naturale.
(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Avete presente il giorno e la notte? Il bianco e il nero? Il sole e la luna?
Bene.
Anche qui le differenze sono abissali e si notano da subito.

E per chi non avesse voglia di provare entrambe le versioni e ne volesse provare solo una, consiglio caldamente questa!

La sofficità, la morbidezza, il sapore, la capacità di conservazione...tutto è diverso.
E migliore.

E così sono lieto di presentarvi....

LE DANESI DELLO ZIOPIERO

TABELLA DI MARCIA

Come ormai di consueto inizio con lo schema delle varie attività, suddivise nell'arco del tempo, così vi trovate l'organizzazione del lavoro già bella e pronta!


Come potete vedere il tempo totale per la realizzazione di queste meraviglie è intorno all'ora e mezzo e l'attività che vi richiederà maggiore impegno sarà quella della formatura (30 minuti circa).

RICETTA


Prefermento
50 g di licoli o di lievito madre (25 g se fa molto caldo)
200 g di farina manitoba
235 g di acqua
  • Mescolate tutti gli ingredienti 
  • Coprite la ciotola
  • Lasciate fermentare per 8-10 ore

Impasto 
Tutto il prefermento
320 g di farina W300
100 g di zucchero
2 uova intere
1 tuorlo
120 g di burro 
zeste di arancia 
5g di sale
  • Impastate tutto insieme fino quasi ad incordatura; se incorderete l'impasto sarà poi molto difficile stenderlo
  • Lasciate riposare l'impasto per un'oretta.
Formatura
Albicocche o Pesche sciroppate
Crema Pasticcera
  • Stendete l'impasto ad un altezza di 4-5mm circa
  • Tagliate formando dei quadrati di 6-8 cm
  • Incidete lungo le diagonali, ma senza arrivare al centro
  • Ad ogni angolo avrete così due punte. Piegate una punta si e una no verso il centro, pigiate leggermente e lasciate lievitare in una teglia precedentemente rivestita con carta da forno
(Fai click sull'immagine per ingrandirla)
  • A lievitazione avvenuta spennellate le danesi con un uovo sbattuto e finite di comporle mettendo al centro un cucchiaino di crema pasticcera da forno (dimezzate le dosi riportate nel post del link) e sopra mezza albicocca o pesca sciroppata

(Fai click sull'immagine per ingrandirla)
  • Forno a 180° fino a cottura ultimata.

Lucidatura
Mentre le danesi cuociono preparate la gelatina per la lucidatura:
Sciroppo della frutta sciroppata usata
2 cucchiai di zucchero
2 g di colla di pesce in fogli
  • Mettete a bagno la colla di pesce per fino a quando diventa morbida (5-10 minuti)
  • Strizzatela e asciugatela
  • Mettete lo zucchero nello sciroppo
  • Portate ad ebollizione fino a completo scioglimento dello zucchero
  • Scioglietevi poi la colla di pesce, mescolando delicatamente
  • Lucidate le danesi appena tolte dal forno

Lasciate freddare sul una gratella e....azzannate pure!

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Come potete notare l'interno è particolarmente alveolato e di conseguenza la morbidezza e la sofficità sarà inebriante.
Di gran lunga superiori a quelle fatte con il lievito di birra!

Provatele e mi direte!

Ciao e alla Prossima.

(Fai click sull'immagine per ingrandirla)

Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:

39 commenti:

  1. Risposte
    1. ...e anche buonasera! (vistol'orario....)

      :))))

      Elimina
  2. A guardarle vien voglia di mangiarle....sono deliziose!!!!

    RispondiElimina
  3. Che bel risveglio sarebbe con queste danesi in tavola per la colazione ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..un giorno piacerebbe anche a me esser risvegliato dalle mie stesse delizie... Mi sa che devo inventarmi qualcosa alla Archimede Pitagorico! :))))

      Elimina
  4. Wow ziopiero mi stai facendo impazzire con tutti questi lievitati da colazione che sai bene quanto mi piacciano!
    non ho tempo per provarli tutti!!
    meno male che fai queste utilissime tabelle, mi fanno organizzare bene invece di perdermi.
    una cosa sola: io per danesi non intendo queste ma quelle con crema e uvetta o crema e gocce di cioccolato che sono anche formate diversamente. Sono due cose diverse? ( sul web non ho trovato una foto degna)
    grazie e tanti tanti tanti basci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francy, non ho capito bene quello che intendi tu per danesi.
      Ho provato a cercare "danesi dolci" sul web ed è venuto fuori un po' di tutto...!!!!
      Facciamo così: queste le chiamiamo danesi! :))))

      BaScioni :* :* :*

      Elimina
  5. Non ho il minimo dubbio! Si vede a occhio nudo che sono belle, soffici e leggere. Ottima ricetta, me la salvo ... hai visto mai? ;)

    RispondiElimina
  6. mamma mia che spettacolo,tu si na cosa grand,complimenti

    RispondiElimina
  7. Anche io, come Francy, adoro la colazione e tutti i prodotti da forno che la riguardano. E questi tuoi, devono essere veramente buoni! Da provare, sicuramente con lm.
    Grazie Piero! :*:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, vedi: tu per danesi sottointendi uomini.
      Io invece penso al genere femminile!
      Vabbè, femmine o maschi sono un bel popolo, dai! :D :D :D

      :* :* :*

      Elimina
    2. Eh. Ma questi li hai definiti al maschile. Quand'è che avresti pensato alLE danesi? ;)

      Elimina
    3. Effettivamente nel post ho usato sia il maschile sia il femminile; probabilmente ho pensato solo alLE danesi dopo aver cercato e visto quello che offriva il web... :D :D :D :D
      (guarda la risposta data a Francy, scritta poco prima di quella data a te...aaahhhh, i condizionamenti!)

      :))))))))))))

      Elimina
    4. l'avevo letta prima di lasciare commento. ;)

      Elimina
  8. Sappi che al momento sono senza cucina, me tapina! Sappi che non appena quei disgraziati mobilieri ritardatari me la consegneranno io farò queste danesi!! Per il resto, l'aspetto è fantastico! Adoro!
    Baci
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e avevo letto che hai fatto l'ennesimo trasloco (leggo spesso ma raramente commento)
      A questo punto stai col fiato sul collo ai mobilieri!

      BaScioni

      Elimina
  9. Che spettacolo!
    Non ho dubbi su quale sceglierei ... purtroppo qui passo ... non posso usare frutta sciroppata e/o marmellate.
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sabrina, non passare! Falle senza frutta sciroppata. Già con la crema giusta queste sono da sballo.
      E poi, diciamocelo, la frutta sciroppata è un prodotto industriale che i raffinati come noi non dovrebbero comprare, ma la scorta estiva l'avevo finita (praticamente a ottobre!) e queste danesi le avevo promesse ad un caro nipotino acquisito ;)

      Elimina
  10. sono così allegre...girandoline con il sole in mezzo ...
    e poi si vede sì la loro morbidezza!
    un unico impasto...splendido!!! non ho voglia di impegnarmi troppo, ultimamente ;-)
    danesi da tenere in considerazione, pole position direi, per uno dei prossimi weekend. ciao!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come, tu che non ti impegni? Beh, ti capisco: capitano periodi così, ma poi la voglia torna a mille, vedrai! ;)

      In ogni caso tu questo impasto lo farai in un bì e un bà! :)))))

      BaScioni, Ele! :* :* :*

      Elimina
  11. Buongiorno Piero...osservavo ogni giorno le tue danesi ed eccole ora sullo schermo. Ieri ho fatto dei cornetti brioshe ma con impasto diretto...niente di soddisfacente. Invece le tue danesi sembrano siano così puffettose. Se poi sono come le polacche allora posso certamente confermarne la bontà. Un bacino Piero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente stesso impasto, con la differenza che la crema qui è fuori e non è lievitata dentro insieme al resto.

      BaScino, Piccola Maya :*

      Elimina
  12. La cosa che mi piace di più di quest* danesi è senza dubbio la forma! quelle girandoline mi fanno impazzire!
    Tutte intente a mostrare orgogliosamente il cuore di crema e pesca, prima di girare girare girare fra occhi labbra denti e papille!! oddio mi gira la testa! :))))
    * ma sono danesi o danesi? i danesi, come quelli che avevi già fatto (leggi primo rigo) o le danesi di Ziopiero? oh, ma quante ne hai? :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace questa tua analisi, molto sofisticata...peccato ora ricordare che anche l* danesi sono finit*. Che fare? L* rifaremo?
      L* farai?

      p.s. sono danesi!

      BaSci, beddha mia :* :* :* :* :*

      Elimina
  13. Senza nulla togliere al maestro Montersino, ma sono convinta anche io che questi siano spettacolari :) Mi segno tutto. Prima o poi prenderò il coraggio e mi sbizzarrirò con questi lievitati :D Serve solo un po' di coraggio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo tu tolga nulla a Montersino....visto che queste cose non gliel'ho mai viste fare se non con cubettoni di lievito di birra ;)

      Coraggio, Paola, che una volta preso il via non si smette più! :))))

      BaSci

      Elimina
  14. Ciap Ziopieroooooo .... Bellissime, ma io sto aspettando le polacche ed in paricolare la pizza, della quale sono curioso di vedere le differenze della tua ricetta rispetto a quella che faccio solitamente io (ti invierò via email qualche foto :-) )
    A prestissimo ...
    dario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande, Dario. Sono sempre in debito con te di qualche telefonata! Le polacche ti stupiranno perché alla fine son più romane che polacche! :))))
      Aspetto le foto della tua pizza! ;)

      A prestissimo!

      Elimina
  15. Ora sono troppo occupata a godermi il mare, ma li appunto tra i futuri compiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, goditi il mare, non perder tempo con 'ste ricette! :))))))
      (tanto so che poi li farai! ;) )

      BaScioni, Kip!

      Elimina
  16. Certo è che se al centro di st* danesi ci fosse stata una patata o viceversa un pisello, il nodo gordiano del loro "sesso" sarebbe stato presto sciolto! Invece sono dolci e con la frutta sciroppata (che mi fa tanto ricordare le merende dei campi parrocchiali estivi cui partecipai nella mia infanzia...scrivo "parrocchiali" x redimermi x quei "patata", "pisello" e "sesso" nella stessa frase ^_^).
    Io, cmq, x precauzione, a st* danesi la cameretta gliela faccio con colori neutri ^_^. Anzi...sai che ti dico? Che x me so' come gli angeli: delizios* e soprattutto ASESSUATE! !!!!
    Complimenti...I tuoi post lasciano sempre senza parole (scrisse lei dopo aver redatto una commento di 30 righe..). Bravo zioPiero!
    Basci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Errata corrige: ASESSUAT* ^_^.... Dannato tancrìn!

      Elimina
  17. ahahahaah, Riccia senza parole! Lo possiamo considerare un ossimoro?

    Quanto al nodo (gordiano) c'è solo un modo per scioglierlo: fare come fece a suo tempo Alessandro Magno.
    (oddio, nel caso si trattasse di danese maschio la metafora mi provoca un certo imbarazzo....)

    Facciamo così: tagliamo (appunto) la testa al toro e dichiariamo ufficialmente che queste danesi fimmine sugnu

    p.s. che poi perché se mette in mezzo sempre 'sto toro? Porello....

    RispondiElimina
  18. Ciao ZioPiero, ora che il tuo è per me un punto di riferimento noto che queste "danesi" hanno lo stesso impasto delle tue fantasmagoriche "Veneziane", unica differenza tra i tuoi due post è che queste ultime hanno l'impasto meno incordato per poterlo stendere + facilmente.
    Ma se volessi fare entrambe con lo stesso impasto cosa mi consigli:
    1- appena l'impasto inizia ad incordare lo divido a metà , e mezzo impasto lo incordo + a lungo e poi li metto a lievitare in 2 ciotole diverse
    oppure
    2- porto a termine l'incordatura , lievito in un'unica ciotola e poi mi armo di pazienza con il mattarello per fare le danesi ?
    Come si comportebbe l'esperto ?
    Ti ringrazio molto, è un piacere passare su questo Blog!
    Marica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Marica.
      Per semplicità fai un unico impasto e arriva ad incordatura ;)

      Ti aspetto per altre visite! :)))

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails