giovedì 4 settembre 2014

Benelux senza Lux e con qualche dritta!!! - Prima Parte

Benelux!
Magica parola!
Quando ero piccolino e per la prima volta sentii questa sigla mi ricordo che dissi, tra me e me:
"Ma che strano nome per uno stato!"

Poi scoprii che in realtà non era uno stato, ma bensì tre!
Ma come era possibile?!?!? Tre stati tutti insieme?!?!!?

Vabbe', c'erano gli Stati Uniti d'America che di stati ne avevano addirittura una cinquantina, ma noi chiamavamo genericamente "America" tutto il pacchetto completo.

Poi c'era l'allora Unione Repubbliche Socialiste Sovietiche, URSS, anzi CCCP - come veniva riportato sulle magliette di calcio della nazionale - ma anche in questo caso per noi c'era direttamente la Russia e basta.

Fatto sta che il Benelux, con l'unione doganale di Belgio, Olanda e Lussemburgo (1944), è stato il primo segnale per la creazione della moderna comunità europea, consentendo così un vero libero movimento dei lavoratori, dei capitali e delle merci tra i tre stati.

Disceeee....Ma perché senza Lux?

Scusate, ma voi sapreste dirmi "a botta sicura" dove sta il Lussemburgo? 
Sì...diciamo che più o meno sta lì, da quelle parti, un po' più in qua...sotto la...No, a sinistra dellaaaa....

No, dico: ma si può andare a visitare un paese che a priori manco si sa dov'è con precisione, neanche guardando la cartina geografica?!?!?!  :)))))

Vabbe', diciamo semplicemente che dopo il viaggio ad Istanbul , avevo programmato questo viaggio itinerante tra Olanda e Belgio, e senza Lux!!!

Mancavo da questi posti da ben 24 anni…e non avete idea di quanto ci si senta vecchi “grandi” quando si sente la propria voce dire certe frasi…

Caspita! 24 anni sono una vita vissuta!!!
Eppure mi sembra ieri il giorno in cui atterrai a Schiphol…!

Questa volta, invece, strategicamente l'atterraggio è stato fatto a Zaventem, l'aeroporto di Bruxelles.
Sì, strategicamente.
Perché il volo Roma-Bruxelles-Roma con l’Alitalia costava 99€ e Roma-Amsterdam-Roma 250€.
Un vero colpo di fortuna averci pensato, anche perché essendo la tappa principale Amsterdam automaticamente mi ero proiettato lì e stavo quasi per prenotare…
Quindi…Se dovete andare dalle parti di Amsterdam, valutate bene le alternative possibili.

E qui vi ho dato la prima dritta! ;)

Ovviamente per fare un viaggio itinerante occorre affittare la macchina…

E qui vi do subito la seconda dritta: fatelo il prima possibile!

Più si avvicina la data in cui vi serve la macchina, più il prezzo del noleggio si alza (a meno che non abbiate particolari convenzioni vantaggiose).
La stessa macchina, infatti, potrebbe costare anche un 30% in più, mentre annullare la prenotazione non costa nulla. Quindi prenotatela da subito.

Terza dritta: gli alberghi.

Ormai penso di esser diventato un esperto! :))))
Anche qui basta muoversi nei tempi giusti! 

Primo passo: appena vi frulla per la testa la voglia di partire, prenotate subito almeno 4-5 alberghi,  tutti nella stessa città tanto quasi tutti accettano la disdetta senza addebito fino a 2 giorni prima della data di arrivo (vabbe’, per Istanbul sono arrivato a prenotare fino a 18 alberghi prima di decidere, ma penso di essere un caso patologico!).

Secondo passo: monitorate ogni 3-4 giorni la tariffa degli stessi alberghi: noterete delle nette variazioni di prezzo rispetto a quello a cui avete prenotato; a volte il prezzo scende (e quindi non dovete far altro che fare una nuova prenotazione per poi disdire la precedente), ma molto spesso il prezzo sale; pensate a volte l’ho visto raddoppiare (e allora godrete! Alla faccia del last minute!!!)

In realtà un last minute negli alberghi esiste, ma sono prenotazioni con pagamento anticipato e senza possibilità di rimborso; fatele solo se siete strasicuri di andarci o se vi sentite di correre il rischio. Con questo sistema, ad esempio, sono riuscito a prendere una tripla all’Hilton di Anversa pagandola meno della metà prezzo normalmente applicato!

Quarta dritta: ormai dovreste saperlo… Bagaglio a mano!
In questa maniera avete meno cose da trasportare, ad ogni ripartenza in 5’ minuti rifate la valigia e, soprattutto, eliminate il rischio perdita-bagagli! Vi pare poco?!?!? :)))

DiSceeee….Sì, vabbe’, ma dopo tutte ‘ste dritte non ci dici niente del viaggio….

Giusto!

Il viaggio, come dicevo, è di quelli itineranti, con solo una pausa più lunga ad Amsterdam.

Gli alberghi, come detto prima, li ho tutti prenotati in anticipo (quinta dritta).
Sono finiti ormai i tempi del "parto e poi cerco sul posto dove andare a dormire"!
Troppo spesso ad agosto si corre il rischio di perdere tempo prezioso, sottraendolo ad ore di vacanza, o di non trovare proprio da dormire se non in qualche bettolaccia o in alberghi a 7 stelle!!!

Peraltro prenotando in anticipo potete valutare al meglio la posizione degli alberghi, la loro qualità e tutte quelle caratteristiche che possono fare la differenza in vacanza.

Itinerario
L'itinerario è stato ampiamente studiato a tavolino, in funzione delle cose da vedere e i giorni a disposizione.
Spero di farvi cosa gradita riportando qui tutto il lavoro fatto, tante volte pensiate di fare un viaggio simile.

(Fai click sulla cartina per ingrandirla)
Per ovvi motivi di rappresentazione, non tutti i posti visti sono segnati in questa cartina, ma quelli più importanti sono comunque presenti. :))

Primo giorno:
Arrivo in aereo all'aeroporto di Bruxelles intorno alle 11.00, ritiro della macchina e subito in moto verso il primo posto incantevole: Lovanio.

Lovanio
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

I paesini e le città belghe e olandesi hanno quasi tutti caratteristiche simili: canali, stile gotico, case con i tetti a punta e, soprattutto, la Grote Markt con il rispettivo Stadhuis (Municipio).
Quello di Lovanio credo sia uno dei più belli che abbia mai visto:

Lovanio - Stadhuis
(Fai click sulla foto per ingrandirla)
Rigorosamente in stile gotico, con le classiche guglie e statue raffiguranti misteriosi individui, gli Stadhuis sono caratterizzati dall'avere appese un'innumerevole quantità di bandiere che li rendono più allegri ai nostri occhi.

Imponente anche la Sint-Jacobskerk (chiamatela così, se chiedete della Chiesa di San Giacomo neanche gli emigranti italiani saranno in grado di rispondervi!).
Caratteristiche assai curiosa di questa chiesa è la campana appesa di fuori dal campanile!

Lovanio -Sint-Jacobskerk
(Fai click sulla foto per ingrandirla)
Lovanio -Sint-Jacobskerk - Particolare della campana esterna
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Una leggenda popolare vuole infatti che questa campana non sia stata mai consacrata perché considerata opera del demonio e quindi non degna di soggiornare all'interno della chiesa!

Altra caratteristica dei paesini di queste zone sono i Begijnhof
A Lovanio ho visto quello più bello:

Lovanio -Begijnhof
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Erano queste le residenze delle beghine, la cui attività - il beghinaggio, appunto - ha origine nel periodo delle Crociate.
In quel periodo (XII secolo circa) le città e i villaggi brulicavano di donne sole che si dedicavano alla preghiera e alle opere di bene senza aver preso necessariamente i voti.
Meriterebbe un post (anzi un libro) la descrizione di questo argomento.
Se volete saperne un po', iniziate da qui. Noi ora andiamo avanti con la nostra visita. :))

Lovanio -Begijnhof
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Il Begijnhof di Lovanio risale al XIII secolo; immerso nel verde e attraversato da un canale, oggi è residenza di professori e studenti che frequentano l'Università di Lovanio (non so se mi spiego!).

Lovanio -Begijnhof
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Dedicate del tempo a passeggiare tra le sue stradine e piazzette: come potete vedere dalle varie foto è un posto davvero magico!

Lovanio -Begijnhof
(Fai click sulla foto per ingrandirla)
Lovanio -Begijnhof
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Dopo Lovanio tappa successiva Anversa, dove è previsto il primo pernottamento.

Anversa ha due volti: la parte centrale storica e la parte più moderna ma non per questo meno affascinante.

Immancabile la sua Grote Markt...

Anversa - Grote Markt
(Fai click sulla foto per ingrandirla)
...con il relativo Stadhuis, che ormai sappiamo essere addobbato di bandiere:

Anversa - Stadhuis

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Anversa - Stadhuis - Particolare
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Da non perdere assolutamente la Cattedrale di Nostra Signora (ben sette navate e 4 quadri di Rubens) e la Pauluskerk al cui interno è conservato un Caravaggio (anche qui, se chiedete di San Paolo vi guarderanno strano). Purtroppo per me la chiesa era chiusa :((

Cena sulla Grote Markt (allo Stella Noord) con mega insalatona a base di formaggio di capra, adagiato su delle bruschette di pane, e con spicchi di arance pelate a vivo e pere tagliate sottili e appena caramellate. Una vera delizia da ripetere anche a casa! ;)

Secondo giorno:
Ad Anversa le cose da vedere sono tante, ma una tra tutte mi ha colpito: la Stazione.

Anversa - La Stazione da lontano
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Spesso siamo abituati a vivere le stazioni come luoghi di transito, rumorosi e, diciamolo, anche poco accoglienti.
La stazione di Anversa è tutta l'opposto.
Atrio accogliente, luminoso, in stile classico, con un enorme e imponente cupola.
Non a caso è chiamata la "Cattedrale delle Ferrovie" e giudicata una delle più belle del mondo.

 Anversa - La Stazione - L'atrio
(Fai click sulla foto per ingrandirla)
  Anversa - La Stazione - L'atrio
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Verso i binari, poi, fa da cornice un'enorme struttura in ferro completamente ricoperta di vetri

 Anversa - La Stazione
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Disposta su ben tre livelli accoglie decine di migliaia di passeggeri al giorno.

 Anversa - La Stazione
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Ma è anche un luogo, volendo, dove passare piacevolmente del tempo, contemplandone la sua bellezza.

 Anversa - La Stazione
(Fai click sulla foto per ingrandirla)
 Anversa - La Stazione - L'atrio

Visitatela!

Il centro commerciale di Anversa è ricco di negozi di tutte le marche.

Anversa - La Meir
(Fai click sulla foto per ingrandirla)
Anche se personalmente dei centri cittadini ho sempre preferito le viuzze meno affollate.

Anversa - Stradina attraversata dal tram
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Prima di partire vi consiglio di passare anche per Cogels-Oysley, nel quartiere di Zurenborg; questa via vi affascinerà per le sue case in stile Art Nouveau:


Anversa - Cogels-Oysley
(Fai click sulla foto per ingrandirla)
 Anversa - Cogels-Oysley
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

 Anversa - Cogels-Oysley
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

 Anversa - Cogels-Oysley
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Anversa - Cogels-Oysley
(Fai click sulla foto per ingrandirla)
  
Anversa - Cogels-Oysley
(Fai click sulla foto per ingrandirla)
  
Anversa - Cogels-Oysley
(Fai click sulla foto per ingrandirla)


In tarda mattinata si parte in direzione Amsterdam con tappa a Utrech.
Qui si entra in territorio Olandese, e già si percepiscono le prime differenze: oltre al costo del posteggio (3,50€ all'ora!), si trova subito allegria, cortesia, simpatia.
E biciclette!
Tante!
Troppe!
Dappertutto!

Bicilette a Utrech
(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Per carità, tutto questo fa onore a questo popolo, ma così...solo per curiosità... avete mai provato ad attraversare la strada in Olanda?
Uno dice, scrutando l'orizzonte stradale...beh, laggiù c'è una macchina, è anche bella lontana. Faccio tranquillamente a tempo ad attraversare senza correre rischi.
Ed ecco che all'improvviso ti si materializza sopra i piedi l'intero gruppo inseguitore del giro d'Italia!!!

Biciclette!
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Ma da dove cavolo è sbucato?!?!?
Dopo qualche istante realizzi che il luogo dove stazionavi tranquillamente non era un marciapiede per pedoni, bensì una ciclabile riservata alle sole biciclette!!!
Poi scoprirai che qui un ciclista ha più diritti che un sottosegretario da noi!
Ma diciamocelo: è giusto così! (mi riferisco ai ciclisti, ovviamente!)

Quindi: evviva la bicicletta (il cui posteggio, peraltro, è gratuito e riservato!)

Utrech, come molte città olandesi, è dominata dai mercati:
Il Lapjesmarkt, il mercato dei tessuti più grande e più antico di tutta l'Olanda (400 anni)
Il Bloemenmarkt, mercato dei fiori.
Il Vredenburg, indubbiamente il più grande mercato di tutta Utrecht, dove si può acquistare davvero di tutto!

Caratteristica principale è la Torre del Duomo, visibile da ogni angolo della città.

Utrech - Centro e Torre del Duomo
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

 Utrech - Torre del Duomo
(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Vale la pena fermarsi a mangiare in uno dei tanti ristorantini presenti lungo le banchine, per poi fare una visita ad uno dei tanti monumenti o musei della città.
O anche godersi la città passeggiando mano nella mano...

 Passeggiando per Utrech
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

N.B. Io non sono quello a sinistra (e neanche quello a destra!!!)
:))))

Utrech sicuramente avrebbe meritato una visita più lunga, ma in questo tipo di viaggi si sa: non si può vedere tutto e a volte è meglio accontentarsi di una visita sommaria a vantaggio di altre cose.

E infatti la tappa successiva sarà Amsterdam!

Ma di Amsterdam parleremo nel prossimo post! ;)

Ciao e alla Prossima

Lo Ziopiero

Benelux senza Lux - Gli altri post

27 commenti:

  1. Bentornato Piero e grazie per averci deliziato ancora una volta con un resoconto, così ben narrato, di un altro dei tuoi viaggi. Grazie per averlo corredato di utili indicazioni e dritte. Il tutto poi, corredato da meravigliose foto dei luoghi!

    Allora tu non eri né quello di destra né quello di sinistra? :))))

    BaSci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Silvia! :))))

      BaScioni! :* :* :*

      Elimina
  2. Una garanzia! Non sto pianificando, purtroppo, un viaggio da quelle parti ma consiglierò caldamente di leggere i tuoi post a chi lo farà. Caruccia la campana sola soletta... Quanto a Lovanio, un'amica aveva fatto l'Erasmus lì e me ne aveva parlato tantissimo. Come sempre bel post, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Giorgia.
      Quest'anno ho praticamente speso tutto il mio tempo (e risparmi) in viaggi!
      Ogni tanto ci vuole! :)))

      Elimina
  3. Grande zioPiero!! Bentornato!! Che bei posti! Foto stupende!
    Un salutone.

    Marco

    RispondiElimina
  4. Mi chiedevo da giorni dove fossi finito ed eccoti qui con un bel post su una città che vorrei visitare quanto prima, ben tornato Piero e grazie per le dritte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scritto così non si capisce :D mi riferivo a i Bruxelles e Anversa...ad Amsterdam ed Utrech ci sono stata l'anno scorso e le ho adorate. Ad Utrech ho mangiato un panino a volo buonissimo da Mario è famosissimo li.
      Baci

      Elimina
    2. Bentrovata, Enrica! :)))
      Pensi di tornarci da quelle parti?
      Ci sono un sacco di paesini carini da visitare...poi leggerai! ;)

      BaSci

      Elimina
  5. Ecco questi posti posso dire di averli visti anche io!! Non tutti perchè io avevo fatto un giro diverso; sono atterrata a Ehindoven e con un'auto a noleggio ho girato l'Olanda in lungo e in largo. Ricordo bene anche io quanto costava il parcheggio della macchina, a momenti più dell'albergo! E non ti dico le suonate delle bici, con tanto di bestemmie (di sicuro anche se non capivo la lingua) che ci tiravano dietro, quando passeggiavamo per le strade. Il mercato dei fiori di Utrech è piaciuto un sacco anche a me. Come già finito? Ok, aspetto con ansia la prossima puntata. Come al solito mi ero aperta due post, per rispondere "strada facendo". Ormai sai come sono fatta io :) Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :))))))
      Vero, ormai so come sei fatta! :)))))

      A presto ;)

      Elimina
  6. immagini splendide e consigli preziosi. Bentornato!

    RispondiElimina
  7. Un post bello e ricco, come sempre, dove come sempre trovo una chicca nuova per me nonostante abbia frequentato molto questi due paesi. La monumentale stazione di Anversa per esempio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella, vero?
      Ti aspetto per la seconda puntata! :)))

      Elimina
  8. Non ci posso credere!!!!!!! tornata da poco dalla turchia dopo un soggiorno balneare a bodrum ho fatto tesoro dei tuoi consigli per la visita di istanbul rammaricandomi di non aver avuto tutto il tempo a disposizione per seguire pedissequamente gli itenerari proposti e mi chiedevo perchè non ero stata tanto fortunata da avere a diposizione il post per poter programmare meglio il viaggio Troppo pochi tre giorni per visitare istanbul
    Tornata stavo programmando già il prossimo viaggio e pensavo ad Amsterdam...........
    E cosa ti trovo .?.....il programma già fatto
    Lo adotterò integralmete.
    GRAZIE PER TUTTE LE DRITTE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda che buffa combinazione!
      Beh, se no nparti subito a breve pubblicherò gli altri due post sull'Olanda e il Belgio.
      Peccato per Istanbul..effettivamente tre giorni son pochini, ma penso tu sia riuscita comunque a vedere tante belle cose! :)))

      P.S. Vedo che anche tu inizi a programmare appena torni dalle vacanze...eh? :)))))

      Elimina
  9. Senza parole davanti all'incanto di quei luoghi sotto la pioggia.
    Ricordo un insegnante di storia dell'arte che diceva che quando il cielo è grigio i colori risaltano meglio.
    Aspetto le prossime puntate e la clonazione di quel piatto col formaggio di capra! ;o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahaah, ma quale clonazione..quello è sempliciccissimo. ;)

      Quanto al cielo grigio...diciamo che le foto tipo "cartolina" vengono penalizzate, ma quelle con le facce delle persone vengono decisamente meglio...poche ombre, colori tenui...

      BaSci

      Elimina
  10. ciao ziopieroooooooo!!!!
    anche i tuoi post sui viaggi sono di una precisione senza paragoni, immaginandomi un viaggio con te sono sicura sarebbe bello quanto le nostre passeggiate romane ( che mi mancano un sacco!!).
    Il mio ultimo weekend fuori? prenotato l'aereo 3 settimane prima e la casa la sera prima..... :P
    L'unica cosa studiata, scelta e prenotata per tempo sono stati i ristoranti!!! :))))
    ti mando un abbraccio, a prestissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francyyyyy!!!!! :))))
      Che carino il tuo nuovo avatar! :)))
      Ti aspetto per le nostre passeggiate romane. ;)

      BaScioni!!!!

      Elimina
  11. Non sono mai stata a Bruxelles ma queste foto rendono benissimo l'idea! Che bella città!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...eeehmmmm, qui non ci sono foto di Bruxelles...
      Ma arriveranno! ;)

      Elimina
  12. Zio,
    bellissimo viaggio.
    Noi abbiamo avuto un'esperienza PESSIMA con l'ultimo noleggio auto (prenotato dal sito ryanair, pensavamo fosse HERTZ, invece era una furbissima sottomarca, tale FIREFLY, che sconsiglio a tutti).
    Senza fare nomi, ma solo cognomi, voi da chi l'avete presa l'auto?
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace. Di solito per andar sul sicuro meglio affidarsi a marche note e, magari, spender un po' di più.

      Alla Hertz una golf 1.2 prenotata 30 giorni prima costava 300€ per 10gg ma quando poi sono andato a prenotare il prezzo era salito a 360€.

      Poi mi son ricordato che avevo una convenzione con Europcar e la stessa vettura l'ho pagata 286€, sempre per 10gg.

      sempre tanto per non fare nomi! :)))))

      Elimina
  13. Ma assicurzione compresa?
    Ecco, per i soliti 10 giorni, a noi hanno fatto pagare altrettanto per l'assicurazione KASKO (e non ci hanno nemmeno chiesto se la volevamo)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo! Assicurazione compresa. La Kasko di solito non la faccio.
      La cosa assurda è il costo del navigatore: per dieci giorni volevano 180€!!!! Lui stesso ci ha detto che ci conveniva acquistarlo così poi rimaneva di nostra propiretà, cosa altrettanto assurda in quanto in qualunque smartphone o tablet l'applicazione è gratuita!!!!! ;)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails