lunedì 28 luglio 2014

ISTANBUL - Quarta parte - I vicoli dove non vanno i turisti...più un vero pranzo alla turca!

Se siete qui, vuol dire proprio che Istanbul vi sta piacendo! :)))

Nei precedenti 3 post abbiamo già imparato a conoscere la città, le sue moschee, e visitato le attrazioni principali, suddividendo la visita in tre giorni.

In questo post faremo un giro nei posti che normalmente non sono segnalati nei circuiti turistici più tradizionali, zone in cui il tempo sembra essersi fermato, in cui la vita frenetica e il lusso non sono di casa...

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Capisco che come turisti non sempre è facile avventurarsi in vicoli sconosciuti, contornati da situazioni ambigue o che possono incutere timori, ma qui ad Istanbul, nonostante le apparenze e le dicerie, non mi sono sentito mai in pericolo.
Quindi, se avete tempo e modo, vi suggerisco di seguirmi e addentrarvi in questi percorsi.

Quarto Giorno
Iniziamo subito dirigendoci nella parte Ovest del Corno d'Oro, in corrispondenza dell'Acquedotto Valente, il cui nome ovviamente è lo stesso dell'Imperatore Romano (Valente, appunto) che lo fece costruire appena fu nominato Imperatore d'Oriente (364 d.C.).


(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Qui inizia Fatih, che in turco ormai sappiamo significa Conquistatore, l'attributo di Maometto II, conquistatore della città (1453), dopo oltre 100 anni di tentativi da parte degli Ottomani.

Questo è sicuramente uno dei distretti più conservatori di Istanbul oltre ad essere anche quello più religioso.

La prima percezione è quella di esser usciti dalla parte tipicamente turistica: atmosfere diverse, insolite, come quelle date da questi signori, che prestano il loro lavoro lungo il marciapiede, scrivendo lettere per chi probabilmente non ha gli strumenti per farlo (quant'è che non vedevo una macchina per scrivere!)

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Mi hanno tanto ricordato Il Segno di Venere, il film in cui Franca Valeri faceva la dattilografa in un albergo diurno dove Vittorio De Sica andava a dettare le lettere....

Oltrepassando l'acquedotto e iniziando a salire (ricordate? Istanbul ha sette colli, come Roma) si  incontra subito la prima grande struttura di Fatih: la bellissima Moschea di Zeyrek, che in passato fu il Monastero Bizantino di Cristo Pantocratore; questo edificio è immenso e come dimensione è secondo solo a Santa Sofia.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Siamo entrati nella zona di Zeyrek, con le sue tipiche case in legno di periodo ottomano, testimonianza di uno stile e di uno sfarzo che ormai è solo un ricordo.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Molte di queste case, infatti, sono ormai abbandonate.
Chi puo' se le compra a prezzi irrisori per poi ristrutturarle, ma essendo la zona ormai molto povera è anche poco appetibile e il destino di queste case sembra ormai segnato. Peccato.

Passeggiando per questi vicoli non è raro trovare dei bambini "appesi" alle finestre, che dietro alle inferriate ti sorridono allegri...

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

o ti guardano perplessi col il loro bel faccino sotto il tipico cappellino :)))

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Pare sia un'usanza molto diffusa.

Il quartiere è dominato, manco a dirlo, dalla Moschea di Fatih (appunto), ovviamente situata nel punto più alto.
Della Moschea internet è pieno di foto; a me è piaciuto ritrarre solo alcune scene particolari....

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Tappa obbligata prima di lasciare questo quartiere è il Mercato delle Donne, così chiamato in quanto una volta vi si vendevano...sì, proprio le donne! (vabbe', lo sapevamo che se le vendevano, no?).

Adesso qui si vendono tutti generi alimentari provenineti soprattutto dall'est della Turchia.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Se volete mangiare qualcosa di caratteristico siete nel posto giusto! Basta entrare in uno di questi locali o avvicinarsi ad un chiosco per gustare kebab, pide, köfte, sarma e altre specialità ancora, peraltro ad un prezzo davvero irrisorio.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Molto caratteristici in questa zona sono i tavolini bassi, dove spesso ci si ritrova per bere o giocare a carte.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Dopo Zeyrek visitiamo Fener lo storico quartiere greco.

Vi accorgerete subito che qui le strade sono tutte strettissime e in forte pendenza, contornate da case colorate, alcune in piena decadenza altre perfettamente restaurate.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Il palazzo sicuramente più emblematico di Fener è il Liceo Greco Ortodosso (Rum Lisesi), un magnifico edificio in mattoni rossi ormai frequentato da poche decine di studenti (credo siano meno di 30) e la cui sopravvivenza è dovuta alle sovvenzioni che lo stato greco ancora sostiene.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Quello che invece pochi sanno è che a Fener si trova uno dei luoghi più importanti della Religione Cristiana Ortodossa: il Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli, la cui importanza sia storica, sia simbolica è enorme.
Pensate che prima del Grande Scisma d'Oriente (1054) questo Patriarcato costituiva una delle cinque sedi principali della Cristianità, per ordine di importanza seconda solo a San Pietro a Roma (che pure qui vi ci devo mettere il link...? :)))) ).

In questa Chiesa è conservata una parte della Colonna della Flagellazione di Cristo dove è ben evidente il punto in cui Gli cadde una lacrima: infatti in corrispondenza c'è un buco con una pepita d'oro, che si dice essersi formata subito dopo. Io la pepita l'ho vista. Del miracolo ovviamente non posso testimoniarvi...

Una nota curiosa: gli altri due pezzi di colonna sono conservati uno a Santa Prassede (Chiesa di straordinaria bellezza dove si possono ammirare i mosaici forse più belli di Roma, se passate dalle mie parti sarà un piacere accompagnarvici) e l'altro, ovviamente, nella Basilica del Santo Sepolcro a Gerusalemme.

Ultima tappa di Fener è la Chiesa di Santa Maria dei Mongoli, conosciuta anche come la Chiesa Rossa, unico edificio di culto ortodosso nella città ancora in uso dall'epoca bizantina. Infatti questa fu l'unica Chiesa bizantina di Istanbul a non esser mai stata trasformata in Moschea dagli Ottomani, grazie ad un decreto fatto proprio da Maometto II il Conquistatore.

Il suo nome in turco, Kanlı Kilise, significa chiesa (kilise) di sangue (kanli) e sta a ricorare la resistenza durante la conquista ottomana (1453) per i cristiani finita in un bagno di sangue (da cui il soprannome "Chiesa Rossa", appunto)

Curiosità: per visitarla occorre suonare il campanello e i custodi – una famiglia di Antiochia, a Istanbul da oltre 30 anni – vengono ad aprire. Dentro potete ammirare delle decorazioni davvero mozzafiato, ennesima dimostrazione delle capacità infinite che offre ai grandi artisti la grafia araba,  come avevamo visto e in parte spiegato qui.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Concludiamo la nostra giornata visitando Balat, storico quartiere ebraico, sia durante il periodo bizantino sia durante il periodo ottomano, questo a dimostrare il clima di convivenza interreligiosa che ha sempre caratterizzato Istanbul.

Poi, lentamente, gli ebrei - soprattutto quelli benestanti - hanno iniziato a lasciare il quartiere che di conseguenza si è molto impoverito, diventando poi zona di immigrati poveri.

A Balat il contrasto tra bellezza e degrado è piuttosto evidente e, lasciatemelo dire, anche affascinante, come nel caso dei panni stesi alle finestre che danno sulla strada...(notate però anche le scarpe messe fuori alla porta, segno comunque di grande attenzione alla pulizia)

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

 Panni stesi su fili che attraversano una via...

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


(Fai click sulla foto per ingrandirla)
o tra muri diroccati....

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Ma la cosa più divertente è stata questa donna appesa alla finestra che lavava la parte esterna dei suoi vetri (alla faccia della 626!):

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Continuando la passeggiata in un dedalo di vicoli, tra una serie infinita di saliscendi, su sanpietrini secolari o attraverso le svariate scalinate, si trovano botteghe d'altri tempi, come vecchi barbieri o minisupermercati, o case strette e ad angolo.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

(Fai click sulla foto per ingrandirla)
Chissà come sono sistemati i mobili all'interno....Altro che tetris! :))))

A Balat troviamo anche la Chiesa di San Salvatore in Chora , di archiettura bizantina, oggi museo.
Qui si possono ammirare mosaici e affreschi di pregiata bellezza.
Foto mie non ne ho, sorry, ma era yasak, vietato (e per ripicca non le ho fatte neanche da fuori, tie'!)


Ora state attenti, perché sto per dirvi una cosa che vi sorprenderà:
a Balat ho mangiato una delle migliori pizze che abbia mai provato! 
Un impasto leggerissimo, etereo, scioglievole...

Il locale visto da fuori (ma anche da dentro) non è certo un invito per i turisti occidentali: una stanza 4 metri x 4 con attaccato un forno a legna e tre tavolini in marmo.
Personale gentilissimo (4 fratelli che lavoravano come...turchi!) per servire un via vai continuo di gente del posto, ristoratori compresi.
Mi son fidato e ho ordinato la pida (la loro pizza a forma di barchetta); mi ripeto: straordinaria!
Dopo la pida mi son fatto portare il lahmacun, un sottile strato di pasta ricoperto di carne macinata piccante, pomodoro, e altri ingredienti, cotto in un forno (rigorosamente a legna), farcito servito con insalata e limone e poi arrotolato (e non piegato, mi raccomando! Il sapore e il gusto cambiano, ho fatto la prova).
Il locale si chiama Yaprak 2, Vodina Cad. Hizircavus Mah. 182.
Andateci! ;)


Quinto Giorno
Preparatevi, perché oggi faremo una Gita in Asia!
Sì sì', proprio in Asia.
Istanbul, infatti, ha la caratteristica (unica città al mondo) di occupare due continenti!
La parte asiatica si raggiunge facilmente con il traghetto e non occorre mostrare passaporto o carta di identità.

Per vedere al meglio questa zona mi sono affidato alle persone di Scoprire Istanbul, a mio avviso il miglior sito italiano per chi vuole vedere la città non da un punto turistico.
Con una loro guida abbiamo visitato Üsküdar, Kuzguncuk, e Kadıköy, i tre quartieri principali.

Üsküdar si raggiunge in 20' partendo dal molo di Eminonu (il traghetto è considerato un mezzo pubblico come gli autobus, quindi costa meno di 1€!)

Durante il tragitto potete godervi Istanbul dal Bosforo...


Torre di Galata
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Topkapi dal Bosforo
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Dolmabahce (Ortakoy)
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Moschea del Solimano
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Ortakoy
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Appena sbarcati, la prima cosa che mi ha colpito è stata questa sfilza di sportelli bancomat!

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Buffo, eh? Mai vista una tale offerta di mercato!
Non c'era che l'imbarazzo della scelta!!! :)))

Immancabili anche qui i tipici "pulisci-scarpe":

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Ma iniziamo il nostro giro!
Üsküdar è uno dei più antichi quartieri della Istanbul ottomana, con oltre 180 Moschee (no, dico, vi rendete conto?!?!? 180 Moschee in un solo quartiere!!!), alcune delle quali risalgono a prima della conquista ottomana, quindi fra le più antiche di Istanbul.

Tra le più famose c'è sicuramente quella di Mihrimah (ricordate la sua storia fantastica? e la sua Moschea gemella?).

Altra grande Moschea è quella di Yeni Valide, ma sono interessanti anche quelle più piccole, come Şemsi Paşa, Kaptan Paşa, Çinili Camii.

Moschea Şemsi Paşa
(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Il tour continua con una passeggiata lungo il Bosforo, fino a Salacak dove si trova l'isoletta con Kız Kulesi, il cui nome, pare erroneamente, è legato al mito di Ero e Leandro.


(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Questo lato di costa è anche un luogo dove i locali spesso si fermano per godersi il panorama (o per telefonare...)

(Fai click sulla foto per ingrandirla)
 ...il passeggio è continuo, anche sotto la canicola...

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

...e qualcuno non si fa scrupoli e si fa anche un bel bagno!

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Da qui si sale verso Kuzguncuk, un quartiere in origine abitato dalla popolazione ebraica e in seguito anche da greci e armeni.
Come abbiamo già visto, Istanbul già dall'epoca Ottomana è una città che ha accolto diverse culture e religioni, riuscendole a far convivere in armonia tra loro.
Non è raro, infatti, trovare anche a Kuzguncuk una moschea al fianco di una chiesa armena, o una sinagoga al fianco di una chiesa ortodossa.
Questa è civiltà!

Sulla collinetta si incontrano case tra i cui scorci si hanno delle suggetive viste sul Bosforo...

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Si scende poi verso Kadıköy
Immancabile la tappa al mercato, uno dei più interessanti e pittoreschi della città, frequentato soprattutto da gente locale e luogo ideale per un mini-tour gastronomico.

Assaggiate senza timori le varie prelibatezze che i negozianti vi offriranno, accompagnate sempre da un loro sorriso sincero.

Dopo il mercato tappa inaspettata ma molto interessante è stata quella al cimitero.
Sì, sì, avete letto bene: interessante!
No, non vi scandalizzate.
Spesso è da qui che si trae spunto per risalire alla storie delle città e delle culture.

Ho appreso, ad esempio, che le bare qui servono solo per il trasporto della salma al cimitero, dove poi viene seporlta a diretto contatto con la terra; che il colore ai funerali è il verde (colore della vita) e non il nero, che sopra le tombe la vita deve sorgere e quindi non è inusuale trovarvi sopra della vegetazione:

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Che se sulla lapide c'è anche un turbante, la persona, oltre ad esser stato un uomo, era anche importante (motivo per cui si possono trovare delle tombe anche in mezzo alla strada, come in questo caso!).

Che sulle lapidi delle donne si trovano scolpiti dei fiori, tra cui le rose, la cui quantità rapresenta il numero dei figli avuti.

...che alcune persone sono vissute anche più di 600 anni....

(Fai click sull'immagine per ingrandirla)
...diSceeee... ma come è possibile?!?!?!?

Be', in realtà non è possibile, a patto di non stravolgere improvvisamente la finestra temporale dell'epoca in cui si vive.

È esattamente quello che ha fatto Mustafa Kemal Atatürk, eroe nazionale turco e vero simbolo della turchia moderna.

La sua vita merita di essere studiata; per stimolarvi vi dico solo che, oltre ad aver ristabilito l'unità e l'indipendenza della Turchia (guerra greco-turca 1919-1922), deposto l'ultimo sultano Maometto VI (1922), fondò la Repubblica Turca (1923), abolì il Califfato (immaginate solo che rivoluzione culturale possa aver significato!), laicizzò lo stato (idem come prima), riconobbe la domenica come giorno festivo (!), riconobbe la parità dei sessi (!!), istituì il suffragio universale, cioè diede la possibilità di voto a tutti i cittadini maggiorenni, donne comprese, cosa che in Italia avvenne solo nel 1945 e in Svizzera nel 1971 (!!!), proibì l'uso del velo islamico nei locali pubblici (anche se di fatto la legge vera e propria arrivò solo nel 2000, dal partito moderato islamico allora al governo), depenalizzò l'omosessualità (!!!), adottò l'alfabeto latino (anche se per compensare la mancanza di suoni tipicamente arabi si dovette inventare una serie di cediglie, puntini, dieresi e simboli vari), impose l'uso del cognome, all'epoca inesistente (le persone del popolo si identificavano con il nome di battesimo più un appellativo, tipo "figlio del falegname", "nipote dello stagnaro", "procugino del farmacista" e via dicendo) e, per tornare a noi, adottò il sistema metrico decimale e il calendario gregoriano. Ecco spiegato il motivo per cui il tipo di cui nome è inciso sulla lapide nella foto sopra nacque nel 1290 e morì quasi 700 anni dopo, nel 1955 (anno gregoriano, però).

Capito sì che personaggio?

Ma riprendiamo il nostro tour.
Per concludere abbiamo visitato la Moschea Sakirin (cliccateci e guardate il tour virtuale!).
Questa è una delle Moschee più moderne della città e, particolare non da poco, la prima interamente progettata da una donna (!!!): Zeynep Fadıllıoğlu.


Al suo interno forme moderne si contrappongono ai disegni tradizionali.
Guardate ad esempio il Mirhab (e anche le scritte dietro):

(Fai click sull'immagine per ingrandirla)

Oltre a indicare la direzione della Ka'ba,  in questo Mirhab la semplicità architettonica si sposa armoniosamente col simbolismo: il cerchio giallo rappresenta evidentemente il Sole, cioè Allah, che a sua volta è circondato da una corona celeste, cioè il Paradiso.

All'interno della Moschea c'è un'enorme lampadario formato da diversi archi dai quali pendono decine di gocce di vetro che sembrano cadere sui fedeli: queste gocce simboleggiano le parole di Allah che, appunto, devono "colpire" i fedeli.

(Fai click sull'immagine per ingrandirla)


(Fai click sull'immagine per ingrandirla)

Particolare non trascurabile: nella progettazione e realizzazione della Moschea, Fadillioglu ha certamente avuto un occhio di riguardo verso le donne, non relegandole in una zona chiusa, solitamente vicino ai bagni, ma in uno spazio dove la separazione con l'area maschile è meno netta.

In realtà pare che il motivo principale delle separazioni tra uomini e donne fosse di natura pratica: l'atto della preghiera, infatti, prevede diverse genuflessioni con la bella mostra della parte posteriore dei rispettivi corpi la cui vista potrebbe inevitabilmente distogliere l'attenzione durante la Salāt.

Fuori, nel cortile esterno, troviamo una fontana formata da una sfera metallica, sulla quale si riflette la Moschea, in un suggestivo gioco di riflessi:

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Una rinfrescata alla fontanella fuori la Moschea (il richiamo a quella interna mi pare più che evidente) e si torna alla base
(Fai click sulla foto per ingrandirla)

E prima di chiudere il capitolo Istanbul, un doveroso capitolo dedicato alla cucina turca, ampiamente provata in una tipica lokanta locale, non frequentata dai turisti.

Purtroppo non me ne ricordo il nome (era all'interno del mercato di Kadıköy), ma mi ricordo bene la lunga vista di pietanze che solo a descriverle ci vorrebbe un post.
Sì, avete letto bene, non è un refuso! Ho scritto vista e non lista, proprio perché il tutto era meticolosamente esposto in attesa di essere scelto.

E scegliere non è stato facile! Mi sono lasciato guidare in parte dall'istinto e e in parte dalle infinite indicazioni fornitemi dalla guida.

Allora siete pronti?

Pranzo alla Turca
Ho iniziato con una çorba (zuppa) di lenticchie verdi. Ci sono diverse varianti della çorba, come la tarhana çorbası (a base di yogurt, peperoni, pomodori, cipolle) o la yayla corbasi (riso, yogurt, tuorlo d'uovo e farina, servito poi con burro alla menta). Tutte molto saporite.

Poi ho proseguito con le dolma, una sorta di involtino fatto con delle foglie di vite (o di altre piante) farcite con del riso, carne, yogurt e spezie varie (dolmak in turco significa “cosa ripiena”, appunto).
Può essere mangiata come "meze" (antipasto) o anche come portata principale.

Un assaggio lo merita anche il Börek, nome generalmente attribuito a tutti i prodotti fatti con yufka (pasta fillo), riempiti poi a piacere (tipicamente formaggio).

Immancabili i vari tipi di kebap, ormai straconosciuti pure da noi; meno conosciute, almeno di nome, le köfte, polpette di carne arrosto o fritte aromatizzate secondo la ricetta "segreta" di ogni cuoco.

Altro piatto caratteristico che ho provato è il Gözleme, una specie di crepe (ma senza uovo) sottilissima, cotta su una grande piastra bollente e farcita con spinaci e formaggio, carne macinata o altro. Tipico cibo da strada.

Ma veniamo ai dolci, dove mi sono letteralmente sbizzarrito!

Sicuramente quello più conosciuto è il baklava, che consiste in strati di sfoglia sottile , imbevuta di miele e farcita con pistacchi o noci o altro tipo di frutta secca. Quelli che non ho mangiato alla Lokanta li ho mangiati nelle varie pasticcerie della città, così come le immancabili delizie turche, i lokum, nelle lore diverse varianti; sono una sorta di caramelle a forma di cubo, gommose e dolcissime, aromatizzate con acqua di rose, limone, pistacchi, mandorle, spezie, cannella o menta. Una variante prevede zucchero a velo o farina di cocco con cui ricoprire il tutto a fini conservativi.

A fine pasto ho invece gustato i vari dolci a base di latte: muhallebi, su muhallebisi, simile alla panna cotta,  sütlaç (crema di riso), keşkül (budino alle mandorle), kazandibi e tavuk göğsü (un budino gelatinoso, contenente pezzetti di pollo che vi assicuro non si stentivano).

Ultimo assaggio è stato per la kabak tatlısı (undolce a base di zucca, preparato cucinandola con zucchero, garofano e cannella, fatto raffreddare e servito con pistacchi sbriciolati o noci.

Si conclude con un caffé turco, bevanda molto sciropposache potrebbe non incontrare il nostro gusto, o con del çay (the turco)

Insomma alla fine del pranzo ero pronto per una gastroscopia! :))))

p.s. non vi dico quanto ho speso...con la stessa cifra in Italia non ci mangiavi neanche uno spaghetto alle vongole!!!!

.....

Bene!
A questo punto credo di aver davvero detto proprio tutto.

Per chi ha avuto la costanza e la forza di leggermi, anche in parte, un doveroso ringraziamento.

So che avete apprezzato questi 4 post su Istanbul; scriverli mi ha richiesto impegno e studio, ma l'ho fatto volentieri così come volentieri ho condiviso con Voi questa mia esperienza.

E adesso, come al solito, vi saluto con il foto-filmato della vacanza.




Ciao e... Buone Vacanze a Tutti!

Prossimo post....a settembre! :))))

Lo Ziopiero


Gli altri post su Istanbul:


44 commenti:

  1. Bellissimo tutto! Ho davvero apprezzato questi quattro post Zio Piero!!!
    Nella speranza di tornare in questa splendida città, me li salvo tutti: saranno una guida utilissima! :)
    Grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avermi letto.
      Certo che se farai questi giri ci dovrai rimanere almeno una settimana.... :)))))

      Elimina
  2. Che dire? Ti ringrazio per questo bellissimo reportage. Io sono stata a Istanbul nel 2010 e leggere questi tuoi posto mi ha riportato indietro ai giorni in una città dove ho lasciato un pezzo di cuore. Hai descritto perfettamente la bellezza della città, la mitezza della sua gente e la bontà del suo cibo. Io e il mio ragazzo al ritorno da quella vacanza (a distanza di qualche anno!) abbiamo organizzato una mostra (una cosa di paese, durante la sagra!) con alcune delle foto fatte. Ti lascio il link delle foto https://www.flickr.com/photos/studiopopcorn/sets/72157637599545733/. So che fa piacere rivedere i posti visitati con gli occhi degli altri... Complimenti ancora e grazie! Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto le foto: molto belle. :))
      Ho anche notato che abbiamo colto alcuni stessi particolari, come i sacchi con le polveri colorate; chissà se era lo stesso luogo...?
      :))

      Elimina
  3. Tutto così magnificamente rappresentato.... foto, parole, sensazioni, cibo... ma il mio sguardo si è innamorato del viso del bambino incorniciato da un ricciolo di ferro...
    :-* :-* :-* :-* :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che tenero quel bimbo? Con quel faccino così dolce....

      E la tipa appesa alla finestra? Chissà perché ma mi sono immaginato che anche tu avresti fatto altrettanto...svalvolata come sei!!
      BaSci, Beddha Mia. :* :* :* :* :*

      Elimina
  4. Non è che ce piace Istanbul, che poi ce piace, ma ce piace come la racconti tu!  :)))

    Questo ultimo tour mi è piaciuto di più - senza nulla togliere ai precedenti, storia, arte ecc. - ma qui vedi la vita vera nella sua quotidianità. 

    Sei andato a tirar fuori pure la 626! Ahahahahah!!! 
    Le case col tetris per la disposizione dei mobili! Ahahahahah!
    La macchina per scrivere...pensa te!
    Visitare i cimiteri? No non mi scandalizzo anche io lo faccio, e per gli stessi motivi. :)
    Non hai fatto foto esterne perché non te le hanno permesse all'interno? Chettepossino!!!

    Ammazza quanto hai mangiato! Me sa che te serviva una lavanda gastrica!

    Allora a settembre ci accompagni a Santa Prassede? ;)


    Faccio la seria.
    Siamo noi a ringraziare te per questo splendido viaggio virtuale e per il grande lavoro che si nasconde dietro alla realizzazione dei post per rappresentarlo. :)

    Ci rivediamo a settembre ;)
    :*


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Silvia.
      Effettivamente quest'ultima parte l'avevo riservata come dessert proprio per chiudere in bellezza. :))

      Sui cimiteri...sappiamo bene, vero? Ancora mi ricordo quando ti scarrozzai su e giù per il Monumentale del Verano! :D :D

      A settembre tutti a Santa Prassede, allora! :)))

      Elimina
    2. E me lo ricordo sì, ammazza quanto abbiamo camminato là dentro! Ahahahahahah!!!!

      Ma la pizza che hai mangiato ad Istanbul,hai detto che era buona. Somigliava proprio alla nostra? :)

      Elimina
    3. Impasto straordinario, cottura perfetta!
      Diciamo che può competere con le migliori (e sottolineo migliori) pizzerie italiane.
      Quindi non somigliava alla nostra, ma alla migliore delle nostre! ;)

      Elimina
  5. Piero tra tutti i post su Istanbul ti confesso che questo e' il mio preferito e ti ammiro x la temerarieta' che hai avuto....la foto che piu' mi ha stupita?? Vediamo se indovini :D :D :D io mi devo accontentare di esplorare l'Italia per adesso ma in Umbria giorni fa ho visitato un posto incantevole....se apro un blog ci scrivo dei post come te ;)
    Grande Piero complimenti per le foto e felice settimana....ah dimenticavo di dirti che solo tu potevi trovare un Bonci ad Istanbul :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah, "un Bonci a Istanbul" non è male! :)))

      Come ho scritto anche nella risposta a Silvia, anche a me questa parte è quella che più mi è piaciuta :)))

      La foto che più ti ha stupita....? mmmmm, non saprei, ne ho fatte talmente tante....forse le teste mozze? :)))

      Adesso ci devi dire il posto in Umbria... ;)

      Elimina
  6. :D:D La foto che piu' mi ha stupita la donna sospesa nel vuoto che pulisce i vetri....anche io quando pulisco sono pazza ;)
    Il posto in Umbria ? Certo che te lo dico e se non ci sei.stato provvedi subito ma sappi che una giornata non basta,trattasi di Spoleto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...è tanto che non vado a Spoleto! Quasi una vita! :)))

      Elimina
    2. Anche per me era lo stesso e tornarci dopo 20 anni me l'ha fatta scoprire con occhi diversi.....organizzati e dammi retta vai ;)
      Buone vacanze :)))

      Elimina
  7. Sono entrata nel blog in cerca di una ricetta per dei biscotti e me ne sono dimenticata, affascinata dal viaggio che mi hai fatto compiere guardando le foto bellissime.Ciao mariafatima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ma poi la ricetta di biscotti l'hai trovata? :))))

      Elimina
    2. Cercavo i biscotti / pasticcini ovis mollis Non ho trovato una ricetta con questa dicitura, forse però l'impasto deve essere uguale a quello della margherite di Stresa E' così? Ciao mariafatima

      Elimina
  8. Sei stato fantastico, Piero!
    Grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buona, Franci. :)))
      Adesso però mi riposo, almeno dal blog. ;)

      Elimina
    2. Eh no! Adesso 4 post di ricette turche! :D

      Elimina
    3. ahahahahah, kettepossino! :)))))

      Elimina
  9. Mille grazie per avere condiviso con noi questo bellissimo viaggio e per tutto il tempo che ci hai dedicato. Buone vacanze, meritatissime!!!

    RispondiElimina
  10. Grazie a te per aver avuto la pazienza di leggere tutti i post!
    Buona vacanze anche a te! :))))

    RispondiElimina
  11. Bellissima esperienza di virtual tour! Buone vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      Buone Vacanze anche a te! :)))

      Elimina
  12. finalmente sono riuscita a godermi il racconto intero...
    avveo giornate al lavoro talmente piene che non riuscivo a mettermi tranquilla a leggere nemmeno in pausa pranzo.
    ma oggi, sì: a casa con febbre alta!!!

    mi piace questo scorcio di Istanbul non turistica, bella e viva, e soprattutto il fatto che non l'hai trovata pericolosa e da evitare.
    davvero interessanti questi tuoi post.
    molto belle le foto.
    grazie!!! ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Ele.
      Son contento tu abbia trovato il tempo per leggere le mie varie peripezie, ma mi spiace per il febbrone...

      Guarisci presto!!!

      Elimina
  13. Sono entrata per la ricetta dei cornetti integrali al miele E sono rimasta affascinata dal tuo racconto e dalle splendide foto. E guardando quei bambini con le gambe penzoloni dalle grate, mi sono ricordata che anche nei nostri paesini era facile una volta vederli. Grazie per aver condiviso tutto ciò con noi.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per essere passata! :)))

      Elimina
  14. Sembra assurdo che esista ancora gente che non sa scrivere in una citta' dell'Europa e invece ... Il film Il segno di Venere non lo conosco, di che anni stiamo parlando?
    I bambini meravigliosi!! In qualsiasi parte del mondo! Illuminano con il loro sguardo o con il loro sorriso.
    A Santa Prassede ci andremo sicuramente insieme, non so quando ma ci conto!
    Anche qui non sanno nemmeno cosa sia la 626!!
    Mi piace molto la storia dei cimiteri, l'usanza di seppellire i morti direttamente nella terra e il fatto di piantarci sopra qualcosa, molto nelle mie corde direi. Mi piace molto anche il verde. Non lo sapevo ma io ho un idea della morte molto particolare e quindi apprezzo tutto questo.
    Davvero molto moderna la Moschea Sakirin! Bella
    Anche io avrei assaggiato molto volentieri quello che ti sei scofanato tu, sopratutto i dolci, io sono molto golosa.
    Ti ringrazio infinitamente per questa condivisione e per le moltissime informazioni che ci hai fornito. Le foto meravigliose che hai messo mi hanno fatto viaggiare con la fantasia.
    Buon riposo e buone vacanze romane a te. A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film è del 1955, ma ogni tanto lo ripropongono in tv.
      Quei bambini sono un incanto; normalmente sono un po' restio a fotografarli (non si sa mai a cosa si va incontro), ma questi erano troppo belli e per me fotografare le persone è come fare loro un regalo.

      Quanto agli scofanamenti....lì non avevo scelta: o assaggiavo tutto o non uscivo appagato! :))))

      Terry, grazie a te per aver letto tutti i miei post con attenzione. Ho apprezzato molto e son contento che il mio sforzo per scriverli sia andato a buon fine.

      Ti aspetto per portarti in giro per Roma (e non solo a Santa Prassede!)

      Buon Tutto! :)))))

      p.s. non ci illudiamo, neanche da noi conoscono tutti la 626.... ;)

      Elimina
  15. E finalmente anche qui da te!

    Sapevo che questo post mi avrebbe affascinata più dei precedenti...
    Emblematica la prima foto, con le parabole appese ai muri insieme ai panni stesi come si stendevano una volta...
    Commoventi quelle dei bimbi con le gambe ciondoloni...
    Affascinanti quelle degli istanti della vita di tutti i giorni...

    E poi la storia di Mustafa...
    e il cibo di strada...

    Insomma caro Piero!
    In questo viaggio hai portato tutti i tuoi lettori con te ed io non finirò mai di dirti GRAZIE!

    Riposati eh?? :))
    BAsCI :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccola la mia Emmettì! :))))

      Grazie anche a te per aver letto tutto con attenzione, ma non avevo dubbi. ;)

      p.s. quanto alle parabole, anche qui da noi a Roma troviamo situazioni simili....basta alzare lo sguardo percorrendo alcune strade, neanche poi tanto periferiche....;)

      BAsCI BAsCI BAsCI
      :* :* :*

      Elimina
  16. un po' di sana e robusta inviadia me la posso permettere?
    Istambul sarà la mia prossima meta.... spero!
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E certo che te la puoi permettere!!! :))))
      Ti auguro di andarci il prima possibile e di godertela al meglio.
      Poi, adesso, sai anche dove attingere informazioni! ;)

      Elimina
  17. E allora il Belgio e lOlanda? Vedi, mai abituare troppo bene la gente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheh, tra poco leggerete! ;)
      A presto! :)))

      Elimina
  18. Ammetto di esserci tornata più volte su questo post, perché non avevo mai il tempo di fermarmi e leggermelo con calma. E' il più bello! Lo aspettavo e me lo sono goduto. E pazienza se non ci sono ricette, ci sono i piatti da cercare in rete :)
    Davvero una bella guida, grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Giorgia. Mi fa veramente piacere che hai apprezzato. :)))

      Elimina
  19. dirò una frase un po forte i tuoi post su istanbul me li sono proprio goduti in pieno, belli originali pieni di descrizioni, ricchi di particolari, dei gran bei reportage

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te, Gunther.
      Effettivamente ho dedicato molto tempo a questi post, così come al viaggio e alla sua preparazione, e sono felice che tutti voi abbiate apprezzato. :)))

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails