mercoledì 23 marzo 2016

Brasato al Barolo (e non solo!!!)



Erano due anni che avevo questo post in bozza.
DiSceeee.... ce ne hai messo di tempo!

Lo so, è vero.
È che a volte manca l'ispirazione, oppure si pensa sia una ricetta banale, semplice e allora si evita di pubblicarla.

In verità il Brasato, pur essendo effettivamente qualcosa di semplice, richiede una preparazione paziente e dei tempi di attesa lunghi.
Forse per questo ho aspettato tanto...?


Va però subito detto che alla fine della preparazione si è ampiamente ricompensati, sia per il sapore, sia anche per le quantità prodotte che, se non vivete in una casa di famelici, possono essere riproposte in diverse modalità, come vedremo ;)

Ma partiamo dalla base.

Brasare:
il termine deriva dalla parola brace e significa cuocere lentamente, dentro un recipiente coperto, meglio se dentro una pentola apposita detta appunto brasiera.
In origine la brasatura avveniva ponendo le braci sia sotto sia sopra la brasiera, in modo da ottenere una lenta cottura grazie alla diffusione uniforme del calore.
Noi, per praticità, effettueremo la brasatura sul fuoco e nelle pentola che abbiamo a disposizione.


Si può brasare carne, pesce o verdura, in una giusta dose di liquidi. Generalmente si brasa la carne, partendo dalla cosiddetta sigillatura, effettuata in condimenti grassi e caldi in modo da dorare la superficie esterna. In questa maniera i succhi si coagulano rapidamente e la crosta impedisce alle sostanze di uscir fuori.
Dopodiché si procede alla brasatura vera e propria, ponendo la carne dentro i liquidi, a temperature moderate.

Lo scopo della brasatura è di cuocere molto lentamente pezzi di grandi dimensioni in modo che, grazie al liquido di cottura ed eventualmente al grasso della lardellatura, la polpa dell'alimento si ammorbidisca notevolmente.

Nelle foto del passo passo, diversamente dalla foto del piatto, vedrete dei ritagli di carne e non un pezzo unico.
Questo perché quando ho fatto il brasato al barolo non avevo documentato i passaggi, e quando l'ho rifatto ho utilizzato dei ritagli perché dedicati ad un altro tipo di piatto (che pubblicherò in seguito).

Passiamo alla pratica!

Occorrente:
Carne (tipicamente manzo, meglio se con un po' di grasso)
Verdure varie (carote, sedano, cipolle)
Aromi/Spezie (rosmarino, alloro, chiodi  di garofano...)
Barolo o altro vino rosso (nel brasato delle foto ho usato il Nero d'Avola)
  • Tagliate le verdure in una ciotolona
  • Aggiungete carne e aromi e vino, fino a coprire il tutto
  • Lasciate riposare una notte.
  • Al mattino scolate e fate asciugare la carne
  • Mettetela poi in una pentola con dell'olio bollente e procedete con la sigillatura, in pratica dovete appena scottarla.

  • Aggiungete le verdure (che si porteranno appresso un po' di liquido)
  • Continuate a cuocere per qualche minuto
  • Abbassate la fiamma al minimo
  • Aggiungete tutto il restante liquido
La cottura deve essere lentissimma e durare 2-3 ore. I liquidi si addenseranno ma non dovrano evaporare.
Ovviamente la prova assaggio è d'obbligo per capire quando la carne sarà pronta.



Volendo il succo rimasto potrà essere frullato per fare una salsa più omogenea che accompagnerà la carne.

La carne così cotta risulterà tenerissima e saporitissima, cos' come la salsa risultante.



Lo so, è poco chic, ma a me piace tanto fare la scarpetta col mio pane.
Nella foto l'ho fatta con quello al pomodoro e rosmarino... mmmmmmmmm

Varianti:
A questo punto potete liberamente dare spazio alla vostra fantasia.
Io vi propongo qualcosa di semplice, come questi rigatoni:



E voi? Come varierete...?

Ciao e alla Prossima.



Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:

14 commenti:

  1. Ah beh, ma allora dillo no? che è un arrosto mbriaco! ossignur! rimanendo ebbri, mischiamo insieme odori, effluvi, alcol e manzi e poi, invece che sederci a tavola, ci balliamo sopra!
    Scherzi a parte, mai fatto il brasato mbriaco, è da provare... insieme al brivido di ballare sul tavolo :))) la variante??? una pizzica, direi :))))
    (oh, mi sa che mi sono mbricata solo a vederlo sto brasato!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OK,OK, te lo dico: è un arrosto mbriaco! :D :D :D
      Fallo, e poi mi dirai!
      p.s. una bella pizzica post brasato ce la vedo benissimo!!!! :))))

      Elimina
  2. stra bello questo brasato, si vede che la carne è cotta a puntino!! Se devo scegliere, però, mi butto sui rigatoni ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stragrazie!
      Per buttarti sui rigatoni, però, devi inevitabilmente passare prima dal brasato... :))))

      Elimina
  3. che buono questo brasato davvero invitante e goloso!!! gnam gnam Bacioni e buona Pasqua!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Buona Pasqua anche a te! :)))

      Elimina
  4. Sembra quello della mia mamma. E per me non esiste complimento migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!!
      p.s. e lo so... le cose della mamma son sempre le migliori! ;)

      Elimina
  5. Un capolavoro! Lo mangerei anche a quest'ora....rigatoni inclusi....vado a nascondermi.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah, Pasqualina! Ma ti nascondi con i piatti in mano? :)))

      Elimina
  6. Vabbè lo sai che con la carne ho sentimenti conflittuali perciò baipasso e aspetto la pubblicazione di quelle due cose che vedo in alto a destra. :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè, nell'attesa puoi fare... il brasato di pesce!!! :))

      Elimina
  7. E vero sembra una ricetta banale ... Ma alla fine non lo e nei tempi e anche nella cottura...
    Lia

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails