lunedì 11 maggio 2015

Friselle, anzi... Frisèddhe!!!



 Frisèddhe


De susu, de sutta, ssuppate, risciuncate....

Azzipie', ma come parli?!?!?!?


...an chinu, cucchie cucchie,  mpitruddhate, mpiscuttàte...

Azzipie', ma che te prende?

...capase, còcchia, chianca, spunzate, ruzzulisciare....

Aho!!! Ma te voi fa' capi'?!?!?!?!


...Caro mio, qui c'è poco da capi' se nel sangue non hai un po' di Salento!

Ma scusa, nun eri romano de Roma? Hai pure scritto 'na cifra de post!

...

Be', sì, è vero: sono nato e cresciuto a Roma e adoro la mia città, come scritto e descritto più volte.

Ma metà del mio sangue è Salentino. Mia madre era di Lecce, così come i suoi genitori, tutti i suoi nonni....i nonni dei nonni....qualcosa nel sangue ce l'avrò pure, nooo? :)))))

Ma purtroppo tutta questa gente non c'è più, così quando ho voglia di Salentinità mi rivolgo alla mia socia di panettoni che è un'altra salentina DOC, DOP, e pure DOS (Denominazione d'Origine Salentina!)
Sbircio nel suo blog di svalvolate e faccio qualcuno dei suoi piatti, come pasticciotti, pittùle, pucce leccesi, torta pasticiotta, ciciri e tria...

E così ho fatto per le friselle! 
Anzi Frisèddhe, alla leccese!!!

Certo ho dovuto torturare Tamara telematicamente insistendo affinché mi onorasse di una sua ricetta DOC, DOP e pure DOS!
E lei, puntualmente, me l'ha data, anzi l'ha pure pubblicata!

DiSceeee...ma l'ha pubblicata quasi un anno fa!

È vero! Ci ho messo una quaresima prima di pubblicare anche io queste friselle, ma alla fine...

Frisèddhe
Eccole!

Le Friselle di Tamara, anzi le Frisèddhe!


Ricetta:
200 g licoli rinfrescato
600 g di farina di grano salentino *
200 g di farro integrale
100 g di grano saraceno
600 g di acqua
  25 g di sale


 * come ci ricorda Tamara, il grano salentino non si trova facilmente fuori dal Salento, per cui si può usare, in alternativa, uno dei  seguenti sfarinati di grano duro: farina di grano duro, semolato, semola integrale, semola non rimacinata, semola rimacinata.

Guarda caso avevo il grano salentino e avevo anche dell'ottima farina di orzo, per cui alla fine ho fatto un mix: 200g grano salentino e 400g di  farina di orzo.
  • Impastate tutto insieme, fino ad incordatura
  • Fate lievitare fino al raddoppio
  • Porzionate in pezzi da 130g circa
  • Fate dei filoncini lunghi 20 cm circa e chiusi ad anello, a formare una ciambella, ops, una frisella, ma col buco più piccolo
  • Mettete le friselle a lievitare, cucchie cucchie, come dice Tamara, cioè vicine vicine, frapponendo tra di esse della carta da forno
  • Fate lievitare fino al raddoppio
  • Cuocetele a 180 gradi per 15/20 minuti circa
Le friselle, anzi frisèddhe, le tireremo fuori dal forno quando saranno cotte ma ancora morbide.

A questo punto si tagliano a metà (tipo panino) e si sistemano su una griglia e rimesse subito in forno a 160° a biscottare per circa un'ora.



DiSceeeee.....E come si mangiano?

Semplice!
Prima di tutto occorre "sponzarle"
Certo, per poterlo fare come si deve occorrerebbe lo "sponzafriselle", anzi lo spunzafrisèddhe!

???????

Trattasi di un piatto fondo sormontato da un piatto a forma di mezzaluna, con dei buchi:

Spunzafrisèddhe
Prima si mettono a bagno le frise nel piatto di sotto (de sutta) e poia scolare nel piatto di sopra (de supra)

Spunzafrisèddhe

In mancanza di spunzafrisèddhe potete tranquillamente ammolarle nell'acqua.
Il tempo di ammollo dipende da quanto sono dure o, meglio, da che tipo di farina avete utilizzato.

Dopo averle ammollate, si spreme sopra un pomodorino...



Solo uno?
Ma noooooooooo!!! Quanti ne volete!!!!



E si continuano a condire a piacere.
A me piacciono con mozzarella di bufala e basilico e soprattuto... tanto olio, ovviamente pugliese!!!!

Frisèddhe
Si conservano a lungo nelle buste trasparenti per alimenti.

Tutto chiaro adesso?

De susu, de sutta, ssuppate, risciuncate....

Come? Non afferrate il significato di alcune parole...?

...an chinu, cucchie cucchie,  mpitruddhate, mpiscuttàte...

Allora andatevi a leggere tutte le spiegazioni (e non solo) che ci ha regalato Tamara.

Ciao e alla Prossima.

Lo Ziopiero


...capase, còcchia, chianca, spunzate, ruzzulisciare....





Guardate anche le altre realizzazioni:

18 commenti:

  1. wow wow wow ma che sorpresa! corro a bagnarmi una frisa de susu e torno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahaahahha Tamara Tamara! Che sono queste friselle, ssuppate e spunzate
      Poi torna, eh? :))))

      Elimina
    2. Aggiu turnata :))) la sacciu, aggiu sguariatu, ma su sciuta cu sponzu le frise ammare! taggiu invitare acquai, miu ospite, cussì sciamo te paru cu sponzamu frise e giacché zziccamu qualche ricciu...
      (per la traduzione vai pure a pagina 777 del condominio:))))

      Che belle Piero, le tue friseddhe, cucchie cucchie, beddhe beddhe, mpiscuttate mpiscuttate!
      Grazie a te per averle fatte e rifatte prima di subito, chiedi quando vuoi, sarò ben felice di darti tutte le ricette che vuoi, se salentine ancora di più :-*

      Elimina
    3. Mammamia...le frise spunzate ammare!! Ma lo sai che mia mamma, leccese, lo faceva?
      E pescava i ricci con le mani? Proprio come te!!!
      Tu invitami. Arrivo, mangiamo ogni ben di dio e poi faccio incetta di ricette!!!
      Tutte rigorosamente Salentine, eh?
      :))))

      Elimina
  2. Semplicemente le adoro! :-)))))

    Da quando lo scorso anno la nostra salentina DOC, DOP, e pure DOS ci ha fatto conoscere la sua ricetta, ne ho sfornate a più non posso! E mangiate in tutti i modi possibili ed immaginabili, perfino pucciate nel latte!! :-DDD
    Quelle con farina d'orzo poi sono semplicemente spettacolari!

    Vedere la penultima foto mi fa venire un brontolio allo stomaco, mentre le temperature di questi giorni di quasi estate mi fan venire voglia di rifarle! ;-)

    Grazie per averle condivise con noi!
    BAsCIO e buona settimana :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella Emmettì! Davvero anche tu le rifai così spesso? Non avevo dubbi! :))))

      BAsCIONI

      Elimina
  3. Oh... un'altra lingua eh! Bellissima però. vero Pie'?
    M'hai fatto tornare la voglia di rifarle!
    Ma quanto ci piace questo Salento! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco la terza svalvolata! Oggi avete risposto in sequenza, eh? :))))

      p.s. adoro il Salento...

      :))))

      Elimina
  4. Da salentina (lontana dal Salento) non posso che apprezzare ancora più del solito questo post!!! Ora non ho più scuse: mi devo mettere all'opera e preparare le friseddhe homemade...!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e già! Non hai più scuse, soprattutto come salentina lontana dal Salento! :))))

      Elimina
  5. Io lo so perché c'hai messo piu' di un anno per pubblicarle...
    Perché nel frattempo te le sei magnate tutte!!! ;o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e hai indovinato!!!! :)))))
      Dai, falle anche tu, Franci! ;)

      Elimina
  6. Adesso questo me lo leggo per benino, io adoro le friselleeeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...se la trovi falle con la farina di orzo ;)

      Elimina
  7. non sembra per nulla difficile da fare a casa, per questa estate di proverò delle belle friselle home made

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono di una semplicità sorprendente, molto più facile del pane. ;)

      Elimina
  8. "Lei amava molto i ricci che pescavamo, le friselle ammorbidite con acqua dolce mescolata ad acqua di mare, condite con olio d'oliva e colorate di pomodoro." (N.C.)
    :-*:-*:-*:-*:-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "...ogni momento aveva in testa, tra i mille pensieri, qualcosa che la riconducesse alle sue origini.
      Lei amava molto la sua terra..." (P.A.)
      :* :* :* :* :*

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails